Il governo ombra Colao-Cartabia, i due tecnici prima quotati per la premiership


Tra le new entry del governo Draghi – l’europeista che potrebbe avere un ruolo di garante e supervisore più che rendersi protagonista di un governo del presidente – spiccano…



Tra le new entry del governo Draghi – l’europeista che potrebbe avere un ruolo di garante e supervisore più che rendersi protagonista di un governo del presidente – spiccano Marta Cartabia e Vittorio Colao. Alla prima (giurista provax apertamente schierata a favore della controversa obbligatorietà vaccinale) è andata la delega alla Giustizia, al secondo – alfiere del 5G – quella all’Innovazione.


Ex manager di Vodafone, Colao vanta incarichi nell’ambito di Verizon Communication Inc., (l’azienda che fornì dati personali degli utenti alla NSA per lo spionaggio di massa raccontato da Snowden) Unilever e General Atlantic, la società di private equity che ha investito assieme alla fondazione Bill and Melinda Gates in Immunocore. A giugno dello scorso anno ha suggellato un piano con molti punti discutibili, come il silenzio assenso su questioni che riguardano la salute, l’autocertificazione perenne e l’annullamento della libertà di scelta dei Comuni per quanto riguarda il 5G.


Marta Cartabia (figura considerata molto più autorevole di un Alfonso Bonafede e prima quotata per la premiership assieme al collega ministro) nei fatti sarà chiamata a gettare le basi “legali” e “costituzionali” per imporre l’obbligatorietà vaccinale che – ha dichiarato lei stessa di recente – “è legittima se in corso c’è una pandemia”.


Da vicini al nuovo esecutivo, si apprende infatti che il denaro proveniente dal Recovery Fund sarebbe stato “barattato” con ben tre riforme che riguardano la Giustizia: una avrebbe a che fare proprio le modifiche necessarie per introdurre un discutibile sistema fatto di obblighi e azioni sanitarie coatte, già ampiamente scoraggiate e viste di cattivo occhio da diversi giuristi. Già da tempo, si discute della riforma della legge che regola i Trattamenti sanitari obbligatori e dell’articolo 32 della Costituzione, ma interventi da effettuare in questo momento altro non sarebbero che cavalli di Troia con cui verrebbe introdotta l’assenza di tutele per la cittadinanza.



L’instaurazione del governo Draghi ha inoltre permesso lo scioglimento del nodo Colao. Nel momento in cui si è iniziato a vociferare di un possibile incarico da premier al super-manager di origini calabresi, sono iniziate le prevedibili tensioni con Giuseppe Conte, che non ha mai voluto rendere esecutivo un Piano che pure aveva dato mandato di realizzare. Colao è, tuttavia, personaggio indicato da determinati contesti para-massonici, gli stessi che hanno stabilito l’uscita (forse momentanea) di scena di Conte per l’instaurazione di un governo in cui molto peso avranno i ministeri della Giustizia e dell’Innovazione, chiamati come accennato a portare avanti i programmi relativi al 5G e a creare le basi “legali” per far digerire l’obbligatorietà vaccinale.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.