Seguici

ARTE & CULTURA

Caccia ai talenti. Attesa per il verdetto del “Je so pazzo” Music Festival

Comunicato stampa

© Rec News -

del

Radio Roma, la prima radio televisione di Roma e del Lazio, sempre presente nei grandi show edeventi musicali dell’estate. Il prossimo sabato 9 settembre alle ore 20 su “Radio Roma Television” (LCN 14 DTT) e in contemporanea sul canale nazionale “Radio Roma Network” (LCN 222 DTT) sarà trasmessa la Finalissima dell’ultima edizione di JE SO PAZZO Music Festival, organizzata dallo staff di Dreaming the Future Srl e svoltasi domenica 23 luglio a Grottaferrata con il patrocinio del Comune: una programmazione intensa di esibizioni e spettacoli che si sono alternati nel corso della settimana dal 17 al 23 luglio, lungo 7 giorni di divertimento, passione e talento che hanno tenuto catalizzato un caloroso pubblico di oltre 4mila persone, in trepidante attesa del verdetto finale.

Giunta alla sua ottava edizione, la Manifestazione si pregia della Direzione Artistica del Maestro Adriano Pennino, noto produttore e direttore d’orchestra che vanta numerose presenze sul palco del Festival di Sanremo. A decretare i vincitori una giuria di altissima qualità formata, oltre al Maestro Pennino, dal carismatico rapper Clementino che ha coinvolto i presenti scendendo tra la folla, dal cantautore Nello Daniele (fratello dell’amatissimo Pino), dal Producer multiplatino Fausto Cogliati e dalla soprano Sabrina Messina.

Tanti gli artisti presenti sul palco, oltre alla pregevole giuria: i cantautori NakayLorenz SimonettiNamidaAsia del PreteFrancesca RussoBenedetta Catenacci, e il Duo Polo/Perrone.  Ad aprire la serata, la coreografia di ballo realizzata dalle danzatrici dell’Ateneo Arte e Danza di Grottaferrata di Francesca Raponi.

JE SO PAZZO Music Festival si conferma dunque come una grande occasione di divertimento per grandi e piccini, ed inoltre per tutti i telespettatori di Radio Roma, Radio ufficiale Media Partner dell’evento, grazie al contributo irrinunciabile di tutta la squadra tecnica e alla preziosa partecipazione della speaker in prima linea Eleonora Pezzella.

Nel corso della Finalissima si sono esibiti i vincitori delle varie categorie e dei premi speciali, che si sono contesi il titolo del vincitore assoluto. E poi, molti altri riconoscimenti, tra cui: il Premio Social, il Premio Internazionale, il Premio Presenza Scenica, il Premio Main Sponsor, il Premio Miglior Testo Inedito, il Premio della Critica, il Premio Interpretazione e il Premio Je So Pazzo. Un’ulteriore giuria di professionisti del settore musicale, composta da Rosa BulfaroBenedetto d’AguannoMariangela RizzaJohanna PezoneMariaTotaro e Cristian Gallana, ha decretato il Premio Onda di JE SO PAZZO Music Festival, mentre sabato 22 luglio è stata la volta delle Finali Nazionali del Premio Musicale Milleculture, dedicato proprio a Pino Daniele e che ha visto la commissione artistica impegnata in una selezione difficilissima, data l’eccezionale qualità delle proposte in sfida.

Ma per rivivere sul piccolo schermo le emozioni della finale e ripercorrere le imperdibili performance dei protagonisti, non mancate all’appuntamento su Radio Roma: un’esperienza e un’opportunità unica per entrare nel vivo dell’atmosfera di una serata magica fatta di voci e di note, di spettacolo, sogni e talenti, grazie ai tanti speciali interpreti – ospiti big e cantanti emergenti – che hanno trasformato il palco in una cornice di puro intrattenimento e passione musicale.

Radio Roma è la prima radio tv di Roma e del Lazio: la serata finale sarà trasmessa sabato 9 settembre alle 20 sul canale 14 di Radio Roma Television e in tutta Italia su Radio Roma Network, canale 222 del Digitale Terrestre. Dopo la messa in onda, la versione integrale dello spettacolo sarà inoltre disponibile su www.radioroma.it.

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

ARTE & CULTURA

Pronostico azzeccato. Sarafine vince X Factor

© Rec News -

del

Pronostico azzeccato. Sarafine vince X Factor | Rec News

In linea con i più rosei pronostici, Sarafine ha vinto la diciassettesima edizione di X Factor. Per una volta, a spuntarla sono stati talento, originalità e bravura. Tre le manche che hanno visto le esibizioni della produttrice calabrese e degli altri finalisti: la prima ha riguardato il madley con i brani più apprezzati dei concorrenti rimasti in gara, la seconda il duetto con artisti nazionali e internazionali e la terza gli inediti.

Decisivo il giudizio del pubblico – che ha fatto piombare all’ultimo posto l’esibizione mascherata di Maria Tomba e i suoi eccessi ripetitivi – e che ha garantito il terzo posto a Fabrizio Longobardi, in arte Il Solito Dandy. Secondo posto per gli Stunt Pilots, la cui Imma Stunts – tuttavia – non ha convinto come Malati di Gioia, il singolo di Sarafine che è stato definito un inno generazionale. Non lo vive, tuttavia, così l’autrice, che ha rimarcato come la genesi del suo inedito coincida con il suo vissuto recente.

Il testo di Malati di Gioia (leggi dopo la foto)

An apple a day keeps the doctor away
What if Today I want the doctor to stay

Malati di gioia, Benvenuti!
Questo è il vostro show.
E come Pinocchio nel paese del Balocchio
Voglio vedervi volare con la fantasia
O citando il poeta Franchino
Voglio vedere…
La magia

Ho completato gli studi non brillantemente in economia aziendale
Ho accumulato una carriera di sette anni in fiscalità internazionale
Parlo inglese fluentemente per quelli che lo parlano male
Ma signori e signore, se c’è una cosa che so veramente fare è ballare

Faccio parte di quella generazione di Italiani che
dimmi tre pregi e tre difetti che non sono veramente difetti
Che anche se sei introverso
Leadership
Soft skills
Team Building
Time management
Awanagana

Che chi sei tu cosa vuoi è superfluo perché
È cosi che va il mondo
È cosi che va il mondo

Signore e signori con tutto il dovuto rispetto per dove va il mondo
Io oggi resto

Continua a leggere

ARTE & CULTURA

Leonardo, il primo uomo moderno

di Paolo Battaglia La Terra Borgese*

© Rec News -

del

Il giallo sul corpo e sulle opere di Da Vinci. Così divenne (a torto) "francese" | Rec News dir. Zaira Bartucca

«La vita bene spesa lunga è» (Codice Trivulziano). Chi scrisse queste parole, visse proprio secondo il suo criterio, per secoli, e non una vita sola, ma dieci, e continuerà a vivere ancora. Perché Leonardo da Vinci non fu soltanto uno dei grandi maestri del periodo aureo della pittura, ma un multiforme genio della scienza. Era uomo moderno, nato in quel mattino che nei nostri tempi chiamiamo Rinascimento; previde o inventò molto di ciò che, da allora, la scienza ha impiegato cinque interi secoli a scoprire.

PANORAMICA

Le più grandi scoperte di Leonardo rimasero ignorate nei suoi quaderni d’appunti: questi sono stati riordinati e pubblicati soltanto di recente, perché dopo la sua morte andarono sparpagliati di qua e di là (forse una metà si è perduta per sempre) e furono apprezzati dai collezionisti più come autografi che per il valore del loro contenuto. Autografi davvero insoliti, perché Leonardo era mancino e per di più aveva la strana abitudine di scrivere da destra a sinistra. Per leggere i suoi scritti, bisogna guardarli allo specchio. Fatto simbolico, divenne più tardi ambidestro.

LA MALINCONICA INFANZIA E IL RAPPORTO CON LA NATURA

Il piccolo Leonardo, crescendo nei poderi del padre vicino a Firenze, contemplò quelle meravigliose campagne finché la poesia delle pinete, dei ruscelli serpeggianti, dei dirupi, dei fiori silvestri gli penetrò nell’anima, per rivivere più tardi in quei mirabili paesaggi che fanno da sfondo ai suoi quadri. Amava la musica e suonava d’incanto, i versi gli sgorgavano facili dalle labbra. Ogni forma di vita gli era maestra.

APPRENDIMENTO E VIVACITÀ, LA CURIOSITÀ E LA SOCIALITÀ DI LEONARDO

Appena Piero da Vinci scoprì i primi disegni del ragazzino, lo mise a lavorare nella bottega fiorentina del Verrocchio. Verrocchio coltivava tutte le arti nelle quali Leonardo doveva ancora eccellere: pittura, scultura, architettura, musica, geometria e storia naturale. Frequentavano la bottega del Verrocchio altri giovani artisti, tra i quali Botticelli, che divennero i migliori amici di Leonardo. Discutevano di tutto, macchinavano beffe atroci, facevano la lotta, domavano cavalli; divertimento, quest’ultimo, prediletto da Leonardo. Si dice che fosse cosi forte da piegare un ferro di cavallo con una mano.

L’apprendista Leonardo si aggirava spesso per i cortili e per le chiese fiorentine a studiarvi i loro tesori artistici, oppure passeggiare con i matematici, con gli astronomi, con i geografi maggiori di quei tempi, assimilando tutta la loro scienza. Gli piaceva anche parlare, e sulla piazza del mercato si metteva bravamente ad arringare la folla, divisa fra la reverenza e l’ilarità, sognando ad occhi aperti e vantandosi di poter scavare gallerie sotto le montagne e trasportare gli edifici come stavano da un punto all’altro della città.

L’ARTE IN UNO CON LA SCIENZA, LA RICERCA, LA VITA E CON DIO

Leonardo studiò matematica e fisica, botanica e anatomia non come un soprappiù, ma come parte integrante della sua arte. Per lui non esistevano differenze essenziali fra arte e scienza: erano due modi di descrivere un unico universo divino. Quando si metteva a dipingere, Leonardo stendeva sulla realtà fredda e cruda lo splendido manto della bellezza. Nascondeva con la destrezza di un illusionista la sua sapienza, la sua tecnica senza pari, e dipingeva come un innamorato della vita. Per vedere quanto la amasse basta sfogliare gli albi dei suoi disegni, che sono centinaia.

Ecco apparirci su un foglio i volti contratti dei soldati in atto di uccidere o di morire, e su un altro una giovane donna che s’inginocchia a pregare. Qua ha colto la tensione nervosa nei tendini del collo di un vecchio mendicante, là la contentezza di un bimbo che gioca. Si dice che seguisse per giornate le persone di aspetto bello oppure grottesco, per studiarle.

A nessuna scienza Leonardo dedicò tanto tempo quanto all’anatomia. Dimostrò che i muscoli sono le leve che sappiamo, e rivelò che l’occhio è null’altro che una lente. Provò come il cuore sia una pompa idraulica e dimostrò che il polso è sincronizzato con i battiti del cuore. Le molte osservazioni fatte negli ospedali lo condussero a scoprire che l’indurimento delle arterie è causa di morte nell’età senile.

LEONARDO INGEGNERE BELLICO

Eppure fu come suonatore di liuto che Leonardo, sui 30 anni, venne raccomandato da Lorenzo il Magnifico a Ludovico il Moro. Quest’ultimo era il perfido, furbo, brutale tiranno di Milano. Leggendo la lettera che Leonardo gli scrisse per offrirgli i suoi servizi, si fregò le mani: quell’uomo poteva essergli utile, perché si dichiarava inventore di un ponte mobile leggero, utilissimo all’inseguimento del nemico; diceva di aver progettato delle pompe per prosciugare il fossato di castelli cinti d’assedio; era esperto nella colata di enormi cannoni e aveva dei progetti per la costruzione di un carro armato semovente che aprisse la strada alle fanterie.

LEONARDO INGEGNERE CIVILE E PITTORE DELLA NATURA

Quando Leonardo giunse dalla soleggiata Firenze alla grigia Milano, pensò all’installazione delle tubazioni per il bagno della duchessa e al ritratto della superba e fredda amante del Moro. Costruì pure una complessa rete di canali per la città e fece progetti, mai adottati, di strade a due livelli, capaci di smistare diversi generi di traffico. Quale esperto di fortificazioni militari, fu mandato sulle Alpi a munire le vallate contro le invasioni provenienti dal nord. E là, nella bella Engadina, vide il rorido getto delle cascate balzanti giù dai dirupi, seguì la traccia delle stratificazioni geologiche, colse commosso fiori e felci con quelle dita che dovevano poi farli rivivere in eterno sulla tela.

Da quelle sensazioni e dai ricordi d’infanzia nacque la Vergine delle Rocce, quadro in cui il paesaggio e la flora danno risalto, con la loro dolcezza silvestre, alla divinità della Madre, all’Angelo e al Bambino che piega la manina a benedire il suo compagno di giochi, San Giovanni.

Questo quadro fu ordinato da una confraternita religiosa di Milano per la misera somma di 20 ducati, ma Leonardo ritenne che l’opera compiuta ne valesse 100. I monaci si appellarono al contratto, ma Leonardo non consegnò il quadro. Quelli allora gli intentarono causa, e per 20 anni Leonardo lottò contro di loro in tutti i tribunali. Infine il re di Francia acquistò il quadro e lo mise nel suo palazzo del Louvre, a Parigi. Leonardo, tanto per rabbonire i monaci, aiutato dagli allievi, fece una copia del quadro, quella che è ora alla National Gallery di Londra.

I RESTAURI DEL CENACOLO

Il Cenacolo, che fu un tempo una delle opere più belle del mondo, fu dipinto da Leonardo su una parete del refettorio dei frati di Santa Maria delle Grazie a Milano, su un intonaco poco adatto al colore. Dopo soli 20 anni, l’umidità, diffondendosi per la parete, era causa di ammuffimenti e di incrostazioni che sfigurarono il dipinto. Più tardi fu perfino aperta una porta in quella parete; e quando la soldataglia napoleonica giunse a Milano, sparò contro il quadro. In seguito, generazioni di sedicenti restauratori deturparono l’opera. L’ultimo restauro – dopo di quello importante terminato nel 1954 da Mauro Pelliccioli, all’epoca il più grande restauratore italiano di opere d’arte, che lo riportò il più vicino possibile all’originale – durò 21 anni, fino al 1998, ad opera dalla celebre restauratrice specializzata in affreschi rinascimentali Pinin (Giuseppina) Brambilla Barcilon (1925-2020).

Ma se non fosse per i molti studi preparatori di Leonardo e per le copie fatte da altri artisti quando il dipinto era intatto, sapremmo ancora ben poco della passione con cui il Cenacolo fu concepito e della purezza con cui fu eseguito.

PERDITA, PITTURA, TECNICA, SCIENZA E PERSEVERANZA

La perdita di un’opera di Leonardo, e ne sono andate perdute molte, è gravissima, perché pochi dei suoi quadri sono compiuti, sebbene gli schizzi e gli studi si contino a migliaia. Quando Leonardo si decideva a prendere in mano il pennello era capace di lavorare per giorni e giorni, mangiando appena. Oppure se ne stava seduto per tutta una giornata davanti al quadro, dando sì e no tre pennellate. La mattina dopo era capacissimo di cancellare tutto e ricominciare da capo. Probabile che mai abbia considerato uno dei suoi quadri finito alla perfezione; e forse è per questo che non ha firmato quasi nulla.

UNA VITA SPESA A MEDITARE E PRECORRERE, L’INGEGNO

Leonardo, prima dei suoi tentativi di conquista dell’aria, studiò perché gli uccelli spicchino il volo contro vento e comprese perché l’ala profilata li aiuti a impennarsi in volo. Facendo esperimenti con dei modelli di carta, previde gli avvitamenti e le cadute a foglia morta, i tuffi in picchiata e le scivolate d’ala, e dette istruzioni particolareggiate per uscirne.

I più antichi disegni di Leonardo per una macchina volante fanno pensare a una libellula, oppure a un pipistrello. Capiva che le ali battessero, e a questo scopo progettò una carlinga articolata di pezzi di cuoio cuciti insieme. Non potendo disporre di altra forza motrice che di quella dell’uomo trasportato nella macchina, immaginò che il suo aviatore, steso bocconi nel telaio, remasse nell’aria con le ali.

In seguito e per primo, Leonardo ebbe l’idea di un’elica per la locomozione. Nel suo modello, l’elica gira in senso orizzontale, con la carlinga appesa sotto, come un elicottero. In un primo tempo pensò che l’aviatore dovesse premere su due pedali per mettere in moto le pale dell’elica. Ma nel suo modello di cartone ricorse invece, come forza motrice, a una molla fortemente carica. Secondo i suoi progetti, la macchina si sarebbe dovuta sollevare verticalmente. La teoria era giusta, ma, mancandogli un apparato motore leggero, non poté mai realizzarla.

E tuttavia sembra che riuscisse a compiere un tentativo di volo, su quello che doveva essere una specie di apparecchio per il volo a vela. Con molte precauzioni e in gran segretezza, quest’apparecchio fu costruito su un edificio alto e, secondo la notizia tramandata attraverso i secoli, venne infine lanciato, forse con Leonardo stesso a bordo! Ma quel volo fu un fiasco e, a quanto pare, Leonardo non rifece più il tentativo.

LA MENTE PROLIFICA

Leonardo progettò case portatili prefabbricate, macchine laminatrici, una macchina per fare le viti, un trattore a cingoli, una filatrice e una scavatrice. Fu il primo che montò un ago magnetico su un asse orizzontale, dandoci cosi la bussola che conosciamo oggi. Fu l’inventore di quello che oggi chiamiamo ingranaggio differenziale, e dell’anemometro (misuratore della velocità del vento).

Ideò uno scafandro e una cintura di salvataggio. Progettò grandi sottomarini, ma ne distrusse i disegni. Perché, disse, c’è troppa malvagità nel cuore degli uomini, e ad affidare loro simili segreti si rischia di far loro praticare l’assassinio anche in fondo al mare.

L’ARCHEOLOGO ASTRONOMO

Leonardo fu il primo scienziato a capire che i fossili sono le impronte di animali antichissimi, esistiti quando le rocce in cui si ritrovano erano soltanto sedimenti del fondo marino. Perché la Terra, disse, non contava solo 5000 anni di vita. I suoi studi geologici di precursore lo persuasero che l’Arno doveva aver impiegato 200.000 anni per formare le sue pianure alluvionali.

Un secolo prima dei telescopi e di Galileo, Leonardo aveva intuito che la Terra non è il centro dell’universo, ma si muove attorno al Sole descrivendo un’orbita ellittica; che la Terra è soltanto un pianeta e non appare più grande, entro il sistema solare, della Luna in confronto alla Terra stessa; che le stelle sono mondi remoti, immensamente più grandi di quel che sembrano e che anche il Sole è soltanto uno di essi.

L’UOMO, L’INDIVIDUO, LA PERSONA

Nessuna meraviglia che occhi capaci di veder tante cose avessero lo sguardo stanco. A giudicare dall’autoritratto eseguito intorno al 1510, Leonardo a 58 anni era un vecchio, dall’aspetto venerando e profondo, ma un poco deluso. Sembra che le molte vite che aveva cercato di vivere in una sola ne avessero consunto la fibra.

Inoltre era dovuto fuggire da Milano quando la città era stata occupata dai francesi e gli Sforza ne erano stati cacciati. Si rifugiò a Mantova, si spinse fino a Venezia, visse un periodo infelice a Roma, tornò a Firenze e, quando non ci fu più pericolo, di nuovo a Milano. Negli ultimi anni trascorsi in questa città, il Moro non gli aveva pagato lo stipendio, cosi dovette accettare lavori occasionali di ingegneria e commissioni saltuarie come artista libero.

Una di queste fu il ritratto di Lisa Gherardini, moglie di Messer Giocondo di Firenze, per cui il quadro, che è il suo ultimo capolavoro, ci è noto come Monna Lisa o La Gioconda. Sebbene fosse una gentildonna ricca e alla moda, Monna Lisa veste severamente di nero, senza neppure un anello, in segno di lutto per la morte recente del suo bambino. Aveva 21 anni quando cominciò a posare per quel ritratto, ma quando Leonardo cessò di lavorarci erano trascorsi sei anni. Incarnazione di uno dei sogni di Leonardo più che ritratto di donna vera e propria, Monna Lisa sorride enigmatica ad una misteriosa visione, che sembra appaia dietro chi guarda.

Misterioso è pure il fatto che il ritratto non sia mai stato consegnato. Leonardo lo portò con sé come la cosa più preziosa che avesse quando accettò l’invito del re Francesco I di andare a stabilirsi in Francia. Alla fine il re acquistò il quadro per 12.000 franchi, e lo fece collocare al Louvre.

Leonardo godette fra i contemporanei di una fama più vasta e insieme meno alta di quella che oggi lo circonda. Il profondo rispetto che noi nutriamo per la sua scienza non ebbe riscontro ai suoi tempi. Come artista, naturalmente, ebbe una fama superba, sebbene non senza rivali; dopotutto, viveva ai tempi di Botticelli, di Raffaello, di Michelangelo. Ma il popolo artista della Firenze quattrocentesca gli faceva codazzo per le vie, e quando veniva esposto uno dei suoi bozzetti, la gente si accalcava ad ammirarlo, come gli odierni maniaci del cinema quando c’è da vedere una star in persona. Signorie e personaggi ricchissimi se lo disputavano; i re gli chiedevano soltanto di onorare le loro corti; perché la persona di Leonardo era diventata oggetto di un vero culto.

Eppure, in cuor suo, Leonardo, di cui mi sento amico, fu un solitario. Forse non incontrò mai un’altra creatura capace di comprenderlo. Sorridente, la sua figura sembra ancora precederci, nei secoli, mentre ci affanniamo per raggiungere la lunga ombra che lui proietta dietro di sé. Gli ultimi anni di Leonardo trascorsero negli agi, ad Amboise, nella Francia centrale. I visitatori fingevano di non accorgersi che aveva le mani paralizzate; trovavano il suo spirito più vivo che mai, assorto nel nuovo piano di un canale dalle chiuse poderose, con una miriade d’idee già appuntate nei suoi quaderni. Mai la sua conversazione era stata più versatile, il suo aspetto più regale, il suo sorriso più pieno di comprensione. Forse perfino la morte sorrideva così, con quell’aureola di mistero e di saggezza che egli solo fra tutti seppe cogliere, quando venne a chiamarlo il 2 maggio 1519.

Continua a leggere

ARTE & CULTURA

Al via il laboratorio cinematografico per imparare come si crea un film

© Rec News -

del

Al via il laboratorio cinematografico per imparare come si crea un film | Rec News dir. Zaira Bartucca

NaNoFilm+ dà il via a “Fare un film”, un nuovo corso di cinema rivolto ai giovani che vogliono cimentarsi nella settima arte. Attraverso lezioni frontali e incontri laboratoriali, i ragazzi potranno apprendere le nozioni necessarie per sviluppare un progetto audiovisivo e, allo stesso tempo, avranno l’opportunità di metterle in pratica grazie allo sviluppo di un cortometraggio che li vedrà parte attiva del processo creativo e tecnico: dall’idea alla sceneggiatura, dalla ripresa al montaggio.

In sintesi, i giovani talenti scriveranno e gireranno un film breve che verrà poi proiettato alla fine del corso. Seguiti da tutor con esperienza nel settore, passeranno poi in rassegna tutti gli step che rendono possibile un film, sperimentando tutte le professioni che gravitano attorno a una produzione cinematografica. Un progetto ambizioso che si figura come uno dei tanti obiettivi di NaNoFilm+, un nuovo marchio di NaNo Film che promette di veicolare, attraverso tanti media diversi, storie che si affacciano sul nuovo panorama cinematografico.

Al via il laboratorio cinematografico per imparare come si crea un film

L’open day si terrà il 7 dicembre dalle 16 alle 21 al Teatro Alfieri (via Tagliamento, 8 – Marano di Napoli). L’ingresso sarà gratuito e verrà disposto un info-point dove si potranno chiedere informazioni più dettagliate. Nella sala teatrale si potrà inoltre assistere a una lezione di cinema e apprendere gli argomenti che saranno parte integrante del corso.

Continua a leggere

ARTE & CULTURA

Consegnati gli Excellence Luxury Award

© Rec News -

del

Consegnati gli Excellence Luxury Award

Nella cornice dell’Hotel Regina Baglioni di Via Veneto a Roma, è stata celebrata la XXVI Edizione dell’Excellence Magazine Luxury Award. Il format è stato creato da Anita Lo Mastro, senior advisor per lo sviluppo e la promozione delle eccellenze Italiane per la rivista Excellence Magazine Luxury, “con l’obiettivo di mantenere il fil rouge del rapporto con le proprie origini”. Il premio nasce nel 2014 con la creazione del “Gala Excellence”, per celebrare la divulgazione della rivista cartacea e per premiare gli uomini o le donne, “che si sono distinti con il loro operato in ogni settore”.

Al Baglioni di Roma sono stati consegnati i premi creati appositamente da Marco Nereo Rotelli, artista, scultore, pittore, autore di installazioni scenografiche. In questa XXVI edizione i premiati sono stati il vicepresidente della Camera dei Deputati Giorgio Mulè, per “la sua intensa carriera come giornalista e per il suo attuale percorso virtuoso in politica”. Ma anche l’artista Pedro Sandoval, partner in Italia di GMA di Gregorio Maiorano, che ha esposto nell’occasione alcune delle sue più suggestive opere, premiato “per la sua carriera che ha apportato originalità al mondo dell’arte“.

Premio speciale insignito dalla Camera dei Deputati, tramite il Gala Excellence, alla dottoressa Simona Paravani Mellinghoff, in qualità di “Eccellenza Italiana all’ estero”.

“Lavoriamo a questo progetto da 12 anni, con quattro edizioni all’anno, numeri dedicati alla valorizzazione delle eccellenze – spiega Anita Lo Mastro, referente in Italia dall’inizio del progetto – creando oltre alla rivista cartacea, prodotta bilingue in italiano e inglese e distribuita in Italia, Nord Europa, Nord America e Medio Oriente, una piattaforma online in continua crescita. Il magazine ha una peculiarità. Non è acquistabile, si può ricevere solo facendo parte del circuito Excellence o reperire nelle salette lounge e vip degli aeroporti, negli hotel e resort cinque stelle, nei circoli esclusivi di golf, polo, scacchi, canottieri, in banche d’affari, studi professionali, nelle sedi consolari delle ambasciate. Al magazine è seguita la creazione di una piattaforma on line pensata appositamente per il networking, informazione, interviste ai personaggi più trasversali nel settore della moda, economia e finanza, politica, imprenditoria, diplomatico, scientifico, artistico, filantropico, sportivo”. Il gala si è concluso con il taglio della torta Excellence e il brindisi con le bollicine Italiane delle Cantine Girardi.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione