Napoli s’è desta


La Campania alza la testa contro le misure impopolari decise dal presidente della Regione De Luca. Proprio mentre era prevista la serrata, migliaia di persone sono scese in piazza



Immagine Il Mattino

Napoli alza la testa e scende in piazza contro le misure impopolari decise dal presidente della Regione Vincenzo De Luca, che ha disposto il cosiddetto coprifuoco a partire dalle 23 del 23 ottobre. Ma proprio mentre era prevista la serrata, migliaia di persone si sono riversate in strada da tutti i quartieri, dai più popolosi alle periferie, fino a raggiungere il lungomare e fino alla “presa” della Regione, in via Santa Lucia, dove c’è stata una protesta piuttosto accesa.



Tanti i giovani, poche le richieste, che in tempi normali sarebbero state superflue. Si sentono prevalentemente due cose, si intonano prevalentemente due cori: “lavoro” e “libertà”. Non mancano le invettive contro De Luca: una marea umana le ripete come se fossero una giaculatoria, in piedi, camminando, a bordo dei motorini.



Si registrano anche momenti di tensione, con lancio di fumogeni e bombe carta, ma è solo lo specchio della situazione economicamente drammatica che sta inghiottendo la Campania, il Sud, la stessa Italia. Una situazione che i napoletani non sono disposti a subire in silenzio.



Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.