Seguici

© Rec News -

del

Scoprire le origini del marmo, i suoi disegni formatisi strato dopo strato nel corso di secoli di sedimentazione, visitare i laboratori dei più abili marmisti, osservare come lavorano, come lucidano questo nobile materiale, come ne seguono le vene, immedesimarsi in uno scultore e seguire uno speciale workshop per carpire i segreti di un’arte difficile e affascinante. Tutto questo è stato immaginato e reso possibile dai “disegnatori di viaggi” di Elesta Travelling Passion, che hanno messo a punto un itinerario attraverso i luoghi del marmo, fino al cuore delle maestose cave di Carrara.

Vi faremo scoprire l’incredibile forza della natura e i suoi meravigliosi segreti, nascosti nelle profondità della Terra”, spiega Elena Sisti, responsabile di Elesta. “Insieme approfondiremo come l’essere umano ha perfezionato nei secoli l’arte di modellare la pietra, creando strumenti e tecniche per creare preziosi oggetti e raffinatissimi manufatti.

Si parte da Sarzana, un tempo snodo importante tra Liguria e Toscana, per giungere a Carrara, capitale mondiale del marmo. Circondata dalle Alpi Apuane, la cittadina si trova al centro di un territorio a cui la natura ha regalato una roccia forte e luminosa, dalle caratteristiche uniche e apprezzate in tutto il mondo: il famoso marmo bianco di Carrara.

Per conoscerlo meglio, sono imperdibili le cave di Fantiscritti, dalla cui pietra sono nate opere immortali di artisti come Michelangelo Buonarroti o Antonio Canova; ascoltando le storie di chi ci lavora, narrate nel dialetto locale, si inizierà a capire meglio aspetti e difficoltà di questa professione e l’essenza del materiale amato dagli scultori di tutti i tempi.

Ricca di storia e fedele alle proprie tradizioni, Carrara è un museo a cielo aperto grazie alle numerose sculture e iscrizioni sparse per le vie della città, con un interessante centro storico, la cinquecentesca piazza Alberica, il Duomo interamente realizzato in marmo, l’Accademia di Belle Arti con sede nel palazzo Cybo-Malaspina.

Un itinerario alla scoperta del materiale più amato da Michelangelo | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il tour prevede ulteriori tappe a Colonnata, a Pontremoli, dove la gente di Lunigiana ha lasciato traccia del proprio passaggio già 3.000 anni prima di Cristo con i misteriosi menhir custoditi nel castello di Piagnaro, a Pietrasanta, dove le sculture non sono chiuse in musei ma sono visibili ovunque, nelle piazze, nelle strade, creando una particolare atmosfera, a Seravezza, con la sua villa Medicea del 1560, dichiarata patrimonio Unesco e sede del Museo del Lavoro e delle Tradizioni Popolari, e lo storico mercato del pesce.

Infine, l’antico borgo di Fosdinovo, in posizione panoramica sui colli al confine tra Toscana e Liguria, con il suo Castello Malaspina, una delle più belle fortezze della Lunigiana.

Continua a leggere
Commenta per primo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ARTE & CULTURA

Gli Uffizi ripartono con 14 nuove sale e 129 capolavori in un nuovo allestimento

Presente anche “L’Enigma di Omero” di Bartolomeo Passerotti, l’ultima acquisizione del museo fiorentino

© Rec News -

del

Gli Uffizi ripartono con 14 nuove sale e oltre 100 capolavori in un nuovo allestimento | Rec News dir Zaira Bartucca

Sono state inaugurate ieri le 14 nuove sale del museo fiorentino degli Uffizi, che riparte oggi con 129 capolavori del ‘500 toscano ed emiliano presentate in un nuovo allestimento, una mostra di autoritratti e spazi ripensati che hanno permesso il recupero di circa 2000 metri. E’ diverso l’ingresso (ora “lato Arno”), ma la presenza di maestri indiscussi è la stessa. Parmigianino, Rosso Fiorentino, Pontormo, Andrea del Sarto, Bernini e poi contemporanei come Chagall e Guttuso: sono solo alcuni dei nomi le cui opere potranno essere ammirate nelle prossime settimane. Presente anche L’Enigma di Omero di Bartolomeo Passerotti, l’ultima acquisizione del museo fiorentino. All’esposizione dei capolavori cinquecenteschi si accade adesso attraverso la scala Buontalenti (tra la sala di Leonardo e quella di Michelangelo e Raffaello), senza passare più dallo Scalone dei Lanzi.

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione