Seguici

© Rec News -

del

Il 14 settembre è scattato anche per il Lazio il fermo biologico, che ha imposto lo stop della pesca fino al 13 ottobre. La misura impatta con violenza dopo un altro stop, quello imposto dal governo nel corso della fase uno. Non tira buon acqua per i pescatori, costretti a misurarsi con la concorrenza sleale, con negoziazioni poco favorevoli che riguardano le acque territoriali e, appunto, con i veti imposti dall’Unione europea.

Si favoriscono i prodotti esteri, spesso di qualità inferiore e surgelati, a tutto discapito dei prodotti freschi e locali

Quello del Lazio non è un caso isolato. Come denunciato da Coldiretti, a finire nella rete di Bruxelles sono stati di recente anche Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche e Puglia. Ad ottobre sarà la volta di Toscana e Liguria, dopo – con data da destinarsi – di Sardegna e Sicilia. Le ripercussioni, come spiega Ettore Prandini di Coldiretti, sono evidenti, e riguardano i pescatori ma anche i consumatori; più in generale, una parte importante del tessuto economico nazionale. Si favoriscono – è il senso di quanto segnalato – i prodotti che provengono dall’estero, spesso di qualità inferiore e surgelati, a tutto discapito dei prodotti freschi e locali.

Continua a leggere dopo le foto

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

CENTRO

Esercitazione militare nelle Marche, i Comuni interessati

Le operazioni avranno luogo dal 16 al 30 settembre e prevederanno lo sgombero di persone e animali dall’area interessata

© Rec News -

del

Esercitazione militare nelle Marche, i Comuni interessati | Rec News dir. Zaira Bartucca

Dal 16 al 30 settembre (fatta eccezione per i giorni 19-20 e 26-27) i territori limitrofi al poligono di Carpegna (in provincia di Pesaro-Urbino) verranno sgomberati, resi inaccessibili e “occupati” per una “esercitazione militare a fuoco” che prevederà l’utilizzo di “armi individuali, di reparto, mortai, bombe a mano, munizionamento ordinario e a corta gittata”. Lo rende noto il Comando militare dell’Esercito delle Marche – Ufficio personale, logistico e Servitù militare, nell’ordinanza resa pubblica dai comuni di Carpegna, Pennabilli, Sestino, Piandimeleto, Frontino, Pietrarubbia e Belforte all’Isauro.

Nel pratico, l’area interessata verrà sgomberata da persone e animali dalle ore 00.00 alle ore 24.00, e sarà prevista la limitazione della circolazione sulle vie di comunicazione comprese nell’area di interesse. E’ inoltre in vigore il divieto categorico – rivolto ai non addetti ai lavori – di raccogliere cartucce, ordigni o parti inesplose. I titolari dei terreni privati interessati dalle esercitazioni, potranno chiedere un indennizzo secondo le modalità indicate nell’ordinanza (in alto, nel Pdf).

Continua a leggere dopo le foto

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione