Seguici
Al via Fast Food Gourmet, undici weekend all'insegna di convivialità, spettacoli e buon cibo Al via Fast Food Gourmet, undici weekend all'insegna di convivialità, spettacoli e buon cibo

FOOD & WINE

Al via Fast Food Gourmet, undici weekend all’insegna di convivialità, spettacoli e buon cibo

© Rec News -

del

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Decolla la fiera mercato dedicata ai grandi cibi e allo spettacolo, taglio del nastro nel week end dal 20 al 22 ottobre. Il progetto è ambizioso: 5000 metri quadri di eventi, un format televisivo per il miglior food truck, spettacoli musicali, artisti e shop di prodotti bio

Undici week end, altrettante battaglie enogastronomiche e una spazio di archeologia industriale che prende vita come una fiera mercato, dedicata all’enogastronomia, agli spettacoli e alla musica. Il prossimo 20 ottobre taglio del nastro per “Fast Food Gourmet”. Il progetto nasce all’interno del percorso di riqualificazione dell’area ex Pagnossin di Treviso: è stato fondamentale ripensare le funzionalità e le potenzialità dei singoli edifici. Lo spazio di fiera e mercato si svilupperà su 5.000 metri quadri, che saranno allestiti in diversi spazi e location dedicate all’enogastronomia, agli show, al relax. Ci sarà anche un’area per ospitare i cani.

Nel primo week end, quello inaugurale dal 20 al 22 ottobre, i protagonisti saranno i migliori food truck europei, alcuni dei quali hanno appena partecipato all’European Street Food Award che si è svolta in Germania. Attesi truck anche dall’estero e in particolare da Finlandia, Svezia, Austria, Germania e Spagna. I migliori otto food truck saranno scelti per ogni week end. Ognuno di loro proporrà la propria specialità, con l’obiettivo di vincere la Fast Food Battle. La decisione sul vincitore arriverà da un doppio di giudizio. Il venerdì e il sabato i clienti voteranno su apposite schede la migliore specialità, al sabato notte vengono scelti i tre più votati.

Inizia questo punto un nuovo format, dedicato ai tre chef che parteciperanno, la domenica pomeriggio, alla finalissima della Fast Food Battle, dalla quale emergerà un solo vincitore attraverso un format innovativo. Ci saranno tre cucine affiancate, come quelle che si vedono nei format televisivi, con un presentatore che guiderà la giuria di specialisti. La Battle sarà registrata e diventerà un programma televisivo in prima serata.

E se questo sarà lo show, per il resto gli spettatori si troveranno di fronte una sorta di parco divertimenti del food. All’interno dell’evento saranno presenti infatti aziende agricole e bio, aree divertimento per i più piccoli, vinili, libri, mercatino delle pulci e mercatini di artigianato.

Ma anche il villaggio dei cani, un’area interamente dedicata agli animali domestici con erba vera, giochi, ciotoline con crocchette e acqua e cucce, il tutto sotto la sorveglianza di dog sitter.

Sono stati scritturati e si esibiranno oltre 100 artisti provenienti da tutta Europa, chiamati a mostrare le loro abilità nei prossimi week end. Ci sarà anche un’area dedicata ai giovani aperta tutti i giorni con pista e pedane per skate e BMX freestyle, writers, urban style e la possibilità di imparare le ultime tecnologie in fatto di consolle grazie alla presenza di DJ professionisti.

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

FOOD & WINE

Al Bicerin l’Epifania all’insegna della tradizione

© Rec News -

del

Al Bicerin l'Epifania all'insegna della tradizione | Rec News dir. Zaira Bartucca

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

E’ in arrivo un’Epifania d’eccezione al Caffè Al Bicerin che, proseguendo una vecchia tradizione a chiusura delle festività natalizie, sabato 6 gennaio 2024, a partire dalle ore 15.00, offrirà alla cittadinanza un gianduiotto gigante da 5 chili. Saranno anche presenti le maschere Gianduja e Giacometta della Famija Turinèisa.

Un’iniziativa che chiude simbolicamente i festeggiamenti, svoltisi negli ultimi mesi del 2023, per i 260 anni di attività. Un traguardo straordinario per il locale, affacciato su Piazza della Consolata, di fronte al Santuario, che conserva intatto il suo fascino con un’atmosfera ed un’accoglienza tipica delle cioccolaterie ottocentesche.

La storica bevanda torinese, composta da cioccolata, caffè e crema di latte, è nata proprio in questo caffè che, da allora, ne porta il nome e ne conserva gelosamente la ricetta originale, tramandata di generazione in generazione in grande riservatezza.

Al Bicerin nella sua lunga storia è stato punto di riferimento di grandi personalità provenienti dal mondo della cultura e non solo. Il locale è stato trasformato spesso in set cinematografico per molte produzioni nazionali e internazionali ed è stato protagonista di un’importante pagina della narrativa italiana.

Un mondo intatto, preservato con grande cura grazie a Maritè Costa, prematuramente scomparsa nel 2015, che ha sviluppato un minuzioso lavoro di archeologia del cioccolato avviando anche un’importante opera di restauro delle strutture e degli arredi originali. Da sempre in mani femminili, oggi il Caffè Al Bicerin è gestito, nel segno della continuità, dalla famiglia di Maritè Costa che, in quasi mezzo secolo di gestione, si è impegnata perché il suo valore venisse riconosciuto a livello nazionale e internazionale.

Anche per il 2024 la Guida dei Bar d’Italia del Gambero Rosso ha attribuito al Caffè il prestigioso punteggio di “3 tazzine e 2 chicchi”. Il riconoscimento è l’ultimo di una lunga serie di premi come il Diploma d’onore dei Caffè Storici Europei del 2004, il premio del Gambero Rosso che nella prima edizione della Guida ai Bar, nominò nel 2001 il Caffè Al Bicerin come Miglior bar d’Italia del 2000 e il più recente Premio Bogianen, il riconoscimento con cui il centro congressi della Camera di Commercio “Torino incontra” premia i piemontesi che più si sono distinti nella vita o nella carriera, attribuito a Maritè Costa nel 2013.

Al Bicerin oltre alla cioccolata in tutte le sue declinazioni (bicerin, cioccolata in tazza, giandujotti, cioccolatini, tavolette, toast al cioccolato, crema gianduja, etc.) ci si può perdere tra tre tipi di zabaione, torte tradizionali, la Torta Bicerin e molte altre prelibatezze. Un patrimonio di gusto e arte cioccolatiera tramandata nel rispetto della tradizione ma con un occhio attento all’innovazione. I prodotti dello storico caffè, infatti, sono disponibili anche nel negozio online; un ricco catalogo permette di acquistare le pregiate cioccolate insieme ad una selezione di prodotti tipici piemontesi di qualità.

Continua a leggere

FOOD & WINE

Industria alimentare, ok
a emendamento contro nomi ingannevoli

© Rec News -

del

Nuova follia europea per "ridurre lo spreco": un'etichetta farà passare i cibi scaduti per buoni | Rec News dir. Zaira Bartucca

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

“Non troveremo più sugli scaffali dei nostri supermercati etichette con nomi come “bistecca” di soia o di tofu, “hamburger” veg, “mortadella” vegana o altri”. Lo affermano i senatori della Lega Gian Marco Centinaio e Giorgia Maria Bergesio, firmatari di un emendamento al DL sugli alimenti e mangimi sintetici approvato dalla IX Commissione di Palazzo Madama.

Con la modifica si vieta l’utilizzo di nomi che fanno riferimento alla carne e ai suoi derivati per prodotti trasformati che invece contengono esclusivamente proteine vegetali. “Si tratta di denominazioni che ingannano i consumatori, che possono convincersi di acquistare prodotti che contengono anche proteine di origine animale, quando invece non è così. Con l’approvazione del nostro emendamento assicuriamo il diritto a un’informazione corretta dei cittadini per tutelare la loro salute e i loro interessi”.

“Riconosciamo – proseguono gli interessati – e difendiamo anche il valore culturale, socio-economico e ambientale dei nostri prodotti zootecnici e delle imprese produttrici. Siamo convinti infatti che chi vende prodotti con etichette ambigue compia una concorrenza sleale. Anche per questo, con la nuova norma rischierà pesanti sanzioni”.

Il vicepresidente del Senato e il senatore auspicano infine “che il testo arrivi presto in aula a Palazzo Madama, per poi completare il proprio iter alla Camera”. La corretta informazione sulla composizione degli alimenti è, chiariscono i firmatari dell’emendamento, “fondamentale per tutelare consumatori e imprese, sia quando si tratta di smascherare allarmi infondati come il Nutriscore e le etichette irlandesi sul vino, sia quando bisogna distinguere prodotti originali da copie più o meno ingannevoli”.

Continua a leggere

FOOD & WINE

San Valentino, dal Giappone la tradizione dolce con protagonista il cioccolato

© Rec News -

del

San Valentino, dal Giappone la tradizione con protagonista il cioccolato | Rec News dir. Zaira Bartucca

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

La festa di San Valentino (バレンタインデー) è molto popolare in Giappone, dove ha assunto alcune sfumature particolari rispetto al resto del mondo. Tutto ruota attorno al regalo di cioccolata, solo che a differenza di quanto avviene in Europa a donare questo dolce sono solo le ragazze o le donne. Il dono legato a questa festa nella concezione nipponica non riguarda però solo il moroso, ma anche altre persone con cui non ricorre un legame sentimentale. Vi sono infatti tre tipi di cioccolata, che celebrano altrettanti legami amicizia o di stima. Per esempio:

– la giri-choko (義理チョコ), la cui traduzione letterale sarebbe “cioccolata dell’obbligo”. Spesso questa cioccolata viene regalata a persone come i propri compagni di classe o i colleghi di lavoro;
– la tomo-choko (友チョコ), la cui traduzione letterale sarebbe “cioccolata dell’amico”, che è un regalo fatto agli amici più stretti;
– la honmei-choko (本命チョコ), la cui traduzione letterale sarebbe “cioccolata del prediletto”, che viene regalata alla persona che si ama. Questa cioccolata viene preferibilmente preparata in casa con le proprie mani, e confezionata con cura.

Esattamente un mese dopo San Valentino, il 14 marzo, si celebra il White Day (ホワイトデー), una ricorrenza collegata a San Valentino. Durante questa giornata, i ragazzi che hanno ricevuto della cioccolata in regalo da una ragazza un mese prima per San Valentino, ricambiano regalando loro della cioccolata bianca (da cui il nome “white day”).    

C’è poi la trovata un po’ commerciale del Ruby Chocolate, il cioccolato rosa (nella foto) spesso pubblicizzato come il cioccolato del San Valentino giapponese, anche se in realtà questo tipo di dolce non è il protagonista assoluto delle festività orientali.

Continua a leggere

FOOD & WINE

I vini rossi Vosne-Romanée, capolavoro della Borgogna

Originariamente chiamato solo Vosne, il villaggio prese il suffisso Romanée nel 1866 in onore al suo vigneto più pregiato, La Romanée, così come fece la maggior parte dei comuni lungo la Côte d’Or tra la metà del XIX e l’inizio del XX secolo. Questo villaggio è la culla di vini rossi Grand Cru

© Rec News -

del

I vini rossi Vosne-Romanée, capolavoro della Borgogna

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Situato tra Digione e Beaune, il villaggio di Vosne-Romanée è la “perla” della regione vinicola della Borgogna: nel cuore della Route des Grands Crus viticoltori appassionati accolgono i visitatori nelle loro cantine per fargli scoprire il loro patrimonio unico che dà ottimi vini rossi.

Originariamente chiamato solo Vosne, il villaggio prese il suffisso Romanée nel 1866 in onore al suo vigneto più pregiato, La Romanée, così come fece la maggior parte dei comuni lungo la Côte d’Or tra la metà del XIX e l’inizio del XX secolo. Questo villaggio è la culla di vini rossi Grand Cru di fama mondiale come Richebourg, La Tâche, Grande Rue, Romanée-Conti, senza dimenticare i tantissimi vini etichettati Premiers Crus e Vosne-Romanée Village. Coloro che decidono di dedicarsi al turismo enogastronomico da queste parti scopriranno le strade del villaggio segnate dalla storia e un panorama ammirevole dalle alture della collina, con una vista eccezionale sui vigneti, sul castello di Clos Vougeot, ma anche sulla vetta del Monte Bianco, che a volte può essere avvistata nelle giornate più limpide.

La denominazione Vosne-Romanée si trova all’interno della Côte de Nuits, nel territorio dei comuni di Vosne-Romanée e Flagey-Échezeaux. Si tratta di 100 ettari dedicati esclusivamente alla produzione di vini rossi da uva Pinot Noir, di cui 27 sono classificati Grand Cru. La denominazione si trova su entrambi i lati della Strada dei Grands Crus della Borgogna, in cima alla collina o ai piedi. I suoli sono per lo più composti da calcari misti e marne argillose ad una profondità che varia da poche decine di centimetri fino a 1 metro. Il territorio del comune Vosne-Romanée è suddiviso in sei climat individuali: La Grand Rue, La Tâche, Richebourg, La Romanée, Romanée-Saint-Vivant ed il più famoso, Romanée-Conti. La conferma della qualità di quest’ultimo cru è arrivata recentemente anche dall’evento londinese Golden Vines dove il Domaine de la Romanée-Conti è stato votato come miglior produttore di vino del mondo dagli oltre 400 professionisti del settore votanti.

Il prestigio rende i vini Vosne-Romanée dei veri e proprio oggetti da collezione, il cui valore parte dai 100 euro a bottiglia ma può raggiungere cifre astronomiche con il passare degli anni. Per sapere come muoversi e quali etichette vale la pena portare a casa, un eccellente canale è l’enoteca online Svino, che nel corso degli anni si è specializzata nella vendita dei grandi vini di Borgogna sul mercato italiano, mantenendo sempre un occhio di riguardo per il prezzo e puntando su etichette che offrono il miglior rapporto qualità/prezzo possibile. Nel caso dei vini Vosne-Romanée si parla in particolare di Premier Cru come Les Chaumes Vieilles Vignes e del lieux dit Les Barreaux di Anne Gros.

Al calice un vino Vosne-Romanée si presenta di colore rosso vermiglio, tendente al viola scuro. Il frutto molto maturo su fondo speziato costituisce il tratto aromatico più frequente di questi vini, assortito con fragola, lampone, mirtillo e ribes nero. Questo complesso di aromi suadenti e raffinati evolve con l’età verso le ciliegie in acquavite e sentori di cuoio e pelliccia. Al palato, l’assaggiatore si trova immerso nel velluto e nella pienezza del Pinot Noir di alta scuola. Un vino che equilibra ricchezza e tannini, struttura e architettura sotto un attacco ben deciso. Il fondo può apparire austero in gioventù, caratteristica di un vino che deve sviluppare in bottiglia la sua struttura e la sua ricchezza. Spesso corposo, voluttuoso e fuori dagli schemi.

La struttura fortemente tannica ma comunque vellutata di questo vino speziato, opulento e carnoso lo inclina verso l’abbinamento con carni dal sapore deciso, dalla consistenza marcatamente fibrosa che il vino sa domare e avvolgere. Pollame di buona qualità, agnello e selvaggina da penna cotti arrosto sono facili prime scelte. Un taglio spesso di manzo magro e dalla consistenza soda si abbinerà splendidamente alla pienezza del vino, mentre il couscous piccante con il pollo sarà ugualmente deliziato dall’avere un vino del genere per compagnia.

Continua a leggere
img

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione