Seguici

© Rec News -

del

In principio era il coronavirus. Poi arrivarono il conflitto russo-ucraino, la proclamazione dello stato di emergenza per una guerra che avviene a duemila chilometri di distanza (caso unico nella storia della Repubblica) e la corsa agli armamenti promossa dal governo Draghi. Nel mezzo – nel silenzio generale rotto dai dispacci istituzionali – il lavorìo sottobanco di Vittorio Colao e del ministero all’Innovazione e alla Transizione Digitale. Nei pensieri del supermanager di origini calabresi c’è ora ID Pay, piattaforma in grado di contenere tutti i dati di chi la utilizza, di permettere l’erogazione di strumenti di sussistenza sociale e, nel lungo termine – questo è uno degli intenti – di abbattere l’utilizzo del contante e decidere chi può fare una determinata cosa e chi no. Anche stavolta, dunque, avevano ragione i “complottisti”. Non è possibile che il governo arrivi a decidere della vita e della morte dei cittadini, stabilendo chi è degno di avere un portafoglio digitale? Forse, intanto in due anni ha stabilito chi può andare al bar, chi può acquistare un vestito, chi può tagliarsi i capelli, chi può andare allo stadio e chi a un concerto. Chi può studiare a scuola e chi deve stare a casa lontano dalla classe. Chi può lavorare e chi deve rimanere disoccupato.

Continua a leggere dopo le foto

Il Green Pass aumentato: il governo saprà tutto di noi

L’evoluzione del Green Pass, il Green Pass aumentato che non contiene più solo dati sanitari ma tutto quello che riguarda la persona, non può dunque che destare preoccupazione. Il Garante per la Privacy che ha dato l’ok alla trasformazione digitale del certificato d’esenzione, proprio in questa fase cruciale non intravede – fino a questo momento – rischi per la Privacy individuale. Ogni persona sarà dotata di un ID univoco che permetterà di fare acquisti e che racconterà tutto della persona, delle sue abitudini, dei luoghi che frequenta e dei suoi spostamenti. Il regime di controllo – che a detta di Colao chiameremo “aiuto” nella nuova società distopica che ci aspetta, salvo repentine inversioni di rotta – è servito. Il Green Pass, Immuni, IO e Mitiga, non sono stati che la prova generale prima del wallet di ultima generazione che potrebbe essere introdotto a partire da quest’anno.

ID Pay ha un omonimo e un omologo…iraniano

Vittorio Colao ne ha parlato come di uno strumento di prossima realizzazione e prettamente italiano, ma in realtà ID Pay ha un omonimo e un omologo…iraniano. La repubblica islamica che ha quantitativi di uranio impoverito quindici volte superiori rispetto al consentito e dove ancora ci si copre con burka e turbante deve aver ispirato il democraticissimo governo Draghi, sia per quanto riguarda il nome – ID Pay – che per quanto concerne le caratteristiche del servizio. A meno che, certo, non si tratti della stessa cosa, e a quel punto significherebbe che dopo la Cina e la Francia, il governo starebbe per cedere tutto di noi a un altro Stato estero. Islamico per giunta. Stupisce? Non è possibile? A quanto pare la defenestrazione della Russia cercata con insistenza dall’Unione europea potrebbe agevolare perfino accordi commerciali con Teheran, fino qualche tempo fa ritenuti impensabili.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere
Leggi i Commenti

6 Comments

  1. Liloo

    4 Marzo 2022 at 12:57

    bell’articolo, già ripreso dalle fotocopiatrici senza paragoni che hanno paura di citare sia mai che non gli arrivano le donazioni o vogliono distorcere il contenuto e buttare fumo?

  2. Lonewolf

    4 Marzo 2022 at 04:23

    Non ci riusciranno perché li cacceremo fuori dal nostro paese a calci in culo e a schiaffi in faccia!

  3. Lorenzo

    3 Marzo 2022 at 17:38

    Purtroppo noi non possiamo farci niente. I mondialisti hanno stravinto definitivamente e il nuovo ordine mondiale è ormai una realtà. Tanto vale mettere il cuore in pace.

    • Redazione

      3 Marzo 2022 at 18:08

      Secondo i critici i mondialisti si sono esposti più del dovuto e ora il loro futuro politico è incerto quanto i loro piani.

    • giorgio

      4 Marzo 2022 at 09:16

      c’è chi nasce “perdente” e chi nasce “guerriero” ……e sono fiero di essere il “secondo”

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

CONTROLLO

App IO, il governo non si arrende

L’applicazione in passato era stata giudicata non idonea per ospitare il Green Pass. Le novità all’orizzonte

© Rec News -

del

App IO, il governo non si arrende | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine Ansa

Lo avevamo anticipato: il governo è risoluto a tirare dritto con l’app IO nonostante le forti riserve avanzate dal Garante per la Privacy. L’ Autorità a tutela della riservatezza lo scorso anno aveva apposto una pietra tombale sull’applicazione che era stata scelta per ospitare il Green Pass, giudicata non idonea per il trattamento sicuro dei dati personali e colpevole di favorire per mezzo di Google e Mixpanel il trasferimento di dati verso Paesi terzi. Puntualizzazioni che allora non hanno preoccupato il titolare del dicastero all’Innovazione Vittorio Colao, che ha comunque mandato avanti il lavorìo sotteso all’implementazione

Continua a leggere dopo le foto

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

CONTROLLO

Tredici settori che potrebbero collassare a causa del Metaverso

Secondo i dati di CB Insight, la “realtà” parallela promossa da Zuckerberg potrebbe rappresentare per le Big Tech un’opportunità di mercato da un trilione di dollari entro la fine del decennio. Con la sua affermazione, tuttavia, diversi settori in presenza e molte figure professionali rischierebbero di scomparire. Potrebbe anche contribuire ad acuire i divari sociali e a rendere più precarie e isolate le fasce deboli della popolazione

© Rec News -

del

Tredici settori che collasserebbero a causa del Metaverso | Rec News dir. Zaira Bartucca

Un report pubblicato da CB Insight parla chiaro: almeno tredici settori uscirebbero sconvolti da una possibile affermazione del metaverso. Si tratta della “creatura” di Mark Zuckerberg che, dopo il declino di Facebook generato dallo scandalo Cambridge Analytica sulla vendita di dati personali degli utenti, ha deciso di puntare tutto su una sorta di universo parallelo che combina realtà virtuale e realtà aumentata, dove si possono fare acquisti e attività tramite il proprio avatar. Gli strumenti utilizzati sono cuffie per la realtà virtuale, feedback tattili avanzati, strumenti di modellazione 3D e altre chincaglierie digitali per alimentare gli ambienti digitali “immersivi”. Che, cioè, restituiscono l’illusione di camminare in una stanza, di prendere parte a un evento e via discorrendo. La moneta sonante qui sono gli NFT, i “token” non fungibili che servirebbero ad acquistare beni digitali ora gratuiti o vendibili in abbonamento, come immagini, video e canzoni.

Continua a leggere dopo le foto
Vendere aria fritta a costo zero

Un commercio immateriale molto interessante per le Big Tech, che hanno fiutato l’opportunità di vendere, a conti fatti, aria fritta a costo zero. “Dalla vendita al dettaglio al settore bancario alla pubblicità, sono molte le industrie pronte a essere rimodellate dal metaverso. Tante società prospereranno all’interno di vasti mondi virtuali, che potrebbero essere la prossima opportunità da miliardi di dollari della tecnologia”, scrivono da CB Insight.

“Un numero crescente di aziende scommette che i consumatori presto spenderanno e investiranno i loro soldi in spazi virtuali condivisi e altamente immersivi che imitano e vanno oltre ciò che è possibile fare nella vita reale”, è la considerazione rassicurante. Si ma quali sarebbero le ripercussioni e come cambierebbe la vita per chi decidesse di fare parte di questi contesti digitali e immateriali? Secondo 8 italiani sui 10 interpellati dalla società Sensemakers, il metaverso potrebbe causare conseguenze piuttosto serie sul benessere psico-fisico.

I giovanissimi non temono le ripercussioni lavorative

Ad abbracciare volentieri questo tipo di tecnologia, tuttavia, informa ancora il report in esame, sarebbero le generazioni più giovani come la “Z” e la “Alpha” (quella dei nati dopo il 2010), che non a caso sono le più precarizzate della società moderna, crescono a pane e videogiochi e imparano agli Erasmus e alle Università che il posto fisso non serve ed è noioso. E’ chiaro quindi che le possibili ripercussioni negative sul lavoro non li preoccupino granché. Ma l’affermazione definitiva del metaverso – avverte lo studio pubblicato da CB Insight – avrebbe conseguenze su quasi ogni attività e occupazione della vita reale, per la sua capacità di stravolgere lo stile di vita e la maniera di fruire le cose. In particolare i settori più penalizzati secondo lo studio sarebbero i seguenti:

Moda: si affermano le sfilate online e l’uso di avatar. Categorie penalizzate: modelle/i, visagisti, fotografi, truccatori, tecnici;
Vendita al dettaglio: aumentano gli ordini online e quindi il settore delle consegne a domicilio. Conseguenze per negozianti, commercianti, ristoratori;
Gaming: chiudono negozi come i game-stop;
Fitness: L’attività fisica diventa domestica, online, svolta con l’ausilio di sensori e di assistenti digitali. Chiudono le palestre, falliscono i personal trainer e gli istruttori di discipline sportive o di danza che non riusciranno a reggere i costi per affermarsi nel metaverso;

Immobiliare: cambierebbe il modo di interfacciarsi con il bene che si vuole acquistare o affittare: le figure dell’agente e del consulente potrebbero, alla lunga, scomparire;

Istruzione: La DAD ha tentato di abituare all’idea che si possa fare formazione semplicemente guardando un video su Youtube e chiamando l’insegnante su Skype. Col metaverso i giovani diventerebbero più asociali, mentre crescerebbe il bacino di insegnanti precarizzati che diventerebbero superflui: l’intelligenza artificiale combinata con la “realtà” parallela di Zuckerberg, permetterebbe per esempio di creare il docente digitale “perfetto”, magari gestito da un ministero o da una multinazionale come Amazon che vende e-book.

Consulenze e ordini professionali: Avvocati, commercialisti, architetti, copy-writer. Nel metaverso un algoritmo potrebbe sostituire agevolmente un sacco di categorie professionali, con tutte le ricadute del caso sull’occupazione;

Eventi, concerti, mostre: Gli eventi in presenza potrebbero diventare sempre meno considerati: la figura dell’organizzatore e dell’addetto alla comunicazione non servirebbero più. I musei e le piazze musicali sarebbero condannati all’estinzione: per ascoltare una band o esaminare un quadro, basterebbe acquistare un’esperienza con dei token NTF.

Luoghi di lavoro: L’ufficio non esiste, si incontrano gli altri “avatar” (pupazzi digitali) in una “room” in video-conferenza, mentre in realtà si rimane a casa;

Altri settori penalizzati sarebbero, infine, quello dei servizi finanziari, della cybersecurity e della pubblicità, soprattutto per quelle realtà medie e piccole che non saranno in grado di reggere l’impatto della concorrenza.


Cambierebbe anche il modo di vivere il denaro. Un’opportunità da un trilione di dollari, ma per pochi

Il metaverso aiuterebbe inoltre l’affermazione definitiva della moneta digitale, con la possibile scomparsa del denaro contante. Potrebbe mai accadere in un Paese che fatica a digitalizzarsi come l’Italia? Non si sa, quel che è certo è che in pentola bollono strumenti come ID Pay, e che negli scorsi mesi a Palazzo Chigi il premier Draghi e il ministro all’Innovazione e alla Transizione digitale Colao hanno ricevuto il Ceo di Meta Zuzkerberg, ma i motivi della visita non sono stati resi noti.

“Il modo in cui il metaverso emergerà è incerto: l’eccitazione potrebbe svanire se gli ostacoli tecnici si rivelassero troppo ingombranti o se i consumatori mainstream non volessero investire in beni ed esperienze che sono solo digitali. Se decollasse, potrebbe essere un’opportunità di mercato da un trilione di dollari entro la fine del decennio”, chiudono gli analisti di CB Insights. Un’opportunità che però, ancora una volta, sarà a vantaggio di pochi, e con buone possibilità contribuirà ad acuire i divari sociali e a rendere più precarie e isolate le fasce deboli della popolazione.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

CONTROLLO

Un esoscheletro robotico per lavorare, il futuro che piace a INAIL e IIT

Si tratta di braccia e gambe robotiche collegate al tronco che sfruttano l’intelligenza artificiale. Ecco le aziende in lizza per la loro produzione in Italia

© Rec News -

del

Un esoscheletro robotico per lavorare, il futuro che piace a INAIL e IIT | Rec News dir. Zaira Bartucca

Nel regno animale a essere dotati di esoscheletro sono i crostacei e gli insetti, ma molti sono convinti che il derivato tecnologico già sperimentato in Giappone dal transumanista Yoshiyuki Sankai (convinto sostenitore della fusione tra uomo e macchina) possa essere d’aiuto anche agli esseri umani. Così INAIL, al lavoro con una startup italiana per la promozione e la vendita di un esoscheletro indossabile. Dispositivi simili vengono già utilizzano in ambito militare e riabilitativo. In pratica si tratta di braccia e gambe robotiche collegate al tronco che consentirebbero di aumentare il carico di lavoro diminuendone la percezione e al contempo – sostiene l’Istituto nazionale – ridurre i casi di infortunio alla parte alta del corpo.

Continua a leggere dopo le foto

La tecnologia sperimentale sfrutta l’intelligenza artificiale e secondo le intenzioni potrebbe essere applicata in ambito industriale, manifatturiero, meccanico, edilizio, logistico, alimentare e agricolo. La promessa è quella di ridurre la percezione del carico sollevato di circa 20 chili, ma non è ancora chiaro quale impatto possa avere sull’organismo l’utilizzo giornaliero e prolungato di questi dispositivi elettronici.

Le aziende il lizza per la produzione

la domanda non sfiora i sindacati, così INAIL e l’Istituto Italiano di Tecnologia sono alacremente al lavoro su tre propotipi:  XoTrunk, XoShoulder e XoElbow. Il lancio sul mercato – previsto per i prossimi mesi – sarà affidato a Proteso S.R.L.S., startup di Milano con quartier generale a Genova. Il settore solletica anche Esselunga, che a febbraio di quest’anno ha annunciato una collaborazione con Comau, società controllata al 100% dal colosso automobilistico Stellantis, nato dalla fusione di FCA (Fiat Chrysler Automobiles) e PSA. Anche l’Istituto Prosperius è al lavoro su questo tipo di tecnologia e già nel 2015 ha presentato il suo prototipo Ekso, più connesso all’ambito medico e prodotto dalla statunitense Ekso Bionics.

Continua a leggere
Adv
>>accedi

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione