Seguici

© Rec News -

del

Draghi scopre le carte. Lo fa con un discorso programmatico – quello con cui questa mattina ha chiesto la fiducia al Senato che sarà votata questa sera dopo le 22 – che contiene un po’ il sunto dell’azione di governo in divenire. Il taglio netto rispetto al passato non c’è: all’ordine del giorno c’è ancora la gestione della presunta pandemia e – come abbiamo anticipato – si insinua ufficialmente nel dibattito il 5G. La differenza sta un po’ nel personaggio: Draghi non nasconde la dipendenza verso le dinamiche europee, come fece Conte all’inizio del primo mandato – ma reintroduce allo stesso tempo il concetto “Italia”. La tattica è un po’ quella di dare un colpo al cerchio e uno alla botte: si può infatti dire che il futuro premier – messo di fronte allo scoglio fiducia – non abbia voluto scontentare nessuno: non gli europeisti e non i sovranisti, accarezzati da quel “italiani” ripetuto più volte. Vediamo punto per punto cosa ha detto di importante e cos ha lasciato trapelare.

La crisi dello stato di diritto e quello che si vuole fare a tutti i costi, sul solco di Cavour

Anche Draghi rispolvera le metafore belliche che sono state care a Conte: La “pandemia” torna ad essere “una trincea” dove si “combatte tutti insieme”. Il neo-premier non esprime preoccupazione per i metodi anti-democratici del suo predecessore: ringrazia “conscio del loro sacrificio, tutti coloro che soffrono per la crisi economica che la pandemia ha scatenato” e “coloro che lavorano nelle attività più colpite o fermate” e passa oltre. Ammette la scomparsa dei diritti costituzionalmente garantiti, promettendo un loro ritorno “nel più breve tempo possibile”. “Ci impegniamo a informare i cittadini con sufficiente anticipo, per quanto compatibile con la rapida evoluzione della pandemia, di ogni cambiamento nelle regole”, ha detto. Dunque ancora largo ai Dpcm incostituzionali e simili: l’ex presidente della Bce è chiaro: il faro non è la Costituzione della Repubblica italiana, ma sono l’Ue e l’Onu. Quello che piove dall’alto va fatto, come fece Cavour con la distuzione programmatica di un Meridione depauperato e con il genocidio più censurato della storia. Proprio il controverso Conte della destra storica è stato citato nel corso del suo discorso: “Siamo consci dell’insegnamento di Cavour: le riforme compiute a tempo, invece di indebolire l’autorità, la rafforzano”.

Il riferimento alla “fratellanza nazionale”

Come fece prima di lui Giuseppe Conte parlando di un “Nuovo Umanesimo”, anche Draghi non lesina le citazioni verso la sua fucina d’appartenenza: “L’Italia – ha detto – si risollevò dal disastro della Seconda Guerra Mondiale con orgoglio e determinazione (…), ma soprattutto grazie alla convinzione che il futuro delle generazioni successive sarebbe stato migliore per tutti. Nella fiducia reciproca, nella fratellanza nazionale, nel perseguimento di un riscatto civico e morale”. Draghi sarebbe inoltre iscritto a ben cinque Ur-Lodge: la Edmund Burke, la Three Eyes, la White Eagle, la Compass Star-Rose e la Pan-Europa. La sua “venuta” sarebbe stata chiesta addirittura dalle “P” numerate che contano (il che non lascia presagire nulla di buono) e decisa nel 1992 dallo storico Britannia della famiglia reale inglese, la stessa che qualche decennio prima era stata accusata di traffico di minori. Ovviamente, nel silenzio dei media di massa. Sul panfilo reale ci sarebbe stato anche quel Beppe Grillo che quasi venti anni dopo è riuscito a entrare nei palazzi istituzionali senza ricoprire alcun incarico elettivo. La presenza del comico è stata a più riprese confermata dall’allora giornalista del Tg5 Enrico Mentana, che si trovava a Civitavecchia con la sua troupe mentre Grillo era appena sbarcato dal panfilo. Draghi sarebbe inoltre un intimo di Comunione e Liberazione, sotto le cui insegne sarebbe avvenuta l’investitura di alcuni ministri e tecnici del suo governo.

Morire oggi per stare meglio domani

Draghi, da buon esecutore materiale delle Agende e di quella 2030 in particolare (non a caso ha citato il 2026, il 2030 e il 2050 come anni simbolo), si è appellato molte volte “al futuro dei nostri figli e dei nostri nipoti”. Il disastro economico e sociale, messo in prospettiva può risultare più digeribile, almeno per alcuni. Per citare Elsa Fornero, ministro del governo Monti che rimase celebre per la vitalità dei suoi condotti lacrimali, “agli italiani non si deve parlare di crisi e di tasse, perché così è più difficile accettare il tutto. Bisogna fare capire loro quello che deve essere fatto”. Ecco allora che dare un motivo, (i figli e i nipoti”), può acuire quello “spirito di sacrificio” citato varie volte da Draghi. E’ tuttavia difficile che la locuzione basterà a far digerire le chiusure degli esercizi commerciali che sono di proprietà di chi “dovrà essere indirizzato verso il cambiamento”.

L’inedito concetto di “irreversibilità” dell’euro

Prevedibilmente, Draghi è risoluto a continuare l’operato avviato nell’ambito della presidenza della BCE, rimanendo uno strenuo difensore della moneta unica. Reputa la scelta dell’euro “irreversibile”, ma già gli fa eco Salvini con una dichiarazione a caldo: “Solo la morte è irreversibile”. Sul piatto c’è tuttavia molto di più, e cioè l’azione del distopico Colao. Come avevamo ampiamente previsto, il suo ministero sarà uno dei punti cardine dell’esecutivo Draghi. Il centro operativo sarà il MEF e qui – ha anticipato il fututo premier – si inserirà l’azione di un ministero all’Innovazione che se sarà fedele al piano concepito lo scorso giugno assieme al CTS guarderà con favore verso lo smantellamento della moneta fisica, dunque del contante.

La vera pandemia

Se ancora è presto per tracciare linee chiare sugli interventi che il nuovo esecutivo porrà in essere, una cosa è certa: la vera pandemia è quella economica. Draghi l’ha quantomeno delineata, parlando dei danni che la gestione del virus ha causato in Italia al “tessuto economico e sociale”. “Il fenomeno – avverte Draghi – è destinato ad aggravarsi quando verrà meno il divieto di licenziamento. Si è anche aggravata la povertà. I dati dei centri di ascolto Caritas, che confrontano il periodo maggio-settembre del 2019 con lo stesso periodo del 2020, mostrano che da un anno all’altro l’incidenza dei “nuovi poveri” passa dal 31% al 45%: quasi una persona su due che oggi si rivolge alla Caritas lo fa per la prima volta. Tra i nuovi poveri aumenta in particolare il peso delle famiglie con minori, delle donne, dei giovani, degli italiani, che sono oggi la maggioranza (52% rispetto al 47,9 % dello scorso anno) e delle persone in età lavorativa, di fasce di cittadini finora mai sfiorati dall’indigenza. Il numero totale di ore di Cassa integrazione per emergenza sanitaria dal 1 aprile al 31 dicembre dello scorso anno supera i 4 milioni. Nel 2020 gli occupati sono scesi di 444 mila unità ma il calo si è accentrato su contratti a termine (-393 mila) e lavoratori autonomi (-209). La pandemia ha finora ha colpito soprattutto giovani e donne, una disoccupazione selettiva ma che presto potrebbe iniziare a colpire anche i lavoratori con contratti a tempo indeterminato”.

Il piano di vaccinazione

Non rincuora l’approccio ai vaccini, anche se Draghi non ha parlato della pericolosa somministrazione obbligatoria, delle vaccinazioni di massa e neppure del controverso passaporto sanitario. Ha però affermato che bisogna prevedere inoculazioni in “tutte le strutture disponibili, pubbliche e private, sul modello di quanto è accaduto con i tamponi”.

La telemedicina per i disturbi cronici, gli ospedali per quelli acuti. Draghi chiede anche più manicomi

L’ex presidente della BCE si è inoltre appellato a una riforma della sanità nazionale, che di sicuro nell’ultimo anno ha dimostrato tutti i suoi limiti. Complici diversi medici che si sono prestati a un gioco al massacro, che ha visto come vittime tutti i malati non covid. “Il punto centrale – ha detto Draghi – è rafforzare e ridisegnare la sanità territoriale, realizzando una forte rete di servizi di base: case della comunità, ospedali di comunità, consultori, centri di salute mentale, centri di prossimità contro la povertà sanitaria. È questa la strada per rendere realmente esigibili i livelli essenziali di assistenza e affidare agli ospedali le esigenze sanitarie acute, post acute e riabilitative. La casa come principale luogo di cura è oggi possibile con la telemedicina, con l’assistenza domiciliare integrata”.

Il gesuita che prende il posto di un gesuita, cita un altro gesuita

Gli osservatori più attenti all’opera divulgativa e di monitoraggio della contro-informazione, affermano che ai vertici di tutte le operazioni portate avanti dal WEF, dall’Onu e dalla nuvola di realtà collegate al cosiddetto Great Reset, ci siano proprio i gesuiti. Uno – Giuseppe Conte – ha appena lasciato il suo incarico, ma solo per affidarlo a un collega: Mario Draghi. L’istituto vanta adepti anche all’interno della cosiddetta opposizione: è il caso di un senatore che si è formato proprio alla loro scuola, e che ha legami familiari con persone che hanno ricoperto incarichi ai vertici del Vaticano. A quest’ultimo ha fatto riferimento il futuro premier, citando Bergoglio e riassumendo un po’ quello che è il Greta-pensiero tipico delle varie sette ambientaliste, le quali interpretano l’Umanità come una forma di parassitaggio che infesta il pianeta: “Come ha detto papa Francesco, le tragedie naturali sono la risposta della terra al nostro maltrattamento. E io penso che se chiedessi al Signore che cosa pensa, non credo mi direbbe che è una cosa buona: siamo stati noi a rovinare l’opera del Signore”. Lo sostiene Draghi, senza citare le manipolazioni climatiche artificiali che sono documentate da decenni.

“Un errore proteggere tutte le attività economiche”

Una parte del discorso che sicuramente non piacerà alle PMI è quella in cui Draghi afferma che “sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche. Acune dovranno cambiare, anche radicalmente. E la scelta di quali attività proteggere e quali accompagnare nel cambiamento è il difficile compito che la politica economica dovrà affrontare nei prossimi mesi”. Ma chi deciderà chi dovrà soccombere e chi potrà vivere? Chi potrà stare aperto e chi sarà condannato a morte in base ai dettami delle Agende? La strada del governo Draghi, con l’aumentare della crisi e della rabbia sociale, non sarà in discesa.

LAZIO

Dopo le critiche ai termovalorizzatori, il secondo di Legambiente passa al Comune di Roma

L’associazione appena qualche giorno fa aveva criticato la volontà di Roberto Gualtieri di avviare una stagione tutt’altro che attenta all’ambiente nella Capitale. Oggi l’annuncio dell’ingresso nell’Ufficio “Clima” del gabinetto del sindaco

© Rec News -

del

Dopo le critiche ai termovalorizzatori, il secondo di Legambiente passa al Comune di Roma | Rec News dir. Zaira Bartucca

Edoardo Zanchini, già vicepresidente e membro della segreteria nazionale di Legambiente, è stato nominato direttore dell’Ufficio “Clima” del Comune di Roma, emanazione del Gabinetto del sindaco. L’associazione appena qualche settimana fa aveva criticato la volontà di Roberto Gualtieri di avviare una stagione tutt’altro che attenta all’ambiente nella Capitale, con la previsione della costruzione di nuovi termovalorizzatori. Quale sarà la posizione di Zanchini sull’argomento? Non si sa, e comunque a passaggio avvenuto le acque si sono calmate e il clima si annuncia più che disteso.

Legambiente ha già inviato il suo bigliettino virtuale di felicitazioni: “Auguri di buon lavoro per il nuovo prestigioso incarico. Roma ha bisogno della sua competenza ed esperienza”. I termovalorizzatori ora non sono più un problema: il baricentro si è già spostato sulla “diffusione degli impianti a fonti rinnovabili, gli interventi per l’efficientamento energetico degli edifici e i progetti di forestazione per contribuire a combattere la crisi climatica”: questi i punti indicati dal presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani assieme alla “decarbonizzazione”.

Continua a leggere

POLITICA

Petrocelli silurato, la Commissione Esteri del Senato ha un nuovo presidente

Le manovre per il suo insediamento – supportate anche dalla Lega di Salvini, che oggi si è complimentato via social – sono la conseguenza…

© Rec News -

del

Petrocelli silurato, la Commissione Esteri del Senato ha un nuovo presidente | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine Angelo Carconi (Ansa)

La Commissione Esteri del Senato ha un nuovo presidente: è Stefania Craxi, figlia di Bettino. Le manovre per il suo insediamento – supportate anche dalla Lega di Salvini, che oggi si è complimentato via social – sono la conseguenza dell’addio di Petrocelli. Il pentastellato è stato costretto a lasciare la commissione e anche il M5S dopo aver espresso posizioni critiche verso l’invio di armi in Ucraina e verso l’operato del governo Draghi.

Negli scorsi giorni la Giunta per il regolamento aveva votato a favore dello scioglimento della Commissione Esteri dopo che venti membri di tutti i partiti avevano annunciato le loro dimissioni.

Rec News dir. Zaira Bartucca

Continua a leggere

POLITICA

Chiesta la sfiducia di Draghi

Ma a sostenere l’operato del premier con le dimissioni di massa dalla Commissione Affari Esteri ci sono esponenti di tutti i partiti. Anche i “pacifisti” della Lega con a capo Matteo Salvini e la cosiddetta opposizione di Fratelli d’Italia. Petrocelli: “Hanno votato tutti la delega in bianco per armare l’Ucraina fino a dicembre 2022, tutto il resto è propaganda”

© Rec News -

del

Chiesta la sfiducia di Draghi | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine di repertorio (Imagoeconomica)

“Togliere la fiducia a Draghi” e “fermare l’invio di tutte le armi” all’Ucraina. E’ quanto ha chiesto oggi il presidente della Commissione Esteri al Senato Vito Petrocelli. E’ l’epilogo di tensioni che si sono manifestate nel corso di tutta la settimana, prima con la promessa di ricorrere alla Corte Costituzionale e poi con le dimissioni di diversi componenti della commissione.

Ad abbandonare l’organismo in segno di protesta verso le recenti prese di posizione di Petrocelli negli scorsi giorni sono stati esponenti di tutti i partiti. Ci sono anche i leghisti “pacifisti” a difendere l’operato del premier Draghi e l’invio di armi all’Ucraina: Matteo Salvini, Tony Iwobi, Stefano Lucidi, e Manuel Vescovi.

Non resta fuori neanche la cosiddetta opposizione di Fratelli d’Italia, che ha confermato le dimissioni del presidente del Copasir Adolfo Urso. A fare blocco contro la via diplomatica sono poi stati Stefania Craxi (Forza Italia), Alberto Airola (M5S), Laura Garavini (Italia Viva) e Pier Ferdinando Casini.

“Tutti i partiti – ha detto Petrocelli – hanno votato la delega in bianco per armare l’Ucraina fino a dicembre 2022. Tutto il resto sono chiacchiere e propaganda elettorale”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione