Seguici

© Rec News -

del

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Diciassette ordini esecutivi a poche ore da un controverso insediamento e una Washington militarizzata con la scusa della cerimonia di Capitol Hill. Un ritorno forzato – tutto sommato – alla strategia del terrore che ha caratterizzato il periodo pre-Trump. E’ la prova di forza di Joe Biden, il democratico che formalmente ha preso il posto di Donald Trump. Si chiude (per il momento), il periodo di pace che ha caratterizzato il precedente esecutivo a trazione repubblicana e si apre un clima di precarietà sociale che secondo i critici servirà a introdurre più facilmente le misure sanitarie di massa.

I “poteri di guerra”

Cosa significano i “poteri di guerra”? Non che ci saranno scene da trincea in giro per gli States, come si legge sui social, anche se il passaggio è potenzialmente in grado di favorire provvedimenti di tipo autoritario. Un equivalente lo stiamo vivendo in Italia dopo che Conte ha (illegittimamente) dichiarato e rinnovato lo stato di emergenza, aspetto che ha permesso la soppressione dei diritti costituzionalmente garantiti come il lavoro e la libertà di circolazione. L’America di Biden non sarà quella di Trump, vento in faccia senza museruola: Sleepy Joe ha già disposto l’obbligo della mascherina e si prepara alla campagna di somministrazione di “100 milioni di vaccini in 100 giorni”, ma non è detto che tutto vada secondo i suoi propositi.

La campagna vaccinale

A frenare gli intenti di Biden ci sono – oltre alla politica – problemi di natura pratica. I danni da vaccino stanno già riscrivendo i piani mondiali di produzione e distribuzione, senza contare che il nuovo inquilino della Casa Bianca dovrà fare i conti con un popolo che continua a non identificarsi con le sue mire, e che dunque potrebbe dimostrarsi reticente a segure un programma di divieti e di annullamento delle libertà fondamentali.

La presidenza azzoppata

A questo si devono aggiungere le caratteristiche di una presidenza che si rivela azzoppata ancor prima di nascere. Non è tanto il fatto che per Biden si sia optato per un giuramento “abbreviato” (50 secondi medi contro i quattro minuti canonici), o che abbia giurato sulla Bibbia di famiglia anziché su quella ufficiale, quanto il fatto che gli stessi pezzi forti del Pentagono si stiano tuttora rifiutando di lasciare i segreti di Stato nelle mani di un uomo che ha avuto problemi di natura cerebrale.

La “football” con i codici nucleari

La stessa “football” – la valigetta con i codici nucleari – secondo alcuni non sarebbe nelle complete disponibilità di Biden. Trump l’ha trasportata in Florida anziché consegnarla prima della partenza: la versione del mainstream è che ne esistano delle copie, e che Trump sia stato seguito da un ufficiale che poi ha provveduto al ritiro. Secondo il Sun, Trump ha dovuto portare con sé la valigia in quanto presidente in carica fino all’insediamento di Biden. I codici della valigetta in possesso di Trump sarebbero stati successivamente “disattivati”, ma in questo caso non avrebbe senso la ricostruzione che vuole che l’ufficiale abbia trasportato la valigia dalla Florida a Washington.

L’ultimo ordine esecutivo inviato ai capi della sicurezza nazionale

C’è però una ferita aperta che rimane nel cuore dei trumpiani, ed è quella di un piano che alla fine non si è verificato. Piaccia o non piaccia, Biden è riuscito – frode elettorale o meno – a entrare alla Casa Bianca, senza che si verificasse uno solo degli sconvolgimenti annunciati dagli attivisti online. Si è parlato di azioni che avrebbero tenuto lontano i democratici, fino all’uso della forza e al ricorso dei militari giunti a Capitol Hill. Niente di tutto questo, ma un giorno prima di lasciare Trump ha inviato un ordine esecutivo al direttore della Cia e a quello della National Intelligence che potrebbe fare in modo che il passo di desecretare i documenti più imbarazzanti relativi all’Obamagate non sia stato vano.

L’eredità di Trump

Trump tornerà “in qualche modo”, è quanto ha promesso, e il suo ultimo ordine esecutivo potrebbe rappresentare la sua eredità politica. Quella che – presidenza o meno – potrebbe costituire il pretesto di un impeachment che questa volta vedrebbe come protagonista l’americano abituato a interfacciarsi con i cinesi e a racimolarne utilità. Già si parla di un ritorno di Trump con il Patriot Party. Chiara la volontà di sondare il gradimento popolare nel caso in cui il repubblicano decida di lasciarsi alle spalle i vecchi compagni di partito, in particolare quelli che ora stanno salendo sul carro del vincitore.

ESTERI

Moldavia, il governo europeista di Sandu fa chiudere il quinto canale

© Rec News -

del

Moldavia, il governo europeista di Sandu fa chiudere il quinto canale | Rec News dir. Zaira Bartucca
EPA-EFE/DUMITRU DORU

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Il governo moldavo guidato dall’europeista di ferro Maia Sandu ha sospeso la licenza a un altro canale televisivo. Questa volta a fare le spese delle politiche repressive in fatto di libertà di stampa è stato il quinto canale. La decisione della sospensione è stata presa dal Consiglio per la promozione dei progetti di investimento di importanza nazionale il 21 di questo mese, ed è stata motivata con la necessità di esaminare la documentazione relativa alla concessione all’emittente. “Troppi file da consultare”, la scusa arrivata dal Palazzo di Chisinau, mentre fuori le proteste dei giornalisti imbavagliati si fanno sempre più accese.

“Questo caso dimostra ancora una volta che in Moldavia non ci sono più media liberi, poiché il governo teme che un canale televisivo possa compromettere la sicurezza dello Stato”, ha detto Ludmila Belcencova, presidente dell’organizzazione non governativa di giornalisti Stop Media Ban. “Il nostro governo tratta i giornalisti come criminali e questo dovrebbe preoccupare molto la comunità internazionale”, ha detto ancora Belcencova, che ha ricordato il ruolo usurpatore di alcuni organismi.

“Sono ormai due anni – ha detto l’attivista – che il giornalismo in Moldavia non è regolato dal Consiglio per l’audiovisivo, ma da organismi che non hanno nulla a che fare con i media, come la commissione temporanea creata per mitigare la crisi energetica o gli investimenti. Questo dimostra solo che il nostro governo ha troppa paura del pluralismo delle opinioni e delle voci della gente. Non c’è più libertà di parola in Moldavia”. Da qui la richiesta, conclusiva, rivolta alla comunità europea di “prendere posizione contro la repressione della libertà di stampa e di parola in Moldavia”.

Continua a leggere

ESTERI

Scandali, presunti decessi, arrivi e partenze. Il lavorìo per far cadere la Monarchia in Gran Bretagna

© Rec News -

del

Scandali, presunti decessi, arrivi e partenze. Il lavorìo per far cadere la Monarchia in Gran Bretagna | Rec News dir. Zaira Bartucca

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

E’ un brutto momento per la corona britannica. E, si direbbe, nulla è casuale. L’elezione di Carlo III ha dato il “la” – oltre che a un regno a guida maschile – alle mire di chi non vede di buon occhio la monarchia. E’ infatti con Carlo – sovrano flemmatico e poco carismatico – che si stanno di giorno in giorno moltiplicando le manifestazioni di chi chiede – a torto o a ragione – una nuova forma di governo per la Gran Bretagna.

Un modo per farle pagare l’uscita dall’Europa? O la conseguenza prevedibile della scomparsa di Elisabetta II? Non si sa ma quel che è certo è che anche a quelle latitudini i burattinai si stanno dando un gran da fare. Pianificando e diramando un comunicato clamoroso dietro l’altro, poi ripresi a ruota dai social: la malattia di Carlo, il ritorno a Corte dell’amico di Epstein Andrea e, adesso, perfino il decesso di Kate Middleton.

Quanto ci sia di vero è difficile saperlo. Quel che è certo è che l’obiettivo delle fughe di notizie – vere o presunte tali – è quello di restituire l’immagine di un regno debole, che si smantella ogni giorno di più a colpi di esternazioni tutt’altro che casuali.

Continua a leggere

ESTERI

Canada, proposta
di legge di Trudeau
per silenziare il dissenso online

© Rec News -

del

Canada, proposta di legge di Trudeau per silenziare il dissenso online | Rec News dir. Zaira Bartucca

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Che Justin Trudeau, il primo ministro canadese, non fosse un campione in fatto di libertà garantite lo si era capito nel periodo covid, quando aveva promosso lockdown, Green Pass e vaccinazioni di massa. Adesso a certificare quest’ansia di controllo è arrivata una proposta di legge sui social media che si chiama Online Harms Act, che dietro gli apparenti buoni propositi nasconderebbe la volontà di silenziare il dissenso online, sempre maggiore dopo le scelte impopolari assunte da Trudeau.

Secondo Fox News la proposta scaturita dal disegno di legge del ministro alla Giustizia Arif Virani, consentirebbe di punire una persona prima che abbia commesso un reato, sulla base di informazioni quali la recidività del soggetto e il suo comportamento. Un’applicazione di quella Giustizia predittiva di cui si sente parlare sempre più spesso. “Un giudice provinciale – hanno rimarcato dall’emittente statunitense – potrebbe imporre gli arresti domiciliari o una multa se ci fossero ragionevoli motivi per credere che un imputato commetterà un reato.”

Una proposta che non ha frenato il dissenso online in Canada ma, anzi, lo ha aumentato, come raccontano le esternazioni di alcuni utenti alla notizia del prosieguo dell’iter del disegno di legge C – 63, pubblicato a febbraio e dal cui testo si è giunti all’Online Harms Act. “Riposa in pace libertà di parola”, ha scritto un utente canadese, mentre un altro ha ipotizzato che il primo ministro voglia assumere “un ruolo da dittatore”.

La versione del governo canadese

Ovviamente – come dicevamo – non sono mancate le giustificazioni da parte del governo canadese, che non vorrebbe altro che “frenare l’incitamento all’odio online”. E, a questo fine, starebbe facendo scandagliare i contenuti che conterrebbero “estremismo” e “violenza” e quelli dannosi per i minori. Cosa Trudeau intenda per “estremismo” e “violenza” non è però chiaro, né cosa consideri dannoso per i minori, giacché nei fatti a eccezione di molti post di dissenso silenziati tutto è rimasto praticamente immutato. E se tanti sono stati i proclami del governo canadese per proteggere i bambini dallo sfruttamento online, nei fatti nulla è stato fatto per rendere più attiva la macchina della giustizia quando si tratta di punire molestatori, pedofili e altre categorie che inquinano la rete.

Un recente sondaggio dell’Istituto Leger, del resto, ha rilevato che meno della metà dei canadesi pensa che l’Online Harms Act si tradurrà in un’atmosfera più sicura online. Parte degli interpellati hanno infatti detto di essere “diffidenti” nei confronti della capacità del governo di proteggere la libertà di parola.

Continua a leggere

ESTERI

Il record di Biden suggellato da un report. In una cosa ha superato Trump, Biden e Obama

© Rec News -

del

Il record di Biden suggellato da un report. In una cosa ha superato Trump, Biden e Obama | Rec News dir. Zaira Bartucca
JIM WATSON/AFP via Getty Images

>>> Iscriviti ai nostri Canali Telegram e Whatsapp per rimanere aggiornato su altri articoli come questo

Un rapporto di questo fine settimana pubblicato dal New York Post ha osservato che solo nel 2023 il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha trascorso 138 giorni in vacanza in luoghi come Rehoboth Beach nel Delaware o a Camp David. Questo significa che Biden non solo si è dimostrato incurante degli scandali che stanno travolgendo la sua famiglia e il figlio Hunter in particolare, ma anzi ha speso più di un terzo dell’anno – il 37%, per la precisione — a non lavorare.

Questa tendenza non è nuova per Biden, anzi è un qualcosa che è iniziato nel 2021 ed è continuato nei due anni successivi. Nel corso della sua presidenza, secondo il Comitato nazionale repubblicano (RNC), Biden ha trascorso ben 417 giorni in vacanza. Attualmente si trova a St. Croix, nelle Isole Vergini, per festeggiare il Capodanno.

Un rapporto del New York Post ha osservato che ogni anno il presidente Biden ha preso più giorni di vacanza lontano dalla Casa Bianca rispetto ai suoi predecessori – Trump, Barack Obama e George W. Bush – durante le loro intere presidenze. Trump si è assentato dalla Casa Bianca 132 giorni in quattro anni. Bush ha trascorso 100 giorni del suo mandato nel suo ranch in Texas, mentre Obama, osserva il rapporto, ha passato 38 giorni lontano dagli impegni istituzionali.

L’ex presidente Donald Trump – in corsa per le presidenziali del 2024 – ha puntualizzato che il record mostra la lontananza di Biden dagli impegni assunti, e che lo stare continuamente in spiaggia impedisce al presidente in carica di compiere qualunque lavoro effettivo per il Paese. Anche se – è il commento ironico affidato ai giornalisti – la lontananza dai suoi uffici non è necessariamente negativa: “Se solo Biden fosse andato in quella spiaggia dove va così tanto e si fosse seduto lì cercando di sollevare la sedia, che pesa circa tre once, allora le cose sarebbero andate meglio per il Paese. Almeno non avrebbe distrutto il lavoro dei suoi predecessori”, ha detto Trump di recente.

I commenti sono arrivati durante l’ultima intervista di oltre due ore rilasciata a Breitbart News lo scorso giovedì dalla sua dimora di Mar-a-Lago, nel sud della Florida.

Continua a leggere
img

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione