Seguici

© Rec News -

del

Mentre il presidente della Federazione russa Vladimir Putin manifesta nuovamente la volontà di riaprire i tavoli diplomatici e mentre parte dell’Ucraina è interessata dalle operazioni di ricostruzione, il dipartimento americano della Difesa ha annunciato lo stanziamento di “un altro miliardo per l’Ucraina per l’acquisto di sistemi di difesa costiera arpione, munizioni, razzi di artiglieria ad alta mobilità o HIMARS”. E’ quanto fa sapere lo stesso Pentagono.

Secondo quanto diramato, la misura appena adottata del “prelievo” consente al presidente americano (in “determinate circostanze” che però non vengono citate) di “ritirare armi, munizioni e materiale esistenti dalle scorte militari statunitensi e fornirli ad altre nazioni”. Secondo la scheda informativa pubblicata sul sito della Difesa americana, circa 350 milioni del miliardo annunciato provengono dall’autorità di prelievo presidenziale, che servirà a finanzare“18 obici da 155 mm, 36.000 colpi di munizioni da 155 mm, 18 veicoli tattici, munizioni aggiuntive per sistemi a razzo di artiglieria ad alta mobilità, quattro veicoli tattici aggiuntivi, pezzi di ricambio e altre attrezzature”.

Una guerra il più duratura possibile rappresenta un vantaggio imprescindibile per i traffici umanitari e bellici che ne derivano e per stessi gli Stati Uniti, che si sono detti propensi a “sacrificare fino all’ultimo ucraino” (cit. Biden): il grano ucraino fa ombra a quello canadese e in più l’Ucraina è una delle roccaforti mondiali del litio, uno dei materiali del futuro che consentirà l’affermazione ulteriore della mobilità elettrica e di ritrovati tecnologici come gli esoscheletri, su cui sono già al lavoro le Big tech.

Ma – contrariamente alle previsioni iniziali – l’Ucraina sta serrando i ranghi e perfino tra militari e governatori c’è chi ha mangiato la foglia e inizia a manifestare malcontento verso gli accordi sottobanco stretti da Zelensky con le potenze occidentali. Il Pentagono, intanto, ha ammesso in un breve dispaccio del 9 giugno l’esistenza di bio-laboratori finanziati dalla Difesa americana – come abbiamo rivelato lo scorso marzo in un’inchiesta documentata – adducendo tuttavia scusanti di ordine sanitario e di sicurezza.

I dossier resi noti dal ministero della Difesa russo e dal capo delle Forze di protezione dalle Radiazione e dalla contaminazione chimica e biologica, tuttavia, raccontano un’altra realtà, che farebbe il paio con un interesse diretto da parte degli Stati Uniti e di diversi Stati europei (Italia compresa) a far durare il più possibile situazioni di caos e di guerra in Ucraina in modo da miscelare le responsabilità dirette e – se possibile – dissiparle. Il comodo capro espiatorio degli eventi è stato già individuato, e qualunque cosa accada parte dell’opinione pubblica è già stata addomesticata all’attacco gratuito contro Vladimir Putin. L’altra parte, quella meno suggestionabile, è stata invece implicitamente minacciata nella sua libertà di espressione per mezzo dello spettro di liste di proscrizione, inventate dal mainstream (e poi smentite) e rilanciate dal finto anti-mainstream.

Si agita intanto il blocco europeista: oggi la visita di Draghi, Macron e Sholz a Kiev, mentre ieri il gruppo di contatto per la “difesa” dell’Ucraina a Bruxelles ha tenuto la sua terza riunione, dove sono intervenuti anche il segretario americano alla Difesa Lloyd J. Austin III e il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark A. Milley.

CONFLITTO RUSSO-UCRAINO

Ucraina, il segnale di distensione lanciato da Putin e ignorato dal mainstream

A ridosso dei festeggiamenti del Giorno della Vittoria sul nazismo, il presidente della Federazione russa ha inviato al popolo ucraino…

© Rec News -

del

Ucraina, il segnale di distensione lanciato da Putin e ignorato dal mainstream | Rec News dir. Zaira Bartucca

Auguro sinceramente ai veterani ucraini della Grande Guerra Patriottica la forza dei loro cuori, la buona salute e la lunga vita, e a tutto il popolo ucraino un futuro pacifico e giusto”. E’ il primo messaggio di auguri che l’ufficio stampa del Cremlino ha diramato l’8 maggio, a ridosso dei festeggiamenti del Giorno della Vittoria sul nazismo. Il presidente della Federazione russa Vladimir Putin lo ha inviato al popolo ucraino, compiendo un gesto di distensione che però è stato ignorato dalla stampa occidentale. Conflitto o meno, infatti, i governi filo-bideniani sono al lavoro per far durare gli attriti il più possibile: prova ne sia l’invio di armi promosso da diversi governi (tra cui quello italiano) che coprirà tutto il 2022.

Che la guerra non sia contro gli ucraini, ma contro le ingerenze NATO, contro la presenza di basi militari straniere ai confini della Russia e contro i rigurgiti neo-nazisti, Putin lo ha rivendicato nel discorso augurale che ha anticipato la parata del 9 maggio. Lo riportiamo in basso, in versione integrale.

“Cari veterani, compagni soldati e marinai, sergenti e sergenti maggiori, guardiamarina e sottufficiali, compagni ufficiali, generali e ammiragli, mi congratulo con voi per il giorno della Grande Vittoria. La difesa della nostra Patria quando era in gioco il suo destino è sempre stata sacra. E’ stato per la sensazione di vero patriottismo che la milizia di Minin e Pozharsky si alzò in piedi per la Patria, i soldati andarono all’offensiva nel campo di Borodino e combatterono il nemico fuori da Mosca e Leningrado, Kiev e Minsk, Stalingrado e Kursk, Sebastopoli e Kharkov.

Oggi, come in passato, state combattendo per il nostro popolo nel Donbass, per la sicurezza della nostra Patria, per la Russia. Il 9 Maggio 1945 è stato sancito nella storia del mondo, per sempre, come un trionfo del popolo sovietico unito, della sua coesione e il potere spirituale. Un’impresa senza precedenti, in prima linea e sul fronte interno.

Il Giorno della vittoria è intimamente caro a tutti noi. Non c’è famiglia in Russia che non sia stata bruciata dalla Grande Guerra Patriottica. La sua memoria non svanisce mai. In questo giorno figli, nipoti e pronipoti degli eroi marciano in un flusso infinito del Reggimento Immortale. Portano le foto dei loro familiari, i soldati caduti che sono rimasti giovani per sempre e i veterani che sono già andati.

Siamo orgogliosi della generazione coraggiosa non conquistata dei vincitori, siamo orgogliosi di essere i loro successori, ed è nostro dovere preservare la memoria di coloro che hanno sconfitto il nazismo e ci hanno affidato di essere vigili e di fare di tutto per contrastare l’orrore di un’altra guerra globale.

Pertanto, nonostante tutte le controversie nelle relazioni internazionali, la Russia ha sempre sostenuto l’istituzione di un sistema di sicurezza uguale e indivisibile che è criticamente necessario per l’intera comunità internazionale.

Lo scorso dicembre abbiamo proposto di firmare un trattato sulle garanzie di sicurezza. La Russia ha esortato l’Occidente a tenere un dialogo onesto alla ricerca di soluzioni significative e risolutive, e a tenere conto degli interessi reciproci. Tutto invano. I Paesi della NATO non volevano ascoltarci, il che significa che avevano piani completamente diversi. E l’abbiamo visto.

Un’altra operazione punitiva nel Donbass, un’invasione delle nostre terre storiche, inclusa la Crimea, era apertamente in divenire. Kiev ha dichiarato che potrebbe aggiungere armi nucleari. Il blocco NATO ha lanciato un attivo accumulo militare sui territori adiacenti ai nostri.

Pertanto, una minaccia assolutamente inaccettabile per noi veniva costantemente creata proprio ai nostri confini. C’era ogni indicazione che uno scontro con neonazisti e banderiti sostenuti dagli Stati Uniti e dai loro servitori fosse inevitabile.

Ripeto, abbiamo visto la costruzione di infrastrutture militari, centinaia di consulenti stranieri che hanno iniziato a lavorare, e forniture regolari di armi all’avanguardia provenienti dai paesi della NATO. La minaccia cresceva ogni giorno.

La Russia ha lanciato un attacco preventivo all’aggressione. È stata una decisione forzata, tempestiva e l’unica corretta. Una decisione di un paese sovrano, forte e indipendente.

Gli Stati Uniti hanno iniziato a rivendicare il loro eccezionalismo, in particolare dopo il crollo dell’Unione Sovietica, denigrando così non solo il mondo intero, ma anche i loro satelliti, che devono fingere di non vedere nulla e di sopportarlo obbedientemente.

Ma noi siamo un paese diverso. La Russia ha un carattere diverso. Non rinunceremo mai al nostro amore per la nostra Patria, alla nostra fede e ai valori tradizionali, ai costumi dei nostri antenati e al rispetto per tutti i popoli e le culture.

Nel frattempo, l’Occidente sembra essere impostato per cancellare questi valori millenari. Tale degrado morale è alla base delle ciniche falsificazioni della storia della seconda guerra mondiale, intensificando la russofobia, lodando i traditori, deridendo la memoria delle loro vittime e cancellando il coraggio di coloro che hanno vinto la Vittoria attraverso la sofferenza.

Siamo consapevoli che ai veterani statunitensi che volevano venire alla parata a Mosca è stato proibito di farlo. Ma voglio che sappiano: siamo orgogliosi delle loro azioni e del loro contributo alla nostra comune Vittoria.

Onoriamo tutti i soldati degli eserciti alleati-americani, inglesi, francesi, i combattenti della resistenza, i soldati coraggiosi e i partigiani in Cina. Tutti coloro che hanno sconfitto il nazismo e il militarismo.

Compagni, le milizie del Donbass insieme all’esercito russo stanno combattendo sulla loro terra oggi, dove i principi Svyatoslav e i fermi di Vladimir Monomakh, i soldati sotto il comando di Rumyantsev e Potemkin, Suvorov e Brusilov hanno schiacciato i loro nemici, dove gli eroi della Grande Guerra Patriottica Nikolai Vatutin, Sidor Kovpak e Lyudmila Pavlichenko si sono fermati fino alla fine.

Mi rivolgo alle nostre Forze armate e alle milizie del Donbass. Stai combattendo per la nostra Patria, il suo futuro, in modo che nessuno dimentichi le lezioni della seconda guerra mondiale, in modo che non ci sia posto al mondo per torturatori, squadroni della morte e nazisti.

Oggi pieghiamo la testa alla sacra memoria di tutti coloro che hanno perso la vita nella Grande Guerra Patriottica, i ricordi dei figli, delle figlie, dei padri, delle madri, dei nonni, dei mariti, delle mogli, dei fratelli, delle sorelle, dei parenti e degli amici.

Pieghiamo la testa alla memoria dei martiri di Odessa bruciati vivi nella Casa dei Sindacati nel maggio 2014, alla memoria degli anziani, delle donne e dei bambini del Donbass uccisi in atroci e barbari bombardamenti da parte dei neonazisti. Pieghiamo la testa ai nostri compagni di combattimento che sono morti di una morte coraggiosa nella battaglia per la Russia.

Dichiaro un minuto di silenzio.

(Un minuto di silenzio.)

La perdita di ogni ufficiale e soldato è dolorosa per tutti noi e una perdita irrimediabile per le famiglie e gli amici. Il governo, le autorità regionali, le imprese e le organizzazioni pubbliche faranno di tutto per avvolgere queste famiglie nelle cure e aiutarle. Un sostegno speciale sarà dato ai bambini dei compagni d’armi uccisi e feriti. L’ordine esecutivo presidenziale in tal senso è stato firmato oggi.

Auguro una pronta guarigione ai soldati e agli ufficiali feriti, e ringrazio medici, paramedici, infermieri e personale degli ospedali militari per il loro lavoro disinteressato. La nostra più profonda gratitudine va a voi per aver salvato ogni vita, spesso non risparmiando alcun pensiero per voi stessi sotto bombardamenti in prima linea.

Compagni, soldati e ufficiali provenienti da molte regioni della nostra enorme Patria, compresi quelli che sono arrivati direttamente dal Donbass, dalla zona di combattimento, e sono in piedi ora spalla a spalla, qui, sulla Piazza Rossa.

Ricordiamo come i nemici della Russia hanno cercato di usare bande terroristiche internazionali contro di noi, come hanno cercato di seminare conflitti interetnici e religiosi in modo da indebolirci dall’interno e dividerci. Hanno fallito completamente.

Oggi i nostri guerrieri di diverse etnie stanno combattendo insieme, proteggendosi a vicenda da proiettili e schegge come fratelli. È qui che si trova il potere della Russia, una grande potenza invincibile della nostra nazione multietnica unita.

Oggi difendi ciò per cui i tuoi padri, nonni e bisnonni hanno combattuto. Il benessere e la sicurezza della loro Patria era la loro massima priorità nella vita. La lealtà alla nostra Patria è il valore principale e una base affidabile dell’indipendenza della Russia anche per noi, i loro successori.

Coloro che hanno schiacciato il nazismo durante la Grande Guerra Patriottica ci hanno mostrato un esempio di eroismo per tutte le età. Questa è la generazione dei vincitori, e li ammireremo sempre.

Continua a leggere

CONFLITTO RUSSO-UCRAINO

Lavrov sulla durata dell’operazione russa in Ucraina

Il ministro degli Esteri russi rassicura: “nessuna terza guerra mondiale”. Poi critica gli USA: “utilizzano gli ucraini per colpire la Russia e rifiutano il disarmo nucleare”. L’annuncio dell’apertura di un fascicolo sulla stampa italiana di sistema per “violazione dei diritti fondamentali”

© Rec News -

del

Lavrov su quanto durerà l'operazione russa in Ucraina | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il ministro degli Esteri della Federazione Russa Sergej Lavrov ieri ha partecipato a un programma tv italiano di fascia serale. Il format televisivo nelle puntate delle scorse settimane aveva dato spazio solo alla versione di Kiev, mentre questa volta ha dato modo alla parte russa di replicare e di fornire la propria versione dei fatti. Ecco cosa ha detto Lavrov.

Sulla presunta “terza guerra mondiale” menzionata dai media occidentali mainstream

“Nessuna terza guerra mondiale, solo tutto il mondo occidentale e i media occidentali lo credono. La Russia non ha mai smesso di agevolare gli accordi. Una guerra mondiale non avrebbe vincitori, quindi non sarà mai iniziata.

Sugli accordi violati dagli USA sulla non proliferazione delle armi nucleari

“Putin e Biden su iniziativa russa lo scorso anno hanno chiuso accordi contro la guerra nucleare. Putin chiede di creare un summit con i cinque membri permanenti dell’Onu contro la guerra nucleare, ma gli Stati Uniti stanno frenando.

Non bisogna tuttavia sottovalutare i rischi che esistono. Zelensky ha detto che l’Ucraina si è sbagliata a rifiutare le armi nucleari. Ci sono state anche dichiarazioni di questo tipo da parte della Polonia.

Anche la Francia ha armi nucleari, ma questi aspetti non attirano l’attenzione dei media occidentali. Questo non gli fa onore. Tre anni fa il presidente Putin ha presentato delle nuove armi ultrasoniche che hanno cominciato ad attirare la nostra attenzione quando gli Stati Uniti hanno stracciato gli accordi sulla non proliferazione del nucleare.

Sappiamo che le armi americane se verranno usate saranno rivolte contro la Russia e contro la Cina. Eravamo pronti per un nuovo accordo sui nuovi sistemi che sono comparsi e che compariranno, ma i negoziati sono stati interrotti”.

Sulle frange neo-naziste in Ucraina e sul battaglione Azov

“I target dell’operazione russa sono state le infrastrutture militari utilizzate per fare pressione sulla popolazione civile e sulla Russia. Attacchiamo i target militari per colpire i radicali ucraini. I colpi deliberati non provengono dalla Russia ma dai missili ucraini Tochka U che hanno colpito le abitazioni civili e sono chiaramente utilizzati per terrorizzare la popolazione civile dell’Est”.

La maggior parte delle persone è stanca di questa oppressione che ha dovuto subire dopo il sanguinoso colpo di stato del 2014 ai tempi di Yanukovich, con l’instaurazione del regime nazista ucraino supportato dagli americani e con l’introduzione di leggi neo-naziste. Il regime ucraino ha violato gli accordi di Minsk e gli accordi di non ricorso alle armi. Cn nostro grande rammarico, non ci è restato altro che avviare le azioni di contrasto”.

Su Hitler e sul fatto che “avrebbe avuto origini ebraiche”

“La nazificazione esiste. Sono stati i militari del battaglione Azov che hanno sul loro corpo e sulle divise simboli riconducibili alle SS e che inneggiano al Mein Kampf. Anche Hitler come Zelensky avrebbe avuto origine ebraiche, quindi non significa assolutamente nulla. I maggiori antisemiti della storia sono stati proprio gli ebrei.

Questi neo-nazisti si sono infiltrati nelle linee regolari dell’esercito. Il battaglione Azov è un’organizzazione dichiaratamente neo-nazista. Zelensky ha detto del battaglione Azov che “sono come sono” e il giornalista che ha fatto l’intervista non ha mandato in onda questa frase. I media utilizzano i neo-nazisti per la lotta contro la Federazione Russa.

Il battaglione Wagner è un corpo privato che non ha a che fare con lo Stato russo. Assieme ad altri battaglioni ora si trova in Africa per condizioni commerciali”.

Sui mercenari stranieri che stanno supportando i neo-nazisti

“In Ucraina mercenari e ufficiali occidentali sono tra le fila dei militari ucraini. Le leggi neo-naziste sulla lingua, sulle tradizioni e sulla cultura non riguardano qualche decina di migliaia di radicali ma tutti gli ucraini, così come le feste dedicate a Stephan Bandera” (un collaborazionista nazista nato nell’attuale territorio dell’Ucraina dell’Ovest che fondò l’OUN, partito di ispirazione fascista, ndr).

Sull’Italia e sui media di sistema italiani: “Aperto un fascicolo per violazione dei diritti”

“L’Italia è in prima fila tra coloro che non solo adottano sanzioni anti-russe, ma promuovono anche tutte le iniziative anti-russe. Pensavamo che l’Italia avesse un approccio diverso sulla giustizia e sui diritti fondamentali per la sua storia, oltre che buone norme diplomatiche ed etica giornalistica. Forse ci siamo sbagliati.

La nostra ambasciata ha inviato i materiali e ha aperto un caso riguardo alla violazione dei diritti fondamentali da parte della stampa italiana”.

Sui programmi anti-russi della NATO

“Ho letto molto sui legami con la famiglia Biden e l’Ucraina, ma io credo che ci siano da parte degli USA programmi a lungo termine portati avanti da tutta la dirigenza americana per trasformare l’Ucraina in una minaccia.

E’ per questo che hanno ampliato la militarizzazione dell’Ucraina e hanno organizzato esercitazioni sotto l’egida della NATO, sempre in chiave anti-russa. Questo progetto anti-russo si nota anche quando sentiamo che la Russia deve essere sconfitta”.

Sui negoziati abbandonati dalla parte ucraina

“Abbiamo iniziato le trattative su iniziativa di Zelensky e a marzo c’erano i presupposti per pensare che il presidente ucraino fosse pronto a rendere l’Ucraina neutrale. Noi abbiamo risposto che a queste condizioni eravamo d’accordo, tolti i territori di Crimea e Donbass. A loro andava bene, ma poi le condizioni sono state modificate”.

Su Bucha

“Il 30 marzo i militari russi sono usciti da Bucha e il sindaco ha detto che la città era libera. Due giorni dopo è stato costruito tutto ed è palese che si tratti di una fake news. Vogliamo che Zelensky dia l’ordine di cessare le ostilità e di tutelare la sicurezza delle persone a Est, che non devono essere più minacciate.

Noi non vogliamo un cambio di regime in Ucraina, in queste sono cose sono specializzati gli Stati Uniti, non noi”.

Sull’acquisto di gar russo da parte dell’Europa

“Le banche occidentali hanno rubato un sacco di soldi in euro e dollari a Gazprom. Volete pagarci tenendo i soldi nelle vostre banche occidentali? Noi abbiamo proposto di pagare in rubli. Per i clienti delle forniture non cambia assolutamente nulla, non cambiano i prezzi”.

Sui tempi dell’operazione russa in Ucraina

Il 9 maggio è una tradizione sovietica, ma quest’anno nel corso della ricorrenza concentreremo i nostri sforzi per difendere la sicurezza della popolazione civile ucraina dell’Est. I nostri militari non pianificheranno le loro azioni in base a una data.

I tempi e i ritmi dipendono dalla necessità di minimizzare i rischi per la popolazione civile ucraina e per i militari russi”.

Continua a leggere

CONFLITTO RUSSO-UCRAINO

A chi andranno i 610 milioni stanziati dal governo per l’Ucraina

Supera il mezzo miliardo di euro lo stanziamento del governo che dovrebbe andare a beneficio “dei profughi ucraini”. Mentre in tutta Europa è corsa alla speculazione e alla capitalizzazione dei rifugiati, è lecito domandarsi se e in che modo i fondi andranno a coprire le spese vive e urgenti di chi ne ha davvero necessità. Anzitutto, come saranno ripartiti?

© Rec News -

del

A chi andranno i 610 milioni stanziati dal governo per l'Ucraina | Rec News dir. Zaira Bartucca

Supera il mezzo miliardo di euro lo stanziamento del governo che dovrebbe andare a beneficio “dei profughi ucraini”. Mentre in tutta Europa è corsa alla speculazione e alla capitalizzazione dei rifugiati, è lecito domandarsi se e in che modo i fondi andranno a coprire le spese vive e urgenti di chi ne ha davvero necessità. Anzitutto, come saranno ripartiti? Stando a quanto si è potuto apprendere, il blocco più cospicuo di finanziamenti di circa 450 milioni sarà teoricamente devoluto agli ucraini che giungono in Italia.

Non a tutti (per esempio non a chi può provvedere con una sistemazione autonoma), ma solo a chi è disposto ad entrare nel regime di accoglienza dei CAS e delle strutture convenzionate e, soprattutto, alle organizzazioni che proliferano sull’accoglienza, in Italia come in Ucraina. In particolare, 6 milioni andranno all’Unicef ucraino; altri 6 milioni allo “Ukraine Humanitarian Fund” dell’Ocha (Onu), 4 milioni andranno al Comitato Internazionale della Croce Rossa in Ucraina, 8 milioni all’Unhcr nei Paesi della regione e 2 milioni alla Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa. Tanto ha fatto sapere il viceministro agli Affari Esteri Marina Sereni.

Ben 110 milioni sul totale devoluto di 610 milioni andranno poi nelle casse della governo ucraino per “assistenza finanziaria”. Lo ha specificato il premier Mario Draghi nel corso dell’intervento che ha tenuto nell’ambito della raccolta fondi internazionale “Stand Up for Ukraine”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione