Seguici

© Rec News -

del

E’ stato firmato nel pomeriggio di ieri il documento di neutralità delle Repubbliche popolari di Donesk e Lugansk e dei territori di Zaporizhye e Kherson. Non si tratta di un trattato di annessione, ma della formalizzazione degli accordi di mutuo soccorso già siglati presso il Cremlino lo scorso 21 febbraio, come specificato dal riferimento alle leggi costituzionali necessarie per giungere all’ammissione vera e propria nel territorio della Federazione Russa. Come anticipato in esclusiva da Rec News, un dossier reso pubblico nel 2021 anticipava la formazione di nuovi assetti geo-politici e la creazione di nuove sfere di influenze che avrebbero avviato la stagione di multipolarismo.

Scossoni necessari dal punti di vista di Putin, che ha motivato determinate scelte invocando la crisi di valori dell’occidente e le pretese degli Stati atlantisti di “portare la democrazia” nei territori diversi per tradizione e cultura. Il presidente della Federazione russa è, tuttavia, in questo momento sconfessato da parte della sua dirigenza, perché alla formalizzazione del trattato di amicizia tra Russia e LPR e DPR e alla pulizia dei presìdi influenzati dalla NATO e dei biolaboratori di stanza in Ucraina non è ancora giunto – come promesso – un abbassamento del conflitto, che anzi nelle ultime settimane si è affermato in città dapprima illese. Putin ha, tuttavia, menzionato nuovamente la via diplomatica che continua a essere ignorata dagli USA e dall’Ue, ancora impegnati a sovvenzionare l’invio di armamenti in Ucraina.

Cos’ha detto Putin nel corso della cerimonia che si è tenuta nella sala di San Giorgio

“Cittadini della Russia, cittadini delle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, residenti delle regioni di Zaporozhye e Kherson, deputati della Duma di Stato, senatori della Federazione Russa. Come sapete, si sono tenuti referendum nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e nelle regioni di Zaporozhye e Kherson. Le schede sono state contate e i risultati sono stati annunciati. Il popolo ha fatto la sua scelta inequivocabile”.

“Oggi firmeremo trattati sull’adesione (adesione, cioè aderenza, e non annessione, ndr.) della Repubblica popolare di Donetsk, della Repubblica popolare di Lugansk, della regione di Zaporozhye e della regione di Kherson alla Federazione russa. Non dubito che l’Assemblea federale sosterrà le leggi costituzionali sull’adesione alla Russia e la creazione di quattro nuove regioni, le nostre nuove entità costitutive della Federazione russa, perché questa è la volontà di milioni di persone”. 

“È senza dubbio un loro diritto, un diritto intrinseco suggellato nell’articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite, che afferma direttamente il principio della parità dei diritti e dell’autodeterminazione dei popoli. Ripeto, è un diritto intrinseco del popolo. Si basa sulla nostra affinità storica, ed è quel diritto che ha portato alla vittoria generazioni dei nostri predecessori, coloro che hanno costruito e difeso la Russia per secoli dal periodo dell’antica Rus”.

“Qui in Novorossiya, [Pyotr] Rumyantsev, [Alexander] Suvorov e [Fyodor] Ushakov combatterono le loro battaglie, e Caterina la Grande e [Grigory] Potyomkin fondarono nuove città. I nostri nonni e bisnonni hanno combattuto qui ad oltranza durante la Grande Guerra Patriottica”.

“Ricorderemo sempre gli eroi della primavera russa, coloro che hanno rifiutato di accettare il colpo di stato neonazista in Ucraina nel 2014, tutti coloro che sono morti per il diritto di parlare la loro lingua madre, per preservare la loro cultura, tradizioni e religione, e per il diritto stesso di vivere. Ricordiamo i soldati del Donbass, i martiri del “Khatyn di Odessa”, le vittime di attacchi terroristici disumani compiuti dal regime di Kiev. Commemoriamo volontari e miliziani, civili, bambini, donne, anziani, russi, ucraini, persone di varie nazionalità; leader popolare di Donetsk Alexander Zakharchenko; i comandanti militari Arsen Pavlov e Vladimir Zhoga, Olga Kochura e Alexei Mozgovoy; il procuratore della Repubblica di Lugansk Sergei Gorenko; paracadutista Nurmagomed Gadzhimagomedov e tutti i nostri soldati e ufficiali che sono morti di un eroe durante l’operazione militare speciale. Sono eroi della grande Russia. Vi prego di unirvi a me in un minuto di silenzio per onorare la loro memoria”.

“Dietro la scelta di milioni di residenti nelle repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nelle regioni di Zaporozhye e Kherson, c’è il nostro destino comune e la nostra storia millenaria. Le persone hanno trasmesso questa connessione spirituale ai loro figli e nipoti. Nonostante tutte le prove che hanno sopportato, hanno portato l’amore per la Russia nel corso degli anni. Questo è qualcosa che nessuno può distruggere. Ecco perché sia le generazioni più anziane che i giovani – quelli che sono nati dopo il tragico crollo dell’Unione Sovietica – hanno votato per la nostra unità, per il nostro futuro comune”.

“Nel 1991 a Belovezhskaya Pushcha, i rappresentanti dell’élite del partito di quel tempo presero la decisione di porre fine all’Unione Sovietica, senza chiedere ai cittadini comuni cosa volevano, e le persone si trovarono improvvisamente tagliate fuori dalla loro patria. Questo ha fatto a pezzi e smembrato la nostra comunità nazionale e ha innescato una catastrofe nazionale. Proprio come il governo ha silenziosamente delimitato i confini delle repubbliche sovietiche, agendo dietro le quinte dopo la rivoluzione del 1917, gli ultimi leader dell’Unione Sovietica, contrariamente all’espressione diretta della volontà della maggioranza delle persone nel referendum del 1991, hanno distrutto il nostro grande paese e hanno semplicemente fatto sì che il popolo delle ex repubbliche affrontasse questo come un fatto compiuto”.

“Posso ammettere che non sapevano nemmeno cosa stessero facendo e quali conseguenze avrebbero avuto le loro azioni alla fine. Ma ora non importa. Non c’è più l’Unione Sovietica; non possiamo tornare al passato. In realtà, la Russia non ne ha più bisogno oggi; questa non è la nostra ambizione. Ma non c’è niente di più forte della determinazione di milioni di persone che, per la loro cultura, religione, tradizioni e lingua, si considerano parte della Russia, i cui antenati hanno vissuto in un unico paese per secoli. Non c’è niente di più forte della loro determinazione a tornare nella loro vera patria storica”.

“Per otto lunghi anni, le persone nel Donbass sono state sottoposte a genocidi, bombardamenti e blocchi; a Kherson e Zaporozhye, è stata perseguita una politica criminale per coltivare l’odio per la Russia, per tutto ciò che è russo. Anche ora, durante i referendum, il regime di Kiev ha minacciato gli insegnanti, le donne che lavoravano nelle commissioni elettorali con rappresaglie e morte. Kiev ha minacciato milioni di persone che sono venute a esprimere la loro volontà con la repressione. Ma la gente di Donbass, Zaporozhye e Kherson non era distrutta, e hanno detto la loro”.

“Voglio che le autorità di Kiev e i loro veri gestori in Occidente mi ascoltino ora, e voglio che tutti ricordino questo: le persone che vivono a Lugansk e Donetsk, a Kherson e Zaporozhye sono diventate nostri cittadini, per sempre. Chiediamo al regime di Kiev di cessare immediatamente il fuoco e tutte le ostilità; per porre fine alla guerra scatenata nel 2014 e tornare al tavolo dei negoziati. Siamo pronti per questo, come abbiamo detto più di una volta. Ma la scelta delle persone a Donetsk, Lugansk, Zaporozhye e Kherson non sarà discussa. La decisione è stata presa e la Russia non la tradirà. Le attuali autorità di Kiev dovrebbero rispettare questa libera espressione della volontà popolare; non c’è altro modo. Questa è l’unica via per la pace”.

“Difenderemo la nostra terra con tutte le forze e le risorse che abbiamo, e faremo tutto il possibile per garantire la sicurezza della nostra gente. Questa è la grande missione liberatrice della nostra nazione. Ricostruiremo sicuramente le città e i paesi distrutti, gli edifici residenziali, le scuole, gli ospedali, i teatri e i musei. Ripristineremo e svilupperemo imprese industriali, fabbriche, infrastrutture, nonché sistemi di sicurezza sociale, pensionistici, sanitari e di istruzione”.

“Lavoreremo sicuramente per migliorare il livello di sicurezza. Insieme faremo in modo che i cittadini delle nuove regioni possano sentire il sostegno di tutto il popolo della Russia, dell’intera nazione, di tutte le repubbliche, territori e regioni della nostra vasta Patria”. 

“Amici, colleghi, oggi vorrei rivolgermi ai nostri soldati e ufficiali che stanno prendendo parte all’operazione militare speciale, ai combattenti del Donbass e della Novorossiya, a coloro che si sono recati negli uffici di reclutamento militare dopo aver ricevuto un documento di chiamata ai sensi dell’ordine esecutivo sulla mobilitazione parziale, e a coloro che lo hanno fatto volontariamente, rispondendo alla chiamata dei loro cuori. Vorrei rivolgermi ai loro genitori, mogli e figli, per dire loro per cosa il nostro popolo sta combattendo, che tipo di nemico stiamo affrontando, e chi sta spingendo il mondo in nuove guerre e crisi e traendo benefici macchiati di sangue da questa tragedia”.

“I nostri compatrioti, i nostri fratelli e sorelle in Ucraina che fanno parte del nostro popolo unito hanno visto con i propri occhi ciò che la classe dominante del cosiddetto Occidente ha preparato per l’umanità nel suo insieme. Hanno lasciato cadere le loro maschere e mostrato di cosa sono veramente fatti. Quando l’Unione Sovietica crollò, l’Occidente decise che il mondo e tutti noi avremmo aderito permanentemente ai suoi dettami. Nel 1991, l’Occidente pensava che la Russia non si sarebbe mai alzata dopo tali shock e sarebbe caduta a pezzi da sola. Questo è quasi accaduto. Ricordiamo gli orribili anni 1990, affamati, freddi e senza speranza. Ma la Russia è rimasta in piedi, si è animata, è diventata più forte e ha occupato il suo giusto posto nel mondo”.

“Nel frattempo, l’Occidente ha continuato e continua a cercare un’altra possibilità per colpirci, per indebolire e distruggere la Russia, che hanno sempre sognato, per dividere il nostro stato e mettere i nostri popoli l’uno contro l’altro, e per condannarli alla povertà e all’estinzione. Non possono stare tranquilli sapendo che c’è un paese così grande con questo enorme territorio nel mondo, con le sue ricchezze naturali, le sue risorse e le persone che non possono e non vogliono fare gli ordini di qualcun altro”.

“L’Occidente è pronto a varcare ogni linea per preservare il sistema neocoloniale che gli permette di vivere del mondo, di saccheggiarlo grazie al dominio del dollaro e della tecnologia, di raccogliere un tributo reale dall’umanità, di estrarre la sua fonte primaria di prosperità non guadagnata, la rendita pagata all’egemone. La conservazione di questa rendita è la loro motivazione principale, reale e assolutamente egoistica. Questo è il motivo per cui la totale de-sovranizzazione è nel loro interesse. Questo spiega la loro aggressività verso gli stati indipendenti, i valori tradizionali e le culture autentiche, i loro tentativi di minare i processi internazionali e di integrazione, le nuove valute globali e i centri di sviluppo tecnologico che non possono controllare. È di fondamentale importanza per loro costringere tutti i paesi a cedere la loro sovranità agli Stati Uniti”.

“In alcuni paesi, le élite dominanti accettano volontariamente di farlo, accettano volontariamente di diventare vassalli; altri sono corrotti o intimiditi. E se questo non funziona, distruggono interi stati, lasciandosi alle spalle disastri umanitari, devastazioni, rovine, milioni di vite umane distrutte e rovinate, enclavi terroristiche, zone di disastri sociali, protettorati, colonie e semi-colonie. A loro non importa. Tutto ciò di cui si preoccupano è il loro beneficio. Voglio sottolineare ancora una volta che la loro insaziabilità e determinazione a preservare il loro dominio senza restrizioni sono le vere cause della guerra ibrida che l’Occidente collettivo sta conducendo contro la Russia. Non vogliono che siamo liberi; vogliono che siamo una colonia. Non vogliono una cooperazione paritaria; vogliono saccheggiare. Non vogliono vederci una società libera, ma una massa di schiavi senz’anima”.

“Vedono il nostro pensiero e la nostra filosofia come una minaccia diretta. Questo è il motivo per cui prendono di mira i nostri filosofi per l’assassinio. La nostra cultura e la nostra arte rappresentano un pericolo per loro, quindi stanno cercando di vietarle. Il nostro sviluppo e la nostra prosperità sono anche una minaccia per loro perché la concorrenza sta crescendo. Loro non vogliono o hanno bisogno della Russia, ma noi sì. Vorrei ricordarvi che in passato le ambizioni di dominio del mondo si sono ripetutamente infrante contro il coraggio e la resilienza del nostro popolo. La Russia sarà sempre la Russia. Continueremo a difendere i nostri valori e la nostra Patria”.

“L’Occidente conta sull’impunità, sulla capacità di farla franca con qualsiasi cosa. È un dato di fatto, questo era in realtà il caso fino a poco tempo fa. Gli accordi strategici di sicurezza sono stati cestinati; gli accordi raggiunti al più alto livello politico sono stati dichiarati alti racconti; le ferme promesse di non espandere la NATO a est hanno lasciato il posto a sporchi inganni non appena i nostri ex leader le hanno comprate; i trattati sulla difesa missilistica, sui missili a raggio intermedio e a corto raggio sono stati smantellati unilateralmente con pretesti inverosimili”.

“E tutto ciò che sentiamo è che l’Occidente sta insistendo su un ordine basato sulle regole. Da dove viene comunque? Chi ha mai visto queste regole? Chi li ha accettati o approvati? Ascolta, questo è solo un sacco di sciocchezze, inganno assoluto, doppi standard o anche tripli standard! Devono pensare che siamo stupidi. La Russia è una grande potenza millenaria, un’intera civiltà, e non vivrà secondo regole così false e improvvisate”.

“E’ stato il cosiddetto Occidente a calpestare il principio dell’inviolabilità dei confini, e ora sta decidendo, a propria discrezione, chi ha diritto all’autodeterminazione e chi no, chi ne è indegno. Non è chiaro su cosa si basino le loro decisioni o chi abbia dato loro il diritto di decidere in primo luogo. L’hanno solo assunto. Ecco perché la scelta delle persone in Crimea, Sebastopoli, Donetsk, Lugansk, Zaporozhye e Kherson li rende così furiosamente arrabbiati. L’Occidente non ha alcun diritto morale di pesare, o addirittura di pronunciare una parola sulla libertà della democrazia. Non lo fa e non lo ha mai fatto”.

“Le élite occidentali non solo negano la sovranità nazionale e il diritto internazionale. La loro egemonia ha caratteristiche pronunciate di totalitarismo, dispotismo e apartheid. Dividono sfacciatamente il mondo nei loro vassalli – i cosiddetti paesi civilizzati – e tutto il resto, che, secondo i disegni dei razzisti occidentali di oggi, dovrebbe essere aggiunto alla lista dei barbari e dei selvaggi. False etichette come “paese canaglia” o “regime autoritario” sono già disponibili e vengono utilizzate per stigmatizzare intere nazioni e stati, il che non è una novità. Non c’è nulla di nuovo in questo: in fondo, le élite occidentali sono rimaste gli stessi colonizzatori. Discriminano e dividono i popoli nel livello superiore e nel resto”.

“Non abbiamo mai accettato e non accetteremo mai tale nazionalismo politico e razzismo. Cos’altro, se non il razzismo, si sta diffondendo la russofobia in tutto il mondo? Qual è, se non il razzismo, la convinzione dogmatica dell’Occidente che la sua civiltà e la sua cultura neoliberista sono un modello indiscutibile da seguire per il mondo intero? “O sei con noi o contro di noi.” Sembra persino strano. Le élite occidentali stanno persino spostando il pentimento per i propri crimini storici su tutti gli altri, chiedendo che i cittadini dei loro paesi e di altri popoli confessino cose con cui non hanno nulla a che fare, ad esempio il periodo delle conquiste coloniali”.

“Vale la pena ricordare all’Occidente che ha iniziato la sua politica coloniale nel Medioevo, seguita dalla tratta mondiale degli schiavi, dal genocidio delle tribù indiane in America, dal saccheggio dell’India e dell’Africa, dalle guerre di Inghilterra e Francia contro la Cina, a seguito delle quali è stato costretto ad aprire i suoi porti al commercio dell’oppio. Quello che hanno fatto è stato agganciare intere nazioni alla droga e sterminare intenzionalmente interi gruppi etnici per accaparrarsi terra e risorse, cacciando persone come animali. Questo è contrario alla natura umana, alla verità, alla libertà e alla giustizia”.

“Mentre noi – siamo orgogliosi che nel 20° secolo il nostro paese ha guidato il movimento anti-coloniale, che ha aperto opportunità per molti popoli in tutto il mondo per fare progressi, ridurre la povertà e la disuguaglianza, e sconfiggere la fame e le malattie. Per sottolineare, una delle ragioni della secolare russofobia, l’animosità non nascosta delle élite occidentali nei confronti della Russia è proprio il fatto che non abbiamo permesso loro di derubarci durante il periodo delle conquiste coloniali e abbiamo costretto gli europei a commerciare con noi a condizioni reciprocamente vantaggiose. Ciò è stato ottenuto creando un forte stato centralizzato in Russia, che è cresciuto e si è rafforzato sulla base dei grandi valori morali del cristianesimo ortodosso, dell’islam, dell’ebraismo e del buddismo, nonché della cultura russa e della parola russa che erano aperti a tutti”.

“C’erano numerosi piani per invadere la Russia. Tali tentativi sono stati fatti durante il Periodo dei Guai nel 17° secolo e nel periodo di prove dopo la rivoluzione del 1917. Tutti hanno fallito. L’Occidente è riuscito a impadronirsi della ricchezza della Russia solo alla fine del 20° secolo, quando lo stato era stato distrutto. Ci chiamavano amici e partner, ma ci trattavano come una colonia, usando vari schemi per pompare trilioni di dollari fuori dal paese. Ricordiamo. Non abbiamo dimenticato nulla”.

“Pochi giorni fa, le persone a Donetsk e Lugansk, Kherson e Zaporozhye hanno dichiarato il loro sostegno per ripristinare la nostra unità storica. Grazie. I paesi occidentali hanno detto per secoli che portano libertà e democrazia ad altre nazioni. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Invece di portare la democrazia hanno soppresso e sfruttato, e invece di dare la libertà hanno schiavizzato e oppresso. Il mondo unipolare è intrinsecamente antidemocratico e non libero; è falso e ipocrita in tutto e per tutto”.

“Gli Stati Uniti sono l’unico paese al mondo che ha usato armi nucleari due volte, distruggendo le città di Hiroshima e Nagasaki in Giappone. E hanno creato un precedente. Ricordiamo che durante la seconda guerra mondiale gli Stati Uniti e la Gran Bretagna ridussero Dresda, Amburgo, Colonia e molte altre città tedesche in macerie, senza la minima necessità militare. È stato fatto ostentatamente e, ripeto, senza alcuna necessità militare. Avevano un solo obiettivo, come con il bombardamento nucleare delle città giapponesi: intimidire il nostro paese e il resto del mondo”.

“Gli Stati Uniti hanno lasciato una profonda cicatrice nella memoria del popolo della Corea e del Vietnam con i loro bombardamenti a tappeto e l’uso di napalm e armi chimiche. In realtà continua ad occupare la Germania, il Giappone, la Repubblica di Corea e altri paesi, che cinicamente chiamano uguali e alleati. Guardate ora, che tipo di alleanza è? Il mondo intero sa che gli alti funzionari di questi paesi vengono spiati e che i loro uffici e le loro case sono intercettati. È una vergogna, una vergogna per chi fa questo e per chi, come schiavi, ingoia silenziosamente e docilmente questo comportamento arrogante”.

“Chiamano gli ordini e le minacce che fanno ai loro vassalli solidarietà euro-atlantica, e la creazione di armi biologiche e l’uso di soggetti di test umani, anche in Ucraina, nobile ricerca medica. Sono le loro politiche distruttive, le guerre e il saccheggio che hanno scatenato la massiccia ondata di migranti di oggi. Milioni di persone sopportano difficoltà e umiliazioni o muoiono a migliaia nel tentativo di raggiungere l’Europa”.

“Ora esportano grano dall’Ucraina. Dove lo stanno portando con il pretesto di garantire la sicurezza alimentare dei paesi più poveri? Dove sta andando? Lo stanno portando negli stessi paesi europei. Solo il cinque per cento è stato consegnato ai paesi più poveri. Più imbrogli e nudi inganni di nuovo. In effetti, l’élite americana sta usando la tragedia di queste persone per indebolire i suoi rivali, per distruggere gli stati nazionali. Questo vale per l’Europa e per le identità di Francia, Italia, Spagna e altri paesi con storie secolari”.

“Washington chiede sempre più sanzioni contro la Russia e la maggioranza dei politici europei la asseconda obbedientemente. Capiscono chiaramente che facendo pressione sull’UE affinché rinunci completamente all’energia russa e ad altre risorse, gli Stati Uniti stanno praticamente spingendo l’Europa verso la deindustrializzazione nel tentativo di mettere le mani sull’intero mercato europeo. Queste élite europee capiscono tutto – lo fanno, ma preferiscono servire gli interessi degli altri. Questo non è più servilismo, ma tradimento diretto dei propri popoli. Dio benedica, dipende da loro”.

“Ma gli anglosassoni credono che le sanzioni non siano più sufficienti e ora si sono rivolti alla sovversione. Sembra incredibile, ma è un dato di fatto: provocando esplosioni sui gasdotti internazionali di Nord Stream che passano lungo il fondo del Mar Baltico, hanno effettivamente intrapreso la distruzione dell’intera infrastruttura energetica europea. È chiaro a tutti coloro che hanno da guadagnare. Coloro che ne beneficiano sono responsabili, ovviamente”.

“I dettami degli Stati Uniti sono sostenuti dalla forza grezza, sulla legge del pugno. A volte è ben avvolto a volte non c’è affatto avvolgimento, ma l’essenza è la stessa – la legge del pugno. Quindi, il dispiegamento e il mantenimento di centinaia di basi militari in tutti gli angoli del mondo, l’espansione della NATO e i tentativi di mettere insieme nuove alleanze militari, come AUKUS e simili. Si sta facendo molto per creare una catena politico-militare Washington-Seoul-Tokyo. Tutti gli Stati che possiedono o aspirano a una vera sovranità strategica e sono in grado di sfidare l’egemonia occidentale, sono automaticamente dichiarati nemici”.

“Questi sono i principi che sono alla base delle dottrine militari degli Stati Uniti e della NATO che richiedono un dominio totale. Le élite occidentali stanno presentando i loro piani neocolonialisti con la stessa ipocrisia, rivendicando intenzioni pacifiche, parlando di una sorta di deterrenza. Questa parola evasiva migra da una strategia all’altra, ma in realtà significa solo una cosa: minare tutti i centri di potere sovrani”.

“Abbiamo già sentito parlare della deterrenza di Russia, Cina e Iran. Credo che i prossimi in linea siano altri paesi dell’Asia, dell’America Latina, dell’Africa e del Medio Oriente, così come gli attuali partner e alleati degli Stati Uniti. Dopotutto, sappiamo che quando sono scontenti, introducono sanzioni anche contro i loro alleati – contro questa o quella banca o società. Questa è la loro pratica e la espanderanno. Hanno tutto nel mirino, compresi i nostri vicini della porta accanto, i paesi della CSI”.

“Allo stesso tempo, l’Occidente è stato chiaramente impegnato in un pio desiderio per molto tempo. Nel lanciare il blitzkrieg delle sanzioni contro la Russia, ad esempio, hanno pensato di poter ancora una volta allineare il mondo intero al loro comando. A quanto pare, tuttavia, una prospettiva così brillante non entusiasma tutti – a parte i masochisti politici completi e gli ammiratori di altre forme non convenzionali di relazioni internazionali. La maggior parte degli stati si rifiuta di “fare un saluto” e sceglie invece la strada sensata della cooperazione con la Russia”.

“L’Occidente chiaramente non si aspettava una tale insubordinazione. Si sono semplicemente abituati ad agire secondo un modello, ad afferrare quello che vogliono, con ricatti, corruzione, intimidazione, e si sono convinti che questi metodi avrebbero funzionato per sempre, come se si fossero fossilizzati in passato. Tale fiducia in se stessi è un prodotto diretto non solo del famigerato concetto di eccezionalismo – anche se non smette mai di stupire – ma anche della vera “fame di informazione” in Occidente. La verità è stata affogata in un oceano di miti, illusioni e falsi, usando una propaganda estremamente aggressiva, mentendo come Goebbels. Più incredibile è la menzogna, più velocemente le persone ci crederanno – è così che operano, secondo questo principio”.

“Ma le persone non possono essere nutrite con dollari ed euro stampati. Non puoi dar loro da mangiare con quei pezzi di carta, e la capitalizzazione virtuale e gonfiata delle società di social media occidentali non può riscaldare le loro case. Tutto ciò che sto dicendo è importante. E quello che ho appena detto non è da meno: non puoi nutrire nessuno con la carta – hai bisogno di cibo; e non puoi riscaldare la casa di nessuno con queste maiuscole gonfiate – hai bisogno di energia”.

“Ecco perché i politici in Europa devono convincere i loro concittadini a mangiare di meno, a fare la doccia meno spesso e a vestirsi più caldi a casa. E coloro che iniziano a fare domande giuste come “Perché è così, in effetti?” sono immediatamente dichiarati nemici, estremisti e radicali. Puntano indietro alla Russia e dicono: questa è la fonte di tutti i vostri problemi. Altre bugie”.

“Voglio sottolineare in particolare il fatto che ci sono tutte le ragioni per credere che le élite occidentali non cercheranno vie costruttive per uscire dalla crisi alimentare ed energetica globale di cui loro e solo loro sono da biasimare, a causa della loro politica a lungo termine, risalente a molto prima della nostra operazione militare speciale in Ucraina, nel Donbass. Non hanno alcuna intenzione di risolvere i problemi dell’ingiustizia e della disuguaglianza. Temo che preferirebbero usare altre formule con cui sono più a loro agio”.

“E qui è importante ricordare che l’Occidente si è salvato dalle sue sfide dei primi anni del 20° secolo con la prima guerra mondiale. I profitti della seconda guerra mondiale hanno aiutato gli Stati Uniti a superare finalmente la Grande Depressione e diventare la più grande economia del mondo, e ad imporre al pianeta il potere del dollaro come valuta di riserva globale. E la crisi del 1980 – le cose sono giunte di nuovo al culmine negli anni 1980 – l’Occidente ne è uscito indenne in gran parte appropriandosi dell’eredità e delle risorse dell’Unione Sovietica collassata e defunta. Questo è un dato di fatto”.

“Ora, per liberarsi dall’ultima rete di sfide, hanno bisogno di smantellare la Russia e altri stati che scelgono un percorso sovrano di sviluppo, a tutti i costi, per essere in grado di saccheggiare ulteriormente la ricchezza di altre nazioni e usarla per rattoppare i propri buchi. Se ciò non accade, non posso escludere che cercheranno di innescare un collasso dell’intero sistema e daranno la colpa di tutto a questo, o, Dio non voglia, decideranno di usare la vecchia formula della crescita economica attraverso la guerra”.

“La Russia è consapevole della sua responsabilità nei confronti della comunità internazionale e farà ogni sforzo per garantire che prevalgano le teste più fredde. L’attuale modello neocoloniale è in definitiva condannato; questo è ovvio. Ma ripeto che i suoi veri padroni si aggrapperanno ad esso fino alla fine. Semplicemente non hanno nulla da offrire al mondo se non quello di mantenere lo stesso sistema di saccheggio e racket”.

“A loro non importa nulla del diritto naturale di miliardi di persone, la maggioranza dell’umanità, alla libertà e alla giustizia, al diritto di determinare il proprio futuro. Sono già passati alla negazione radicale dei valori morali, religiosi e familiari”.

“Rispondiamo ad alcune domande molto semplici per noi stessi. Ora vorrei tornare a quello che ho detto e voglio rivolgermi anche a tutti i cittadini del paese – non solo ai colleghi che sono in aula – ma a tutti i cittadini della Russia: vogliamo avere qui, nel nostro paese, in Russia, “genitore numero uno, genitore numero due e genitore numero tre” (l’hanno completamente perso!) invece di madre e padre? Vogliamo che le nostre scuole impongano ai nostri figli, fin dai primi giorni di scuola, perversioni che portano al degrado e all’estinzione? Vogliamo tamburellare nelle loro teste l’idea che esistano certi altri generi insieme a donne e uomini e offrire loro un intervento chirurgico di riassegnazione di genere? È questo che vogliamo per il nostro paese e per i nostri figli? Tutto ciò è inaccettabile per noi. Abbiamo un nostro futuro diverso”.

“Permettetemi di ripetere che la dittatura delle élite occidentali prende di mira tutte le società, compresi gli stessi cittadini dei paesi occidentali. Questa è una sfida per tutti. Questa completa rinuncia a ciò che significa essere umani, il rovesciamento della fede e dei valori tradizionali e la soppressione della libertà stanno arrivando ad assomigliare a una “religione al contrario” – puro satanismo. Smascherando i falsi messia, Gesù Cristo disse nel Sermone sul Monte: “Dai loro frutti li riconoscerete”. Questi frutti velenosi sono già evidenti alle persone, e non solo nel nostro paese ma anche in tutti i paesi, comprese molte persone nello stesso Occidente”.

“Il mondo è entrato in un periodo di trasformazione fondamentale e rivoluzionaria. Stanno emergendo nuovi centri di potere. Rappresentano la maggioranza – la maggioranza! – della comunità internazionale. Sono pronti non solo a dichiarare i loro interessi, ma anche a proteggerli. Vedono nel multipolarismo un’opportunità per rafforzare la loro sovranità, il che significa ottenere una vera libertà, prospettive storiche e il diritto alle proprie forme di sviluppo indipendenti, creative e distintive, a un processo armonioso”.

“Come ho già detto, abbiamo molte persone che la pensano allo stesso modo in Europa e negli Stati Uniti, e sentiamo e vediamo il loro sostegno. Un movimento essenzialmente emancipatorio e anticoloniale contro l’egemonia unipolare sta prendendo forma nei paesi e nelle società più diverse. Il suo potere crescerà solo con il tempo. È questa forza che determinerà la nostra futura realtà geopolitica”.

“Oggi stiamo lottando per un percorso giusto e libero, prima di tutto per noi stessi, per la Russia, al fine di lasciare il dettato e il dispotismo nel passato. Sono convinto che i paesi e i popoli comprendano che una politica basata sull’eccezionalità di chiunque essa sia e sulla soppressione di altre culture e popoli è intrinsecamente criminale, e che dobbiamo chiudere questo capitolo vergognoso. Il crollo in corso dell’egemonia occidentale è irreversibile. E ripeto: le cose non saranno più le stesse”.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

ESTERI

Moldavia, il governo europeista di Sandu fa chiudere il quinto canale

© Rec News -

del

Moldavia, il governo europeista di Sandu fa chiudere il quinto canale | Rec News dir. Zaira Bartucca
EPA-EFE/DUMITRU DORU

Il governo moldavo guidato dall’europeista di ferro Maia Sandu ha sospeso la licenza a un altro canale televisivo. Questa volta a fare le spese delle politiche repressive in fatto di libertà di stampa è stato il quinto canale. La decisione della sospensione è stata presa dal Consiglio per la promozione dei progetti di investimento di importanza nazionale il 21 di questo mese, ed è stata motivata con la necessità di esaminare la documentazione relativa alla concessione all’emittente. “Troppi file da consultare”, la scusa arrivata dal Palazzo di Chisinau, mentre fuori le proteste dei giornalisti imbavagliati si fanno sempre più accese.

“Questo caso dimostra ancora una volta che in Moldavia non ci sono più media liberi, poiché il governo teme che un canale televisivo possa compromettere la sicurezza dello Stato”, ha detto Ludmila Belcencova, presidente dell’organizzazione non governativa di giornalisti Stop Media Ban. “Il nostro governo tratta i giornalisti come criminali e questo dovrebbe preoccupare molto la comunità internazionale”, ha detto ancora Belcencova, che ha ricordato il ruolo usurpatore di alcuni organismi.

“Sono ormai due anni – ha detto l’attivista – che il giornalismo in Moldavia non è regolato dal Consiglio per l’audiovisivo, ma da organismi che non hanno nulla a che fare con i media, come la commissione temporanea creata per mitigare la crisi energetica o gli investimenti. Questo dimostra solo che il nostro governo ha troppa paura del pluralismo delle opinioni e delle voci della gente. Non c’è più libertà di parola in Moldavia”. Da qui la richiesta, conclusiva, rivolta alla comunità europea di “prendere posizione contro la repressione della libertà di stampa e di parola in Moldavia”.

Continua a leggere

ESTERI

Scandali, presunti decessi, arrivi e partenze. Il lavorìo per far cadere la Monarchia in Gran Bretagna

© Rec News -

del

Scandali, presunti decessi, arrivi e partenze. Il lavorìo per far cadere la Monarchia in Gran Bretagna | Rec News dir. Zaira Bartucca

E’ un brutto momento per la corona britannica. E, si direbbe, nulla è casuale. L’elezione di Carlo III ha dato il “la” – oltre che a un regno a guida maschile – alle mire di chi non vede di buon occhio la monarchia. E’ infatti con Carlo – sovrano flemmatico e poco carismatico – che si stanno di giorno in giorno moltiplicando le manifestazioni di chi chiede – a torto o a ragione – una nuova forma di governo per la Gran Bretagna.

Un modo per farle pagare l’uscita dall’Europa? O la conseguenza prevedibile della scomparsa di Elisabetta II? Non si sa ma quel che è certo è che anche a quelle latitudini i burattinai si stanno dando un gran da fare. Pianificando e diramando un comunicato clamoroso dietro l’altro, poi ripresi a ruota dai social: la malattia di Carlo, il ritorno a Corte dell’amico di Epstein Andrea e, adesso, perfino il decesso di Kate Middleton.

Quanto ci sia di vero è difficile saperlo. Quel che è certo è che l’obiettivo delle fughe di notizie – vere o presunte tali – è quello di restituire l’immagine di un regno debole, che si smantella ogni giorno di più a colpi di esternazioni tutt’altro che casuali.

Continua a leggere

ESTERI

Canada, proposta
di legge di Trudeau
per silenziare il dissenso online

© Rec News -

del

Canada, proposta di legge di Trudeau per silenziare il dissenso online | Rec News dir. Zaira Bartucca

Che Justin Trudeau, il primo ministro canadese, non fosse un campione in fatto di libertà garantite lo si era capito nel periodo covid, quando aveva promosso lockdown, Green Pass e vaccinazioni di massa. Adesso a certificare quest’ansia di controllo è arrivata una proposta di legge sui social media che si chiama Online Harms Act, che dietro gli apparenti buoni propositi nasconderebbe la volontà di silenziare il dissenso online, sempre maggiore dopo le scelte impopolari assunte da Trudeau.

Secondo Fox News la proposta scaturita dal disegno di legge del ministro alla Giustizia Arif Virani, consentirebbe di punire una persona prima che abbia commesso un reato, sulla base di informazioni quali la recidività del soggetto e il suo comportamento. Un’applicazione di quella Giustizia predittiva di cui si sente parlare sempre più spesso. “Un giudice provinciale – hanno rimarcato dall’emittente statunitense – potrebbe imporre gli arresti domiciliari o una multa se ci fossero ragionevoli motivi per credere che un imputato commetterà un reato.”

Una proposta che non ha frenato il dissenso online in Canada ma, anzi, lo ha aumentato, come raccontano le esternazioni di alcuni utenti alla notizia del prosieguo dell’iter del disegno di legge C – 63, pubblicato a febbraio e dal cui testo si è giunti all’Online Harms Act. “Riposa in pace libertà di parola”, ha scritto un utente canadese, mentre un altro ha ipotizzato che il primo ministro voglia assumere “un ruolo da dittatore”.

La versione del governo canadese

Ovviamente – come dicevamo – non sono mancate le giustificazioni da parte del governo canadese, che non vorrebbe altro che “frenare l’incitamento all’odio online”. E, a questo fine, starebbe facendo scandagliare i contenuti che conterrebbero “estremismo” e “violenza” e quelli dannosi per i minori. Cosa Trudeau intenda per “estremismo” e “violenza” non è però chiaro, né cosa consideri dannoso per i minori, giacché nei fatti a eccezione di molti post di dissenso silenziati tutto è rimasto praticamente immutato. E se tanti sono stati i proclami del governo canadese per proteggere i bambini dallo sfruttamento online, nei fatti nulla è stato fatto per rendere più attiva la macchina della giustizia quando si tratta di punire molestatori, pedofili e altre categorie che inquinano la rete.

Un recente sondaggio dell’Istituto Leger, del resto, ha rilevato che meno della metà dei canadesi pensa che l’Online Harms Act si tradurrà in un’atmosfera più sicura online. Parte degli interpellati hanno infatti detto di essere “diffidenti” nei confronti della capacità del governo di proteggere la libertà di parola.

Continua a leggere

ESTERI

Il record di Biden suggellato da un report. In una cosa ha superato Trump, Biden e Obama

© Rec News -

del

Il record di Biden suggellato da un report. In una cosa ha superato Trump, Biden e Obama | Rec News dir. Zaira Bartucca
JIM WATSON/AFP via Getty Images

Un rapporto di questo fine settimana pubblicato dal New York Post ha osservato che solo nel 2023 il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha trascorso 138 giorni in vacanza in luoghi come Rehoboth Beach nel Delaware o a Camp David. Questo significa che Biden non solo si è dimostrato incurante degli scandali che stanno travolgendo la sua famiglia e il figlio Hunter in particolare, ma anzi ha speso più di un terzo dell’anno – il 37%, per la precisione — a non lavorare.

Questa tendenza non è nuova per Biden, anzi è un qualcosa che è iniziato nel 2021 ed è continuato nei due anni successivi. Nel corso della sua presidenza, secondo il Comitato nazionale repubblicano (RNC), Biden ha trascorso ben 417 giorni in vacanza. Attualmente si trova a St. Croix, nelle Isole Vergini, per festeggiare il Capodanno.

Un rapporto del New York Post ha osservato che ogni anno il presidente Biden ha preso più giorni di vacanza lontano dalla Casa Bianca rispetto ai suoi predecessori – Trump, Barack Obama e George W. Bush – durante le loro intere presidenze. Trump si è assentato dalla Casa Bianca 132 giorni in quattro anni. Bush ha trascorso 100 giorni del suo mandato nel suo ranch in Texas, mentre Obama, osserva il rapporto, ha passato 38 giorni lontano dagli impegni istituzionali.

L’ex presidente Donald Trump – in corsa per le presidenziali del 2024 – ha puntualizzato che il record mostra la lontananza di Biden dagli impegni assunti, e che lo stare continuamente in spiaggia impedisce al presidente in carica di compiere qualunque lavoro effettivo per il Paese. Anche se – è il commento ironico affidato ai giornalisti – la lontananza dai suoi uffici non è necessariamente negativa: “Se solo Biden fosse andato in quella spiaggia dove va così tanto e si fosse seduto lì cercando di sollevare la sedia, che pesa circa tre once, allora le cose sarebbero andate meglio per il Paese. Almeno non avrebbe distrutto il lavoro dei suoi predecessori”, ha detto Trump di recente.

I commenti sono arrivati durante l’ultima intervista di oltre due ore rilasciata a Breitbart News lo scorso giovedì dalla sua dimora di Mar-a-Lago, nel sud della Florida.

Continua a leggere
img

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione