Periodico di Inchieste

Crisanti shock: “Chi diffonde il virus va stanato subito”


Errore inconsapevole o voluta affermazione, il padre del controverso “modello” di Vo Euganeo ha usato un termine che fino ad ora era utilizzato per i criminali che si danno alla macchia o per i cacciatori che catturano la preda. Forse, non è chi manifesta per disperazione che dovrebbe abbassare i toni



Foto Marco Bergamaschi

“Così sarà una catastrofe, chi diffonde il virus va stanato subito”. La dichiarazione shock – rilasciata a Enrico Ferro di Repubblica – è di Andrea Crisanti, il “padre” del controverso “modello” di Vo Euganeo già teorico del presidente della Regione Veneto Luca Zaia. Dopo quanto affermato dalla psichiatra Adelia Lucattini e da Daniela De Robert, un’altra frase che farà discutere, anche se alla discussione in casi come questi non si dovrebbe neanche arrivare. Non c’è da stupirsi che Crisanti sia così vicino al governatore del Veneto: il retaggio – dalle pene detentive per i positivi all’equiparazione di chi ha il virus ad untore da trovare e rinchiudere – sembra essere comune.



Sarà la genetica il campo privilegiato del medico dell’Asl di Padova, forse meno la lingua italiana. Può quindi trattarsi di un inconsapevole errore, o di una voluta affermazione fatta per iniziare a sdoganare l’utilizzo della forza e della coercizione, proprio come sta accadendo in Cina. Fatto sta che “stanare” significa, letteralmente, “togliere dalla tana”, da un nascondiglio. Per esteso, dalla propria abitazione. Si “stanano” i criminali che si sono dati alla macchia, o il cacciatore “stana” la preda. Le persone no, non si stanano. E se sono malate (e quando sono positive non è detto che lo siano) si curano. In ospedale – da malati conclamati – ci vanno con i loro piedi o accompagnati, certo non prelevati a forza dalle proprie abitazioni. Forse, non è chi manifesta per disperazione che dovrebbe abbassare i toni.



beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (Art.14) che è “inviolabile” come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell’autorità giudiziaria (Art.13). Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc.) se non è previsto dalla legge, non dai Dpcm e dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convinzioni religiose o sociali. L’obiezione di coscienza è un diritto. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


3 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.