Seguici

© Rec News -

del

Lo spiega proprio oggi dalle nostre colonne Gunter Pauli: il data mining (l’estrazione di dati), è il business del futuro. I dati – i big data – sono l’oro immateriale del terzo millennio. Una possibilità forse inevitabile, ma da gestire con un occhio verso i diritti di chi è titolare dei singoli dati, e dunque della Privacy. Tanti sono infatti gli interrogativi che rimangono in piedi. Quel che è certo è che dopo il virus, i vaccini e il 5G, ora ci tocca anche sorbirci l’esercito dei cantori dei big data. E’ formato da uno stuolo di influencers presi in prestito dal governo ombra tecnocratico, dalla lobby farmaceutica più direttamente influenzata da Bill Gates e altri magnati, dalle università e ovviamente dalle aziende e dalla politica.

Ognuno se la rigira a modo suo: c’è chi parla di sovranità digitale, chi la butta sul controllo sanitario “per scongiurare un’altra epidemia” e chi ci mette un orpello scientifico. Il governo, intanto, esegue supino, e c’è chi vuole che in un momento in cui si lavora alla rete unica parole e opere di Beppe Grillo abbiano più peso di Conte e dei ministri chiamati solo a fare da portavoce. Se non altro, grazie a loro è ormai diventato lampante che la presunta epidemia sia solo un pretesto per forzare le cose nella direzione dello sfruttamento dei dati personali e, ovviamente, del controllo. Lasciando, magari, il telecomando nelle mani di Pechino, come di sicuro auspicherebbero Conte, Di Maio e gli altri affaccendati alla corte di Xi.

E’ proprio il controllo che rende labile la narrazione di Beppe Grillo: una rete unica nazionale gestita da un governo guidato da un premier che crede di avere pieni poteri, che detiene la delega ai Servizi e rinnova gli incarichi dei vertici dell’Intelligence a sua discrezione, che risvolti può avere? Un assaggio – drammatico – lo abbiamo avuto in piena gestione della crisi, tra droni, instaurazione di uno stato di polizia e terrorismo mediatico indotto. Chi pensa che siano teorie del complotto, può rispolverare le vicende di spionaggio della National Security Agency o di Cambridge Analytica.

Aspetti che importano poco a Ilaria Capua, laureata in veterinaria1 legata a doppio filo con certo establishment, autrice di diverse lectio-magistralis incentrate, guarda caso, proprio sui big data. “Possiamo misurare per la prima volta tutto. Dal 1900 al 1999 ci sono state 4 pandemie di influenza. Allora non c’era certamente la stessa velocità di movimento delle persone che portano il virus che vediamo oggi. Ma non c’era neanche questa velocità delle informazioni, a volte giuste a volte sbagliate. Questa pandemia ci porta una quantità di dati pazzesca. E per cogliere questa opportunità ci vuole la massima condivisione delle informazioni”, ha detto a luglio all’Adnkronos.

Capua è inoltre impegnata assieme a Fabiola Gianotti del CERN di Ginevra nel progetto relativo alla piattaforma Zenodo, un maxi-archivio di dati che secondo i promotori saranno utilizzati a scopo di studio prevalentemente sanitario, ma non è chiaro né da dove verranno estratti, né da chi e in che modo verranno gestiti e trattati. Né, in ultima analisi, se i cittadini siano consapevoli o meno di rilasciare dati per piattaforme come queste, o se vengano informati dell’archiviazione di dati sensibili nel momento in cui si sottopongono a test come quelli sierologici (archivio dati anni 40).

Anche Crisanti è stato scritturato per portare avanti la narrazione sull’utilità e l’urgenza di sfruttare la presunta emergenza sanitaria ai fini di un controllo massivo della cittadinanza. L’esperimento sociale portato avanti a Vo Euganeo (il più grande laboratorio italiano dove sono stati effettuati esperimenti di massa nel corso del periodo di crisi) parla, del resto, chiaro. C’è chi lo vuole alle dirette dipendenze di Bill Gates, da cui sarebbe finanziato, ma vero o no il creatore delle zanzare gender ha le idee chiare: “La sfida – ha detto di recente – è creare un sistema di sorveglianza attiva e capillare”.

CONTROLLO

App IO, il governo non si arrende

L’applicazione in passato era stata giudicata non idonea per ospitare il Green Pass. Le novità all’orizzonte

© Rec News -

del

App IO, il governo non si arrende | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine Ansa

Lo avevamo anticipato: il governo è risoluto a tirare dritto con l’app IO nonostante le forti riserve avanzate dal Garante per la Privacy. L’ Autorità a tutela della riservatezza lo scorso anno aveva apposto una pietra tombale sull’applicazione che era stata scelta per ospitare il Green Pass, giudicata non idonea per il trattamento sicuro dei dati personali e colpevole di favorire per mezzo di Google e Mixpanel il trasferimento di dati verso Paesi terzi. Puntualizzazioni che allora non hanno preoccupato il titolare del dicastero all’Innovazione Vittorio Colao, che ha comunque mandato avanti il lavorìo sotteso all’implementazione

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

CONTROLLO

Un esoscheletro robotico per lavorare, il futuro che piace a INAIL e IIT

Si tratta di braccia e gambe robotiche collegate al tronco che sfruttano l’intelligenza artificiale. Ecco le aziende in lizza per la loro produzione in Italia

© Rec News -

del

Un esoscheletro robotico per lavorare, il futuro che piace a INAIL e IIT | Rec News dir. Zaira Bartucca

Nel regno animale a essere dotati di esoscheletro sono i crostacei e gli insetti, ma molti sono convinti che il derivato tecnologico già sperimentato in Giappone dal transumanista Yoshiyuki Sankai (convinto sostenitore della fusione tra uomo e macchina) possa essere d’aiuto anche agli esseri umani. Così INAIL, al lavoro con una startup italiana per la promozione e la vendita di un esoscheletro indossabile. Dispositivi simili vengono già utilizzano in ambito militare e riabilitativo. In pratica si tratta di braccia e gambe robotiche collegate al tronco che consentirebbero di aumentare il carico di lavoro diminuendone la percezione e al contempo – sostiene l’Istituto nazionale – ridurre i casi di infortunio alla parte alta del corpo.

La tecnologia sperimentale sfrutta l’intelligenza artificiale e secondo le intenzioni potrebbe essere applicata in ambito industriale, manifatturiero, meccanico, edilizio, logistico, alimentare e agricolo. La promessa è quella di ridurre la percezione del carico sollevato di circa 20 chili, ma non è ancora chiaro quale impatto possa avere sull’organismo l’utilizzo giornaliero e prolungato di questi dispositivi elettronici.

Le aziende il lizza per la produzione

la domanda non sfiora i sindacati, così INAIL e l’Istituto Italiano di Tecnologia sono alacremente al lavoro su tre propotipi:  XoTrunk, XoShoulder e XoElbow. Il lancio sul mercato – previsto per i prossimi mesi – sarà affidato a Proteso S.R.L.S., startup di Milano con quartier generale a Genova. Il settore solletica anche Esselunga, che a febbraio di quest’anno ha annunciato una collaborazione con Comau, società controllata al 100% dal colosso automobilistico Stellantis, nato dalla fusione di FCA (Fiat Chrysler Automobiles) e PSA. Anche l’Istituto Prosperius è al lavoro su questo tipo di tecnologia e già nel 2015 ha presentato il suo prototipo Ekso, più connesso all’ambito medico e prodotto dalla statunitense Ekso Bionics.

Continua a leggere

CONTROLLO

Il nome dei satelliti dell’ASI lo propongono gli studenti, Parmitano e Cristoforetti approvano

La costellazione satellitare è un programma spaziale europeo di Osservazione e controllo della Terra a bassa quota che secondo le previsioni sarà realizzato in Italia e completato entro cinque anni con il supporto dell’Agenzia Spaziale Europea e dell’Agenzia Spaziale Italiana attingendo ai fondi del PNRR. ASI: “Occhi in grado di scrutare la terra metro per metro”

© Rec News -

del

Il nome dei satelliti dell'ASI lo propongono gli studenti, Parmitano e Cristoforetti approvano | Rec News dir. Zaira Bartucca

Oltre mille proposte ricevute e 638 istituti scolastici partecipanti: con questi numeri si è chiuso “Spazio alle idee”, il concorso lanciato dal Dipartimento per la trasformazione digitale con il Ministero dell’Istruzione e l’Agenzia Spaziale Italiana per dare un nome alla futura costellazione satellitare per l’Osservazione della Terra in orbita bassa. Il contest ha coinvolto tutte le classi delle scuole primarie e secondarie di I e II grado. A selezionare il nome vincitore sarà ora una commissione esaminatrice composta dagli astronauti italiani dell’Agenzia Spaziale Europea: Samantha Cristoforetti, Luca Parmitano e Roberto Vittori. Il nome prescelto per la costellazione verrà annunciato prossimamente.

Il Progetto e i satelliti Cosmo Sky Med di prima e seconda generazione

La costellazione satellitare è un programma spaziale europeo di Osservazione e controllo della Terra a bassa quota che secondo le previsioni sarà realizzato in Italia e completato entro cinque anni con il supporto dell’Agenzia Spaziale Europea e dell’Agenzia Spaziale Italiana attingendo ai fondi del PNRR. Il progetto coinvolgerà anche la Protezione Civile e altre amministrazioni, dicono i promotori “per contrastare il dissesto idrogeologico e gli incendi, tutelare le coste, monitorare le infrastrutture critiche, la qualità dell’aria e le condizioni meteorologiche. Fornirà, infine, dati analitici per lo sviluppo di applicazioni commerciali da parte di startup, piccole e medie imprese e industrie di settore”.

Se si guarda alla Privacy e alle occasioni di controllo che negli ultimi tempi si sono moltiplicate, un po’ meno incoraggiante è la descrizione del progetto che viene fatta sul sito dell’ASI: “COSMO-SkyMed – si legge – è la prima missione di Osservazione della Terra concepita per scopi duali, civili e militari. I suoi satelliti di prima e seconda generazione sono “occhi” in grado di scrutare la Terra dallo spazio metro per metro, di giorno e di notte, con ogni condizione meteo”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione