Periodico di Inchieste

Di Lorenzo (Irbm Pomezia): “Produciamo il vaccino da mesi”. Ma la fase 3 non è ancora finita


Il presidente dell’Irbm di Pomezia: “Le agenzie devono darsi da fare per eliminare tutti i tempi burocratici e per accelerare il processo“. La sperimentazione, però, non è terminata



“Il vaccino deve essere sottoposto a tutte le leggi di sicurezza fissate. Non per niente l’Oms ha parlato di 18 mesi. Se si vuole fare una scorciatoia si può fare in 12 mesi, ma in ogni caso ci sono delle fasi indispensabili una volta che il vaccino è pronto. Ormai ci sono fattori etici. Non siamo a Norimberga, per intenderci”. Sono le dichiarazioni rilasciate lo scorso aprile dal dottor Giulio Tarro a Rec News, il quale metteva in guardia dai tagli alla filiera della sperimentazione per giungere a un vaccino in tempi rapidi, fosse anche sacrificando la sicurezza.


Finora Moderna, Johnson&Johnson e AstraZeneca non hanno fornito risultati incoraggianti in fase di sperimentazione. Per quanto riguarda l’ultima azienda, una delle cavie umane impiegate in Brasile che si era iscritta al programma di sperimentazione è deceduta, anche se l’azienda afferma che non avesse ricevuto la dose di vaccino. La difficoltà da parte del governo a interrompere gli accordi milionari sottoscritti a scatola chiusa prima della fine della sperimentazione, del resto, sono oggettive. Il vaccino deve esserci, deve essere assunto “almeno dal 50% della popolazione”, anche se è lecito nutrire riserve verso sicurezza ed efficacia: il virus muta, avvertono i virologi lontani dal cono d’ombra dei media di sistema.


Il presidente di Irbm Pomezia Piero Di Lorenzo con Giuseppe Conte. Il governo e l’azienda lo scorso giugno hanno sottoscritto un accordo per la fornitura delle dosi del vaccino AstraZeneca

A inquietare ulteriormente, ora, sono le stesse parole di Piero Di Lorenzo, il presidente dell’Irbm di Pomezia, l’azienda produttrice del vaccino di AstraZeneca. Intervenuto a Omnibus di La7, il dirigente ha spiegato: “Grazie alla forza economica e organizzativa della leader del progetto, la multinazionale AstraZeneca, abbiamo cominciato a produrre il vaccino già da mesi“. Le dichiarazioni sono state riprese da Repubblica. La fase 3 relativa alla sperimentazione che dovrebbe suggellare la sicurezza del prodotto non è stata ancora ultimata, ma Di Lorenzo tira dritto: “In questa situazione, che non è normale visti milioni di malati e di morti (?) sono certo che le agenzie si daranno da fare per eliminare tutti i tempi burocratici e per accelerare il processo“.


I diciotto mesi dell’Oms e i dodici degli esperti, insomma, per l’azienda che ha stretto accordi di ferro con il governo Conte vanno accantonati: se la produzione fosse iniziata a giugno in concomitanza della sottoscrizione degli accordi di Villa Pamphilij tra governo e AstraZeneca, e se il vaccino fosse pronto “entro la fine dell’anno” come auspicato, sarebbero trascorsi appena 6 mesi dalla produzione alla commercializzazione, a tutto svantaggio – secondo medici ed esperti – per la sicurazza.



beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (Art.14) che è “inviolabile” come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell’autorità giudiziaria (Art.13). Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc.) se non è previsto dalla legge, non dai Dpcm e dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convinzioni religiose o sociali. L’obiezione di coscienza è un diritto. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.