Periodico di Inchieste

Lucattini shock, trattamenti sanitari e psichiatria per chi “sfida il virus”


Desiderio di tornare a una vita normale e senza paranoie, voglia di andare al mare, di abbracciare un amico, di festeggiare? Per la dottoressa fa tutto parte di un “disturbo”



Desiderio di tornare a una vita normale, senza paranoie, voglia di andare al mare, di abbracciare un amico, di festeggiare? Per Adelia Lucattini – psichiatra, psicoanalista ed esperta di omeopatia – fa tutto parte di un “disturbo”. E’ quanto ha riferito all’Adnkronos Salute. In pratica i “comportamenti irragionavoli” – come li chiama l’agenzia di stampa – quali il mancato utilizzo della mascherina a luglio, gli aperitivi e i contatti sociali, sarebbero legati – spiega Lucattini, “a un disturbo cosiddetto da ansia depressiva reattiva: una risposta alla paura che porta un’inversione del tono dell’umore, che si alza troppo, fino a negare la realtà”.



Un “disturbo” che starebbe affliggendo personalità come il professore Giulio Tarro, il dottor Zangrillo, che nei mesi scorsi non avrebbe risparmiato il presidente dell’Ordine nazionale dei Biologi Vicenzo D’Anna e che si manifesta a cadenza regolare nel critico d’Arte e politico Vittorio Sgarbi. Ma – chiosa la stessa Adnkronos – ce ne sono “a migliaia”. E’ un’epidemia che fa più contagi dello stesso coronavirus, che miete vittime in piena calura estiva (il virus non scompariva a 26 gradi?) e si passa di ombrellone in ombrellone, di stretta di mano in stretta di mano e se ci si azzarda a stare a 50 centimetri di distanza dall’altro.


Per il morbo che colpisce gli scettici – quelli che danno più peso ai dati sui falsi positivi, a quelli Istat e perfino alle ammissioni di Borrelli e Gallera – c’è già una cura. Meglio, un insieme di cure. “Io consiglio – spiega Lucattini – una psicoterapia analitica breve in 12 incontri, in cui si lavora sul problema specifico, ma ritengo fondamentale e molto utile combinare le diverse terapie: la psicoterapia e i farmaci tradizionali“. Poi, spiega, anche gli integratori, i rimedi omeopatici e magari lo joga, ma fondamentalmente medicine e sedute grazie a cui, alla fine, si dovrà per forza accettare l’invadenza del virus in ogni aspetto della propria vita.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm – per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Thomas
Thomas
3 mesi fa

Questa è proprio fuori…si faccia visitare da un bravo psicologo

error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.