Iscrizione Roc (AgCom) n. 31911

Se il governo non ammette gli errori di Pechino, un motivo c’è


“Il governo Conte ha sbagliato tutto. E’ riuscito a rovinare un Paese come l’Italia in meno di un anno. Come hanno voluto il premier e la sua compagnia scombinata, ministri che…”



Il governo Conte ha sbagliato tutto. E’ riuscito a rovinare un Paese come l’Italia in meno di un anno. Come hanno voluto il premier e la sua compagnia scombinata, ministri illetterati entrati nella storia come i peggiori traditori d’Italia, come gli assassini che hanno costruito la fame; affamati di potere che hanno dimenticato i loro figli: i cittadini. Carissimo presidente Conte, lei si è mai domandato in che terra vivrà suo figlio quando finirà tutto? Come fa a sentirsi così sicuro nel mani di questi scienziati?


Lei è il presidente di sé stesso, ma non degli italiani che hanno una loro terra, una loro cultura, una storia e intelligenza. Non sono come quei premier cui piace bere alcolici e poi uscire sulle tv nazionali, invisi persino ai propri paesani. Sembra che il tempo vada contro di lei e contro questo governo. Mi dispiace per le Forze armate prese in giro da lei, che hanno giurato per proteggere la Sicurezza dello Stato e i cittadini e vengono umiliate. Uno Stato svenduto alla Cina e a chi lo abita per trenta denari, senza esitazione.


Lei comanda contro i cittadini e contro le leggi dello Stato. Le domando: se lei è avvocato, come ha fatto a prendere la laurea se non è consapevole dei diritti contenuti nella Costituzione e della forma di governo? L’Italia è una Repubblica parlamentare e non presidenziale, ma lei si comporta come se non fosse così. In parole povere lei ha fatto l’avvocato del diavolo, non del popolo italiano. Essere servo di se stesso e delle èlite fa male e sono sicuro che ogni tanto guardando allo specchio lei vede tutto quello che è diventato. Questo è il vostro governo. Un governo che ha paura di uscire dai palazzi perché sulle poltrona c’è una colla che non permette di alzarsi e di incontrare i cittadini, che è assurdo. Lei di sicuro farà la storia.


Gli esperti dicono che il coronavirus sparisce quando viene caldo, come tantissimi virus al mondo. Stranamente il caldo quest’anno non viene presto, vero? Se il governo sente e fa tutto quello che dice qualche scienziato “troppo studioso” perche non si fa sostituire dagli stessi scienziati? Si vede che lei non è in grado di amministrare il governo. Carissimo presidente, ma proprio carissimo. Lei prende lo stipendio dallo Stato o dalle aziende connsse a Colao e Bill Gates? Milioni di italiani intanto non hanno lavoro e fra un po’ non avranno neanche da mangiare per i bambini.


Gli imprenditori chiuderanno perché non avranno soldi per pagare dipendenti e affitto o per far fronte agli altri costi. La speranza finisce per tutti e il tempo “della ricostruzione”, come dice l’avvocato di sé stesso, non vale più nulla. Avete sbagliato con la Cina e con il 5G che come dice il suo consulente ha provocato o aumentato i sintomi del virus. I vaccini vi piacciono? Prendetene un paio per voi stessi e fateveli iniettare davanti ai telespettatori, forse vi passa la voglia di pensare ai soldi sporchi della Cina e della fondazione di Bill Gates. Se volete diminuire la popolazione, cominciate da voi stessi. 


Il migliore vaccino per tutti esiste. Bisogna buttare le antenne 5G. Perché non dice a tutti i cittadini che le onde millimetriche fanno male non solo all’organismo umano ma pure alle piante, alberi, api, animali, uccelli? Se non è così, provi a mettere assieme ai suoi ministri e alle sue task-force la mano nel microonde per cinque secondi al giorno davanti ai telespettatori. Perché nessuno di questo governo ha mai detto quanto miliardi l’Italia ha speso per la Via della seta e per il 5G stesso? Siete nel torto e non sapete governare, questo spiega tutto. E mi domando: Di Maio dov’è? Sparito dal nulla? Stanco di governare? Come mai ha fatto un passo indietro dopo aver fatto salire lei al governo? Perché ha cambiato ministero?


Lei presidente non ha mai pensato ai cittadini, questa è la verita. Il governo vuole rovinare questo bellissimo Paese. Non sapete governarlo, perché non siete altro che incapaci figli di papà raccomandati. Per me l’Italia fa parte di me stesso. Ho le idee chiare e ho provato tante volte a regalarle. Non vogliono ascoltare e quindi è chiaro che l’obiettivo non è fare bene al territorio italiano. Il migliore augurio che si possa fare a questo popolo a cui io voglio bene, è che il suo governo cada presto.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.