Seguici
FdI come il Pd. Lollobrigida: "Quest'anno lavoreremo per far entrare 500mila migranti" (video) | Rec News dir. Zaira Bartucca FdI come il Pd. Lollobrigida: "Quest'anno lavoreremo per far entrare 500mila migranti" (video) | Rec News dir. Zaira Bartucca

POLITICA

FdI come il Pd. Lollobrigida: “Quest’anno lavoreremo per far entrare 500mila migranti” (video)

Con una nota di commento

© Rec News -

del

“Solo quest’anno lavoreremo per fare entrare legalmente quasi 500mila immigrati legali. Questo può essere determinato anche attraverso un ragionamento bilaterale o multilaterale che permetta l’organizzazione dei flussi nei prossimi anni, che garantisca questa formula: l’immigrazione legale. Quella illegale è il primo nemico dell’immigrazione legale”. Parole e opere del cognato di Giorgia Meloni, alias il ministro dell’Agricoltura (che a quanto pare sogna il ministero dell’Interno), alias Francesco Lollobrigida.

Dai drammi di Crotone in poi, il cognato di Giorgia Meloni ha avuto più di un’uscita pubblica in tema di immigrazione, manco si sentisse il titolare del Viminale. Dopo l’annuncio del lavorìo per far entrare mezzo milione di migranti – proprio ad opera di un partito che sui proclami sui respingimenti ci ha fatto la sua fortuna politica – il dietrofront, con l’idea di un nuovo punto stampa dove il congiunto della premier nega tutto e afferma di aver parlato di “richieste”, non di ingressi. Le sue parole iniziali, però, sono state immortalate da diverse agenzie e tv. Una, Alanews, ha postato il video (che riproponiamo in alto) su Youtube, mentre molti altri hanno tentato di ripulire il tutto.

Lollobrigida, come anticipato qui, ha fatto di più, e intervistato dall’Agenzia Nova ha parlato di “500mila posti disponibili per i migranti”. Queste le sue parole: “In Italia il lavoro c’è, in tanti settori: agricoltura, ma anche edilizia, trasporti, turismo e non solo. C’è una richiesta di forza lavoro che non riusciamo a colmare sul mercato interno, anche a causa del reddito di cittadinanza che ha aumentato la carenza di persone disponibili a fare determinate attività. Oggi abbiamo tra i 300 e i 500 mila posti di lavoro disponibili. Siamo qui a Bruxelles, dove i nostri nonni sono venuti a scavare nelle miniere attraverso una migrazione legale. E questa può essere usata anche nelle interlocuzioni con alcune nazioni del Nordafrica, dalle quali provengono oggi molti immigrati clandestini, tipo la Tunisia”.

Qualche nota di commento

Rimane da capire quale guerra ci sia nella ricca, turistica e avanzata Tunisia, e perché la middle class tunisina debba contendersi i posti di lavoro disponibili – sempre se esistono – con centinaia di migliaia di precari e di neo-laureati italiani e stranieri formati nelle Università italiane nei settori menzionati dal ministro. Per non parlare di chi l’Italia la lascia – e spesso si tratta delle menti migliori – proprio perché qui non trova prospettive degne di questo nome. Eppure quello che si legge tra le righe delle dichiarazioni del cognato della Meloni – assimilabili a quelle di un piddino qualunque – è che gli italiani non vogliono lavorare, e che qualcuno debba venire da fuori per poter colmare tutta questa domanda interna. Niente di più dell’accusa che si sente spesso da parte di chi scomoda il Reddito di cittadinanza – misura che pure ha avuto vistosi limiti – per nascondere l’incapacità di tutti i governi di creare nuove opportunità di lavoro, di aprire nuove aziende nazionali e di rendere l’Italia finalmente produttiva.

Ma dalle parole di Lollobrigida si desume che solo il ricambio etnico sempre e comunque, qualunque esecutivo sia in carica, possa permetterci di dotarci di quelle famose “risorse” di boldriniana memoria che ci raccoglieranno le verdure, costruiranno le nostre case, ci pagheranno la pensione e permetteranno a un Paese fatto di anziani di sopravvivere. Il corollario dell’elettore medio di Elly Schlein, c’è tutto.

Il tutto – quello che il ministro non dice – mentre un esercito sempre più fitto di disoccupati e clochard tricolori bussa con sempre più insistenza alle mense della Caritars, di Pane Quotidiano e dell’opera di San Francesco, lasciando non presidiati quei 500mila posti di lavoro che farebbero tanto comodo a chi, a quanto pare, preferisce vivere di stenti anziché di comodità. Le file di tende di accampati nella Capitale e nelle stazioni di tutta Italia sono solo un (tragico) esempio pratico di quello che vede ogni giorno chi vive tra la gente e non trincerato nei palazzi. E’, dunque, per dedicarsi ad insulti alla logica e all’intelligenza degli italiani che Fratelli d’Italia – o Fratelli di Flussi, che dir si voglia – è stato votato e portato al governo?

E perché un ministro dell’Agricoltura può travalicare le sue competenze – forse forte dei suoi legami familiari – e fare esternazioni su decisioni e piani che non sono suoi, dove l’ultima parola spetta al titolare del Viminale? Un’idea che a Lollobrigida è costata anche una strigliata in commissione Migranti, dove si è dovuto precisare che “questo non è il ministero dell’Agricoltura”. Tutte cose che fanno pensare che, più che Piantedosi, l’unico a dover pensare alle dimissioni sia proprio il ministro dell’Agricoltura, anche perché non è dato ancora sapere perché un politico di professione, che dal 1996 a oggi ha visto più commissioni e assessorati che realtà produttive, sia stato preferito ad altri per ricoprire il ruolo strategico di ministro dell’Agricoltura e della dimenticata sovranità alimentare.

Meloni, Lollobrigida e Giancarlo Righini in un’immagine di repertorio

La favola dell’immigrazione legale “nemica” di quella illegale

E’ chiaro inoltre che, dopo anni di proclami fatti all’opposizione, il partito di Giorgia Meloni giunto al governo si è accomodato su posizioni che ha creduto di dover accettare per forza per poter stare dov’è, condannandosi così a fare – nel lungo termine – la fine di quei partiti passati dal 35 al 9%. I migranti devono venire in Italia e devono essere pure tanti, e per far digerire all’elettore medio di Fratelli d’Italia il cambio di passo, si parla in continuazione di “migrazione legale”. Ma in che modo i corridoi umanitari e i flussi ordinati bloccheranno gli arrivi sui barconi, se già il decreto Piantedosi che doveva dettare regole per le Ong ha mostrato la sua inefficacia? In questo senso, i decreti flussi e i corridoi umanitari non sono affatto un “nemico dell’immigrazione illegale”, ma solo occasioni aggiuntive di migrazione per un Paese che non produce, è afflitto dal fenomeno del “lavoro” non pagato o sottopagato ed ha poco o nulla da offrire a chi già c’è.

La frase “L’Unione europea faccia la sua parte” è stata messa…da parte

Giunto al governo, inoltre, Fratelli d’Italia ha messo da parte ogni critica all’Unione europea, e perfino quel “L’Unione europea faccia la sua parte” che doveva richiamare Bruxelles ai suoi doveri di accoglienza. L’Italia continua ad essere considerato “Paese di primo approdo” ed essere obbligato all’accoglienza (anche se chi arriva ha passato 4-5 Paesi) con il suo tasso di disoccupazione e di inattivi scoraggiati, mentre Paesi come la Germania si godono la quasi raggiunta piena occupazione, come rilevato dal Federal Labour Office.

CONTRASTO PEDOFILIA

Sfilate a Caivano, ma poi il governo boccia l’emendamento contro la pedopornografia

di Barbara Guidolin ed Enrico Cappelletti*

© Rec News -

del

Sfilate a Caivano, ma poi il governo boccia l'emendamento contro la pedopornografia | Rec News

Il Governo Meloni ha dimostrato un’enorme inadeguatezza nella gestione di questioni cruciali come la lotta contro la pedopornografia e la tutela dei minori. Nonostante le continue promesse e annunci enfatici, l’azione concreta sembra mancare del tutto. In Veneto la pedofilia rappresenta un pericolo incipiente anche per i bambini più piccoli.

La Polizia Postale e delle Comunicazioni dichiara che solo in Veneto abbiamo 97 casi trattati nel 2020 oltre quelli di adescamento, 189 nel 2021 con 168 casi rilevati e 21 adescamenti: un aumento pari all’87%. Il contributo a questa brutale piaga è dato dall’uso e abuso non controllato dei social network, videogiochi e messaggistica, ovvero strumenti nelle mani dei bambini che costituiscono una opportunità di crescita della pedopornografia minorile in Veneto e nel nostro Paese.

Nonostante gli annunci roboanti e persino la sfilata a Caivano, alla Camera dei Deputati è stato bocciato un emendamento che avrebbe consentito l’utilizzo delle intercettazioni per contrastare la pornografia minorile, la detenzione di materiale pornografico relativo a minorenni, l’adescamento di minorenni e i maltrattamenti in famiglia.

L’approvazione di questo emendamento avrebbe rappresentato un passo importante nella lotta contro la pedopornografia e la protezione dei nostri minori. Grazie alle intercettazioni, gli inquirenti avrebbero potuto scoprire con maggiore probabilità il mercato online di minori sfruttati per la prostituzione, la circolazione online di foto e video di pornografia minorile, i casi di violenza sessuale su minori e altre nefandezze inaudite.

La decisione di bocciare questo emendamento è assurda e priva di spiegazioni plausibili. Il Governo e la maggioranza hanno quindi messo da parte un provvedimento vitale per la sicurezza e la protezione dei nostri bambini.

Continua a leggere

POLITICA

Fassino anziché fare vittimismo dica la verità sui compensi e sui rimborsi ai deputati

© Rec News -

del

Fassino anziché fare vittimismo dica la verità sui compensi e sui rimborsi ai deputati | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine Tino Romano/Ansa

Pensavamo di aver visto tutto, e invece no. Il deputato che piange miseria perché dice di percepire 4718 al mese, francamente ci mancava. Lo show di Fassino alla Camera con tanto di cedolino sventolato, ha avuto luogo nel momento meno opportuno, cioè nelle settimane in cui – nel silenzio generale – è stata approvata un’indennità aggiuntiva pari a 2.226,92 euro lordi al mese per tutti i capogruppo, che solo per il 2023 sarà a carico dei gruppi parlamentari, ma che dal 2024 sarà erogata direttamente dalla Camera dei Deputati. E’ quanto ha deciso l’Ufficio di presidenza di Montecitorio con la delibera 45/2023.

Anche chi non è capogruppo, comunque, può contare su compensi e rimborsi che vanno ben al di là dei 4718 euro raccontati da Fassino. Stando ai dati del 2022, ai deputati viene in realtà riconosciuta un’indennità pari a 5.269 euro, al netto delle ritenute fiscali, previdenziali e assistenziali e al lordo delle addizionali regionali e comunali. Ma non finisce qui, perché alla somma va aggiunta la diaria per le spese di soggiorno a Roma che, sempre per il 2022, ammontava a 3.503 euro al mese. Ci sono poi altri rimborsi per spese per convegni, gestione dell’ufficio e per “l’esercizio del mandato” (altri 3.690 euro). Fino ad arrivare, a termine percorso, all’agognato assegno di fine mandato, che è pari all’80 per cento dell’importo mensile lordo dell’indennità, per ogni anno di mandato effettivo.

Non solo: i deputati italiani, praticamente, hanno quasi tutto gratis

A questa situazione già di per sé comoda si aggiunge la possibilità, per i deputati, di ottenere biglietti aerei, ferroviari e marittimi dietro la presentazione del tesserino unico, oppure di richiedere il rilascio gratuito del dispositivo Telepass. Nonostante questo, anche quando si parla di viaggi fioccano i soliti rimborsi: se la distanza da percorrere è pari o inferiore a 100 chilometri, scatta l’ennesimo rimborso che può arrivare a 3.995,10 euro a trimestre. I deputati italiani, poi, guadagnerebbero talmente poco da non potersi permettere neppure una scheda SIM e una connessione internet: fortuna che le spese vengono coperte dallo Stato, per altri 1.200 euro annui.

Mense e ristoranti a prezzi stracciati

Anche quando si parla di bevande e vivande non va meglio. Anche lì, i deputati italiani possono bearsi di non spendere nulla o di spendere cifre irrisorie. In molti ricorderanno il caso di qualche anno fa delle aragoste a un euro alle mense degli onorevoli, mentre – più di recente – è spuntato il caso dei fagotti a portar via con un’intero pranzo o un’intera cena a 5 euro. Ne ha parlato in epoca covid l’attuale sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi, che nel corso di una trasmissione televisiva si era detto amareggiato del trattamento ricevuto.

La sanità gratuita e a corsia preferenziale

I trattamenti di favore per i poveri deputati che hanno incassato la solidarietà di Fassino non finiscono qui. Sono, infatti, iscritti al Fondo di assistenza sanitaria integrativa – cui aderiscono automaticamente tramite il versamento di una trattenuta sull’indennità – e grazie a questo possono accedere ad altri rimborsi e a sistemi di cura all’avanguardia. In alcuni casi, anche aprirsi le porte della devastata Sanità pubblica. E’ rimasto scolpito nella memoria collettiva il caso di Renata Polverini, che da governatrice della Regione Lazio per essere sottoposta a un intervento occupò un intero reparto con 25 posti letto.

Il problema, poi, è il Reddito di Cittadinanza

Mentre, insomma, i deputati godono di ogni sorta di privilegio, la politica tenta di colpevolizzare chi è costretto a percepire il Reddito di cittadinanza per colpa dell’incapacità di tutti i governi di creare posti di lavoro. Certo, esiste chi ne approfitta e si tratta di una misura che ha mostrato limiti vistosi. Anche pericoli, se si considera che rappresenta l’apripista al reddito universale e a un sistema di assistenza fine a sé stesso che viene anteposto alla produttività. Però è quantomeno paradossale che gli stessi politici che fanno i conti agli spiccioli che finiscono in tasca alle famiglie disagiate siano, magari, gli stessi che vivono gratuitamente e che hanno stipendi che – senza se e senza ma – si possono definire “d’oro”.

Continua a leggere

POLITICA

Dove sono finiti 20 milioni del fondo Simest destinate alle PMI

A chi andranno le prime risorse prelevate dal Fondo 394

© Rec News -

del

Dove sono finiti 20 milioni del fondo Simest destinate alle PMI | Rec News dir. Zaira Bartucca

Leaf Space SpA, società che si occupa della fornitura di servizi del segmento di terra per la raccolta dati di operatori satellitari, ha annunciato di aver completato un aumento di capitale per complessivi 20 milioni di euro (22 milioni di dollari). Il round è stato sottoscritto dai lead investors CDP Venture Capital Sgr (attraverso il Fondo Evoluzione) e Neva Sgr, insieme a SIMEST e Digital Transition Fund – parte del gruppo CDP S.p.A. SIMEST ha peraltro effettuato la sua prima operazione attraverso il nuovo strumento di investimento diretto dedicato all’internazionalizzazione delle startup e PMI italiane, il Fondo Unico di Venture Capital.

Hanno sottoscritto l’aumento di capitale anche i già presenti azionisti RedSeed Ventures, Primo Space e Whysol Investments, che hanno contribuito al nuovo round di finanziamento dopo l’ultimo avvenuto nel 2020. In aggiunta, la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) metterà a disposizione della Società ulteriori 15 milioni di euro di Venture Debt, (l’operazione è in fase di finalizzazione).

La società è nata nel 2014 a Lomazzo (Como). Attualmente fornisce servizi di connettività e raccolta dati a circa 80 satelliti e a marzo 2023 ha effettuato più di 10.000 passaggi satellitari in un solo mese.

“I 20 milioni di euro di finanziamenti garantiti da investitori azionari, nuovi ed esistenti, si sommano ai 15 milioni di euro di Venture Debt forniti dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) – attualmente in fase di finalizzazione”, ha dichiarato Jonata Puglia, CEO e co-fondatore di Leaf Space.

“Grazie a questi capitali potremo mantenere il nostro posizionamento nel mercato come secondo più grande operatore e fornitore di servizi Ground Segment-as-a-Service (GSaaS) al mondo e soddisfare la crescente domanda di mercato mediante una continua espansione della nostra rete globale di stazioni di terra, aggiungendo nuove aree di copertura in tutto il mondo’’.

“Abbiamo in programma di supportare nuove frequenze per i satelliti di osservazione terrestre e telerilevamento’’ ha detto Jonata Puglia, CEO e co-fondatore di Leaf Space. Giovanni Pandolfi Bortoletto, CSO & co-fondatore, ha invece dichiarato: “Entro i prossimi 10 anni puntiamo ad un futuro dove i satelliti ed ogni altro asset spaziale operino seguendo le logiche di connettività plug-and-play indipendentemente da missione, applicazione, orbita o destinazione”. La società fa inoltre sapere di stare lavorando per “porre le basi per eventuali nuove applicazioni a oggi non possibili“.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Diplomifici, parte l’indagine ispettiva del MIM. Reclutati 146 ispettori

© Rec News -

del

Diplomifici, parte l'indagine ispettiva del MIM. Reclutati 146 ispettori | Rec News dir. Zaira Bartucca
Comunicato stampa

In merito all’indagine di Tuttoscuola sul fenomeno dei “diplomifici” dal titolo «Maturità: boom dei diplomi facili», il Ministero dell’Istruzione e del Merito avvierà una indagine ispettiva. Nel frattempo, sarà bandito a breve un concorso per il reclutamento di 146 ispettori che porterà a saturare l’organico attuale (190 Posti). “Sotto il profilo normativo – fa sapere il MIM – verranno valutati alcuni correttivi che diano più strumenti in sede ispettiva per verificare la sussistenza dei requisiti per la parità. Si sta anche lavorando per inserire nella legge di Bilancio risorse idonee per incrementare ulteriormente l’organico dei dirigenti tecnici”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione