Iscrizione Roc (AgCom) n. 31911

Sacchetti: “Riprendetevi la vostra vita o vivrete da schiavi”


Intervista al giornalista de La cruna dell’Ago, che è pessimista. Preparano, racconta, un futuro fatto di controllo totale e blocco coatto delle nascite. E’ la “società tecnotronica”, dove il contatto umano è sparito e conta solo assecondare il sistema. Ma l’individuo qualcosa può



Chi sta dall’altra parte della barricata lo sa: il coronavirus è un pretesto. I governi si sono dati scadenze precise e un disegno comune. Ci sono i punti apparentemente conditi di buoni propositi dell’Agenda 2030, ci sono i piani di magnati come Bill Gates e ci sono interessi globalisti a dodici zeri: dalla Via della Seta al 5G, dall’Afcfta all’indotto connesso alla produzione farmaceutica e tecnologica tipica di una “emergenza” sanitaria che qualcuno vorrebbe durasse per sempre.


C’è speranza che qualche Stato si stacchi dai piani mondialisti e scompagini tutto?

Attualmente i governi più importanti a livello internazionale che sembrano voler resistere di più all’agenda mondialista sono gli Stati Uniti, fino a quando Trump sarà alla Casa Bianca almeno, e la Russia di Putin. Ci sono anche altri governi nell’Est Europa, come l’Ungheria di Orban o in America Latina, come il Brasile di Bolsonaro, che non sembrano intenzionati a seguire questo disegno. Non so francamente se siano sufficienti per scompaginare i piani delle élite mondialiste, perchè queste sono presenti praticamente in ogni apparato e istituzione di questi Paesi. Basti pensare agli USA dove il deep state, nonostante la presidenza Trump, si trova ancora lì intatto.


Fino a qualche settimana fa sembrava che Trump volesse dichiarare guerra al Deep State. Certo il definanziamento all’Oms e la sfiducia mediatica a Fauci. Ma è tutto qui? Bisogna aspettarsi qualcosa?

Credo che Trump proverà a riaprire gli USA il prima possibile per evitare una recessione pesantissima. Il coronavirus sta servendo, tra le altre cose, a mandare in fumo il suo ottimo lavoro di tre anni, nei quali è riuscito a portare la disoccupazione del Paese ai minimi storici. Se Trump vuole arrivare ad essere rieletto, dovrà mettere fine all’emergenza il prima possibile, ma non sarà semplice perchè diversi governatori degli stati federali sono intenzionati a seguire l’agenda del distanziamento sociale che impedisce un ritorno alla vita normale.


La Cina l’ha passata liscia? C’è chi dice che ne uscirà più forte.

Sembra già essere stata perdonata e l’OMS non ha alcuna intenzione di mettersi contro di essa. Se si verso una società fondata sul distanziamento sociale, probabilmente la Cina e la sua popolazione sono più predisposte ad adattarsi a questo nuovo stile di vita, in larga parte per la loro abitudine a vivere sotto una dittatura molto rigida. Potrebbero anche subire meglio il contraccolpo a livello economico, viste le dimensioni della loro economia e il surplus commerciale accumulato nel corso degli anni.


E Bill Gates? Perché nessuno lo ferma? C’è chi vorrebbe vederlo in gattabuia.

Se il presidente del Consiglio, purtroppo per noi, lo chiama al telefono per mettersi sull’attenti, è evidente che questo personaggio ha un potere enorme. Non dimentichiamo che è uno dei principali finanziatori dell’OMS. I governi e le organizzazioni internazionali non sono lì per fermare Bill Gates. Sono lì per eseguire i suoi ordini.


Su “La cruna dell’ago” hai parlato di ID2020 e di un brevetto per una nuova criptovaluta. Puoi spiegare anche ai nostri lettori di cosa si tratta? 

ID2020 è un’iniziativa mista pubblica-privata della quale fanno parte soggetti internazionali pubblici, come l’ONU e soggetti privati, tra i quali l’immancabile Bill Gates e Rockefeller, che sono tra i suoi principali finanziatori. Il suo obbiettivo è realizzare un’identità digitale per le persone del mondo che si avrebbe, tra l’altro, anche con l’inserimento di un microchip nel corpo di una persona. La tecnologia è gia in avanzata fase sperimentale tanto da essere stata utilizzata in Texas sui senzatetto. In pratica, servirebbe a schedare digitalmente ogni persona nel mondo, permettendo la sua localizzazione in tempo reale. Il brevetto per la nuova criptovaluta depositato dalla Microsoft invece prevede una sorta di criptovaluta digitale collegata alle reazioni corporee. Praticamente ci sarebbe una centrale operativa che distribuisce un dato ammontare di criptovaluta, a seconda delle attività che facciamo, come ad esempio lavorare oppure guardare la TV. Teniamo presente che è sempre il sistema a decidere se e quanta moneta dare alla persona, in base ai parametri stabiliti da esso. Si potrebbe restare a secco di criptovaluta, se la centrale operativa ritiene che non stiamo svolgendo adeguatamente le attività assegnate. Il numero di brevetto di questa criptovaluta è 060606. 666. Un numero con un significato ben preciso. 


Hai scritto di un chip che permette di “spegnere” una gravidanza. E’ un contraccettivo come un altro?

No, perchè il contraccettivo comune è sempre controllato dalla donna. Questo invece potrebbe essere attivato in maniera remota da un server che non è nel controllo della persona che se lo innesta. Ne hanno parlato due ricercatori danesi. Un’altra invenzione finanziata dall’ineffabile Bill Gates.


In Italia, tra Colao e l’avvocato delle èlite, cosa rischiamo? De Micheli ha annunciato il passaggio ai biglietti digitali: ma che c’entrano con il coronavirus? Stanno tentando di imporci il pacchetto completo?

Si va verso una forma di totalitarismo digitale. C’è un’intervista di Colao dove lui stesso spiega come funzionerà il 5G. L’uomo sarà sempre più simile ad una macchina controllata in remoto. Serviva “rifare la società” per usare le parole di Grillo, e con il coronavirus ci stanno riuscendo. Ci stanno portando verso il totalitarismo globale eseguito attraverso la realizzazione di una società tecnotronica, come prevedeva Brzezinski.

La Costituzione vale ancora? L’opposizione esiste? Come mai si fa mettere all’angolo senza protestare?

Forse abbiamo superato il punto di non ritorno e non avremo più i diritti fondamentali che eravamo abituati ad avere. Per costruire un ordine globalista fondato su un unico governo globale, si deve usare la repressione e la violenza. Le opposizioni non solo non hanno mosso un dito per denunciare gli inaccettabili abusi subiti dai cittadini in questi mesi, ma hanno persino difeso quanto fatto dal governo in materia di restrizioni alle libertà fondamentali della persona. Queste opposizioni sono perfette per mantenere in vita questa dittatura.


Si parla di un governo di unità nazionale con Draghi alla guida e addirittura di una sorta di Direttorio tecnocratico a trazione Colao. C’era anche chi, prima dello “smacco” alla CEI, vedeva un Conte Ter. Quale ti sembra l’ipotesi più probabile?

Sembrava stesse prendendo più quota l’ipotesi Colao ultimamente. Conte mi sembra bruciato e penso che presto uscirà di scena. Ad ogni modo, o Colao o Draghi, la differenza è nulla. Siamo sempre sotto tecnocrazie.


Che fine hanno fatto le elezioni, fossero anche le amministrative?

Sparite, con la scusa del coronavirus. A quanto pare, sta bene a tutti, dal Capo dello Stato che non ha detto una parola per denunciare questa gravissima sospensione della democrazia, alle opposizioni, che non dicono una parola su questo argomento.


C’è chi invita ad uscire, a riprendersi la propria vita. E’ giusto secondo te? La gente dovrebbe manifestare e dissentire scendendo in piazza o dovrebbe aspettare di avere il permesso di Salvini e della Meloni?

Se si aspettano Salvini e Meloni, non si va lontano. La gente deve provare a riprendersi quello che è suo, come sta scritto nella Costituzione. Si deve uscire e si deve riaprire il proprio negozio. Se si continuano ad eseguire gli ordini illegittimi del regime, non si vivrà più la propria vita. Si vivrà da schiavi, come vogliono le élite mondialiste.


Cosa consiglieresti a chi si vuole difendere in questo periodo? Bisogna rivedere le proprie abitudini finché non sarà cambiato qualcosa? Che so: lasciare il cellulare a casa, spegnere il GPS? Informarsi sui vaccini?

La cosa più rivoluzionaria che si possa fare, al di là delle accortezze di spegnere il GPS e il bluetooth per non finire tracciati dalla app Immuni, è pensare con la propria testa. Le dittature temono da sempre il pensiero libero. La minaccia più grande per questo sistema sono gli spiriti critici. Se tutti smettono di eseguire gli ordini e iniziano a pensare, allora la dittatura può veramente crollare.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.