Periodico di Inchieste

Perché la strategia di controllo dell’influenza dell’Oms arriva fino al 2030?


Nel giro di 10 anni – forse anche meno – pare che anche l’influenza debba essere trasformata in un morbo incurabile da strumentalizzare. Anche se per il momento “un coronavirus è per sempre”


E se – finalmente – si finisse col coronavirus ma si iniziasse con l’influenza? Interrogativo legittimo a giudicare dalle incoerenze dei governi europei e da un documento dell’Oms che delinea la strategia di “controllo” dell’influenza da adottare dal 2019 (l’anno in cui si è registrato, a Wuhan, il primo caso certificato di covid) al 2030, l’anno dell’Agenda. Dieci lunghi anni, che per le eminenze grigie dovrebbero essere vissuti all’insegna del “niente sarà più come prima” e dell’alienazione dell’individuo, tra l’euforia per un concerto rigorosamente online e la scoperta di un nuovo salvifico vaccino per la malattia più in voga del momento.


Il nemico invisibile da sventolare in faccia alle masse si trova sempre. Il terrorismo ormai è inflazionato, e dà il fianco a chi non è un patito delle migrazioni economiche e della creazione dell’Eurafrica. Al clima si sta lavorando, ma l’influenza è già lì, pronta a diventare la nuova minaccia del secolo. Uno spettro utile ad instaurare un moderno regime dittatoriale sul modello della Cina dei campi di concentramento hi-tech nel peggiore degli scenari possibili, oppure un amico di una zona grigia risoluta a fare incetta di finanziamenti e di asset strategici. Nel giro di 10 anni – forse anche meno – pare dunque che anche l’influenza debba essere trasformata in un morbo incurabile da strumentalizzare. Anche se per il momento “un coronavirus è per sempre”, per citare una vecchia pubblicità.



L’influenza per l’organismo filo-cinese che ha come secondo finanziatore Bill Gates sembra essere il jolly da giocare se i piani col virus cinese dovessero andare storti, tanto che il programma per la gestione della “pandemia influenzale” sono identici a quelli per gestire il coronavirus. Il concetto delle “ondate” si può riproporre così all’infinito e riguardare non solo il virus che ci sta martellando da mesi, ma anche altri. Il tutto, per rientrare negli obblighi stabiliti in tavoli come Cop25 (stare a casa aiuta a diminuire le emissioni) o in sede di trattative ufficialmente non vincolanti tra Ue e singoli Stati membri e superpotenze come la Cina. Un piano iper-connesso, una tela di ragno difficile da comprendere se non si guarda all’insieme e se la mente è troppo impegnata a guardare al particolare (il virus e quanto fa parte della sua narrazione).



Controllo“, nel documento di 34 pagine (in basso, nel Pdf) che delinea la strategia dell’Organizzazione mondiale della Sanità, è una delle parole che si legge più spesso. Il “secondo obiettivo strategico” è infatti quello di “rafforzare la sorveglianza, il monitoraggio e l’utilizzo dei dati. Questo obiettivo strategico – scrive l’Oms – si concentra sul rafforzamento delle GISRS e sul monitoraggio globale dell’influenza, per generare dati e informazioni che possono essere utilizzati dai responsabili politici per prendere decisioni. I dati sulla sorveglianza sono fondamentali per condurre valutazioni del rischio e comprendere l’impatto e l’onere dell’influenza. Strategie di comunicazione efficaci sono importanti per impegnare i responsabili politici e le comunità negli sforzi di prevenzione e controllo, e per aumentare il buy-in e la fiducia”.



In uno scenario del genere, l’Oms acquisirebbe un margine d’azione di gran lunga superiore a quello attuale, già vasto: “Il ruolo del Segretariato dell’Oms sulla sorveglianza, il monitoraggio e l’utilizzo dei dati – si legge nel programma strategico – è quello di fornire valutazioni del rischio in corso e consapevolezza della situazione attraverso la raccolta, l’analisi e la comunicazione di informazioni, contribuendo così a livello globale, regionale e nazionale processo decisionale (ad esempio sullo sviluppo di un candidato virus del vaccino); monitorare e diffondere regolarmente i dati sul carico di malattia, evitare oneri economici, per aiutare i paesi
e i responsabili politici con lo sviluppo e l’attuazione di programmi efficaci di prevenzione e controllo; fornire leadership su questioni di salute pubblica globale per quanto riguarda la condivisione dei dati sull’influenza e dei virus, anche all’interno del contesto di altri organismi e accordi internazionali“.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio (Art.14) che è “inviolabile” come la libertà personale. Non è ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione personale, né qualsiasi altra restrizione della libertà personale, se non per atto motivato dell’autorità giudiziaria (Art.13). Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi e manifestare in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc.) se non è previsto dalla legge, non dai Dpcm e dalle ordinanze. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convinzioni religiose o sociali. L’obiezione di coscienza è un diritto. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non decide da solo o con i tecnici, ma si confronta con il Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 3 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.