Seguici

© Rec News -

del

E se si finisse col coronavirus – finalmente – ma si iniziasse con l’influenza? Interrogativo legittimo a giudicare dalle incoerenze dei governi europei e da un documento dell’Oms che delinea la strategia di “controllo” dell’influenza da adottare dal 2019 (l’anno in cui si è registrato, a Wuhan, il primo caso certificato di covid) al 2030, l’anno dell’Agenda. Dieci lunghi anni, che per le eminenze grigie dovrebbero essere vissuti all’insegna del “niente sarà più come prima” e dell’alienazione dell’individuo, tra l’euforia per un concerto rigorosamente online e la scoperta di un nuovo salvifico vaccino per la malattia più in voga del momento.

Il nemico invisibile da sventolare in faccia alle masse si trova sempre. Il terrorismo ormai è inflazionato, e dà il fianco a chi non è un patito delle migrazioni economiche e della creazione dell’Eurafrica. Al clima si sta lavorando, ma l’influenza è già lì, pronta a diventare la nuova minaccia del secolo. Uno spettro utile ad instaurare un moderno regime dittatoriale sul modello della Cina dei campi di concentramento hi-tech nel peggiore degli scenari possibili, oppure un amico di una zona grigia risoluta a fare incetta di finanziamenti e di asset strategici. Nel giro di 10 anni – forse anche meno – pare dunque che anche l’influenza debba essere trasformata in un morbo incurabile da strumentalizzare. Anche se per il momento “un coronavirus è per sempre”, per citare una vecchia pubblicità.

Continua a leggere dopo le foto
Perché la strategia di controllo dell'influenza dell'Oms arriva fino al 2030? | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’influenza per l’organismo filo-cinese che ha come secondo finanziatore Bill Gates sembra essere il jolly da giocare se i piani col virus cinese dovessero andare storti, tanto che il programma per la gestione della “pandemia influenzale” sono identici a quelli per gestire il coronavirus. Il concetto delle “ondate” si può riproporre così all’infinito e riguardare non solo il virus che ci sta martellando da mesi, ma anche altri. Il tutto, per rientrare negli obblighi stabiliti in tavoli come Cop25 (stare a casa aiuta a diminuire le emissioni) o in sede di trattative ufficialmente non vincolanti tra Ue e singoli Stati membri e superpotenze come la Cina. Un piano iper-connesso, una tela di ragno difficile da comprendere se non si guarda all’insieme e se la mente è troppo impegnata a guardare al particolare (il virus e quanto fa parte della sua narrazione).

Controllo“, nel documento di 34 pagine (in basso, nel Pdf) che delinea la strategia dell’Organizzazione mondiale della Sanità, è una delle parole che si legge più spesso. Il “secondo obiettivo strategico” è infatti quello di “rafforzare la sorveglianza, il monitoraggio e l’utilizzo dei dati. Questo obiettivo strategico – scrive l’Oms – si concentra sul rafforzamento delle GISRS e sul monitoraggio globale dell’influenza, per generare dati e informazioni che possono essere utilizzati dai responsabili politici per prendere decisioni. I dati sulla sorveglianza sono fondamentali per condurre valutazioni del rischio e comprendere l’impatto e l’onere dell’influenza. Strategie di comunicazione efficaci sono importanti per impegnare i responsabili politici e le comunità negli sforzi di prevenzione e controllo, e per aumentare il buy-in e la fiducia”.

In uno scenario del genere, l’Oms acquisirebbe un margine d’azione di gran lunga superiore a quello attuale, già vasto: “Il ruolo del Segretariato dell’Oms sulla sorveglianza, il monitoraggio e l’utilizzo dei dati – si legge nel programma strategico – è quello di fornire valutazioni del rischio in corso e consapevolezza della situazione attraverso la raccolta, l’analisi e la comunicazione di informazioni, contribuendo così a livello globale, regionale e nazionale processo decisionale (ad esempio sullo sviluppo di un candidato virus del vaccino); monitorare e diffondere regolarmente i dati sul carico di malattia, evitare oneri economici, per aiutare i paesi
e i responsabili politici con lo sviluppo e l’attuazione di programmi efficaci di prevenzione e controllo; fornire leadership su questioni di salute pubblica globale per quanto riguarda la condivisione dei dati sull’influenza e dei virus, anche all’interno del contesto di altri organismi e accordi internazionali“.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

CONTROLLO

App IO, il governo non si arrende

L’applicazione in passato era stata giudicata non idonea per ospitare il Green Pass. Le novità all’orizzonte

© Rec News -

del

App IO, il governo non si arrende | Rec News dir. Zaira Bartucca
Immagine Ansa

Lo avevamo anticipato: il governo è risoluto a tirare dritto con l’app IO nonostante le forti riserve avanzate dal Garante per la Privacy. L’ Autorità a tutela della riservatezza lo scorso anno aveva apposto una pietra tombale sull’applicazione che era stata scelta per ospitare il Green Pass, giudicata non idonea per il trattamento sicuro dei dati personali e colpevole di favorire per mezzo di Google e Mixpanel il trasferimento di dati verso Paesi terzi. Puntualizzazioni che allora non hanno preoccupato il titolare del dicastero all’Innovazione Vittorio Colao, che ha comunque mandato avanti il lavorìo sotteso all’implementazione

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere dopo le foto

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

CONTROLLO

Tredici settori che potrebbero collassare a causa del Metaverso

Secondo i dati di CB Insight, la “realtà” parallela promossa da Zuckerberg potrebbe rappresentare per le Big Tech un’opportunità di mercato da un trilione di dollari entro la fine del decennio. Con la sua affermazione, tuttavia, diversi settori in presenza e molte figure professionali rischierebbero di scomparire. Potrebbe anche contribuire ad acuire i divari sociali e a rendere più precarie e isolate le fasce deboli della popolazione

© Rec News -

del

Tredici settori che collasserebbero a causa del Metaverso | Rec News dir. Zaira Bartucca

Un report pubblicato da CB Insight parla chiaro: almeno tredici settori uscirebbero sconvolti da una possibile affermazione del metaverso. Si tratta della “creatura” di Mark Zuckerberg che, dopo il declino di Facebook generato dallo scandalo Cambridge Analytica sulla vendita di dati personali degli utenti, ha deciso di puntare tutto su una sorta di universo parallelo che combina realtà virtuale e realtà aumentata, dove si possono fare acquisti e attività tramite il proprio avatar. Gli strumenti utilizzati sono cuffie per la realtà virtuale, feedback tattili avanzati, strumenti di modellazione 3D e altre chincaglierie digitali per alimentare gli ambienti digitali “immersivi”. Che, cioè, restituiscono l’illusione di camminare in una stanza, di prendere parte a un evento e via discorrendo. La moneta sonante qui sono gli NFT, i “token” non fungibili che servirebbero ad acquistare beni digitali ora gratuiti o vendibili in abbonamento, come immagini, video e canzoni.

Vendere aria fritta a costo zero

Un commercio immateriale molto interessante per le Big Tech, che hanno fiutato l’opportunità di vendere, a conti fatti, aria fritta a costo zero. “Dalla vendita al dettaglio al settore bancario alla pubblicità, sono molte le industrie pronte a essere rimodellate dal metaverso. Tante società prospereranno all’interno di vasti mondi virtuali, che potrebbero essere la prossima opportunità da miliardi di dollari della tecnologia”, scrivono da CB Insight.

Continua a leggere dopo le foto

“Un numero crescente di aziende scommette che i consumatori presto spenderanno e investiranno i loro soldi in spazi virtuali condivisi e altamente immersivi che imitano e vanno oltre ciò che è possibile fare nella vita reale”, è la considerazione rassicurante. Si ma quali sarebbero le ripercussioni e come cambierebbe la vita per chi decidesse di fare parte di questi contesti digitali e immateriali? Secondo 8 italiani sui 10 interpellati dalla società Sensemakers, il metaverso potrebbe causare conseguenze piuttosto serie sul benessere psico-fisico.

I giovanissimi non temono le ripercussioni lavorative

Ad abbracciare volentieri questo tipo di tecnologia, tuttavia, informa ancora il report in esame, sarebbero le generazioni più giovani come la “Z” e la “Alpha” (quella dei nati dopo il 2010), che non a caso sono le più precarizzate della società moderna, crescono a pane e videogiochi e imparano agli Erasmus e alle Università che il posto fisso non serve ed è noioso. E’ chiaro quindi che le possibili ripercussioni negative sul lavoro non li preoccupino granché. Ma l’affermazione definitiva del metaverso – avverte lo studio pubblicato da CB Insight – avrebbe conseguenze su quasi ogni attività e occupazione della vita reale, per la sua capacità di stravolgere lo stile di vita e la maniera di fruire le cose. In particolare i settori più penalizzati secondo lo studio sarebbero i seguenti:

Moda: si affermano le sfilate online e l’uso di avatar. Categorie penalizzate: modelle/i, visagisti, fotografi, truccatori, tecnici;
Vendita al dettaglio: aumentano gli ordini online e quindi il settore delle consegne a domicilio. Conseguenze per negozianti, commercianti, ristoratori;
Gaming: chiudono negozi come i game-stop;
Fitness: L’attività fisica diventa domestica, online, svolta con l’ausilio di sensori e di assistenti digitali. Chiudono le palestre, falliscono i personal trainer e gli istruttori di discipline sportive o di danza che non riusciranno a reggere i costi per affermarsi nel metaverso;

Immobiliare: cambierebbe il modo di interfacciarsi con il bene che si vuole acquistare o affittare: le figure dell’agente e del consulente potrebbero, alla lunga, scomparire;

Istruzione: La DAD ha tentato di abituare all’idea che si possa fare formazione semplicemente guardando un video su Youtube e chiamando l’insegnante su Skype. Col metaverso i giovani diventerebbero più asociali, mentre crescerebbe il bacino di insegnanti precarizzati che diventerebbero superflui: l’intelligenza artificiale combinata con la “realtà” parallela di Zuckerberg, permetterebbe per esempio di creare il docente digitale “perfetto”, magari gestito da un ministero o da una multinazionale come Amazon che vende e-book.

Consulenze e ordini professionali: Avvocati, commercialisti, architetti, copy-writer. Nel metaverso un algoritmo potrebbe sostituire agevolmente un sacco di categorie professionali, con tutte le ricadute del caso sull’occupazione;

Eventi, concerti, mostre: Gli eventi in presenza potrebbero diventare sempre meno considerati: la figura dell’organizzatore e dell’addetto alla comunicazione non servirebbero più. I musei e le piazze musicali sarebbero condannati all’estinzione: per ascoltare una band o esaminare un quadro, basterebbe acquistare un’esperienza con dei token NTF.

Luoghi di lavoro: L’ufficio non esiste, si incontrano gli altri “avatar” (pupazzi digitali) in una “room” in video-conferenza, mentre in realtà si rimane a casa;

Altri settori penalizzati sarebbero, infine, quello dei servizi finanziari, della cybersecurity e della pubblicità, soprattutto per quelle realtà medie e piccole che non saranno in grado di reggere l’impatto della concorrenza.


Cambierebbe anche il modo di vivere il denaro. Un’opportunità da un trilione di dollari, ma per pochi

Il metaverso aiuterebbe inoltre l’affermazione definitiva della moneta digitale, con la possibile scomparsa del denaro contante. Potrebbe mai accadere in un Paese che fatica a digitalizzarsi come l’Italia? Non si sa, quel che è certo è che in pentola bollono strumenti come ID Pay, e che negli scorsi mesi a Palazzo Chigi il premier Draghi e il ministro all’Innovazione e alla Transizione digitale Colao hanno ricevuto il Ceo di Meta Zuzkerberg, ma i motivi della visita non sono stati resi noti.

“Il modo in cui il metaverso emergerà è incerto: l’eccitazione potrebbe svanire se gli ostacoli tecnici si rivelassero troppo ingombranti o se i consumatori mainstream non volessero investire in beni ed esperienze che sono solo digitali. Se decollasse, potrebbe essere un’opportunità di mercato da un trilione di dollari entro la fine del decennio”, chiudono gli analisti di CB Insights. Un’opportunità che però, ancora una volta, sarà a vantaggio di pochi, e con buone possibilità contribuirà ad acuire i divari sociali e a rendere più precarie e isolate le fasce deboli della popolazione.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

CONTROLLO

Un esoscheletro robotico per lavorare, il futuro che piace a INAIL e IIT

Si tratta di braccia e gambe robotiche collegate al tronco che sfruttano l’intelligenza artificiale. Ecco le aziende in lizza per la loro produzione in Italia

© Rec News -

del

Un esoscheletro robotico per lavorare, il futuro che piace a INAIL e IIT | Rec News dir. Zaira Bartucca

Nel regno animale a essere dotati di esoscheletro sono i crostacei e gli insetti, ma molti sono convinti che il derivato tecnologico già sperimentato in Giappone dal transumanista Yoshiyuki Sankai (convinto sostenitore della fusione tra uomo e macchina) possa essere d’aiuto anche agli esseri umani. Così INAIL, al lavoro con una startup italiana per la promozione e la vendita di un esoscheletro indossabile. Dispositivi simili vengono già utilizzano in ambito militare e riabilitativo. In pratica si tratta di braccia e gambe robotiche collegate al tronco che consentirebbero di aumentare il carico di lavoro diminuendone la percezione e al contempo – sostiene l’Istituto nazionale – ridurre i casi di infortunio alla parte alta del corpo.

La tecnologia sperimentale sfrutta l’intelligenza artificiale e secondo le intenzioni potrebbe essere applicata in ambito industriale, manifatturiero, meccanico, edilizio, logistico, alimentare e agricolo. La promessa è quella di ridurre la percezione del carico sollevato di circa 20 chili, ma non è ancora chiaro quale impatto possa avere sull’organismo l’utilizzo giornaliero e prolungato di questi dispositivi elettronici.

Continua a leggere dopo le foto
Le aziende il lizza per la produzione

la domanda non sfiora i sindacati, così INAIL e l’Istituto Italiano di Tecnologia sono alacremente al lavoro su tre propotipi:  XoTrunk, XoShoulder e XoElbow. Il lancio sul mercato – previsto per i prossimi mesi – sarà affidato a Proteso S.R.L.S., startup di Milano con quartier generale a Genova. Il settore solletica anche Esselunga, che a febbraio di quest’anno ha annunciato una collaborazione con Comau, società controllata al 100% dal colosso automobilistico Stellantis, nato dalla fusione di FCA (Fiat Chrysler Automobiles) e PSA. Anche l’Istituto Prosperius è al lavoro su questo tipo di tecnologia e già nel 2015 ha presentato il suo prototipo Ekso, più connesso all’ambito medico e prodotto dalla statunitense Ekso Bionics.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione