Seguici

© Rec News -

del

Inutile nascondersi dietro un dito: gli italiani (veri) in questo momento nei riguardi del governo si sentono come un marito o una moglie innamorati e fedeli che dopo venti anni di matrimonio, quattro figli, un cane e un gatto scoprano il tradimento del partner. Cogliendolo (o cogliendola) in fragrante, per giunta. Così abbiamo beccato Salvini con le mani nella marmellata mentre farneticava di sogno europeo e Conte – colto da un delirio tutto natalizio – mentre twittava che gli accordi di Parigi sul clima sono la sua stella polare. Poi gli ex euroscettici come Claudio Borghi messi all’angolo nelle trasmissioni televisive e, ancor di più, da quel 2,04 della discordia che tanto ha ferito l’orgoglio nazionale. Per riprenderselo da soli, il Saccente ha studiato per voi un decalogo salva-sovranista. Un testo agile, pratico, da stampare e incollare a casa. Da regalare, condividere e, soprattutto, applicare nella vita reale.

1) Rimani in Italia per difenderla. Ti convinceranno che per l’Italia non c’è futuro e tu, in preda alle ristrettezze, penserai di cedere. Stringi i denti e passa oltre. Se c’è un impegno comune che richiami all’ordine i politici legittimati unicamente dalla gente, la crisi passerà. Vuoi contribuire alla distruzione di una civiltà ultra-millenaria per far piacere a un ebete francese e a una culona tedesca? Vuoi che tuo nipote, rigorosamente nero, si chiami Mohamed e pratichi l’Islam nonostante la tua famiglia sia italiana da venti generazioni? Se vuoi questo, vai pure.

2) Impegnati ad aiutare il tuo fratello italiano di turno in difficoltà. A lui (o lei) nessuno ci pensa. Non il governo, non le Ong, non la Chiesa dei presepi che inneggiano all’immigrazione clandestina. I governi vorrebbero che fossimo degli esseri allo stato brado da manovrare a piacimento. Per loro, l’egoismo che viene debitamente coltivato ha diversi vantaggi. Se puoi, non negare una mano a un connazionale. Il gesto potrebbe esserti ricambiato, ma non è questo il punto. Una rete solidale e genuina non può che fare bene alla nuova Italia che noi cittadini, abbandonati dalla politica, siamo chiamati a costruire.

3) Se sei tra i (pochissimi) italiani che ancora lavorano, scegli con chi farlo. Hai votato Salvini per fargli fare pulizia dal degrado, la criminalità e l’illegalità portati dai migranti. Comunque ti tieni l’operaio ghanese, la donna delle pulizie filippina e la badante di papà slovacca. Li paghi in nero e loro mandano tutto nei loro ormai fiorenti (Europa, grazie) paesi. Rivedi le tue scelte e privilegia gli italiani come te. Ti stupirà sapere che ce ne sono sei milioni alla canna del gas che elemosinerebbero qualunque posto di lavoro, comunque ne parlino le statistiche.

4) Non dare soldi o dati personali a chi ha contribuito alla distruzione dell’Italia. Può trattarsi di partiti o giornali di partito, sindacati, enti. Come saprai, i primi potrebbero essere investiti in progetti con cui non sei d’accordo. I secondi vengono venduti ai call center o alle aziende che ti tartassano notte e giorno tentando di venderti qualcosa. L’unica vera forza di qualunque progetto è la base, ovvero la gente. Tagliare i piedi agli organismi con gesti pratici che coinvolgano la quasi totalità della gente, significa impedire loro di camminare a lungo.

5) Italiani a raccolta. Tornate. Dal Canada, dal Brasile, dall’Argentina, dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna. Il Paese che vi ha dato i natali e che vi ha regalato il genio che vi ha fatto grandi o unici all’estero, ha bisogno di voi. Rischia l’estinzione e forse non vi piacerà sapere che intanto casa vostra è occupata dagli zingari.

6) Un patto di ferro con gli italiani del futuro. Le lobby premono per paesi dalla natalità ridotta o annullata. La sterilità viene perseguita a livello sanitario ma anche solo culturale. Nessuno ha più diritti della maggioranza degli italiani. Uno studio recente dimostra che la comunità lgbt in Italia è ferma a poco più del 3 per cento. Non cedere ai ricatti psicologici e difendi il 97 per cento di chi, come te, ci tiene alla vera famiglia, al futuro e alla natalità. Loro, risibile minoranza, fanno gruppo. Chi cede alla manipolazione psicologica – per quanto parte della maggioranza – rimane isolato. Non fare la fine del quasi estinto governo Conte che si è suicidato per colpa di un paio di eurocrati perché non ha saputo dire “a casa mia comando io”.

7) Dì a tutti che sei italiano e fiero di esserlo. Rimettiamo le bandiere ai balconi, le spille sugli zaini, le immagini sui social. Scriviamolo e diciamolo a gran voce. Siamo stati i migliori in tutto, lo saremo ancora se non dimenticheremo chi siamo.

8) Migliorati. Parole e simboli non bastano. Diventa un cittadino modello. Questo toglierà più di un alibi a vecchi e nuovi politici corrotti e a chi dice che l’italiano sa vivere solo di malaffare. Gravano, ma cerca di pagare le tasse. Se fai il moralista e poi vai a elemosinare il sussidio di disoccupazione pur non avendone bisogno, smetti. Se maltratti il territorio, se sei tra i furbi, taci. Oppure cambia. La nuova Italia si fa solo se la vecchia si ripulisce da cima a fondo.

9) Butta via i vecchi idoli. Quelli che ti promettono mari e monti e poi lasciano tutto invariato. Quelli che ti parlano per slogan perché credono tu sia idiota. Quelli che hanno tradito la tua fiducia. Quelli che ti friggono il cervello dalla mattina alla sera dall’alto dei loro (bassi) scranni televisivi decadenti. Sono espressione delle lobby che hanno distrutto il Paese. L’Italia, ora, più che di chiacchiere ha bisogno di concretezza e di cervelli pensanti e pronti a reclamare i propri diritti.

10) Alza un maxi dito medio nei riguardi dell’Europa. E’ quella poveraccia che non ha uno straccio di Costituzione e che nonostante questo ora cerca anche di controllare le nostre attività. Mandali e falli mandare a casa. Chi ti parla di condomini non ti dice che poteva comprare una villa autonoma di tre piani e invece ha deciso di rimanere in un condominio fatiscente solo perché lui abita nell’appartamento del custode. Fai storming dai social, promuovi petizioni, organizza uscite di piazza. Se l’Europa non rappresenta la maggioranza degli italiani, bisogna dirlo e farlo vedere.

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

IL SACCENTE

“Spacewalker” anticipa Polaris, il nuovo album dei Medusa’s Spite

Nuova prova (superata) per la band electro-pop romana. Il singolo anticipa l’album “Polaris”

© Rec News -

del

"Spacewalker" anticipa Polaris, il nuovo album dei Medusa's Spite | Rec News dir. Zaira Bartucca

Si chiama “Spacewalker” il nuovo singolo del Medusa’s Spite. Il brano è stato scritto da Stefano Daniele e arrangiato insieme al fratello Paolo, co-fondatore della  band e responsabile delle parti elettroniche. Il missaggio è stato perfezionato a Londra, agli Abbey Road Studios, da Paul Pritchard. Come per gli album precedenti, la  band si è avvalsa della post produzione e mastering al The Exchange di Mike Marsh.

“Spacewalker” il secondo singolo dopo “Destinations” (120.000 streaming su Spotify) ad aprire l’album in arrivo “Polaris”, il quarto per la band. Spacewalker è una miscela di elettropop che potremmo definire romantic mischiata all’energia di un’elettronica compatta influenzata in parte dal meglio delle costruzioni anni novanta e dall’esperienza dell’ultima generazione di producer: Vitalic, Chemical Brothers, Depeche Mode e Prodigy, ma anche il brit rock di Mansun e Kasabian.

Stef Daniele, cantante e fondatore insieme al fratello Paolo della band, così disegna il nuovo percorso della band: “Spacewalker dopo Destinations è il secondo di 12 brani che andranno a chiudere il progetto aperto “Polaris”, il nostro quarto album. Abbiamo scelto di concentrare la nostra attenzione su ogni brano e promuoverlo come fosse un album, semplicemente perché pensiamo che ogni brano di Polaris lo meriti come impostazione, costruzione e forza emotiva”.

I Medusa’s Spite nascono nel 1996 e iniziano una ricerca approfondita nel campo della musica elettronica muovendosi verso un misto di generi diversi come electro, techno e hardcore. “Floating Around”, il loro primo album, prende forma tra il 1997 e il 1998 (vanta 36.000 copie vendute tra Italia, Germania, Austria e Svizzera). Dopo Floating Around, la band ha prodotto i due album Morning Doors e Morning Doors (The Glass Path), un concept di due cd dove li troviamo anche come produttori esecutivi. L’intero lavoro è stato registrato e mixato tra Roma (Spite room) e Liverpool (Parr street studios) e masterizzato a Londra presso “The Exchange”, lo stesso luogo in cui il suono di “Floating around” ha ottenuto il suo colore definitivo.

“Life in the year 2001”, “Will hunting”, “Soon” e “Cat Black D” sono i video diretti da Simone Pellegrini con cui la band continua a collaborare attualmente. “Soon” in particolare ha ottenuto 4 nomination e il premio per la migliore regia al MEI 2008 – Independent Italian Video Awards dopo che la musica della band è stata usata più volte come colonna sonora per programmi TV e serie, film ecc. 

Destinations è stato il primo di una serie di singoli che insieme a Spacewalker verranno raccolti nel progetto aperto Polaris. I brani prodotti dalla band vengono mixati negli Abbey Road Studios da Paul Pritchard e masterizzati a Exmouth al The Exchange sempre da Mike Marsh. Onirica è l’etichetta che cura la produzione sonora e video dai fratelli Stefano e Paolo Daniele, fondatori del gruppo. I Medusa’s Spite sono attualmente formati da Stefano Daniele, Paolo Daniele, Axel Donnini e Guido Cascone.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

IL SACCENTE

Vaiolo delle scimmie, breve guida per difendersi dai nuovi allarmismi

Come difendersi dai presunti esperti, dai manipolatori di professione, dagli spin doctors dei partiti e da chi tenta di sfruttare la paura a fini politici o commerciali

© Rec News -

del

Vaiolo delle scimmie, breve guida per difendersi dai nuovi allarmismi

In rete circola una citazione attribuita ad Abraham Lincoln che dice così: “Si possono ingannare molte persone per molto tempo o molte persone per poco tempo, ma non si possono ingannare molte persone per molto tempo”. Non si sa se il sedicesimo presidente degli Stati Uniti lo abbia detto davvero, ma di certo sono parole sagge con un fondo di verità.

Il coronavirus ha ingannato molte persone e ora qualcuno ha deciso di riprovarci col vaiolo delle scimmie. Non subito, perché bisogna abituare a poco a poco, bollire la rana, vaccinarla, imbottirla di farmaci e poi arrostirla. Questa volta l’impresa non sarà facile come con il covid, ma le varie Gismondo e Viola, i Crisanti e i Burioni ce la stanno mettendo davvero tutta.

Da bravi soldatini prestati alla disinformazione utilitaristica, ognuno fa la sua parte: tg e giornali, certo, ma anche profili social, creatori di meme con bubboni terrorizzanti, profeti di disgrazie e utilizzatori della paura a fine politico: per quest’ultima categoria purtroppo il covid è finito (anche se cercano in tutti i modi di tenerlo in vita con movimenti a volte anacronistici) e quindi un vaiolo buttato lì fa comodo anche a loro.

Ecco allora un breve vademecum per dare il proprio contributo affinché il morbo da primati non diventi il nuovo coronavirus.

Vaiolo delle scimmie, breve guida per difendersi dai nuovi allarmismi | Rec News dir. Zaira Bartucca
1. Spegnere la tv e non regalare clic a siti che ripartono con l’allarmismo.

Più volte ci siamo soffermati sul fatto che le nostre scelte commerciali rappresentano il nostro potere d’acquisto. Se nessuno compra un oggetto, non verrà più fabbricato e quindi non sarà più venduto. Scommettete che se tutti gli italiani avessero smesso in massa di dar retta da un giorno all’altro alle notizie sul coronavirus, queste sarebbero scomparse nel giro di qualche settimana, anziché riempire le pagine e i palinsesti per anni?

Che succederebbe se ognuno spegnesse la tv davanti all’ennesimo servizio terroristico e si andasse a fare una bella passeggiata? E se invece di leggere notizie sempre uguali sulla malattia di turno si passasse a un buon libro, ben più rilassante? Se anziché comprare un quotidiano o fare una donazione a chi si finge quello che non è tentando di sfruttarci a fini politici, utilizzassimo quel denaro per noi stessi e per la nostra crescita personale?

Vaiolo delle scimmie, breve guida per difendersi dai nuovi allarmismi | Rec News dir. Zaira Bartucca
2. Diffidare dagli esperti (a volte presunti tali).

Quello che dicono non è necessariamente oro colato. Molti hanno all’attivo conflitti di interessi noti e non noti con case farmaceutiche e informatori scientifici. Se le loro affermazioni si contraddicono nel giro di poco, è il caso di diffidare, e in ogni caso un po’ di ricerche autonome possono permettervi di sapere qualcosa di più su di loro. Noi abbiamo parlato varie volte della veterinaria che è attiva in una società di big data, del virologo che ora è diventato consulente di Macron, di quelli che sono stati denunciati per diffusione di notizie false e dello zanzarologo che lavora sugli insetti gender, ma non sono gli unici.

Attenzione anche a chi fa opere di captatio benevolentiae con posizioni critiche o empatiche per conquistare la vostra fiducia e poi tenta di predisporvi a un’azione: “Sono prudente nei riguardi di questo vaccino ma in ogni caso lo consiglio per gli anziani”, “Stiamo tranquilli ma attenzione a quando diciamo che il vaiolo è sparito”, ecc.

Vaiolo delle scimmie, breve guida per difendersi dai nuovi allarmismi
3. Difendersi dai manipolatori di professione.

Come per il covid e la guerra in Ucraina, prevedibilmente si schiereranno anche stavolta. Se la cosa dovesse andare in porto, tra un mese o due chi dirà che la pustola è letale diventerà LaScienza, mentre chi si permetterà di avanzare qualsivoglia dubbio diventerà un terrorista diffusore di “fake news” da rieducare e da inserire in qualche lista di proscrizione.

Ormai dovete aver capito come funziona e sapere che questi personaggi sono pagati per legittimare bugie sonore e per screditare verità acclarate. Nevermind, potrebbe dire qualcuno, ma il problema è che spesso sono finanziati dal governo (e quindi da noi) per popolare le varie task-force sull’informazione. In altri casi invece portano avanti progetti partitici, europei o delle Big Tech (per esempio chi è pagato da Facebook e lì compare come fonte verificata, accreditata e autorevole: ma va?).

Vaiolo delle scimmie, breve guida per difendersi dai nuovi allarmismi | Rec News dir. Zaira Bartucca
4. Capire chi orienta i canali social e riconoscere l’ennesimo salvatore della Patria a orologeria

Occhio, perché questi non sono loro gli unici manipolatori di professione: molti sono impiegati nei social network come spin doctors e sono spesso pagati dai soliti partiti o dai partiti emergenti per tentare di canalizzare il dissenso. Li riconosci perché prima o poi tra un post e l’altro ti rifileranno l’ennesimo presunto salvatore della patria che hai imparato a conoscere su Youtube e che oggi ha creato il suo movimento. La politica non c’entra niente, ti dice molto sinceramente: è per il tuo bene e per il bene della democrazia, mica per il suo…

Vaiolo delle scimmie, breve guida per difendersi dai nuovi allarmismi
5. Imparare a essere più autonomi con le proprie scelte e con le proprie idee

Un’altra cosa che deve fare drizzare le orecchie, è quando questi personaggi tentano di affossare l’iniziativa del singolo a favore delle azioni di massa. Fateci caso: promuovono azioni legali cumulative, manifestazioni, petizioni che a volte hanno lo scopo di ottenere i vostri dati e di schedare il vostro dissenso, ma non vi danno mai gli strumenti per conoscere davvero un argomento o per agire da soli, in maniera non controllata. Nella maggior parte dei casi fanno parte dei vari gruppi di pressione, dunque, le loro denunce cadono sistematicamente nel vuoto, le loro manifestazioni non portano a niente e pur essendo onnipresenti non sono in grado di far cambiare davvero le cose e di incidere positivamente sugli eventi. Forse perché in realtà predicano in un modo e razzolano in un altro. Spesso, inoltre, stanno con “gli altri”, e tutti insieme non fanno che giocare al “poliziotto buono e poliziotto cattivo“.

In conclusione

Tirando le somme, è sempre meglio tentare di verificare da soli quello che leggiamo o sentiamo: in questo modo possiamo farci un’idea nostra ed essere più al riparo dai numerosi tentativi di manipolazione che circolano in giro. Forse dovremmo anche pensare ad attivarci di più in prima persona per quello che ci interessa (il nostro lavoro, la nostra salute, ecc.) senza aspettare che il leader di turno venga a suggerirci quello che dobbiamo fare. Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti in basso, se vi va.

Continua a leggere

IL SACCENTE

Assassin’s Creed in realtà virtuale, una recensione

Con estremo ritardo, ma alla fine anch’io ho provato Assassin’s Creed in VR. Ubisoft sta preparando il lancio della saga su visore con il capitolo “Nexus” e la creazione di 16 nuovi missioni con elementi di parkour e furtività, ma bisogna ancora aspettare. Nell’attesa se ne può però avere un’assaggio

© Rec News -

del

Assassin's Creed in realtà virtuale, una recensione | Rec News dir. Zaira Bartucca

Con estremo ritardo, ma alla fine anch’io ho provato Assassin’s Creed in realtà virtuale. Ubisoft sta preparando il lancio della saga su visore con il capitolo “Nexus”e la creazione di 16 nuovi missioni con elementi di parkour (i più attesi) e furtività, ma bisogna ancora aspettare. Nel frattempo, tra le attrazioni in VR di un parco divertimenti della Capitale c’è anche questa, e probabilmente è una delle più immersive del genere.

Ambientazione

L’ambientazione è quella del Tempio di Anubi e dunque del capitolo “Origins“, dove si raccontano le origini della confraternita. Ci si muove muniti di arco e freccia: i controller circolari con le funzioni di “presa” e movimento assicurano una discreta resa, ma per scoccare basta, purtroppo, un movimento anche minimo.

All’esterno i vostri amici vi vedranno girare in un labirinto bianco vuoto, mentre voi, nel gioco, sarete alle prese con guardie da annientare, mummie da colpire e un prigioniero da liberare (non dimenticate di guardare in alto, oltre che in basso!).

Assassin's Creed in realtà virtuale, una recensione | Rec News dir. Zaira Bartucca
Chi scende e chi sale

Quando si inizia a camminare su piastrelle di cinque centimetri in punta di piedi per non cadere, il confine tra reale e virtuale si fa più sottile.

La visione a 120° del visore garantisce una buona immedesimazione, aumentata dagli ascensori rudimentali che restituiscono la sensazione di stare davvero salendo verso il covo del “boss”, una vecchia conoscenza degli estimatori della saga.

Non bisogna però avere fretta, perché negli anfratti che il gatto-guida non consiglia c’è tanto da trovare, e questo farà la differenza sul tabellone finale (se ci arrivate) in cui è segnato il punteggio giornaliero e i migliori punteggi assoluti.

Ad attendervi c’è l’iconico “salto della fede”

Ad attendervi come ricompensa per non esservi schiantati al suolo, c’è l’iconico “salto della fede”. Lo farete, non lo farete? Se temete le altezze vi restituirà una sensazione di vertigine, altrimenti vi lancerete entusiasti di poterne provare l’ebrezza.

Sarebbe stato ancora meglio se

Tirando le somme, l’impressione è abbastanza positiva. Addentrarsi nei vari cunicoli incuriosisce, mentre lo scenario ampio fa respirare l’intero gioco e spinge a controllare ogni direzione. I limiti sono la durata, davvero troppo breve, e l’impossibilità di confrontarsi in multiplayer.

Vai alla prossima recensione

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione