Piazza del Popolo tra strategia della tensione e armi di distrazione di massa


Scene da Actors Studio coordinate da una regia nemmeno poi tanto occulta, che ha pensato di speculare sul dissenso (quello sì, reale) di decine di migliaia di cittadini. E’ l’11 settembre italiano in salsa covid



Niente (o quasi) è come sembra. E’ il riassunto striminzito della manifestazione che è andata di scena sabato 9 a Roma che ha avuto come teatro – è proprio il caso di dirlo – Piazza del Popolo. Scene da Actors Studio coordinate da una regia nemmeno poi tanto occulta, che ha pensato bene di speculare sul dissenso (quello sì, reale) di decine di migliaia di cittadini che hanno voluto urlare il proprio “No” secco al Green Pass e dunque a ogni proposta di contrazione delle libertà costituzionalmente garantite. Famiglie con bambini e anziani costretti a fuggire e a ripararsi nei negozi, donne comuni (mica solo quelle organiche a partiti considerati estremisti) che si sono beccate manganellate in testa e lacrimogeni in faccia, nel silenzio complice delle femministe. Niente inginocchiate buoniste, questa volta, per condannare la violenza delle Forze dell’Ordine e di quegli operatori che si sono accaniti su alcuni malcapitati. Episodi di ferocia disumana, gratuita e inspiegabile di cui restano macabre cartoline: un uomo giace a terra tenuto fermo da oltre cinque agenti mentre uno in borghese lo colpisce con veemenza allo stomaco con pugni e calci. Un anziano è in ginocchio a capo chino, in una posa che ricorda gli abusi sui prigionieri (documentati da Wikileaks) di alcuni militari americani.



Scene raccapriccianti per alzare il tiro, l’asticella dello scontro sociale, il confine tra la non accettazione e l’accettazione forzata. E’ l’11 settembre italiano in salsa covid, con protagonisti assoldati e scritturati e decine di migliaia di comparse ignare del copione. Va di scena l’attacco lacrimoso ai sindacati, la Capitol Hill de noartri, con sistemi di sicurezza inesistenti o che si eludono con troppa facilità e le Forze dell’Ordine che presidiano la sede della CGIL ma spariscono nel momento meno opportuno. Una parte è abilmente recitata dal leader dei presunti aperturisti, quelli cooptati dai partiti e dai meta-partiti che dallo scorso anno tentano di canalizzare – sedandolo – il dissenso dei commercianti e dei ristoratori. I falsi eroi, quelli con cui ci si deve identificare, gli avvelenatori dei pozzi. Il gioco del poliziotto buono e del poliziotto cattivo, in uno scenario complessivo che non fa che disorientare gli spettatori di servizi televisivi sempre uguali a sé stessi.



Così per giorni e forse per settimane: il covid è sparito, ora c’è posto solo per le scene da guerriglia urbana. Tutto, pur di far passare l’idea che le manifestazioni vadano limitate e controllate. E’ la “stretta sui cortei” chiesta da Palazzo Chigi che tradisce uno degli obiettivi che si dovevano ottenere. Uno, ma non l’unico. Perché scomodare il fascismo o il neo-fascismo per caratterizzare un gruppo di esaltati e qualche partito nostalgico, fa sì che si possa gridare all’attacco alla democrazia, mentre l’attacco e l’eversione con ogni evidenza provengono dai promotori del Green Pass, da chi parla di obbligo vaccinale nonostante esistano le cure da marzo del 2020 e da chi ha deciso di legare la vita del governo al perdurare infinito di un’emergenza sanitaria che da almeno un anno esiste solo su carta.


“Se ti muovi ti dò un calcio nelle palle”, una poliziotta minaccia un giovane costretto a terra da tre agenti della Polizia

Armi di distrazione di massa e strategie della tensione. Guerriglia urbana, devastazione, rabbia, feriti, finché non ci scappa il morto. L’instaurazione di una legge marziale – teme qualcuno – e poi tutto pur di tornare alla quiete. Accettare tutto, anche quel Green Pass che prima non si voleva, anche il preparato sperimentale che, dai, confrontato con il rischio di morire mentre si passeggia per strada non è così male. Ad uscirne peggio, del resto, è sempre il cittadino. Plagiato, manipolato, violato nei suoi diritti fondamentali. I partiti? Rinvigoriti, a destra come a sinistra, rifocillati da un volemose bene che mette tutti d’accordo. Niente distinzioni, solo la casacca del partito unico. Michetti abbraccia Landini, Landini abbraccia Draghi. Il Pd grida al fascismo e dopo Salvini ha un altro motivo di esistere, Meloni fa la vittima e recupera i voti – in vista del ballottaggio su Roma – di chi la vede di nuovo come l’unica in grado di contrastare una sinistra che (in realtà) non esiste più.


Video Local Team

La farsa continua, tocca le amministrative, si insinua nei discorsi dei cosiddetti democratici: “Il Green Pass è un atto di libertà” e “il vaccino rende liberi”, mentre si torna a parlare di leggi naziste per instaurare l’obbligo vaccinale, mica delle cure. Tutto debitamente calcolato, ma non una cosa: il dissenso spontaneo che fin qua è esistito poco: quello che si paleserà dopo lo sblocco dei licenziamenti e quando si inizieranno a fare più evidenti gli effetti della campagna vaccinale di massa.

0
Cosa ne pensi?x
<br>
Zaira Bartucca
Zaira Bartucca
Direttore e Founder di Rec News, Giornalista. Inizia a scrivere nel 2010 per la versione cartacea dell’attuale Quotidiano del Sud. Presso la testata ottiene l’abilitazione per iscriversi all’Albo nazionale dei giornalisti, che avviene nel 2013. Dal 2015 è giornalista praticante. Ha firmato diverse inchieste per quotidiani, siti e settimanali sulla sanità calabrese, sulle ambiguità dell’Ordine dei giornalisti, sul sistema Riace, sui rapporti tra imprenditoria e Vaticano, sulle malattie professionali e sulle correlazioni tra determinati fattori ambientali e l’incidenza di particolari patologie. Più di recente, sull’affare Coronavirus e su “Milano come Bibbiano”. Tra gli intervistati Gunter Pauli, Giulio Tarro, Armando Siri, Gianmarco Centinaio, Michela Marzano, Vito Crimi, Daniela Santanché. Premio Comunical (2014, Corecom/AgCom). Autrice de “I padroni di Riace – Mimmo Lucano e gli altri. Storie di un sistema che ha messo in crisi le casse dello Stato”. Telegram: t.me/zairabartucca Twitter: @Zaira_Bartucca www.zairabartucca.it
<br>

Iscriviti alla nostra Newsletter!


4.1 7 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.