Green Pass, scoppiano le proteste nazionali


Non è un’Italia divisa in due come sostiene il mainstream. Il “no” al Green Pass è un coro unanime, che travalica le divisioni politiche e da giorni attraversa lo Stivale. Non è composto solo da “no-vax”, ma anche da gente vaccinata che ora guarda con preoccupazione alle decisione di far crollare l’economia nazionale per decreto



Non è un’Italia divisa in due come sostiene il mainstream. Il “no” al Green Pass è un coro unanime, che travalica le divisioni politiche e da giorni attraversa lo Stivale. Non è composto solo da “no-vax”, ma anche da gente vaccinata che ora guarda con preoccupazione alle decisione di far crollare l’economia nazionale per decreto. Milano, Roma, Torino, Firenze. Poi Napoli, Bologna, Genova e ancora Cagliari, Lecce, Messina, solo per ricordare le grandi città. Per dire no alla certificazione verde sono scesi in piazza a centinaia di migliaia, in un fine settimana (quello seguito alla conferenza stampa-annuncio) che si è rivelato infuocato per il governo Draghi. Quello che ha messo nero su bianco nell’ennesimo Dpcm (mica in una legge votata in Parlamento, come accade nei Paesi democratici) la volontà di imporre fino a cinque giorni di chiusura alle attività e servizi che garantiscono il libero accesso alla propria clientela.



La discriminazione del non vaccinato, “l’Apartheid” – come l’ha chiamata qualcuno – che diventa decreto. Il lasciapassare fascista che cambia colore e diventa verde, ma rimane immutato: un foglio di via che discrimina chi non si piega alla dittatura costituita. Una volta razziale e politica, oggi squisitamente sanitaria. Intanto, è boom di esercenti che si dichiarano sfavorevoli alle imposizioni sulle loro attività private e annunciano battaglia legale in caso di sanzioni e chiusure.



Una guerra che si gioca su diversi terreni: uno è senz’altro quello dei ricorsi. E tanti sono stati, già, quelli vinti a man bassa da semplici cittadini costretti all’auto-certificazione, multati da agenti compiacenti o costretti ad allontanarsi – negli scorsi mesi – dal loro posto di lavoro. Poi c’è la disobbedienza civile, sostenuta da fior fior di giuristi soprattutto ora che il governo ha infilato nel Dpcm sul Green Pass il rinnovo (illegittimo) dello stato di emergenza, che (formalmente) durerà fino al 31 dicembre del 2021. Non da ultima, la spinta popolare, l’espressione delle piazze, il sentire comune e la voglia di rinascita che sta spingendo i cittadini di ogni regione e di ogni età ad alzarsi dal divano, a fregarsene delle vacanze e a riversarsi in tutte le vie. Perché non è vero che solo il calcio è il motore propulsore degli italiani, e lo dimostrano le proteste di questi giorni.



Al loro fianco, gli esponenti politici convinti sostenitori della libertà di scelta: da Vittorio Sgarbi ad Armando Siri passando per una costellazione di movimenti, realtà associative, gruppi informali che si riuniranno nel corso della fiaccolata che avrà luogo a Piazza del Popolo il 28 luglio.

0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 3 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.