Vaccini, prima si muore poi si sospende. Stop a un altro lotto. Deceduti altri due professori


Giuseppe Morabito, è morto una decina di giorni dopo la somministrazione del vaccino sperimentale AstraZeneca. Sandro Tognatti, qualche ora dopo. Indagini in corso



Giuseppe Morabito, il vicepreside 61enne dell’istituto secondario di primo grado Veggetti di Vergato (Bologna), è morto dopo la somministrazione del vaccino sperimentale AstraZeneca, avvenuta il 3 marzo. Morabito – riporta Bologna Today – dopo l’inoculazione sarebbe andato incontro a un progressivo peggioramento, peraltro isolato nella sua abitazione. Solo “contatti virtuali” per accertarsi del suo stato di salute, finché l’uomo – ieri – non è stato trovato morto nella sua casa dai carabinieri e dal personale del 118 allertati da alcuni colleghi. Lo piangono familiari (Morabito viveva solo ma aveva parenti al Sud, da dove si era trasferito) studenti, colleghi ed esponenti della comunità in cui si era proficuamente inserito. Giuseppe Argentieri – primo cittadino del borgo bolognese – ha speso in suo ricordo parole di cordoglio: “Una notizia che ci ha lasciati sgomenti, attoniti. Parliamo di una persona molto nota tra la comunità, disponibile, sempre gentile. Era una persona splendida”.


Dopo i casi di Annamaria Mantile e Vincenzo Russo e dello stesso Morabito, un altro dipendente scolastico è venuto a mancare in questi giorni. Si tratta di Sandro Tognatti. Anche lui aveva ricevuto il vaccino AstraZeneca. Un suo profilo lo traccia Il Messaggero: “Insegnava clarinetto al Conservatorio Guido Cantelli di Novara il 57enne residente a Cossato, nel Biellese, morto poche ore dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca. Per stabilire se ci sia un nessuno diretto tra la vaccinazione e il decesso è stata disposta l’autopsia sanitaria Vaccinato ieri a Candelo, una manciata di chilometri da Cossato, secondo le prime informazioni Tognatti si è sentito male nella notte. Inutile la chiamata al 118: i sanitari, al loro arrivo, l’hanno trovato già morto”.


Le Procure interessate hanno avviato indagini per accertare le cause dei decessi. Oggi la notizia della sospensione di un altro lotto incriminato: stando a quanto affermato dal commissario dell’Area giuridico-amministrativa dell’Unità di crisi della Regione Piemonte Antonio Rinaudo, si tratterebbe del numero ABV5811. Come nel caso del primo lotto sospeso in Italia, ad altre persone sono state somministrate dosi provenienti da questa linea di produzione. Il numero di decessi sospetti, intanto, continua a crescere tristemente di giorno in giorno.

0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.