Seguici

© Rec News -

del

Il Tribunale dell’Aja che ha competenza sui crimini internazionali è stato chiamato a pronunciarsi sull’operato del governo israeliano contestualmente alla campagna vaccinale. La vicenda è stata presa in carico dalla Corte Penale internazionale dopo la denuncia di due avvocati – Ruth Makhachovsky e Arie Suchowolski – dell’organizzazione People of Truth. Lo rende noto Israel News, che scrive di “esperimenti illegali sui cittadini israeliani attraverso la Pfizer. “People of Truth – scrivono dall’organismo – è un’associazione i cui membri sono avvocati, medici, attivisti pubblici e cittadini che hanno scelto di esercitare il loro diritto democratico a non ricevere le cure mediche sperimentali (vaccino Corona), e sentono che per questo sono sotto una forte, severa e illegale pressione da parte del governo: Israele, membri della Knesset, ministri, alti rappresentanti pubblici, sindaci e altro ancora”.
Di seguito il contenuto della denuncia e il relativo documento.

“Vogliamo iniziare con una conoscenza di base sull’argomento: Corona è un trattamento medico innovativo, che solo di recente ha ricevuto l’approvazione della FDA negli Stati Uniti (solo nelle procedure di emergenza). Un’approvazione non definitiva, con dettagli su 22 effetti collaterali del vaccino. Inoltre, è chiaro a tutti i medici che la questione dell’impatto a lungo termine del trattamento non è stata studiata scientificamente (test e ricerca) e che l’impatto a lungo termine e la sicurezza del trattamento sui suoi destinatari sono sconosciuti. È importante notare che finora al corpo umano non era mai stato somministrato e tutti i vaccini precedenti hanno funzionato in modo completamente diverso, introducendo un virus disabilitato o attenuato e una naturale eccitazione del sistema immunitario contro di esso. Come dettagliato da un virologo senior, i rischi attesi in questo trattamento medico innovativo sono qui allegati come Appendice 1 alla mia lettera”.

“Il Codice di Norimberga è un codice di etica medica emesso sulla base delle leggi in base alle quali i criminali nazisti furono processati per aver condotto orribili esperimenti medici durante la seconda guerra mondiale, nel processo dei medici noto come Processo di Norimberga. Il Codice di Norimberga in seguito ha costituito la base per l’emanazione della Dichiarazione di Helsinki, nonché la base per il Patient Rights Act in Israele. Intendiamo presentarvi e dettagliare come nello Stato di Israele quest’anno, il governo israeliano con i suoi ministri e membri della Knesset, sindaci e altri alti funzionari, stiano violando illegalmente e palesemente la legge di Norimberga. E gli estremisti, purtroppo, non solo in un aspetto sono tanti, troppi!”

“A. Consenso consapevole a partecipare a un esperimento medico – Il primo principio del Codice di Norimberga è la disponibilità e il consenso informato della persona a ricevere cure e partecipare all’esperimento. La persona dovrebbe esercitare la libertà di scelta senza l’intervento di un’entità che eserciti la forza, l’inganno, la frode, la minaccia, la sollecitazione o qualsiasi altro tipo di vincolo o coercizione. Quando i capi del Ministero della Salute e il Primo Ministro hanno introdotto il vaccino in Israele e hanno iniziato a vaccinare i residenti di Israele, i vaccini non erano raccomandati, perché in pratica prendono parte a un esperimento medico e il loro consenso è richiesto dal Codice di Norimberga. Solo quando è diventato chiaro, è stato pubblicato per la prima volta e dichiarato anche dal Primo Ministro che questo è davvero un esperimento medico, e che questa era l’essenza dell’accordo. Si tratta, infatti, di un esperimento medico genetico sugli esseri umani, eseguito senza il consenso informato e con una grave e palese violazione del Codice di Norimberga”.

“B. Accordo Bibi-Pfizer. Dopo l’incidente, è diventato chiaro che il primo ministro israeliano aveva firmato un accordo con Pfizer (l’azienda produttrice), in base al quale avrebbe ricevuto un’enorme quantità di milioni di dosi di vaccino, e avrebbe preferito (Israele) rispetto ad altri paesi, dato che i residenti israeliani sarebbero “sperimentatori” per la compagnia farmaceutica. È stato concordato che la società farmaceutica avrebbe ricevuto tutte le informazioni mediche riservate di Israele senza la loro previa conoscenza o consenso. Inoltre, dobbiamo notare che fino a questo momento il contenuto dell’accordo relativo alla maggior parte dei residenti dello Stato di Israele non è stato pubblicato, ed è la trasparenza richiesta dalla legge, ma è stato pubblicato nella sezione “blackout “/ l’occultamento di molte informazioni contenute in questo accordo. Vale la pena notare e ricordare che non viviamo in uno stato di dittatura, quindi è chiaro che un tale accordo deve essere soggetto a completa trasparenza nei confronti del grande pubblico. Terapie alternative – In materia di consenso informato al trattamento medico, e sulla base dei principi del Codice di Norimberga, vi è l’obbligo di specificare e offrire al paziente una serie di alternative di trattamento, specificando il processo medico (e tutto ciò che è incluso) come vantaggi e svantaggi. Presente in ogni trattamento, per consentirgli di prendere una decisione personale informata sul trattamento che preferisce. Come affermato, questo dovrebbe essere fatto senza esercitare pressioni e liberamente come persona libera”.

“Nonostante tutto quanto sopra, lo Stato di Israele e il Ministero della Salute non sono in grado di presentare ai cittadini di Israele le alternative attualmente disponibili per il trattamento della malattia corona, che si sono dimostrate efficaci con pochi effetti collaterali non pericolosi. Interrogano e fanno pressione sui cittadini (in palese violazione del processo di consenso informato), nascondono le informazioni sui vaccini e creano un’atmosfera difficile di paura e coercizione. Un quarto principio è che l’esperimento dovrebbe essere eseguito per prevenire sofferenze o lesioni fisiche. È noto che il trattamento causa molti decessi, lesioni e gravi danni (inclusi disabilità e paralisi) dopo la vaccinazione. Nonostante questo, il governo non ha ordinato un’indagine sulla questione. È interessante notare che il Ministero della Salute ha apertamente riconosciuto che il 41% del personale vaccinato militare, educativo e medico ha sofferto di effetti collaterali gravi e potenzialmente letali. È anche sorprendente che non ci siano rapporti completi sul numero di morti o feriti, come ci si potrebbe aspettare in un simile processo medico a beneficio del pubblico che partecipa al processo”.

“Un quinto principio afferma che l’esperimento non deve essere condotto quando vi è motivo di credere che si stia verificando la morte o lesioni effettive. Per una violazione di questo principio vedi sopra. Come accennato, per quanto riguarda i dati sui decessi, noi cittadini sentiamo parlare di bocca solo sui social network (da amici, vicini di casa o parenti) e non sui media mainstream. Un altro principio è che la persona responsabile dell’esperimento sarà disposta a interromperlo in qualsiasi momento se c’è una ragione ragionevole per ritenere che provocherà lesioni, invalidità o morte dello sperimentatoreÈ stato dimostrato che molte brave persone sono morte per le cure, sono rimaste ferite, sono diventate disabili e hanno sofferto di paralisi, ma il governo israeliano continua a imporre questo pericoloso esperimento ai cittadini di Israele. Quelle che seguono sono pubblicazioni recenti, che illustrano le violazioni palesi e criminali del Codice di Norimberga da parte del governo, dei ministri e dei membri della Knesset, dei sindaci e delle figure pubbliche di alto livello, nonché dei datori di lavoro:

Applicare pressione economica:

L’Associazione Produttori, sostenuta da un parere legale, minaccia di continuare a lasciare senza retribuzione qualsiasi lavoratore non vaccinato. Il ministro della Salute, Yuli Edelstein, vuole emanare una legge che impedirà l’arrivo al lavoro di persone non vaccinate. Minaccia di negazione dell’indennità di disoccupazione

Applicare la pressione sociale:

Minaccia di impedire l’accesso alla ricreazione, al tempo libero e all’accoglienza di servizi dalla comunità. Artisti, opinion leader e rappresentanti pubblici in ogni angolo scelgono di fare propaganda e in modo aggressivo e offensivo parlando anche di punizioni e sanzioni. (MK Ayelet Shaked, MK Smutrich, Ministro della Salute Edelstein, MK Bennett, il programma mattutino di Avri Gilad Mareh, cantante Yoram Gaon, Judy Nir Mozes e altri). Veicoli con sistemi di diffusione sonora che vagano per le strade invitando le persone a vaccinarsi, chiamate e annunci aggressivi da compagnie di assicurazione sanitaria e persino appuntamenti per la pianificazione dei vaccini senza la volontà degli assicurati e altro ancora.

Incentivi per convincere a vaccinarsi:

“Ricezione di una notte gratuita in hotel, giorni di vacanza e altro ancora offerti dai vari titolari di aziende ai propri dipendenti. Sconti presso vari esercizi commerciali, privati ​​e pubblici, nonché vantaggi di carte promossi dal Primo Ministro israeliano. Molti hanno anche più volte affermato che i cittadini israeliani prendono parte allo stesso esperimento medico innovativo a beneficio di tutti i cittadini del mondo, e che non c’è fretta di apprendere le ragioni. Vai avanti a vedere gli sperimentatori israeliani, così come l’accordo firmato dal governo con la Pfizer, oscurato in molti punti, e solleva interrogativi sugli accordi che il governo ha raggiunto con la Pfizer. Sul Codice di Norimberga e l’autonomia dell’individuo sul suo corpo, sulla legislazione esistente in Israele, le persone con dignità e le basi della libertà”.

Pertanto, e tenendo conto di quanto sopra, affrontiamo in vostro onore due requisiti principali:

  1. Interrompere immediatamente l’esperimento medico e la somministrazione di vaccini al pubblico israeliano.
  2. Chiedere al governo di abrogare tutte le procedure legislative che violano il principio del consenso informato di una persona, che negano lo status giuridico in Israele e nella democrazia israeliana, incluso l’evitare la legislatura del passaporto verde, dando i nomi di coloro non vaccinati alle autorità locali o ad altri legislatori nazionali in materia di danni.
  3. Agire con la massima severità nei confronti di qualsiasi ente pubblico / aziendale / occupazionale che viola le leggi statali sul lavoro o altre questioni richieste per pervenire alla coercizione o alla sollecitazione alla vaccinazione, nonché la questione della discriminazione, nei confronti di coloro che scelgono di non ricevere le cure mediche sperimentali di cui sopra. Vorremmo sottolineare che una copia di questo documento sarà anche inoltrata ai media di tutto il mondo per violazione del Codice di Norimberga, rilevante in tutti i paesi del mondo libero. E come osservazione finale va notato che solo di recente è stata raggiunta una decisione al Parlamento europeo, la 77/1/21, che ordina a tutte le autorità di non esercitare pressioni o sollecitazioni sulle persone a prendere il vaccino anti-covid in alcun modo. Pertanto, tutto ciò che è buono per i Paesi europei avanzati è sicuramente buono anche per Israele – e l’equilibrio si spiega da sé”.

L’avvocata Ruth Makhanskovsky ha detto a Israel News che “allo stesso tempo, la denuncia sarà presentata anche al Tribunale di Norimberga, insieme all’avvocato tedesco Reiner Polmich”. 

COVID

Verso il reintegro dei sanitari non vaccinati

© Rec News -

del

Verso il reintegro dei sanitari non vaccinati | Rec News dir. Zaira Bartucca

“Il Ministro della Salute Orazio Schillaci, a sei mesi dalla sospensione dello stato d’emergenza e in considerazione dell’andamento del contagio da Covid-19, ritiene opportuno avviare un progressivo ritorno alla normalità nelle attività e nei comportamenti, ispirati a criteri di responsabilità e rispetto delle norme vigenti”. E’ quanto si legge in un comunicato stampa del ministero della salute.

“Pertanto anche in base alle indicazioni prevalenti in ambito medico e scientifico, si procederà alla sospensione della pubblicazione giornaliera del bollettino dei dati relativi alla diffusione dell’epidemia, ai ricoveri e ai decessi, che sarà ora reso noto con cadenza settimanale, fatta salva la possibilità per le autorità competenti di acquisire in qualsiasi momento le informazioni necessarie al controllo della situazione e all’adozione dei provvedimenti del caso”.

Verso il reintegro dei sanitari non vaccinati | Rec News dir. Zaira Bartucca
Il ministro della Salute Orazio Schillaci

“Per quanto riguarda il personale sanitario soggetto a procedimenti di sospensione per inadempienza all’obbligo vaccinale e l’annullamento delle multe previste dal dl 44/21 – fa sapere ancora il ministero della Salute – in vista della scadenza al prossimo 31 dicembre delle disposizioni in vigore e della preoccupante carenza di personale medico e sanitario segnalata dai responsabili delle strutture sanitarie e territoriali è in via di definizione un provvedimento che consentirà il reintegro in servizio del suddetto personale prima del termine di scadenza della sospensione”.

Continua a leggere

COVID

Ed è subito farsa. Il governo pensa di dare la presidenza della Commissione d’inchiesta sul covid all’opposizione

© Rec News -

del

Ed è subito farsa. Il governo pensa di dare la presidenza della Commissione d'inchiesta sul covid all'opposizione | Rec News dir. Zaira Bartucca
Ciriani sulla Commissione d’inchiesta covid

La presidenza della Commissione d’inchiesta sul covid all’opposizione. Il governo Meloni ci sta pensando, e anzi sull’argomento si è espresso questa mattina il ministro per i Rapporti con il Parlamento Luca Ciriani. “E’ una cosa che possiamo prendere in considerazione. Questa commissione sarebbe dovuta nascere la scorsa legislatura Renzi l’aveva annunciata ma poi non se ne è fatto nulla con la campagna elettorale. Io penso che una commissione di indagine possa nascere, potrebbe anche essere che la guidi un esponente dell’opposizione, ma che la guidi un esponente dell’opposizione o maggioranza, io credo che vada fatta luce sulla gestione di fondi pubblici in maniera molto molto opaca, se c’è la commissione che indaga su questo per me è la benvenuta”.

Silenzio da parte del governo sulla campagna di vaccinazione di massa e sulle e misure liberticide

Ciriani, come già la Meloni nel corso del discorso per chiedere la Fiducia alla Camera, parla inoltre di “gestione dei fondi pubblici”. Eppure la conduzione della pandemia da parte dei governi Conte II e Draghi non è certo stata caratterizzata solo da questo, né tutto si è esaurito con la cresta sulle mascherine o con il ruolo del commissario Arcuri. Ci sono la campagna di vaccinazione di massa, i contratti con le multinazionali farmaceutiche, l’imposizione del Green Pass negli uffici pubblici (su cui FdI non ha interesse a indagare, essendo stato partito promotore del certificato verde), il lockdown quasi totale per un virus che oggi Bassetti ammette si poteva curare con l’aspirina, la caccia ai non mascherati, la discriminazione sistematica dei non vaccinati, la cancellazione del diritto al lavoro, l’utilizzo improprio delle auto-certificazioni, le chiusure evitabili delle attività commerciali. Non da ultimo, i danneggiati dai vaccini (anche in maniera permanente) e i deceduti. Su tutto questo dovrebbe fare luce una Commissione d’inchiesta parlamentare degna di questo nome, ma gli esordi – con l’idea di consegnarne la presidenza a un componente dell’opposizione o a qualche duttile renziano – non sembrano essere dei migliori.

Continua a leggere

COVID

Se ne accorgono solo ora: il covid si cura anche con dei banali anti-infiammatori

Chi, come noi, lo diceva due anni fa era un “complottista” che pubblica “fake news”. Adesso, con appena 24 mesi di ritardo, l’Istituto Mario Negri ha svelato l’arcano: il covid si cura e tanto possono fare – per approcciarsi al virus – dei banali anti-infiammatori

© Rec News -

del

Se ne accorgono solo ora: il covid si cura anche con dei banali anti-infiammatori | Rec News dir. Zaira Bartucca

Chi, come noi, lo diceva due anni fa era un “complottista” che pubblica “fake news”. Adesso, con appena 24 mesi di ritardo, l’Istituto Mario Negri ha svelato l’arcano: il covid si cura e tanto possono fare – per approcciarsi al virus – dei banali anti-infiammatori. Rec News ha iniziato a parlare di cure già all’inizio del 2020, quando pubblicava i documenti di studi resi noti all’estero e intervistava medici autorevoli che purtroppo non sono stati ascoltati da chi ricopriva ruoli decisionali.

Oggi gli scienziati e i virostar come Remuzzi, che ha preso parte allo studio del Mario Negri, giungono a questa conclusione dopo decine di migliaia di persone morte senza essere state curate al manifestarsi dei sintomi, dopo che soggetti con altre malattie sono stati lasciati fuori dagli ospedali e dopo che altri sono stati abbandonati a loro stessi anche quando dovevano sottoporsi a operazioni chirurgiche.

Se ne accorgono ora: il covid si cura anche con dei banali anti-infiammatori | Rec News dir. Zaira Bartucca

Senza contare i vaccinati, danneggiati o morti per colpa di un siero sperimentale cui si sono affidati senza remore, nella convinzione che non esistesse alternativa: questo hanno fatto credere i governi Conte e Draghi, questo ha fatto passare la stampa mainstream.

Scrive ora Ansa:

La terapia a base di antinfiammatori (in particolare non steroidei, i Fans), avviata all’inizio dei sintomi, riduce il rischio di ospedalizzazione per Covid dell’85-90% Dopo due anni e mezzo di pandemia la comunità scientifica concorda su un punto: a uccidere i malati è l’infiammazione (o flogosi), non il virus.

Ricapitolando: due anni di privazioni, mascherine, isteria, ipocondria, allarmismi ingiustificati, corse all’hub vaccinale, bambini usati come cavie e anziani immolati per un virus che, se il sistema immunitario non fa il suo lavoro, si può curare con delle bustine di anti-infiammatorio?

Possibile che nessuno si sia accorto prima – a virus, come si sostiene, “isolato” – che principi attivi conosciuti, in genere ben tollerati e presenti in tutte le case avrebbero potuto fare in modo che si evitasse la campagna di vaccinazione di massa, cioè la sperimentazione umana di un siero di cui si saprà di più solo nel 2023? Nessuno, dunque, che risponda per la baracca emergenziale messa in piedi, che non ha avuto eguali in Europa e forse nel mondo e che – ci dicono oggi gli scienziati tra le righe – si poteva evitare?

“Covid, gli antinfiammatori riducono le ospedalizzazioni del 90%” in Corriere della Sera del 26/08/22
“Covid: con antinfiammatori riduzione del 90% dei ricoveri” – in Ansa del 26/08/22

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione