La Brexit, il clima e il virus. Tre fenomeni più legati di quanto si pensi


L’Europa e il grande piano. Si parla tanto di Mes, ma pochi considerano i progetti legati al 2030 e al 2050. Ancora troppo pochi sono in grado di trovare connessioni sugli accordi delle varie Cop su meno emissioni e il dover



Immagine Eunews

L’Europa, e il grande piano dopo la Brexit. Si parla tanto di Mes, ma pochi considerano i progetti legati al 2030 e al 2050. Ancora troppo pochi sono in grado di trovare connessioni sugli accordi delle varie Cop su meno emissioni e il dover stare a casa. Secondo loro, se qualcuno avesse detto state a casa per un minor impatto climatico, pochi avrebbero capito. Meglio intavolare la più grande false flag della storia contemporanea, anche perché così facendo si prendono 2-3 piccioni con una fava: emissioni, tecnologia, controllo.


Tornando al nostro piccolo, il governo ha caricato sulle spalle degli italiani il Mes, confermando in questo modo l’incapacità di fare gli interessi nazionali, ma anche di più. Al governo sembra piaccia giocare sporco, giocare dalla parte sbagliata, giocare per conto terzi. Ma i progetti per il 2050 falliranno, statene certi. Nessuno ridurrà i popoli in schiavitù con una pandemia organizzata dopo l’altra, agitando prima questo spauracchio e dopo quello. L’Europa, comunque, per il momento ci è dentro fino al collo. Non la attraversano solo imposizioni che piovono dall’alto che si stanno concretizzando in una dittatura sanitaria, ma anche le mire espansionistiche e totalitarie della Cina che prima dello scoppio di tutto era stata severamente sanzionata dagli Stati Uniti.


L’Italia è vittima di grandi interessi cinesi, dal 5G alla Belt and Road Initiative (la cosiddetta Via della Seta), con miliardi di investimenti dalla sola Italia. Un quadro perfetto? Non come pensano i globalisti. Anzi, tutto è andato storto. L’Unione europea è stata colpita da due parti, cioè dalle ritorsioni cinesi e dagli effetti a lungo termine della Brexit. Per non cadere subito, l’Ue aveva bisogno di un piano globale: Ursula Von Der Leyer lo annunciò a inizio gennaio: il piano su scala europea di contrastro alla Brexit è pronto: il 28 dello stesso mese, l’Italia iniziava a parlare di casi italiani.



E l’Italia che già da più di vent’anni si cerca di distruggere, è stata scelta come laboratorio “privilegiato” per testare le reazioni della popolazione, ma anche per essere l’aprifila della distruzione economica del 2021, molto peggio di come è già accaduto a Grecia e Spagna. Quanto c’è stato di calcolato? Quanto si poteva evitare? L’occhio di Copernicus che tutto vede, nel caso del virus era cieco, non è stato in grado di prevedere e calcolare nulla. Il virus cinese conveniva all’Ue, perché i suoi disastri costruiti hanno permesso di impiantare politiche di dipendenza e di addebitamento, come il Mes e il Recovery Fund.


E’ vero quando si dice che tutto questo è nell’interesse dell’Europa, ma quasi mai i tornaconti di Bruxelles coincidono con quelli dell’Italia. Il nemico non è invisibile, come dice l’avvocato Conte, ma si vede eccome. Certo agisce piano, di notte, perché altrimenti scoppia la terza guerra mondiale, e questo il nemico lo sa. Ma almeno avesse un po’ di dignità. I fascisti del clima che vedono l’uomo come un parassita del pianeta che si riproduce troppo velocemente, sarebbero ben contenti di chiuderci in casa fino al 2050, di chiudere fabbriche e aziende, di decimare tutto.


Questo per loro equivale a pensare al futuro? Troppa politica a volte fa perdere di vista i motivi per cui si fa politica, specie quando non si fa l’interesse dei cittadini ma si fanno interessi esclusivamente propri. Ma per l’Italia non tutto è perduto. Il sistema c’è e può funzionare. C’è da avere paura – come si sente spesso dire – se l’Italia esce dall’Ue? Se rinuncia alla moneta unica? No, tutto si può risolvere con le giuste soluzioni. L’Italia rimane ancora un Paese con tante persone che vogliono lavorare, costruire, creare. L’Italia è grande e gli italiani lo sanno.


Sono finiti i tempi in cui la politica guarda solo ai suoi interessi. La storia che qualcuno voleva fare, si sta ripercuotendo contro gli stessi fautori. Ora la politica deve avere riguardo per i danni che ha causato alla cittadinanza, e ringraziare con rispetto i cittadini per la pazienza dimostrata. Ora bisogna risolvere. Gli italiani devono avere pazienza e giudicare i propri rappresentanti non dalle parole, ma dai fatti. Amici italiani, il bene trionfa sempre. Non abbassate le mani e leggere il Salmo 90 per
proteggere voi e i vostri cari da questi tempi bui. Vi auguro buoni feste.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


4.3 6 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.