Fiori sulle macerie, distopia di un’Italia “petalosa”. Gli italiani abboccheranno?


Il governo e i suoi super funzionari sembrano voler indorare la pillola. Rischi, tollerabilità, necessità? Quattro petali rosa, uno spruzzo di ambientalismo ed è tutto dimenticato



Il vaccino ci farà rinascere come la natura rinasce in primavera, riempirà l’Italia di fiori, quelli dei gazebo e quelli delle cartine che mostrano i gazebo della felicità. Non è Bradbury e neppure Zamjatin, ma l’ultima partorita dal governo e dai suoi super funzionari. La distopia “petalosa” dovrebbe servire – a leggere tra le righe di quanto dichiarato – ad indorare la pillola. A far credere agli italiani di starsi recando in una sorta di padiglione da Expo che trasuda Lascienza dell’archistar di turno, in un tripudio di rovesciamento dell’ordine reale delle cose.


Un frame del video della campagna vaccinale in Italia

I rischi, le preoccupazioni, la tollerabilità, la necessità, la sperimentazione lampo? Tutte questioni dimenticate. Metti quattro petali rosa dentro un cerchio, ci spruzzi sopra un po’ di ambientalismo (perché sono biodegradabili e si alimentano da soli, mica cotica), inizi a parlare di “collaborazione pro bono” per tenere buoni gli italiani che continuano a vederci spese inutili e il gioco è fatto. Che valga la candela, però, è tutto da vedere, perché per quello è necessario che gli italiani ci caschino.


Zaira Bartucca
Direttore e Founder di Rec News, Giornalista. Inizia a scrivere nel 2010 per la versione cartacea dell’attuale Quotidiano del Sud. Presso la testata ottiene l’abilitazione per iscriversi all’Albo nazionale dei giornalisti, che avviene nel 2013. Dal 2015 è giornalista praticante. Ha firmato diverse inchieste per quotidiani, siti e settimanali sulla sanità calabrese, sulle ambiguità dell’Ordine dei giornalisti, sul sistema Riace, sui rapporti tra imprenditoria e Vaticano, sulle malattie professionali e sulle correlazioni tra determinati fattori ambientali e l’incidenza di particolari patologie. Più di recente, sull’affaire Coronavirus e su “Milano come Bibbiano”. Tra gli intervistati Gunter Pauli, Vittorio Sgarbi, Giulio Tarro, Armando Siri, Gianmarco Centinaio, Michela Marzano, Vito Crimi, Daniela Santanché. Premio Comunical (2014, Corecom/AgCom). Autrice de “I padroni di Riace – Mimmo Lucano e gli altri. Storie di un sistema che ha messo in crisi le casse dello Stato”. Twitter@Zaira_Bartucca

Iscriviti alla nostra Newsletter!


4 4 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.