L’EJC e la fondazione di Bill Gates ai giornalisti: finanziamenti per chi influenza l’opinione pubblica in tema di Sanità


Un finanziamento che può arrivare “fino a 7500 dollari” per i giornalisti che scrivono di sanità per “organizzazioni di media che formano l’opinione pubblica” in determinati Paesi, tra cui anche l’Italia. E’ la proposta del…



Un finanziamento che può arrivare “fino a 7500 dollari” per i giornalisti che scrivono di sanità per “organizzazioni di media che formano l’opinione pubblica” in determinati Paesi, tra cui anche l’Italia. E’ la proposta del Centro europeo di giornalismo (EJC) che alcuni giornalisti – tra cui la sottoscritta, che non ha aderito – si sono visti recapitare nelle scorse settimane. La comunicazione è relativa al bando Global Health Security Call attivato il 19 ottobre di quest’anno e scaduto il 5 novembre, promosso dall’EJC e dall’onnipresente Bill&Melinda Gates Foundation, la stessa che vanta diversi interessi sulla produzione e somministrazione dei vaccini Pfizer, Moderna e ora anche ReiThera, il vaccino italiano.


Tentare di influenzare l’attività dei giornalisti è un po’ il chiodo fisso di Gates. Lo faceva ai tempi di Microsoft e sembra farlo anche adesso che la sanità globale si è trasformata nella sua gallina dalle uova d’oro. Sia o no questa la filantropia per cui è diventato noto, c’è da domandarsi che fine faccia l’imparzialità dei giornalisti che decidono di rispondere a bandi come questi. Che approccio avranno, per esempio, verso prodotti farmaceutici come i vaccini finanziati e pubblicizzati dalla fondazione Bill& Melinda Gates, che peraltro è parte attiva della GAVI Alliance? Come ne scriveranno o parleranno? Per il momento i progetti giornalistici attivati con la Global Health Security Call non sono stati resi pubblici, ma quel che è certo è che ne verranno portati avanti venti tra Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia. Tanto ha permesso la “donazione” della Fondazione Bill&Melinda Gates, che ha coperto i “costi di realizzazione” per 150.000 dollari (come detto, 7.500 dollari a progetto). Un’operazione che, nei fatti, ricorda un po’ la “paghetta” che il governo Conte diede a chi si prestava a diramare determinate comunicazioni sul coronavirus.



Un tentativo di insidiare l’indipendenza di chi informa che riguarda i centri di ricerca giornalistica intercettati dai vari potentati, ma che ancor di più non lascia immuni i media mainstream. Per esempio la Rai, che è attualmente al centro di una riforma volta (si spera) a reintrodurre l’imparzialità, il confronto democratico e la pluralità: “Serve una cultura dell’indipendenza molto più alta, dobbiamo definire una nuova missione per la Rai. Da anni dobbiamo affrontare una legge sulla governance, una riforma di sistema sul rapporto fra Parlamento, governo e Rai”, sono le dichiarazioni che il presidente della Camera ha rilasciato ieri a Radio 24.


Facile a dirsi ma molto meno a farsi, soprattutto se l’insidia all’indipendenza dei giornalisti proviene dall’elargizioni garantite dalle fondazioni o da prebende varie e ricompense mascherate da donazioni. Tornano poi alla mente i rapporti tra giornalisti e magistrati emersi con il caso Palamara ma – per tornare all’attualità – anche i “giornalisti a gettone” vicini al Giglio Magico dei renziani che secondo l’inchiesta sulla fondazione Open facevano da raccordo per la creazione e diffusione di contenuti che servivano a rovinare la reputazione di chi non era allineato alle volontà dei committenti. A gettare ulteriore discredito sulla categoria ci mancavano, insomma, il covid, i vaccini e la sanità.


La mail ricevuta

0
Cosa ne pensi?x

Zaira Bartucca
Zaira Bartucca
Direttore e Founder di Rec News, Giornalista. Inizia a scrivere nel 2010 per la versione cartacea dell’attuale Quotidiano del Sud. Presso la testata ottiene l’abilitazione per iscriversi all’Albo nazionale dei giornalisti, che avviene nel 2013. Dal 2015 è giornalista praticante. Ha firmato diverse inchieste per quotidiani, siti e settimanali sulla sanità calabrese, sulle ambiguità dell’Ordine dei giornalisti, sul sistema Riace, sui rapporti tra imprenditoria e Vaticano, sulle malattie professionali e sulle correlazioni tra determinati fattori ambientali e l’incidenza di particolari patologie. Più di recente, sull’affare Coronavirus e su “Milano come Bibbiano”. Tra gli intervistati Gunter Pauli, Vittorio Sgarbi, Giulio Tarro, Armando Siri, Gianmarco Centinaio, Michela Marzano, Vito Crimi, Daniela Santanché. Premio Comunical (2014, Corecom/AgCom). Autrice de “I padroni di Riace – Mimmo Lucano e gli altri. Storie di un sistema che ha messo in crisi le casse dello Stato”. Telegram: t.me/zairabartucca Twitter: @Zaira_Bartucca www.zairabartucca.it

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 3 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
marco
marco
18 giorni fa

Beh che dire, tra parlamento asfaltato, magistratura morta, polizia squadrista che manganella chi protesta, popolo che non può manifestare, giornali e televisioni asserviti all’uomo solo al comando: ragioniere, tecnocrate, banchiere, media asserviti ad un ultra-europeista anti-italiani, mancavano giusto abbondanti tonnellate di corruzione, travestite da donazioni filantropiche naturalmente. Il regime totalitario-poliziesco non ha intenzione di farsi mancare proprio nulla

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.