Periodico di Inchieste

Il governo dà la mancia a chi trasmette i numeri ufficiali del “contagio”


Dal 9 novembre in poi è più facile spiegarsi i toni allarmistici – sempre in bilico tra il procurato allarme e il terrorismo psicologico – di canali televisivi ed emittenti radiofoniche



Dal 9 novembre in poi è più facile spiegarsi i toni allarmistici – sempre in bilico tra il procurato allarme e il terrorismo psicologico – di tv ed emittenti radiofoniche. Di più: hanno anche un nome, ed è “criteri di verifica e delle modalità di erogazione degli stanziamenti previsti a favore delle emittenti locali televisive e radiofoniche”. Il riferimento è a un provvedimento che il ministero dello Sviluppo economico e i suoi sottosegretari hanno voluto per quelle realtà informative che, nel pratico, si prestano alle comunicazioni-necrologio in stile Angelo Borrelli.


La misura è stata pubblicata il 9 novembre in Gazzetta Ufficiale, e prevede lo stanziamento di ben 50 milioni da erogare alle emittenti che “si impegnano a trasmettere i messaggi di comunicazione istituzionale relativi all’emergenza sanitaria all’interno dei propri spazi informativi”. Paradossalmente, mentre i numeri – perfino quelli ufficiali – sono sempre più incoraggianti, il governo pensa ai modi per far andare avanti all’infinito l’idea di emergenza. Ovviamente, la comunicazione rimane il modo migliore per mettere il carico da novanta a pericoli che sono più percepiti che reali.



Cinquanta milioni per prevenzione, cure, per dare fiato o generi di prima necessità a chi ha perso tutto, anche grazie ai lockdown che secondo lo stesso Cts si potevano (dunque si possono) evitare? Macché. Meglio regalarli – la si chiami mancia o come meglio si crede, in un’ottica davvero svilente della professione – a chi darà prontamente conto dell’ennesimo Dpcm o dei numeri di Arcuri, Rezza e degli altri smentiti dall’Istat. Per chi sta al governo e per chi ha bisogno dell’emergenza eterna per ottenere un posto al sole, è molto meglio così.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


4.5 10 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.