Vaccini e diritto al lavoro, il Garante per la Privacy fa chiarezza


Il datore di lavoro non può chiedere ai propri dipendenti di fornire informazioni sul proprio stato vaccinale, né tentare di ottenere e trattare i nominativi del personale eventualmente vaccinato



“Il datore di lavoro non può chiedere ai propri dipendenti di fornire informazioni sul proprio stato vaccinale o copia di documenti che comprovino l‘avvenuta vaccinazione anti Covid-19. Ciò non è consentito dalle disposizioni dell’emergenza e dalla disciplina in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Il datore di lavoro non può considerare lecito il trattamento dei dati relativi alla vaccinazione sulla base del consenso dei dipendenti, non potendo il consenso costituire in tal caso una valida condizione di liceità in ragione dello squilibrio del rapporto tra titolare e interessato nel contesto lavorativo”.



Il datore di lavoro, inoltre, “non può chiedere al medico competente i nominativi dei dipendenti vaccinati”, né trattare i dati sanitari dei dipendenti. Questa è prerogativa esclusiva – chiarisce il garante – del “medico competente”. Si pone dunque un freno motivato a chi parla di obbligo vaccinale per essere introdotti o re-introdotti sui luoghi di lavoro, e conseguentemente anche al possibile utilizzo di un covid pass. Per mettere alla berlina chi non intende – per obiezione di coscienza o per necessità personali – vaccinarsi, bisognerebbe prevedere una normativa ad hoc, che però in quel caso si scontrerebbe subito con l’articolo 32 della Costituzione oltre che col diritto imprescindibile e inderogabile al lavoro e al mantenimento economico personale.



In mancanza di una legge specifica che veda nel vaccino la pre-condizione agli accessi sul luogo di lavoro – che è quanto di meno auspicabile possa accadere, anche in ragione delle reazioni avverse registrate e dei decessi sospetti – trovano applicazione, chiarisce il Garante, solo le “misure speciali di protezione” e il lavoro del medico competente, chiamato a valutare caso per caso.



Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.