Seguici

© Rec News -

del

Carenza di manodopera in tempi di disoccupazione diffusa? Secondo qualcuno va risolta tramite i robot, anche perché a loro non serve corrispondere lo stipendio. Succede negli Usa, dove gli hotel Mandarin Oriental di Boston e l’Holiday Inn Express di Redwood City hanno iniziato a sostituire gli umani con le macchine. Ne dà conto il New York Post. Una decisione che dovrebbe far tremare i polsi a più d’uno, se si pensa che catene come l’Holiday Inn sono diffuse in tutta Europa. Sembrerebbe quindi che i lavoratori di ogni settore dovrebbero guardarsi bene dal salutare con favore e dall’incentivare la digitalizzazione diffusa di cui si parla sempre più spesso.

Continua a leggere dopo le foto

Le riserve espresse dai sindacati

“I sindacatiscrivono dalla testata non trovano l’idea di robot che lavorano in un hotel divertente. Gli organizzatori temono che l’esercito di automi in erba, che attualmente conta almeno 200 a livello nazionale, stia minacciando la crescita e stia sostituendo chi deve essere pagato. Il problema sta ribollendo nel settore dell’ospitalità, anche se ultimamente ha scatenato divisioni in altri settori, nel bel mezzo di una carenza di manodopera a livello nazionale. Questo include i colloqui con gli operatori portuali e i lavoratori del bacino della Costa occidentale, il cui contratto di lavoro è scaduto il primo luglio”.

Via quasi la metà del capitale umano

La digitalizzazione e le mire transumaniste potrebbero dunque rappresentare uno tsunami per il mondo del lavoro. I motivi abbiamo tentato di spiegarli in tempi non sospetti, e risiedono nel sofisticato progetto di ingegneria sociale che si nasconde dietro Agenda 2030. Il centro non è più l’uomo, il cittadino, il lavoro non è più l’atto necessario ad assicurarsi dignità e sopravvivenza, surclassato com’è dalle politiche assistenzialiste e minato nelle fondamenta da piani pandemici, siccità organizzate, lockdown climatici. “Stiamo operando in questo momento con il 40% in meno di capitale umano rispetto a prima della pandemia”, ha dichiarato al NYP Vaughn Davis, il direttore generale del Dream Hollywood hotel di Los Angeles che ha aggiunto due robot Relay – “Alfred” e “Geoffrey” – alla proprietà da settembre 2020 per compensare la carenza. “Ci sono persone che semplicemente non vogliono più lavorare negli hotel”, è la scusa adottata.

“Stanno diventando parte della nostra cultura di servizio”

Il Dream Hotel Group, che ha 30 proprietà in cantiere in tutto il mondo, ha peraltro annunciato di volersi appoggiare alla robotica gli hotel di prossima costruzione. “La maggior parte delle nostre nuove proprietà avrà robot: stanno diventando parte della nostra cultura di servizio”, ha detto ancora Davis. A questo vanno aggiunti i programmi – fa sapere ancora NYP – di Rival Bear Robotics, che ha introdotto un modello pensato per gli alberghi. Ben presto le strutture potrebbero decidere di abbandonare lavoratori e imprese di pulizie per sostituirli con “robot di aspirazione in grado di pulire i corridoi”.

Il sindacalista: “Nessun robot può sostituire un umano. Aumentare gli stipendi per ottenere personale”

Fortuna che ci siano voci contrarie che si stanno levando a sostegno dei lavoratori e delle loro famiglie, che potrebbero trovarsi senza entrate a causa della furia transumanista che imperversa sempre più. “L’automazione è spesso elencata come un’innovazione promettente per tagliare i costi del lavoro nel settore dell’ospitalità – è il pensiero di Rich Maroko, capo del New York Trades Council – ma a chiunque capisce che nessun robot o tecnologia può sostituire un essere umano. So come ottenere personale: bisogna pagare di più”.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

TECH

Scuola, il governo spende 5 miliardi per DID, schermi interattivi e pagamenti digitali. Un miliardo ai docenti

Un piano enorme, che però non prevede un euro per la riqualificazione delle numerose strutture scolastiche fatiscenti e pericolanti che ci sono in tutta Italia. In compenso ci saranno nuove task force, team per l’innovazione e “animatori digitali”, schermi interattivi e pagamenti digitali obbligatori

© Rec News -

del

Scuola, il governo spende 5 miliardi per DID, schermi interattivi e pagamenti digitali. Un miliardo ai docenti | Rec News dir. Zaira Bartucca

Un programma di “innovazione didattica” con lezioni più interattive per tentare di coinvolgere gli studenti, anche se l’abbandono scolastico in Italia è ai massimi storici. Fa parte del “Piano Scuola 4.0,” costato quasi 5 miliardi e avviato in questi giorni con la ripartizione dei fondi, in un momento in cui il governo si dichiara dimissionario ma l’attività istituzionale è inspiegabilmente ai massimi storici. Quello che cambia è che i provvedimenti sono ormai accompagnati dal più totale silenzio, tanto “il governo è caduto”.

Continua a leggere dopo le foto
Ancora Task force. Spuntano anche l’animatore digitale e i “Team per l’innovazione”

 I 4,9 miliardi miliardi serviranno – fa sapere il Miur – per cablare le aule, formare i docenti, creare ambienti di apprendimento virtuali, portare la banda ultra larga a scuola (il progetto BUL di Colao propedeutico alla diffusione definitiva del 5G) e a imporre i pagamenti digitali per le attività legate alla scuola. Non mancano i fiumi di nomine: arriva l’ennesima task force per le scuole e si afferma anche il gruppo dei saggi del PNRR (“Gruppo Supporto al PNRR) costituito in seno al Ministero dell’Istruzione e negli Uffici scolastici regionali e la figura dell’animatore digitale e il “Team per l’innovazione”.

Cambiano anche le metodologie e le tecniche di insegnamento, che dovranno essere “in linea con la trasformazione degli ambienti”, per “potenziare l’apprendimento e lo sviluppo di competenze cognitive, sociali” e perfino “emotive”. 

Cosa si deve imparare a scuola secondo Bianchi

Un piano enorme, che però non fa impiegare neppure un euro per la riqualificazione delle numerose strutture scolastiche fatiscenti e pericolanti e che crea un indubbio depauperamento delle possibilità di formazione per le professioni umanistiche, mediche, scientifiche e ingegneristiche in senso lato. Sembra che secondo Bianchi esista solo il digitale, e a giudicare dall’alto tasso di transumanisti che popolano in governo Draghi è assolutamente in buon compagnia. Largo allora a robotica, intelligenza artificiale, alla cybersicurezza e comunicazione digitale, “anche attraverso attività autentiche e di effettiva simulazione dei luoghi”: una finestra aperta sul metaverso, praticamente (degli scorsi mesi l’incontro a Palazzo Chigi tra il ceo di Meta Mark Zuckerberg, Vittorio Colao e Mario Draghi). Le scuole forniranno “gli strumenti legati alle nuove professioni”, ma non è chiaro che fine faranno quelle vecchie.

 A cosa serviranno, nel dettaglio, i quasi 5 miliardi  

Dei 5 miliardi destinati al “Piano Scuola 4.0”, 379 milioni serviranno a imporre nuovamente la DID (la didattica digitale integrata, un misto tra lezioni in presenza e da remoto), 445 milioni provenienti dai fondi React EU saranno invece impiegati per il potenziamento delle reti locali, cablate e wireless delle scuole e per l’installazione di schermi interattivi nelle aule. 99 milioni andranno alla creazione di ambienti STEM (99 milioni), 600 milioni del PNRR al Piano scolastico per la Banda Larga. Altri 60 milioni del PNRR serviranno a far transitare obbligatoriamente i pagamenti scolastici nelle piattaforme PagoPA-SPID-CIE. Per la migrazione cloud e per i siti internet delle scuole verranno poi impiegati altri 155 milioni mentre 250 milioni serviranno per gli “ambienti innovativi” per la scuola dell’infanzia.

Quasi un miliardo per formare i vecchi docenti

Ben 800 milioni, infine, saranno destinati alla formazione digitale del personale scolastico: in altre parole non saranno previste assunzioni per chi già possiede i requisiti, ma verranno formati i vecchi docenti con una spesa che sfiora il miliardo.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

ECONOMIA

La piattaforma online Semrush: sempre più italiani costretti a ricorrere ai prestiti per andare in vacanza. I rischi

Le ricerche online sui bonus vacanze aumentano del 50% in un mese, quelle per i prestiti veloci dell’85% rispetto all’anno scorso. Ma ci sono insidie per chi ricorre ai prestiti per attività che non hanno come obiettivo quello di generare capitale

© Rec News -

del

La piattaforma online Semrush: sempre più italiani costretti a ricorrere ai prestiti per andare in vacanza. I rischi | Rec News dir. Zaira Bartucca

Secondo i dati Confturismo Confcommercio, 28 milioni di italiani andranno o sono andati in vacanza in questa estate 2022. La crisi economica è dunque alle spalle? In realtà, no. Sempre più italiani ricorrono ad un prestito per poter pagare le vacanze. Un fenomeno che, a dirla tutta, era già stato denunciato negli anni passati da realtà che aiutano persone e aziende ad uscire da situazioni di sovraindebitamento, fenomeno che oggi, con una nuova crisi economica in corso, preoccupa ancora di più.

Continua a leggere dopo le foto

Secondo quanto rilevato da Semrush, da maggio a giugno 2022 sono aumentate del 50% le ricerche online riguardo il bonus vacanze, e le modalità per farne richiesta. Ma ciò che sorprende maggiormente è che a maggio 2022 le ricerche relative ai “prestiti veloci” sono aumentate di quasi l’85% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Guardando alle digitazioni fatte sui motori di ricerca in Italia, notiamo subito come la parola chiave ‘prestito’ sia digitata molto frequentemente, e da giugno 2020, anche se ancora in misura contenuta, inizia ad essere associata alla parola ‘vacanza’ nelle ricerche. – Commenta Chiara Clemente, Marketing Manager Italia di Semrush – Un chiaro segnale di come sempre più persone per andare in vacanza chiedano un prestito o valutino la possibilità di farlo”.

Ricorrere a prestiti per attività che non hanno come obiettivo quello di generare capitale in un momento in cui si è già in difficoltà e lo scenario economico è caratterizzato da una generale sofferenza ed una grande incertezza, può essere molto pericoloso.

Appare evidente come in Italia scarseggi la cultura finanziaria, e questo può portare a fare scelte azzardate, che quasi sempre hanno conseguenze nefaste. – Spiega Gianmario Bertollo, fondatore di Legge 3 – Negli ultimi due anni tra settembre e ottobre abbiamo registrato un aumento tra il 30 ed il 40% di richieste di aiuto da parte di persone che avevano chiesto prestiti per andare in vacanza, per poi rendersi conto che quelle piccole rate, andandosi a sommare a mutuo o affitto, bollette, spesa e altri prestiti, erano tutt’altro che sostenibili. Anche per il 2022 stimiamo dati molto simili, se non anche più alti. Quest’anno, inoltre, si è verificata una cosa ancora più preoccupante: decine di persone che sono consapevoli di avere già una situazione economica precaria, e chiedono se sia davvero così semplice uscire dal sovraindebitamento con la Legge 3 del 2012 migliorata dal 15 luglio con l’entrata in vigore del Codice della Crisi d’Impresa e dell’Insolvenza, per continuare a chiedere prestiti e andare in vacanza. In realtà, questi strumenti normativi aiutano chi si trova oppresso dai debiti suo malgrado, non i furbetti.” 

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

TECH

Shopping online, i dati di SaleCycle: per molti utenti si rivela un fuoco di paglia

I dati relativi al 2021, quando otto volte su dieci la merce veniva abbandonata nel carrello digitale e non acquistata. Nell’anno di interesse Il giorno più nero per l’e-commerce è stato Il sabato. L’indagine dell’azienda specializzata nelle attività di remarketing

© Rec News -

del

Shopping online, i dati di SaleCycle: per molti utenti si rivela un fuoco di paglia | Rec News dir. Zaira Bartucca

Otto acquisti su dieci abbandonati prima del check-out, con una corsa all’affare che esplode negli ultimi giorni del mese e un traffico da mobile che ormai è predominante fino al 70%. E il sabato, al contrario di quanto avviene nel mondo fisico, in rete quasi nessuno fa shopping. Sono alcuni dei dati emersi dal report globale su trend e statistiche dell’e-commerce per il 2022 di SaleCycle, realtà anglo-francese specializzata nelle attività di remarketing. L’indagine prende in considerazione un campione basato sugli e-commerce delle centinaia di aziende clienti dell’agenzia, e composto da 8,4 miliardi di percorsi di acquisto online, 178 milioni di e-mail inviate e 164 milioni vendite online nei settori del retail, della moda e dei viaggi e turismo.

Continua a leggere dopo le foto

I dati

Nel 2021 il culmine di vendite online, secondo SaleCycle, si è registrato nel mese di novembre, in corrispondenza delle ricorrenze promozionali del Black Friday e del Cyber Monday. Su base mensile il giorno che mediamente fa registrare il numero maggiore di vendite è il 26, in prossimità dei giorni in cui a molte persone viene accreditato lo stipendio. Il lunedì è, invece, il giorno della settimana in cui gli utenti acquistano maggiormente online, mentre il sabato le vendite sono regolarmente al minimo. Durante la giornata, gli orari di punta in relazione al volume di vendite online corrispondono alle 11 e alle 20. 

Sempre nel corso del 2021 il tasso totale di abbandono del carrello corrisponde all’80,68%, valore leggermente inferiore rispetto all’81,08% registrato nel 2020. La domenica sembra aver generato il tasso di abbandono più elevato, mentre il mercoledì il più basso. «Gli ultimi anni hanno contribuito ad accelerare il processo di trasformazione digitale, spingendo sia le aziende che i consumatori a ricorrere all’e-commerce per vendere e acquistare qualsiasi tipo di prodotti, dai beni di prima necessità ai regali», spiega Brad Ward, content manager di SaleCycle e autore dello studio. «Le modalità di interazione dei consumatori con i brand sono in continua evoluzione. Le persone si aspettano che siano in grado di creare delle esperienze di acquisto omnicanale e personalizzate».

Il boom del mobile

Particolarmente interessanti i dati legati ai dispositivi utilizzati. Il 71,23% del traffico online è generato da dispositivo mobile, mentre il 28,77% da desktop. Nel momento di effettuare l’acquisto, però, in molti si spostano sul computer: rispetto al volume di vendite, gli smartphone pesano per il 56%, mentre il desktop per il 44%. «I trend legati al volume di vendite online sono sempre più influenzati e dettati dall’utilizzo dei dispositivi mobili», prosegue Ward. «L’innovazione tecnologica, l’arrivo di schermi più grandi e il 5G sono tutti elementi che hanno permesso agli e-commerce di creare delle esperienze di acquisto indimenticabili anche da smartphone. Questa tendenza non farà altro che continuare. Tutti quei venditori che stanno trascurando l’ottimizzazione dell’esperienza d’uso da dispositivo mobile rischieranno quindi di non rimanere al passo con i cambiamenti nel comportamento di acquisto degli utenti».

I settori: moda batte retail

Tra i settori monitorati da SaleCycle, quello della moda ha generato il volume più elevato di vendite online (71 milioni), seguito dai settori del retail (66 milioni) e dei viaggi e turismo (14 milioni). Nel retail spiccano gli acquisti per gli alimentari. Molto richiesti anche articoli di arredamento, sport, cosmetica e tecnologia. Per quanto riguarda il settore viaggi, a farla da padrona sono gli hotel, ma il noleggio auto ha registrato una crescita significativa. «Monitorare i cambiamenti legati ai trend di navigazione e acquisto degli utenti – conclude Ward –  permette alle aziende di individuare opportunit che altrimenti avrebbero ignorato, come ad esempio includere nella propria strategia nuovi canali di marketing digitale per acquisire nuovi clienti».

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Abbonati a Post+ e accedi ai contenuti extra di Rec News

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione
0
Dicci cosa ne pensix