Seguici

© Rec News -

del

Sia o meno il momento di crisi che il governo sta attraversando a fargli fare retromarcia, ma Roberto Speranza in queste ore è stato chiaro e deciso: “Il cuore delle vaccinazioni sarà primavera estate, volontaria e sicura”. È quanto ha riferito il ministro della Salute. Niente obblighi, dunque, come molti avevano temuto, niente rastrellamenti per essere costretti ad assumere il preparato che negli ultimi giorni è visto con diffidenza non solo dai novax e da chi lo considera superfluo dopo l’avvio della stagione delle cure, ma anche dagli allergici, rinitici e asmatici.

Continua a leggere dopo le foto

Abbia raccolto o meno (e giustamente) le istanze della società civile, il cambio di rotta non potrà che giovare al sentiment verso il ministro. Erano infatti molte le voci politiche che contano – dentro e fuori la maggioranza – che negli ultimi mesi lo avevano considerato “allarmista“, troppo in simbiosi col virus, almeno a dar retta al brusio che proviene dai palazzi romani. È forse per questo che Speranza ha scelto “la mossa del puledro” per dirla alla Renzi, un piccolo scatto d’orgoglio che – però – potrebbe essere in grado di cambiare le cose. E non ci sono dubbi sul fatto che questo nuovo (se dura) Speranza sarà maggiormente apprezzato dai cittadini, soprattutto quelli preoccupati circa la sicurezza, l’efficacia e la necessità dei vaccini.

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca

RN+

Elezioni Politiche, online il nostro sondaggio

Si vota fino alle 14 del 23 settembre. Si può indicare un’unica preferenza. Si può dichiarare la propria adesione alla corrente astensionista o ai partiti in corsa

© Rec News -

del

Elezioni Politiche, online il nostro sondaggio | Rec News dir. Zaira Bartucca

E’ online il nostro sondaggio sulle Elezioni Politiche 2022. Si vota fino alle 14 del 23 settembre. E’ possibile esprimere la propria preferenza seguendo il link che si trova anche alla fine di ogni articolo.

Continua a leggere dopo le foto

Come si vota

Si può indicare un’unica preferenza. Si può dichiarare la propria adesione alla corrente astensionista (che per la prima volta si sta concretizzando in una sorta di movimento di protesta spontaneo popolato da chi non si sente rappresentato da nessuno) o ai simboli in corsa. I partiti che si attestano al di sotto del 3% sono stati indicati con “altre liste” per l’oggettiva difficoltà a elencarli tutti.

Il campione di riferimento

Il sondaggio è stato pubblicato alle 19 di questo pomeriggio ed è stato condiviso con un campione statistico rappresentativo e politicamente variegato. Il numero dei votanti è sempre indicato nel sondaggio, dove si può vedere anche l’andamento parziale. Più aumenta il numero di adesioni, più si riducono i margini di errore che sono insiti in ogni rilevazione. Nelle prossime settimane verrà pubblicata una prima analisi dei dati provvisori.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

DOC

Appalti ONU, cresce il numero delle aziende italiane affiliate

Nel 2021 il giro di affari dell’Organizzazione delle Nazioni Unite in Italia ha superato i 350 milioni di dollari. Tra i settori più performanti c’è quello della Sanità

© Rec News -

del

Appalti ONU, cresce il numero delle aziende italiane affiliate | Rec News dir. Zaira Bartucca

E’ stato pubblicato il Rapporto Annuale sugli Appalti presso Nazioni Unite, che offre una dettagliata analisi sulla gestione dell’imponente volume di beni e servizi acquistati dall’intero sistema onusiano. Il 2021 ha segnato un record, con un volume complessivo di 29,6 miliardi di dollari, in aumento del 32,5% rispetto all’anno precedente. Come prevedibile, la spinta principale si è registrata nel settore sanitario, ma crescite significative si sono registrate anche in altri settori.

Continua a leggere dopo le foto
Tutti in crisi, ma non l’ONU

Nonostante la crisi che colpisce praticamente ogni segmento, cresce anche il giro di affari delle imprese italiane affiliate all’ONU, che per il 2021 hanno registrato un volume annuale ufficiale pari a 351 milioni di dollari in favore di 39 entità onusiane. Le principali aree di intervento sono state “Servizi di gestione e amministrazione” (57,9 milioni), “Trasporto, stoccaggio, servizi postali” (47,4 milioni), “Attrezzature e forniture mediche” (38,4 milioni), “Servizi di ingegneria e ricerca” (34,3 milioni), “Servizi di costruzione e manutenzione” (28,4 milioni). Le principali entità onusiane acquirenti dalle imprese italiane sono, nell’ordine: PAM (81,3 milioni), Segretariato delle Nazioni Unite (pari a 57,7 milioni, che include il DOS e forniture alle Missioni di Peace-Keeping, tra le altre), FAO (39, 7 milioni), OMS (32,7 milioni), FISA (26,5 milioni).

Sono più di settemila le aziende italiane accreditate presso la Sezione Appalti dell’ONU

Complessivamente, sono 7.193 le imprese italiane accreditate presso la Sezione Appalti delle Nazioni Unite, di cui 1899 quelle che hanno effettuato forniture e 69 quelle che hanno effettuato forniture per volumi superiori a 1 milione di dollari. A luglio di quest’anno, inoltre, l’Italia è stata rieletta nella Peacebuilding Commission per il biennio 2023-2024.

L’ONU riesce a pervadere ogni settore su scala globale

L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha ormai tentacoli ovunque e riesce a pervadere praticamente ogni settore. Se, da un lato, è ormai in forte ridimensionamento l’indotto relativo al settore cosiddetto umanitario (anche per effetto dei tagli promossi dall’amministrazione Trump) su scala globale si afferma sempre più lo sfruttamento della Salute, comparto che nel 2021 ha generato la fetta più consistente di introiti (36%, di cui il 27% derivato da vaccini, contraccettivi e farmaceutici). Per l’anno di riferimento è cresciuto anche il comparto dei trasporti (8,7%) quello alimentare e agricolo (10%) e quello dei Media influenzati dall’ONU (7,2% degli introiti totali).

Appalti ONU, cresce il numero delle aziende italiane affiliate | Rec News dir. Zaira Bartucca

Su scala italiana è interessante notare come negli ultimi anni i settori maggiormente battuti dall’ONU abbiano subito mutamenti anche radicali, anche grazie agli shock generati dal Covid. E’ il caso dei sistemi di controllo e sorveglianza introdotti negli uffici postali (Green Pass fino ai primi mesi del 2022, cancellazione del contante per alcune operazioni) e nelle autostrade.

Appalti ONU, cresce il numero delle aziende italiane affiliate | Rec News dir. Zaira Bartucca

Anche il settore dell’informazione sta cambiando radicalmente in Italia e in Europa in generale proprio a causa delle manipolazioni promosse da tutta una serie di organismi, con l’introduzione di “task force” e di squadroni punitivi di “fact-checker” o presunti tali che si occupano di colpire il giornalismo indipendente, nel tentativo di sedare ogni dubbio avanzato su vaccini, pandemia, conflitti, siccità e via discorrendo. Sia mai che il colossale giro di affari connesso ai sofisticati progetti di ingegneria sociale dell’ONU venga messo a repentaglio.

Appalti ONU, cresce il numero delle aziende italiane affiliate | Rec News dir. Zaira Bartucca

Per quanto riguarda l’alimentazione, l’Agenda 2030 è in prima fila nell’imporre la sua idea di “sostenibilità”, che secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite deve colpire il settore dell’allevamento tradizionale e favorire l’inserimento sul mercato di fonti proteiche di derivazione discutibile.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

DOC

“Resta solo per gli affari correnti”. Ma nel Decreto Trasporti il governo Draghi nasconde piani fino al 2025 e 700 assunzioni in due Ministeri

Ieri è entrato in vigore il Decreto Trasporti recante “disposizioni urgenti per la sicurezza e lo sviluppo delle Infrastrutture, dei trasporti e della mobilità sostenibile”, che prevede misure anche in materia di grandi eventi. Diverse le novità introdotte

© Rec News -

del

"Resta solo per gli affari correnti". Ma nel Decreto Trasporti il governo Draghi nasconde piani fino al 2025 e 700 assunzioni in due Ministeri | Rec News dir. Zaira Bartucca

Ieri è entrato in vigore il Decreto Trasporti recante “disposizioni urgenti per la sicurezza e lo sviluppo delle Infrastrutture, dei trasporti e della mobilità sostenibile”, che prevede misure anche in materia di grandi eventi. E’ il caso del Giubileo del 2025, di cui si sarebbe potuto occupare l’esecutivo che dovrebbe insediarsi tra qualche mese. Non si capisce, dunque, tutta questa “urgenza”. Il provvedimento è passato alla Camera con 259 voti favorevoli, 9 contrari e 18 astenuti.

Continua a leggere dopo le foto

Diverse le novità introdotte: dall’obbligo di aggiornamento del Piano morfologico e ambientale della Laguna di Venezia (in mancanza del quale scatta il commissariamento straordinario) agli accentramenti nelle mani di ANAS s.p.a., che potrà stipulare accordi con Ferrovie dello Stato anche per la gestione degli immobili e si occuperà delle autostrade A24 e A25 subentrando a Strada dei Parchi, il vecchio concessionario superato per “gravi inadempienze”, si legge nel decreto.

Ma l’aspetto interessante è che tra le multe aumentate per i mezzi pesanti che superano i carichi previsti e l’istituzione di un Tavolo presso il Ministero delle infrastrutture, il governo Draghi ha nascosto l’assunzione di “un contingente di 700 unità” di dipendenti a tempo indeterminato che andranno a ingrossare le fila del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dell’Interno per il biennio 2022-2023, anche attingendo alle vecchie graduatorie. Il personale andrà ad occupare gli uffici territoriali del governo e il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.

Chissà che non possa rivelarsi una buona notizia per i deputati e senatori (in linea con le professionalità richieste, è chiaro) che saranno costretti a rimanere fuori dal Palazzi dopo il taglio dei parlamentari.

Rec News dir. Zaira Bartucca - recnews.it
elezioni politiche rec news dir. zaira bartucca
Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione