Sessa, il produttore che avvisava Lucano dello sviluppo delle indagini

A legare Lucano e il fondatore e Ceo di Picomedia non c’era solo la fiction Rai, ma anche allerte e soffiate. Gli inquirenti: “Seppe da quelli del film che le indagini si stavano chiudendo”


Nota per redattori e “colleghi”: Rec News è un sito protetto da copyright. La presente è un’esclusiva in quanto i riferimenti in essa contenuti vengono resi noti qui per la prima volta. Qualunque utilizzo del presente articolo e tutte le “scoperte dell’acqua calda” del giorno dopo da oggi in poi verranno trattate come plagio nelle opportune sedi. E’ possibile citare l’articolo e quanto in esso è contenuto citando la fonte, cioè recnews.it


Mimmo Lucano non aveva a che vedere con i produttori della fiction Rai che avrebbe dovuto riguardarlo solo per quanto riguarda le case dei migranti. L’ex sindaco di Riace, destituito a seguito delle ultime amministrative ma prima ancora dagli effetti dell’operazione Xenia, era in stretto contatto e in un rapporto di estrema fiducia anche con Roberto Sessa, il fondatore e Ceo di Picomedia. Noto al mainstream e vicino a diversi “vip”, Sessa è il produttore cinematografico di diverse fiction, tra cui Tutto il mondo è paese, co-prodotta assieme allo stesso Fiorello (Ibla Film). Niente di strano, ovviamente, che i due si conoscessero. Quello che però salta all’occhio scorrendo l’ampia relazione delle Fiamme gialle di cui abbiamo dato ripetutamente conto assieme ad altri documenti e intercettazioni, è che il produttore avvisasse Lucano degli sviluppi delle indagini. Proprio così.


E’ quanto si evince dal progressivo numero 68149, cioè dall’intercettazione sul telefono di Lucano che riguarda una conversazione avvenuta il 10 gennaio del 2018. L’ex sindaco è al telefono col fratello Giuseppe. Pepè è un po’ il bonaccione di casa Lucano, quello con cui Mimmo spesso si sfogava ma che, avvertiva la fidata segretaria di Città futura Ierinò, era meglio stesse lontano dal sistema legato alle associazioni e all’accoglienza, perché altrimenti Lucano “da giusto” sarebbe diventato “sbagliato”. Domenico parla al fratello della possibilità di candidarsi, anche se al momento nessuno glielo ha chiesto ufficialmente. Nel discorso vengono menzionati Grasso e Boldrini e tutto il resto di opportunità che potevano derivare dall’elezione nel partito Liberi e uguali, dove il dominus del sistema Riace avrebbe potuto proteggersi dai guai giudiziari che già si erano palesati dall’anno prima.


La conversazione è quasi terminata quando, annotano gli inquirenti, “Lucano spiega che sul fronte giudiziario non ci sono novità e il film andrà in onda dopo le elezioni. Lucano ha saputo da quelli del film e in particolare da Sessa, che l’indagine si sta chiudendo”. Sembra che l’ex sindaco, stando a quanto appuntano gli investigatori, avesse la possibilità di informarsi dei procedimenti giudiziari che lo riguardavano tramite il noto produttore, con la possibilità che quest’ultimo godesse della fiducia di qualche “manina” collocata nel sistema chiamato, per legge, a raccogliere prove e poi a giudicare Lucano. Un’aspetto che ben si sposerebbe con le stesse ammissioni del prefetto e capogabinetto di Minniti Mario Morcone, di cui abbiamo già scritto.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.