La conferma nella sentenza del processo Xenia: a Riace niente accoglienza ma sistema criminale


Lucano per anni è stato descritto con toni agiografici. Un’immagine che – scorrendo le 904 pagine delle motivazioni – soccombe sotto il peso di accuse ben circoscritte e di reati ben delineati, per lasciare il posto al “furbo” che dirigeva un’associazione a delinquere “tutt’altro che rudimentale”



Mimmo Lucano eroe dell’accoglienza, idealista, che agiva per l’esclusivo interesse dei migranti. Colui che salvò Becky Moses dall’oblio, che “risollevò Riace” e la “ripopolò”. Tutto – ovviamente – per la sua sconfinata generosità e per il suo sconfinato buon cuore. Con questi toni agiografici è stato per anni descritto il dominus del sistema Riace. Un’immagine che – scorrendo le 904 pagine delle motivazioni della sentenza di primo grado del Processo Xenia – soccombe profondamente sotto il peso di accuse ben circoscritte e di reati ben delineati, per lasciare il posto a un Lucano “furbo”, esclusivamente preoccupato di procurarsi vantaggi personali.


Non uno sprovveduto, ma – scrivono il presidente del Tribunale di Locri Fulvio Accurso e i giudici a latere Cristina Foti e Rosario Sobbrio – un soggetto che pur ammantandosi di un alone di “falsa innocenza” rappresentava il perno di un sistema “tutt’altro che rudimentale”. Non era il solo a farne parte: con Lucano – condannato in primo grado a 13 anni e due mesi di carcere – gli altri componenti di quello che secondo la sentenza era un sodalizio criminale vero e proprio, un’associazione a delinquere strutturata e composta da attori che ricoprivano determinati ruoli strategici con il fine di “commettere un numero indeterminato di delitti contro la pubblica amministrazione, la fede pubblica e il patrimonio”. Un sodalizio di cui faceva parte la compagna Tesfahun e i vicinissimi di Lucano che si muovevano all’interno di Città Futura – associazione di cui nei fatti Lucano aveva il controllo completo – e all’interno del resto delle cooperative apparentemente preposte all’accoglienza.



I motivi del sostegno politico a Lucano

Un ruolo aveva anche l’esperienza politica di Lucano, sostenuto da determinati partiti ed ex sindaco di Riace. A dargli man forte – nell’ottica di un sistema basato sul voto di scambio e sull’acquisizione di utilità personali – i sodali condannati assieme a lui e portatori di “pacchetti di voti”, i quali “hanno agito accettando di sostenere politicamente Lucano ricevendo da esso, in cambio, piena libertà di movimento nella loro azione illecita di accaparramento delle risorse pubbliche”.


Dietro il paravento dell’accoglienza c’era la distrazione di somme che venivano utilizzate a fini personali

Formalmente, il “modello” Riace aveva creato le botteghe artigiane, la cittadella solidale, il frantoio, l’accoglienza diffusa (in realtà inesistente e dai numeri su carta). Nei fatti, scrivono i giudici, tutto si traduceva in un sistema illecito caratterizzato da ripetute occasioni di guadagno personale, per sottrazioni milionarie. Lucano e gli altri, insomma, fiutato l’affare delle cifre da capogiro che transitavano a Riace con la scusa dell’accoglienza, secondo la Procura di Locri “piuttosto che restituire ciò che veniva versato, aveva ben pensato di reinvestire in forma privata la gran parte di quelle risorse”, operando “con costanza nell’illecito, in modo studiato, consapevole e volontario” e mettendo in pratica una sistematica “falsificazione dei rendiconti”. I giudici non hanno dubbi: si sarebbe trattato di un “vero e proprio arrembaggio ai cospicui finanziamenti”. Altro che nessun arricchimento e altro che reato di umanità. A questo “quadro a tinte fosche” si aggiunge il ruolo di associazioni come Città Futura che erano diretta emanazione di Lucano, che ogni mese riceveva somme “dalle Isole Cayman”.


Le condanne in primo grado

Abraha Gebremarian (4 mesi)
Ammendolia Giuseppe detto “Luca” (3 anni e 6 mesi)
Balde Assan (1 anno)
Curiale Oberdan (6 anni)
Ierinò Cosimina (8 anni e 10 mesi)
Keita Oumar (1 anno)
Lucano Domenico (13 anni e 2 mesi)
Maiolo Annamaria (6 anni)
Musuraca Cosimo Damiano (1 anno)
Musuraca Gianfranco (4 anni)
Romeo Salvatore (6 anni)
Taverniti Maria (6 anni e 8 mesi)
Tesfahun Lemlem (4 anni e 10 mesi)
Tesfalem Filmon (1 anno)
Tornese Jerry (6 anni)


Le assoluzioni


Gervasi Alberto
Latella Domenico
Moumen Nabil
Petrolo Antonio Santo
Prencess Daniele
Romeo Salvatore
Valilà Renzo
Rosario Zurzolo

0
Cosa ne pensi?x

Zaira Bartucca
Zaira Bartucca
Direttore e Founder di Rec News, Giornalista. Inizia a scrivere nel 2010 per la versione cartacea dell’attuale Quotidiano del Sud. Presso la testata ottiene l’abilitazione per iscriversi all’Albo nazionale dei giornalisti, che avviene nel 2013. Dal 2015 è giornalista praticante. Ha firmato diverse inchieste per quotidiani, siti e settimanali sulla sanità calabrese, sulle ambiguità dell’Ordine dei giornalisti, sul sistema Riace, sui rapporti tra imprenditoria e Vaticano, sulle malattie professionali e sulle correlazioni tra determinati fattori ambientali e l’incidenza di particolari patologie. Più di recente, sull’affare Coronavirus e su “Milano come Bibbiano”. Tra gli intervistati Gunter Pauli, Vittorio Sgarbi, Giulio Tarro, Armando Siri, Gianmarco Centinaio, Michela Marzano, Vito Crimi, Daniela Santanché. Premio Comunical (2014, Corecom/AgCom). Autrice de “I padroni di Riace – Mimmo Lucano e gli altri. Storie di un sistema che ha messo in crisi le casse dello Stato”. Telegram: t.me/zairabartucca Twitter: @Zaira_Bartucca www.zairabartucca.it

Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 2 votes
Article Rating

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.