D’Alessio su Riace: “Sistema illecito e spregiudicato”

Il Procuratore di Locri firmatario del provvedimento che ha portato ai domiciliari Mimmo Lucano: “Espedienti criminosi semplici ma efficaci”

I finanzieri del Gruppo di Locri hanno eseguito questa mattina l’ordinanza di custodia cautelare – emessa dal GIP del Tribunale di Locri – che dispone gli arresti domiciliari nei confronti di Mimmo Lucano, sindaco del Comune di Riace. Nel provvedimento, che scaturisce dall’operazione “Xenia“, è previsto anche il divieto di dimora per la compagna, Tesfahun Lemlem. La misura cautelare è l’epilogo delle indagini della Procura della Repubblica di Locri, svolte sulla gestione dei finanziamenti erogati dal Ministero dell’Interno e dalla Prefettura di Reggio Calabria al Comune di Riace, per l’accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo politico. Crolla un modello – quello di Riace – che, nei fatti, forse non è mai esistito

Matrimoni di convenienza per “aggirare le leggi in vigore”
“Nel corso dell’attività di indagine – scrive il procuratore Luigi D’Alessio – è emersa la particolare spregiudicatezza del sindaco Lucano nell’organizzare veri e propri “matrimoni di convenienza” tra cittadini riacesi e donne straniere, al fine di favorire illecitamente la permanenza di queste ultime nel territorio italiano”. D’Alessio parla di veri e propri “espedienti criminosi, semplici ma efficaci”, che servivano a Lucano e soci ad aggirare le norme nazionali che i migranti devono osservare per ottenere l’ingresso in Italia. “Particolarmente allarmanti si sono rivelate non solo la lunga serie di irregolarità amministrative e di illeciti penalmente rilevanti che costellavano la realizzazione del progetto – scrive il procuratore che di Lucano fa un ritratto definito – ma anche e soprattutto l’estrema naturalezza con la quale Lucano e la sua compagna si risolvevano a trasgredire norme civili, amministrative e penali”.

Le ammissioni dello stesso Lucano sul sistema Riace
“Ancor più disarmante – continua il procuratore – è poi la spigliatezza con la quale il Lucano, nonostante il ruolo istituzionale rivestito, ammetteva pacificamente più volte, ed in termini che non potevano in alcun modo essere equivocati, di essersi reso materialmente protagonista ed in prima persona adoperato, ai fini dell’organizzazione di matrimoni “di comodo”. Lucano è accusato inoltre di condotte illecite per quanto riguarda l’affidamento diretto del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti. Avrebbe impedito l’effettuazione delle procedure di gara previste dal Codice dei contratti pubblici, per favorire invece solo due cooperative sociali. Qui un altro caso di bandi di gara pubblici e “ambigui” di cui Rec News si è occupato.

Annunci

Commenta

error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.