Conte e Azzolina come in Cina


Un libro che sussurra al docente, con la prefazione del “caro leader”, del ministro dell’Istruzione e dei bracci operativi. Non è una pubblicazione della Cina di Xi Jinping, ma l’ultima trovata del governo



Un libro che sussurra al docente, con la prefazione del “caro leader”, del ministro dell’Istruzione e dei bracci operativi. Non è una pubblicazione della Cina di Xi Jinping, ma l’ultima trovata del governo Conte. L’esecutivo ha infatti sfornato il libro “La protezione civile in Italia” (in basso, nel pdf) manuale a risorsa aperta con prefazione di Giuseppe Conte e Lucia Azzolina, introdotto dall’evergreen Angelo Borrelli e curato dall’immancabile Agostino Miozzo che secondo il Miur dorà diventare “il testo di riferimento per i docenti”.



Dentro, tutto il gergo di Agenda 2030

Messi definitivamente da parte gli esperti della materia – cioè chi davvero ne sa di quell’educazione civica che torna per abituare all’emergenza tradendo la sua vocazione originaria – il governo entra di nuovo nelle classi. Dopo le imposizioni e le restrizioni, mancava solo il manualetto del docente ubbidiente, che certo non manca di introdurre il gergo global e post-umanista, abituando allo “sviluppo sostenibile” dell’Agenda 2030 ovviamente richiamato da Azzolina. Imparando a percepire l’Italia, come ammette lo stesso Conte, come il “vero laboratorio di ogni possibile tipologia di rischio”, sia esso immaginato o organizzato.



Colori e indottrinamento

Immancabili i colori arcobaleno nella copertina, nel sommario e in tutto il volume, quasi a instaurare un parallelismo preoccupante con la manualistica tipica del ventennio fascista, quando l’istruzione era indistricabilmente unita con la propaganda.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.