Vertice Di Maio-Lavrov, c’è intesa ma resta il gelo sulle sanzioni


Diversi i temi affrontati nel corso del vertice tra il ministro degli Esteri italiano e quello russo. Sicurezza, scambi commerciali, contrasto alle minacce terroristiche e gestione dei contesti di crisi: cosa c’è sul tavolo della cooperazione italo-russa



Gli scambi di vedute tra il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e tra l’omologo russo Sergej Lavrov sono culminati quest’oggi con il resoconto del vertice che si è svolto a Villa Madama, la residenza nelle disponibilità della Farnesina che negli scorsi mesi ha accolto anche il presidente della Federazione russa Vladimir Putin. Sul solco già tracciato a luglio – ha detto Lavrov – si è svolta la “conversazione ampia e positiva” con Di Maio, che ha avuto luogo a margine della Conferenza MED sul Dialogo Mediterraneo e nel corso di un pranzo informale. I ministri hanno avuto modo di confrontarsi anzitutto sul tema che preoccupa maggiormente il Cremlino, cioè le sanzioni alla Russia, sugli scambi commerciali e diplomatici e sui tavoli di crisi su cui è al lavoro la Commissione italo-russa co-presieduta dallo stesso Di Maio che si riunirà a breve a Mosca.


Sanzioni, Italia appiattita sulle posizioni dell’Ue

Dopo la presa di posizione di Conte dello scorso anno (che ha determinato il rinnovo delle sanzioni alla Russia, complice il ruolo di Stato membro ricoperto dal Belpaese) sembra che non ci sia nulla di nuovo sotto il sole. Di Maio ha infatti fatto sapere che la posizione dell’Italia sarà replica fedele di quella dell’Ue e dunque – prevedibilmente – sarà lontana dai desiderata del Cremlino, che probabilmente continuerà a bastonare su prodotti tipici da esportazione come il parmigiano. Non sarà tuttavia questo a frenare le relazioni tra Italia e Russia, prima e dopo la Conferenza di Berlino.



Innovazione e scambi commerciali

Il programma di cooperazione italo-russo è articolato e durerà fino al 2023. Dentro ci sono i “massimi sistemi” dell’economia (spazio, energia, viabilità), ma anche discese nel sistema Paese come Innoprom, il forum economico che si svolgerà ad Ekaterimburg nel 2020. A questo proposito Di Maio oggi ha citato blockchain e investimenti digitali, ma rimane da chiarire la posizione del governo sul 5G dopo le preoccupazioni manifestate da associazioni e partiti rispetto alla tecnologia invasiva (prevede una copertura totale, abitazioni private comprese) che per alcuni creerebbe danni alla salute. Il recente viaggio in Cina del ministro degli Ester, lascia tuttavia intendere che non si darà più di tanto peso alle varie rimostranze.


Siria, Lavrov: “Al lavoro per far tornare i rifugiati nelle loro case”

Sulla Siria il ministro degli Esteri russo Lavrov è stato chiaro: “A Idlib – ha detto – bisogna far tornare i rifugiati nelle loro case, e concentrare gli aiuti affinché si raggiunga questo obiettivo. Speriamo – ha auspicato – che l’inviato speciale (Peterson, nda) riesca ad adempiere agli obiettivi posti”, anche sulla crisi libica. Per quello che riguarda Idlib, città che confina con la Turchia, il problema è il campo profughi diventato ormai ingestibile, i cui abitanti potrebbero – in mancanza di accordi con Erdogan – esondare verso l’Europa.


Gli accordi di Minsk e la situazione ucraina

Da entrambe le parti è giunto poi l’invito a rispettare gli accordi di Minsk, per quanto “i segnali che giungono dai vertici ucraini – ha fatto sapere Sergej Lavrov – siano abbastanza contraddittori”. Lo stesso ministro degli esteri russo ha infine espresso preoccupazione per la crisi in Medio Oriente, per il terrorismo e la criminalità organizzata e per quella cibernetica: “Siamo al lavoro con un gruppo – ha annunciato – che si occupa di sicurezza e minacce che si riunirà presto a Mosca”.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.