Anche Zurigo scende in piazza contro la “corona-bugia”


Dopo Spagna, Germania, Francia e Italia, anche la Svizzera protesta contro le restrizioni imposte dal governo



Immagine CdT

Circa mezzo migliaio di persone (secondo stime ufficiali), si sono ritrovate a Zurigo, in Svizzera, per protestare contro quella che non hanno esitato a definire la “bugia del coronavirus”. Ne dà conto la stampa elvetica. Tanti controlli tra i partecipanti, tanti cori e striscioni di dissenso ma – ovviamente – niente mascherine, per i manifestanti più feticci di un’ipocondria ormai generalizzata che oggetti realmente utili.


Mentre l’Italia è tornata al suo solito letargo dopo le parentesi settembrine del 5 e del 12 – limitandosi a svegliarsi a singhiozzo e debitamente a comando (politico) – la Svizzera per un giorno ha abbandonato la connaturata neutralità per sposare una posizione netta: quella di dire no alle restrizioni imposte dal governo, che secondo i manifestanti si sta facendo promotore di misure ingiustificate e “tipiche di un regime fascista” che ha “tratti dittatoriali“. Tanto che il comico Marco Rima – uno degli intervenuti – ha auspicato che “l’isteria della scienza lasci il posto al buon senso”, come riporta Il Corriere del Ticino.


Il corteo previsto dagli organizzatori avrebbe dovuto snodarsi dalla Turbinenplatz e raggiungere Platzspitz, invece la polizia ha impedito la manifestazione lungo tutto il percorso, che avrebbe dovuto sfociare nel parco antistante la stazione centrale. Alla fine, è stata permessa solo l’azione dimostrativa che poi si è tenuta alla Turbinenplatz. La Svizzera si è anche inventata le cosiddette “squadre di dialogo“, in realtà squadroni muniti di megafono che tentano di imporre mascherine e distanziamento fisico. Inviti che sono stati fischiati dai partecipanti, e rifiutati.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.