Seguici

© Rec News -

del

Stando a quanto riportato da Il Giorno, sono cinque le persone indagate per circonvenzione di incapace nell’ambito di un nuovo filone di inchiesta della Procura di Lecco che riguarda Carlo Gilardi, il professore di Airuno balzato agli onori della cronaca per una vicenda che fino a questo momento presentava contorni ambigui. Il 90enne – molto amato in paese ma nello stesso tempo preda di quanti hanno interferito o miravano a interferire col suo ampio patrimonio – è ospitato in una struttura protetta (dunque non necessariamente in una Rsa) in attesa di fare ritorno a casa “il prima possibile”. Questo ci aveva anticipato la tutrice Elena Barra nella prima intervista rilasciata dopo il servizio delle Iene a Rec News.

L’inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Andrea Figoni, però, ora si allarga, e va a toccare anche il lavoro delle precedenti amministratrici di sostegno e le presunte donazioni di cui hanno beneficiato diversi soggetti, tra cui il badante ora lincenziato Brahim e il Comune di Airuno nella presente e nella passata amministrazione. Proprio ieri, Rec News ha pubblicato un’esclusiva su un esproprio del 2013 ai danni del signor Gilardi, che nel tempo si è dovuto privare di diverse terre poi finite nelle mani dell’ente. Molte non erano state neppure utilizzate per la destinazione d’uso dichiarata, ovvero “erano rimaste abbandonate”, riporta oggi la stampa locale. L’uomo, dice ora la Procura, “da almeno un lustro” elargiva benefici che in realtà potevano essere il frutto di un raggiro e del tentativo di approfittarsi del buon cuore dell’anziano professore.

Il Tribunale di Lecco – è quanto si apprende questa mattina – sta dunque agendo a tutela del signor Gilardi, per proteggerlo da possibili interferenze che potrebbero causargli ulteriori danni personali ed economici. Farà, tuttavia, ritorno il prima possibile presso la sua dimora: questo ha promesso l’amministratrice di sostegno Elena Barra, che ha affermato di stare costruendo per l’anziano “un progetto di libertà” che gli consentirà di vivere in tranquillità e di essere tutelato dall’azione di malintenzionati. La legale ieri dalle colonne della Provincia di Lecco ha parlato inoltre dei “messaggi di minaccia” che starebbe ricevendo “da parte di chi ha sposato la tesi delle Iene”, interamente basata sulla versione dei fatti di Brahim che è indagato per circonvenzione di incapace.

«Tante persone – ha detto l’avvocato – stanno ora mandando a me i messaggi che non sono riusciti ad inviare a Gilardi. Il professore, da oltre un anno, non aveva più nemmeno il telefono. A tutte queste persone sto rispondendo, secondo le sue indicazioni. Inoltre, il professore ha voluto inviare un audio-messaggio al sindaco per rassicurarlo sulle sue condizioni».

CASO GILARDI

Gli sviluppi sul caso di Carlo Gilardi, l’anziano sfruttato di Airuno

Condanna per l’ex badante, mentre il CSM ha aperto una nuova pratica collegata alla vicenda che gravita attorno al professore in pensione

© Rec News -

del

Gli sviluppi sul caso di Carlo Gilardi, l'anziano sfruttato di Airuno | Rec News dir. Zaira Bartucca

Ci siamo lungamente occupati di Carlo Gilardi, l’anziano sfruttato di Airuno che molti ricorderanno. Abbiamo raccontato in esclusiva del terreno espropriato dal Comune lecchese ai tempi della passata amministrazione, nonché degli approfittatori che facevano incetta di “donazioni” senza curarsi del fatto che Gilardi vivesse in condizioni limite, senza l’aiuto pratico di alcuno. Anzi. Una storia intricata, dove nulla è come sembra, soprattutto quando a falsare tutto ci pensa la macchina della disinformazione mainstream.

In questo contesto si inseriscono le due vicende giudiziarie che corrono su binari paralleli. La prima riguarda Brahim El Mazoury, l’ex badante di Gilardi condannato a un anno e 8 mesi per circonvenzione di incapace e alla restituzione di 18mila euro, oltre che accusato di diffamazione dall’avvocato Elena Barra. L’avevamo intervistata in esclusiva in un momento in cui era demonizzata da un’opinione pubblica disposta a sentire suonare solo una campana. E’ apparsa disponibile e coerente, e ha spiegato i motivi che hanno portato alla decisione del trasferimento dell’anziano presso l’Airoldi e Muzzi di Lecco, struttura confortevole e molto attiva sul fronte delle iniziative volte al coinvolgimento dei suoi ospiti. Rec News, dunque, firmando articoli discordanti rispetto a quanto fatto trapelare dai partiti, dai comitati e dalle trasmissioni, ci ha visto giusto.

Presso l’Airoldi e Muzzi, stando a quanto si apprende, Carlo Gilardi è confortato dalla compagnia degli altri anziani, che allieta – professore in pensione – con la lettura dei quotidiani e dei libri, così donando parte del suo vasto sapere. Non mancherebbero neppure l’interazione – svolta con l’ausilio di strumenti digitali – con dei gruppi di studenti. Non si sa tuttavia nulla su quanto durerà la permanenza presso la residenza per anziani, perché molto è connesso alla conclusione delle vicende giudiziarie. Un’altra è stata inaugurata dal CSM, che si è concentrata su alcuni contributi televisivi che avrebbero restituito un quadro distorto sulla condizione passata e attuale dell’anziano.

Continua a leggere

CASO GILARDI

Caso Gilardi, a giorni l’udienza per i sette accusati di circonvenzione di incapace

Agli interessati viene contestata l’occupazione e l’utilizzo di immobili di proprietà del 90enne, oltre che l’acquisizione di somme cospicue di denaro

© Rec News -

del

Caso Gilardi, a giorni l'udienza per i sette accusati di circonvenzione di incapace | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il prossimo 20 luglio alle 9 Brahim El Mazoury e altri sei compariranno davanti al Tribunale di Lecco. Sono accusati di circonvenzione di incapace ai danni di Carlo Gilardi, il 90enne di Airuno attualmente ospitato presso l’Istituto Riuniti Airoldi e Muzzi. Secondo il pubblico ministero Andrea Figoni, i sette imputati “al fine di procurarsi un ingiusto profitto, con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso e in concorso tra loro, abusando delle compromesse capacità critiche e dell’indebolimento di quelle volitive di Gilardi, lo avrebbero indotto a compiere atti per lui produttivi di effetti dannosi”. Nella fattispecie agli interessati viene contestata l’occupazione e l’utilizzo di immobili di proprietà del signor Gilardi, oltre che l’acquisizione di somme cospicue di denaro.

La vicenda sommersa

E’ solo una parte della vicenda sommersa che ha riguardato Carlo Gilardi. Non ci sono infatti solo le pressioni per fare tornare l’anziano ad Airuno e le palle al balzo raccolte dalla politica a caratterizzare questa storia multiforme. Gilardi – come ha documentato Rec News in più di un’occasione – da uomo generoso sembra essere stato bersaglio prediletto di diversi soggetti. Il limone da spremere, per molti, e non solo per chi oggi si trova a processo. Dai terreni espropriati dal Comune all’abitazione ai limiti in cui viveva pur mantenendo mezza Airuno, non c’era pace per l’anziano ex professore. Anche se quella parte di mainstream vicina ad alcuni imputati si impegna a far passare l’idea dell’idillio naturalistico e della vita francescana. E’ davvero così? Lo dirà il tempo e lo chiariranno le vicende legali, ma quel che è certo è che il signor Carlo – benestante e di buona famiglia – era ormai confinato in una casa fatiscente, e certo non per colpa sua. L’indignazione di massa, però, è tutta concentrata sulla struttura che lo sta ospitando e su chi si sta occupando direttamente di questa fase transitoria e delicata.

Le domande dei lettori

Da quando Rec News ha iniziato ad occuparsi della vicenda sommersa (quella di cui nessuno – tuttora – vuole dare conto) del professor Carlo Gilardi, abbiamo ricevuto diverse mail da parte dei lettori. Alcune esprimevano preoccupazione per la salute e le condizioni psicologiche di un uomo che è diventato – suo malgrado – il beniamino di molti, il “nonno d’Italia”, come lo ha definito qualcuno sui social. Altri lettori ci hanno inviato delle recensioni da recapitare e perfino dei disegni, con l’intento di esprimere vicinanza all’anziano che è lontano dal suo paese. Alcuni ci hanno chiesto il perché del nostro “silenzio”, dopo che avevamo documentato pezzo dopo pezzo tutto quello che il mainstream stava ignorando (e tuttora ignora). C’è anzitutto da dire che la catena di solidarietà per il professor Gilardi (quella vera e spontanea – non costruita – costruttiva e lontana dai toni di odio e di disprezzo) è quanto di più bello si potesse creare. Ma in questi mesi abbiamo tentato di tutelare – nel nostro piccolo e mentre il clamore non cessava – il desiderio del signor Carlo di stare lontano dai riflettori, soprattutto dopo la richiesta ufficiale che è giunta per tramite del suo amministratore di sostegno, l’avvocato Elena Barra. Questo sito fino a questo momento ha dunque semplicemente rispettato la volontà del signor Carlo di non essere sovra-esposto, come lo è stato nel corso delle campagne “solidali” condotte dalla politica. Dal canto nostro, ovviamente, continuiamo a seguire la vicenda da dietro le quinte, senza saltare gli aggiornamenti necessari come questo.

Come sta Carlo Gilardi

Sono molte le persone che aspettano il ritorno a casa del signor Gilardi, anche perché le campagne politiche e quelle informative parziali hanno contribuito a creare l’idea di un clima di detenzione che l’anziano starebbe vivendo. In queste settimane è invece trapelata l’immagine di un uomo coinvolto in diverse iniziative che starebbero rendendo la permanenza presso l’Airoldi e Muzzi tutt’altro che insostenibile. Il signor Carlo sarebbe stato avviato alla cura di un giardino – attività che apprezza molto – e sarebbe periodicamente impegnato in colloqui a distanza con studenti, a cui può trasmettere, quale ex professore, tutte il suo sapere. Sarebbe inoltre impegnato nella lettura dei quotidiani per gli altri ospiti della struttura, altra attività che lo terrebbe impegnato e di buon umore. Per quanto sia difficile confermare queste dichiarazioni, non c’è per il momento motivo di trattarle con diffidenza, tanto più che la struttura ospitante – a prescindere dalla vicenda del signor Gilardi – è nota per le iniziative periodiche in cui vengono coinvolti gli anziani. Dall’amministrazione di sostegno, d’altra parte, il ritorno a casa dell’anziano viene per il momento considerato “impraticabile”, perché l’abitazione sarebbe ora indebitamente occupata da alcuni degli imputati di circonvenzione di incapace, senza che ci sia – per il momento – un provvedimento di sgombero.

Continua a leggere

CASO GILARDI

Carlo Gilardi, conto alla rovescia per il professore di Airuno

E’ prevista per il 22 dicembre l’udienza che deciderà dove il 90enne di Airuno trascorrerà le prossime settimane

© Rec News -

del

Carlo Gilardi, conto alla rovescia per il professore di Airuno | Rec News dir. Zaira Bartucca

E’ prevista per il 22 dicembre l’udienza che deciderà dove Carlo Gilardi – professore in pensione di Airuno che si è trovato suo malgrado al centro di una spiacevole vicenda – trascorrerà le prossime settimane. Intanto, il giudice tutelare Marta Paganini si è recata presso la casa di riposo di Lecco Airoldi e Muzzi, dove il professore è ospitato da novembre e dove stando a quanto riferito dalla stampa locale ha avuto luogo un lungo colloquio.

Si avvicina Natale, e con esso la voglia della società civile e presumibilmente dello stesso Gilardi di fare ritorno alla sua Airuno, ma per farlo – avevano riferito dal Tribunale di Lecco – è necessario che vengano sgomberate le abitazioni della famiglia Gilardi occupate e fatte figurare come “donate”, oltre che vengano garantite misure di sicurezza sociale per l’ex professore 90enne. Le autorità, infatti, ipotizzano un delicato caso di circonvenzione di incapace, in cui sarebbero coinvolte almeno sette persone.

La Procura ipotizza anche minacce provenienti da chi si era avvininato all’anziano

Per quanto lucido e presente a sé stesso, diversi tra conoscenti e “amici” avrebbero approfittato della bontà di Gilardi, appropriandosi di case, soldi e perfino terreni (mentre altri suoi terreni venivano espropriati dal Comune di Airuno ai tempi della passata amministrazione) il tutto abilmente schermato dietro la generosità del professore che non a caso viene spesso indicato come un “benefattore”. Di certo un cuore grande il suo, che però per qualcuno sarebbe stato pretesto per intavolare azioni di disturbo e violenza, tanto che la Procura di Lecco ha ipotizzato addirittura “minacce” a danno dell’anziano. Nel frattempo – hanno documentato Le Iene nel corso dell’ultimo contributo sulla vicenda, i conti di Gilardi erano sempre più in rosso.

La casa abbandonata dal punto di vista igienico-sanitario. Altro che “rifare il letto e togliere la polvere”

E’ così che “Carluccio” – come lo chiamano in paese – si è ritrovato a vivere in una casa lasciata a sé stessa da anni che nessuno ha pensato di rendere vivibile dal punto di vista igienico-sanitario, e la colpa non è certo dell’anziano signore che – dice chi lo conosce – ha tentato di vivere al meglio facendo tutto quello che era nelle possibilità di un 90enne. Paradossalmente il caso di completo abbandono igienico-sanitario (altro che “togliere la polvere e rifare il letto”) aveva luogo mentre altri occupavano diverse abitazioni del professore, e mentre i parenti alla lontana – delle due l’una – o non erano al corrente o lasciavano correre.

L’ordine di tutela e protezione emesso dal Tribunale

E la casa – al contrario di quanto si vorrebbe far credere – ha ruolo abbastanza preponderante rispetto alla vicenda. Per il signor Gilardi – trascurato e inserito in un contesto invivibile dal punto di vista fisico e – dice il Tribunale – anche da quello umano a causa del rischio di frequentare persone in grado di danneggiarlo – è stato disposto un ordine di tutela e protezione, e le cure necessarie a ristabilirne condizioni di salute ottimali. Costretto a vivere nel degrado (per quanto ci si sforzi di far passare l’idea della sua felicità nell’essero inserito in un contesto “di campagna”) a mancare erano anzitutto le condizioni in grado di garantirgli salute e dignità.

Il “progetto di libertà”

Una parentesi triste che sembra stia per finire: il Tribunale di Lecco ha infatti a più riprese assicurato che saranno garantite condizioni di vita ottimali al professore in pensione, mentre l’amministratrice di sostegno Elena Barra ha parlato di un “progetto di libertà” in grado di restituire al signor Gilardi una vita tranquilla e tutelata. Potrebbe avvenire prima del previsto: si saprà di più – come accennato – dopodomani.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione