Periodico di Inchieste

Netflix incriminato per Cuties: “è utilizzo osceno di minori”


La pellicola francese ha portato la pay-tv davanti al Gran Giurì del Texas: secondo l’accusa ha “promosso materiale osceno” utilizzando un gruppo di attrici appena undicenni



La pay-tv arcobaleno Netflix sta affrontando un’accusa penale a causa di “Cuties” (fran. “Mignonnes”), il contestato e controverso film francese che racconta di una bambina di 11 anni, delle sue amiche e della loro passione per il ballo. Apparentemente, nulla di strano, se non che secondo l’atto di accusa del Gran Giurì del Texas formalizzato lo scorso 23 settembre, la pellicola avrebbe costituito un discutibile pretesto per “l’esposizione oscena dei genitali o dell’area pubica di bambini vestiti o parzialmente vestiti”.


Il controverso materiale presentato, inoltre, non avrebbe avuto alcun “valore letterario, artistico, politico o scientifico”, senza contare l’esposizione mediatica che Netflix avvrebbe inteso dare dei corpi forzatamente e grottescamente sessualizzati delle bambine utilizzate come attrici, in uno sfoggio di quello che ai critici è parso un incitamento o una complicità verso i reati di pedofilia e pedopornografia. La tv a pagamento, dal canto suo, ha prevedibilmente tentato l’arrampicata sugli specchi: “Cuties è una denuncia sociale contro la sessualizzazione dei bambini. Le accuse sono senza fondamento e noi sosteniamo il film”.



Ma – riflettono giustamente dalle colonne del sito di Nbc News – come si fa a denunciare la sessualizzazione criminale dei bimbi tramite una pellicola in cui piccole attrici sono costrette a pose ammiccanti e ad atteggiamenti provocanti assolutamente fuori luogo e atipici per la loro fascia di età? Domande che si è posto il senatore Mike Lee, che in questi giorni ha invitato la società a interrompere la diffusione del film, in forza di quella che ha definito una “questione morale” oltre che penale.


Lee ha inoltre giudicato come “inappropriate e vergognose” le immagini della regista senegalese Maimouna Doucouré, che dopo il prevedibile fiume di critiche seguito alla presentazione del film ha modificato la locandina iniziale (in cui le bimbe attrici erano state costrette ad assumere le pose di scafate e procaci adulte) con quella che si vede in alto. Un atto di decenza che invece Netflix sembra voler continua a rifiutare: “incoraggiamo tutti quelli che hanno a cuore questi temi a vedere il film”, ha detto l’azienda in una dichiarazione di settembre che sembra volta a preservare il profitto legato alla pellicola. L’impressione però è che, più che nuovi spettatori, otterrà nuove disdette degli abbonamenti.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto (inviolabile) dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), circolare, riunirsi e manifestare in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm e dalle ordinanze – per gravi, documentati e passeggeri motivi. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convinzioni religiose o sociali. L’obiezione di coscienza è un diritto. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.