Ma quale amore per la Sicilia

Il critico d'arte Paolo Battaglia La Terra Borgese
di Paolo Battaglia La Terra Borgese*

Una realtà brutale, se è vero che il miliardario Domenico Dolce, a capo di un’Azienda che fattura 1,29 miliardi di euro nel 2017–2018, ha preso o prenderà 600 mila euro dalla Regione Siciliana, cioè prenderà i soldi dei suoi conterranei siciliani e dei suoi 3300 diretti compaesani di Polizzi Generosa; che per fortuna di Domenico Dolce vengono definiti Polizzani e non Generosi.


Ironia della sorte, il film finanziato racconta l’amore di Dolce e di Gabbana per la Sicilia! Uomini così ricchi come Dolce e Gabbana porterebbero veramente amore, lustro e guadagni al popolo siciliano mettendo 600 mila euro di tasca propria. Oltretutto questi soldi finanziano inconfutabilmente iniziative atte a promuovere in ogni caso il marchio e i brands di Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Non si tratta dunque di due filantropi, ma di due imprenditori che, specializzati in oggetti di lusso, parlano un linguaggio sfarzoso e inaccessibile alla stragrande maggioranza dei siciliani.


Per il bene della società tutta, auspico che mai possano ripetersi simili atti politici destinati inevitabilmente a privare le maestranze locali. Aggiungo che l’azione delle imprese sul mercato viene definita dagli esperti marketing industriale, tutto il resto è opinione.


* Critico d’Arte

Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.