Periodico di Inchieste

L’aborto, la salute delle donne messa a rischio e gli irresponsabili al governo

di Domenico Muollo – Responsabile Provinciale del Dipartimento Pari opportunità e Famiglia Fratelli d’Italia 

La scelta del Consiglio superiore di Sanità di aggiornare le linee guida sull’aborto farmacologico sembrano ispirate da un furore ideologico piú che dal rispetto della salute delle donne. Aver previsto l’utilizzo della pillola abortiva Ru486 senza alcun ricovero obbligatorio e l’allungamento del periodo di somministrazione, oltre ad essere pericoloso e irresponsabile apre sempre di più a un sistema di interruzione di gravidanza “fai da te”.



E non è vero che con questa determinazione le donne sono più libere, sono invece più sole e abbandonate a loro stesse, sia dal punto di vista medico-sanitario che da quello psicologico. Senza contare che si contraddice uno dei contenuti della legge 194/78, ovvero la tutela della salute delle donne. La somministrazione a domicilio della pillola abortiva RU486 é un pericoloso ritorno al passato e rappresenta la solita ipocrisia della sinistra brava ad accusare di oscurantismo politico chi ritiene che la somministrazione debba prevedere il ricovero e il controllo medico, preferendo gli slogan alla salute del corpo delle donne. Fratelli d’Italia é contro questa scelta del CSS e chiederá conto al ministro Speranza di questa assurda e pericolosa decisione”. 


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm – per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


5 1 vote
Article Rating
Tags: ,
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.