Iscrizione Roc (AgCom) n. 31911

Azzolina segue i diktat, ma precisa: “Gli studenti mi dicono che vogliono tornare a scuola e stare insieme”


La “cura” per giungere all’asocialitá che fa comodo alle aziende 5G e alle piattaforme di e-learning non funziona: i ragazzi di tutta Italia confinati in casa chiedono un ritorno alla normalità



Il ministro con delega all’Istruzione Lucia Azzolina ha inviato una lettera aperta a studenti, insegnanti e personale ATA. Uno scritto lungo tre pagine, che apparentemente sposa le misure restrittive volute dal premier Conte e dai suoi sodali, ma che a una lettura più attenta tradisce delusione per la batosta inflitta agli studenti e al loro diritto ad apprendere. Perché imparare vuol dire anche socializzare, e l’intelligenza “sociale” -quella che ci aiuta a destreggiarci nelle situazioni pratiche – non si sviluppa certo in solitudine dallo schermo di un pc.



Il ricordo di “quell’aula vuota che in pochi secondi si riempiva di vita, risate, rumori, sguardi assonnati”

“In questi giorni faticosi – scrive il ministro – penso spesso al suono della campanella. Un suono a volte fastidioso, ma sempre emozionante, che fino a due anni fa ogni mattina rappresentava per me il vero inizio della giornata. Salutare le colleghe e i colleghi insegnanti, il mio docente scolastico, il personale ATA, incontrare le studentesse e gli studenti, e quell’aula vuota che in pochi secondi si riempiva di vita, risate, rumori, sguardi assonnati. Penso a quanto possa mancare a noi tutti quella campanella”.



Gli studenti hanno voglia e diritto di andare avanti. Vogliono imparare, ma insieme agli altri”

“Gli studenti – è l’appello di Azzolina – hanno voglia e diritto di andare avanti. I messaggi che mi arrivano quotidianamente da tutta Italia dicono questo: hanno bisogno di stare in contatto con i loro prof e con i compagni, sono motivati a continuare a crescere e a imparare, e vogliono farlo insieme agli altri”.


Ma in ballo ci sono gli interessi delle aziende che hanno investito nel 5G e delle piattaforme di e-learning

L’Europeista Indire, RAI, una Tim in corsa anche per il 5G e altri. La scuola che dovrebbe essere la casa dell’Istruzione e dell’apprendimento, finalizzata alla crescita e all’acculturamento dei ragazzi, è in realtà molto altro. Mentre di anno in anno si assottigliano l’offerta formativa e le ore dedicate all’apprendimento, crescono le rette e anche le voglie delle aziende. Tanto che il Miur in questi giorni ha stabilito lo stanziamento di decine di milioni di euro per l’acquisto di pc e tablet. È un “regalo” nella misura in cui si comprende che non è disinteressato: in ballo c’è la digitalizzazione coatta che le aziende chiedono avvenga per il 2021. Una transizione troppo sacrificata, se a farne le spese dovesse essere la libertà degli studenti e il loro equilibrio psico-fisico.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.