Dall’ISS italiano all’organismo omologo. Ricciardi passa in squadra coi francesi


La nomina segna una linea di continuità con le prese di posizione e le decisioni assunte dall’ex consigliere del ministro della Salute Speranza



Da ex presidente dell’Istituto Superiore di Sanità italiano a membro del Comitato tecnico scientifico di un organismo omologo, il Santé Publique France. Walter Ricciardi passa ufficialmente in squadra con i francesi. Sarà uno dei responsabili della sanità pubblica d’oltralpe. La nomina segna una linea di continuità con le prese di posizione e le decisioni assunte dall’ex consigliere del ministro della Salute Speranza.



Sull’argomento è critico il sottosegretario del Mipaaf: “Walter Ricciardi nominato membro del Comitato scientifico del Santé Publique France – domanda Centinaio – è lo stesso Walter Ricciardi che due mesi fa ha firmato un documento-appello all’Unione europea perché adottasse il Nutriscore, etichetta a semaforo sostenuta in Europa proprio dalla Francia e contro cui invece si sta battendo l’Italia? In risposta alle critiche ricevute per la sua difesa di un sistema di etichettatura che danneggia il nostro Made in Italy agroalimentare, Ricciardi ha detto di ragionare per evidenze scientifiche. Ci sembra legittimo chiedere quali sarebbero le evidenze scientifiche che portano ad assegnare una bella A a cibi prefritti, latte di piselli, prodotti ultra processati e bibite gassate, e a bocciare invece prodotti simbolo della Dieta Mediterranea o nostri formaggi come Parmigiano Reggiano e Grana padano amati e imitati in tutto il mondo. Ci auguriamo che nel suo nuovo ruolo Ricciardi possa convincere i francesi della bontà del sistema messo a punto dal ministero della Salute italiano, ovvero il Nutrinform”, ha concluso.

0
Cosa ne pensi?x

Iscriviti alla nostra Newsletter!


0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.