Periodico di Inchieste

Santa Sofia, Putin sconfessa Erdogan e sente Mitsotakis


La Basilica potrebbe essere presto interessata da un importante cambiamento geo-politico in considerazione della vastità del “patrimonio culturale, storico e spirituale”



Il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin e il Premier greco Kyriakos Mitsotakis hanno discusso telefonicamente di cooperazione bilaterale e di importanti cambiamenti geo-politici che potrebbero riguardare la Basilica di Santa Sofia, Cristiana dalla costruzione al 1261 e solo successivamente islamizzata. Nel corso della conversazione è stata sottolineata la necessità di intensificare il lavoro in ambito economico, industriale, scientifico e di cooperazione tecnica, “con particolare attenzione – fanno sapere dal Cremlino – all’integrazione del quadro giuridico per le relazioni bilaterali”.


Il vero leit-motiv della telefonata è stato tuttavia, come accennato, Santa Sofia. La Basilica – si legge in una comunicazione ufficiale del Cremlino – potrebbe essere presto interessata da un importante cambiamento geo-politico in considerazione della vastità del “patrimonio culturale, storico e spirituale” che, hanno convenuto i due leader, rappresenta “un tesoro per tutta l’umanità e un simbolo di pace e di accordo”. Si è dunque considerato un “cambiamento di posizione”, espressione con cui ovviamente si intende un aumento della sfera di influenza greca nel Distretto turco di Edirne.


Santa Sofia

Non è un mistero per nessuno che Putin si sia dissociato dalla recente presa di posizione di Erdogan, che lo scorso 10 luglio ha dichiarato l’avvio del culto islamico per la Basilica di Santa Sofia, prima museo e prima ancora Chiesa dalle alterne vicende. Non sono bastate, evidentemente, le promesse del premier turco di mantenere le icone Cristiane presenti nell’edificio religioso, anche perché secondo gli ultimi annunci le icone di Maria Madre di Dio (Θεοτόκος – Theotókos) e dell’Arcangelo Gabriele verranno “censurate” in occasione della cerimonia del 24, perché secondo il culto islamico le personificazioni nell’area di preghiera sono bandite.


Dopo le promesse da marinaio di Erdogan, Putin ora cerca il ponte con Mitsotakis, forte di una comunanza religiosa che forse un giorno (anche se magari non vicino) potrà restituire “Hagía Sofía” ai Cristiani.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), riunirsi pacificamente anche in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm – per gravi e documentati motivi. Allo stesso modo, può astenersene se le sue convinzioni religiose o sociali non gli consentono di ricevere trattamenti sanitari. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


4 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.