Seguici

© Rec News -

del

Si è tenuto nella giornata di ieri il primo Eurasian Economic Forum. All’incontro hanno partecipato il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin, il primo ministro dell’Armenia Nikol Pashinyan, il presidente del Kazakistan Kassym-Zhomart Tokayev, il presidente del Kirghizistan Sadyr Japarov, il primo ministro della Bielorussia Roman Golovchenko e il presidente del Consiglio della Commissione economica eurasiatica Mikhail Myasnikovich. Nel corso dei lavori, il presidente della Federazione Russa ha tracciato un quadro sulla crisi economica (in particolare quella occidentale) e sui problemi di accesso alle risorse. Ecco cosa ha detto.


Sono grato per questa opportunità di rivolgermi a lei, per parlare delle questioni che lei (Alexander Shokhin, presidente degli industriali e moderatore, ndr) ha sollevato e che, come lei ha suggerito, dovrebbero essere affrontate in modo più dettagliato.

Innanzitutto, vorrei ringraziare il presidente del Kirghizistan Sadyr Japarov e il suo team per aver organizzato questo evento. Posso vedere molte persone tra il pubblico, compresi uomini d’affari e funzionari governativi.

Lo sviluppo dell’integrazione eurasiatica non ha alcun legame con gli sviluppi attuali o con le condizioni di mercato. Abbiamo fondato questa organizzazione molti anni fa. In effetti, l’abbiamo istituito su iniziativa del primo presidente del Kazakistan (Nursultan Nazarbayev).

Ricordo molto bene la conversazione principale che abbiamo avuto su questo tema, su questo argomento, quando ha detto: “Devi scegliere ciò che è più importante per te: lavorare più attivamente e più strettamente con i tuoi vicini diretti e partner naturali, o dare la priorità, per esempio, all’ammissione all’Organizzazione mondiale del commercio.” E’ stato in questo contesto che abbiamo dovuto prendere decisioni.

E anche se eravamo interessati ad aderire all’OMC e a sviluppare di conseguenza le relazioni con i nostri partner occidentali, come lei ha detto e continuo a dire, abbiamo tuttavia considerato come nostra priorità principale lo sviluppo delle relazioni con i nostri vicini diretti e naturali nel quadro economico comune dell’Unione Sovietica. Questo è il mio primo punto.

Secondo. Già a quel tempo, abbiamo iniziato a sviluppare legami – ne parlerò più avanti – nel quadro del Partenariato eurasiatico. La nostra motivazione non era la situazione politica, ma le tendenze economiche globali, perché il centro dello sviluppo economico sta gradualmente – ne siamo consapevoli, e i nostri uomini d’affari lo sanno – si sta gradualmente spostando, continua a spostarsi nella regione Asia-Pacifico.

Naturalmente, comprendiamo gli enormi vantaggi dell’alta tecnologia nelle economie avanzate. Questo è ovvio. Non abbiamo intenzione di chiuderci fuori da esso. Ci sono tentativi di estrometterci un po’ da questa zona, ma questo è semplicemente irrealistico nel mondo moderno. È impossibile. Se non ci separiamo alzando un muro, nessuno sarà in grado di isolare un paese come la Russia.

Parlando non solo della Russia, ma anche dei nostri partner nell’EAEU e del mondo in generale, questo compito è completamente irrealizzabile. Inoltre, coloro che cercano di realizzarlo si danneggiano di più. Non importa quanto siano sostenibili le economie dei Paesi che perseguono questa politica miope, lo stato attuale dell’economia globale dimostra che la nostra posizione è giusta e giustificata, anche in termini di indicatori macroeconomici.

Queste economie avanzate non hanno avuto questa inflazione negli ultimi 40 anni; la disoccupazione è in crescita, le catene logistiche si stanno rompendo e le crisi globali stanno crescendo in aree sensibili come il cibo. Questo non è uno scherzo. È un fattore serio che colpisce l’intero sistema delle relazioni economiche e politiche.

Nel frattempo, queste sanzioni e divieti hanno lo scopo di limitare e indebolire i paesi che stanno perseguendo una politica indipendente. Non dubito nemmeno per un secondo che ci sono molti paesi che vogliono e perseguiranno una politica indipendente e il loro numero è in crescita. Nessun poliziotto mondiale sarà in grado di fermare questo processo globale. Non ci sarà abbastanza energia per questo e il desiderio di farlo svanirà a causa di una serie di problemi interni in quei Paesi. Spero che alla fine si rendano conto che questa politica non ha alcuna prospettiva.

Violare le regole e le norme nelle finanze e nel commercio internazionali è controproducente. In parole semplici, porterà solo a problemi per coloro che lo stanno facendo. Il furto di beni esteri non ha mai fatto nulla di buono a nessuno, in primo luogo coloro che sono impegnati in queste azioni sconvenienti. Come è emerso ora, trascurare gli interessi politici e di sicurezza di altri paesi porta al caos e agli sconvolgimenti economici con ripercussioni globali.

I paesi occidentali sono sicuri che qualsiasi persona non grata che abbia il proprio punto di vista ed è pronta a difenderlo può essere cancellata dall’economia mondiale, dalla politica, dalla cultura e dallo sport. In realtà, questa è una sciocchezza e, come ho detto, è impossibile farlo accadere.

Possiamo vederlo già da ora. Onorevole Shokhin, in qualità di rappresentante della nostra attività, lei certamente deve affrontare problemi, soprattutto nel campo delle catene di approvvigionamento e dei trasporti, ma, tuttavia, tutto può essere regolato, tutto può essere costruito in un modo nuovo. Non senza perdite a un certo punto, ma questo porta al fatto che in qualche modo diventiamo davvero più forti. In ogni caso, stiamo sicuramente acquisendo nuove competenze e stiamo iniziando a concentrare le nostre risorse economiche, finanziarie e amministrative su aree di innovazione.

È vero, non tutti gli obiettivi di sostituzione delle importazioni sono stati raggiunti negli anni precedenti. Ma è impossibile ottenere tutto: la vita è più veloce delle decisioni amministrative, si sviluppa più velocemente. Non c’è nessun problema. Abbiamo fatto tutto il necessario in settori chiave che garantiscono la nostra sovranità.

Andiamo avanti. Dopotutto, la sostituzione delle importazioni non è una pillola per ogni malato e non ci occuperemo esclusivamente della sostituzione delle importazioni. Stiamo solo andando a sviluppare. Ma continueremo a organizzare la sostituzione delle importazioni in quelle aree in cui siamo costretti a farlo. Sì, forse con alcuni risultati contrastanti, ma sicuramente diventeremo più forti grazie a questo, specialmente nel campo delle alte tecnologie.

Dopo le liste del CoCom, ne ho già parlato molte volte, dopo quello che lei ha detto sul nostro lavoro, per esempio, all’interno dello stesso ex G8 e così via, le restrizioni sono rimaste. Nelle aree più sensibili, tutto era ancora chiuso. In realtà, fondamentalmente, nulla è cambiato radicalmente.

Queste questioni relative alle assemblee di grandi blocchi e così via, ci sono voluti così tanti sforzi per aumentare la localizzazione all’interno del paese, nella nostra economia, nei settori reali dell’economia, nell’industria. E anche allora non eravamo d’accordo su questioni chiave sotto molti aspetti.

In realtà, la sostituzione delle importazioni era necessaria.

Creare non solo officine di assemblaggio, ma anche centri di ingegneria e centri di ricerca. Questo è inevitabile per qualsiasi paese che vuole aumentare la sua sovranità economica, finanziaria e in ultima analisi politica.

Questo è il motivo per cui lo abbiamo fatto, e non perché lo stato attuale delle cose lo richiede da noi, ma semplicemente perché la vita stessa lo richiedeva.

E, naturalmente, lavoreremo attivamente nel quadro dell’Unione economica eurasiatica e all’interno della CSI in generale, lavoreremo con le regioni dell’Asia, dell’America Latina e dell’Africa. Ma vi assicuro, e lo potete vedere voi stessi, che molte delle nostre aziende europee, i nostri partner europei, hanno annunciato che se ne andranno. Sai, a volte quando guardiamo quelli che se ne vanno, ci chiediamo: non è una buona cosa che se ne siano andati? Prenderemo le loro nicchie: la nostra attività e la nostra produzione – sono maturati e metteranno radici in sicurezza sul terreno che i nostri partner hanno preparato. Non cambierà nulla.

E coloro che vogliono portare alcuni beni di lusso, saranno in grado di farlo. Bene, sarà un po’ più costoso per loro, ma le persone che stanno già guidando Mercedes S 600 e continueranno a farlo. Vi assicuro, li porteranno da qualsiasi luogo, da qualsiasi paese. Non è questo che è importante per noi. Ciò che è importante per il Paese, per il suo sviluppo – l’ho già detto e lo ripeterò – sono i centri di ingegneria e i centri di ricerca che sono alla base del nostro sviluppo. Questo è ciò a cui dobbiamo pensare e su cui dobbiamo lavorare sia all’interno dell’EAEU che in senso lato con i nostri partner, coloro che vogliono collaborare con noi.

Abbiamo una base molto buona che abbiamo ereditato dai vecchi tempi, abbiamo solo bisogno di sostenerla e di investire risorse lì. Per quanto riguarda quelle aree, in cui non abbiamo investito risorse adeguate prima, comprese, ad esempio, risorse amministrative, basandosi sul fatto che tutto può essere acquistato vendendo petrolio e gas, la vita stessa ci ha ora costretti a investire lì.

E grazie a Dio che questo è successo. Non vedo alcun problema in merito al fatto che non abbiamo completato qualcosa nel campo della sostituzione delle importazioni. Non lo faremo solo perché l’attuale situazione economica ci costringe a farlo, ma solo perché è nell’interesse del nostro paese.

L’Unione Economica eurasiatica ha elaborato una tabella di marcia per l’industrializzazione, con oltre 180 progetti con un investimento totale di oltre $300 miliardi. È stato preparato un programma per lo sviluppo agricolo, comprendente oltre 170 progetti per un valore di 16 miliardi di dollari.

La Russia ha qualcosa da offrire qui, e gli uomini d’affari ne sono ben consapevoli. Siamo cresciuti per essere altamente competitivi a livello globale, nei mercati globali. La Russia rimane, se parliamo di agricoltura, il più grande esportatore di grano, il numero uno al mondo. Fino a poco tempo fa lo stavamo comprando, ora lo stiamo vendendo. È vero, paesi come gli Stati Uniti o la Cina producono ancora di più, ma consumano anche di più. Ma la Russia è diventata il numero uno nel commercio internazionale.

Anche le nostre industrie high-tech stanno crescendo con successo. E vorremmo continuare a crescere insieme ai nostri partner EAEU. Possiamo e dobbiamo ripristinare le nostre competenze collaborative.

Ne ho discusso con i miei colleghi, con il Presidente del Kazakistan e il Primo Ministro dell’Armenia – non perché alcuni dei lavoratori informatici russi si siano trasferiti in Armenia, per niente. Sono liberi di trasferirsi e lavorare ovunque, e Dio li benedica. Ma ancora una volta, è una certa sfida per noi: significa che dobbiamo creare condizioni migliori.

Abbiamo l’opportunità di lavorare con la Repubblica di Bielorussia in una serie di settori di cooperazione, e lo faremo sicuramente, perché la Repubblica di Bielorussia ha mantenuto alcune competenze che sono molto importanti per noi, anche nella microelettronica. Il presidente Lukashenko e io ci siamo appena incontrati a Sochi e ne abbiamo parlato, e abbiamo persino accettato di mettere da parte i finanziamenti per quei progetti in Bielorussia. I prodotti che queste imprese, queste industrie faranno godranno della domanda in Russia. Questa è un’area molto interessante e promettente.

I paesi EAEU hanno gettato le basi per un panorama digitale comune, compreso un sistema unificato di tracciabilità dei prodotti. Sono in fase di sviluppo varie soluzioni di piattaforma, ad esempio il sistema di ricerca Work without Borders. Il progetto è molto importante per tutti i nostri paesi. Nonostante tutte le crisi e le sfide causate dall’attuale situazione politica, i lavoratori migranti continuano a inviare quasi quanti soldi a casa dalla Russia come prima. Inoltre, alcuni paesi ricevono ancora più denaro ora, come mi hanno detto i miei colleghi della CSI.

La pratica dei pagamenti in valuta nazionale si sta espandendo, il che è molto importante. In particolare, la loro quota nel commercio reciproco dei paesi dell’Unione ha già raggiunto il 75 per cento. Continueremo a lavorare sull’interconnessione dei nostri sistemi di pagamento nazionali e delle carte bancarie.

Riteniamo importante accelerare il dialogo sui meccanismi finanziari e di pagamento internazionali interni, come il passaggio da SWIFT a contatti diretti corrispondenti tra le banche dei paesi amici, anche attraverso il sistema di messaggistica finanziaria della Banca centrale russa. Proponiamo inoltre di rafforzare la cooperazione con i principali centri di credito e finanziari della regione Asia-Pacifico.

Tra i nuovi temi legati all’integrazione eurasiatica figurano lo sviluppo della cooperazione in materia di tecnologia verde, protezione dell’ambiente e risparmio energetico. Ci aspettiamo di ricevere supporto e suggerimenti proattivi dalla comunità imprenditoriale.

Nelle attuali condizioni internazionali in cui, purtroppo, i tradizionali collegamenti commerciali ed economici e le catene di approvvigionamento sono interrotti, l’iniziativa della Russia di formare un partenariato eurasiatico più grande– un’iniziativa di cui discutiamo da molti anni – sta acquisendo un significato speciale.

Siamo grati ai leader dei paesi dell’EAEU per aver sostenuto questa proposta fin dall’inizio. Anche i membri dei BRICS come Cina e India e molti altri paesi hanno sostenuto la creazione di un partenariato eurasiatico più ampio. L’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, l’ASEAN e altre organizzazioni hanno mostrato interesse per questa iniziativa.

A questo proposito, vorrei citare alcune idee specifiche relative allo sviluppo globale del Partenariato eurasiatico.

In primo luogo, è ragionevole sviluppare istituzioni condivise per specifici punti di crescita, tra cui la creazione di un centro di esportazione eurasiatico e di case commerciali, accelerare la creazione di una società di riassicurazione eurasiatica, esaminare la questione dello sviluppo di zone economiche transfrontaliere speciali, probabilmente anche con autorità sovranazionali.

Il secondo punto. È importante intensificare la cooperazione dell’EAEU con i partner stranieri e informarli sui vantaggi e i vantaggi di lavorare con l’EAEU e sui nostri progetti e piani chiave. I miei colleghi sanno che l’interesse per la nostra associazione sta crescendo. In questo contesto, il Business Council dell’EAEU potrebbe svolgere un ruolo significativo. Sta già sviluppando con successo legami al di là della nostra Unione. Il suo sistema di dialogo commerciale può diventare un esempio per una potenziale piattaforma di cooperazione commerciale nella Grande Eurasia.

Detto questo, come ho già notato, sarebbe auspicabile sostenere la libertà di iniziativa imprenditoriale, l’attività creativa del business, dei nostri investitori. Suggerisco di creare ulteriori, migliori incentivi a questo scopo e investire di più in progetti eurasiatici. Naturalmente, le imprese che rappresentano le imprese nazionali dei paesi dell’EAEU devono ricevere un sostegno prioritario.

Terzo punto. È giunto il momento di elaborare una strategia globale per lo sviluppo di un partenariato eurasiatico su larga scala. Deve riflettere le principali sfide internazionali che ci attendono, determinare gli obiettivi futuri e contenere strumenti e meccanismi per raggiungerli. Dobbiamo prendere in considerazione ulteriori passi nello sviluppo del nostro sistema di accordi commerciali e di investimento, in parte con la partecipazione dei paesi membri SCO, ASEAN e BRICS.

In effetti, potremmo elaborare nuovi accordi che svilupperanno e integreranno le norme dell’OMC. In questo contesto, è importante prestare attenzione non solo alle tariffe, ma anche all’eliminazione delle barriere non tariffarie. Ciò può produrre risultati considerevoli senza sottoporre le nostre economie nazionali a rischi.

In conclusione, vorrei dire quanto segue. Non sarebbe esagerato dire che la Grande Eurasia è un grande progetto di civiltà. L’idea principale è quella di creare uno spazio comune per una cooperazione equa per le organizzazioni regionali. Il Grande Partenariato eurasiatico è destinato a cambiare l’architettura politica ed economica e garantire stabilità e prosperità in tutto il continente – naturalmente, tenendo conto dei diversi modelli di sviluppo, culture e tradizioni di tutte le nazioni. Sono fiducioso, e questo è ovvio comunque, che questo centro attirerebbe un grande pubblico.

Desidero augurare successo e cooperazione produttiva a tutti i partecipanti al Forum economico eurasiatico. Grazie per l’attenzione, vi ringrazio.

Continua a leggere
1 Commento
Iscriviti
Notificami
guest
1 Comment
Nuovi
Meno recenti Più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Cave Canem

“Lavoreremo con Asia, America Latina e Africa”. Non mi sembra che siano così isolati in fondo

ESTERI

Il record di Biden suggellato da un report. In una cosa ha superato Trump, Biden e Obama

© Rec News -

del

Il record di Biden suggellato da un report. In una cosa ha superato Trump, Biden e Obama | Rec News dir. Zaira Bartucca
JIM WATSON/AFP via Getty Images

Un rapporto di questo fine settimana pubblicato dal New York Post ha osservato che solo nel 2023 il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha trascorso 138 giorni in vacanza in luoghi come Rehoboth Beach nel Delaware o a Camp David. Questo significa che Biden non solo si è dimostrato incurante degli scandali che stanno travolgendo la sua famiglia e il figlio Hunter in particolare, ma anzi ha speso più di un terzo dell’anno – il 37%, per la precisione — a non lavorare.

Questa tendenza non è nuova per Biden, anzi è un qualcosa che è iniziato nel 2021 ed è continuato nei due anni successivi. Nel corso della sua presidenza, secondo il Comitato nazionale repubblicano (RNC), Biden ha trascorso ben 417 giorni in vacanza. Attualmente si trova a St. Croix, nelle Isole Vergini, per festeggiare il Capodanno.

Un rapporto del New York Post ha osservato che ogni anno il presidente Biden ha preso più giorni di vacanza lontano dalla Casa Bianca rispetto ai suoi predecessori – Trump, Barack Obama e George W. Bush – durante le loro intere presidenze. Trump si è assentato dalla Casa Bianca 132 giorni in quattro anni. Bush ha trascorso 100 giorni del suo mandato nel suo ranch in Texas, mentre Obama, osserva il rapporto, ha passato 38 giorni lontano dagli impegni istituzionali.

L’ex presidente Donald Trump – in corsa per le presidenziali del 2024 – ha puntualizzato che il record mostra la lontananza di Biden dagli impegni assunti, e che lo stare continuamente in spiaggia impedisce al presidente in carica di compiere qualunque lavoro effettivo per il Paese. Anche se – è il commento ironico affidato ai giornalisti – la lontananza dai suoi uffici non è necessariamente negativa: “Se solo Biden fosse andato in quella spiaggia dove va così tanto e si fosse seduto lì cercando di sollevare la sedia, che pesa circa tre once, allora le cose sarebbero andate meglio per il Paese. Almeno non avrebbe distrutto il lavoro dei suoi predecessori”, ha detto Trump di recente.

I commenti sono arrivati durante l’ultima intervista di oltre due ore rilasciata a Breitbart News lo scorso giovedì dalla sua dimora di Mar-a-Lago, nel sud della Florida.

Continua a leggere

ESTERI

Viale del tramonto per i Biden

© Rec News -

del

Viale del tramonto per i Biden | Rec News

Non è un buon momento per i Biden, tra la richiesta di impeachment avanzata dai repubblicani che pende sul capo di Joe e l’incriminazione di Hunter. Quest’ultimo – già al centro di vicende opache come i rapporti di interesse con l’azienda ucraina Burisma – è destinatario di tre capi di accusa che riguardano, stando all’atto depositato presso la corte federale del Delaware, la detenzione di un revolver, il consumo di droghe e alcune false dichiarazioni.

Non solo. Hunter Biden è anche il perno di diverse indagini per reati fiscali e si trova attualmente sotto inchiesta per la violazione della legge sui lobbisti che operano per conto di entità straniere. Rec News ha scritto di questo ultimo aspetto ben tre anni fa, quando ha riportato in esclusiva il contenuto del rapporto Kamenar e ha svelato il progetto Truman e la Blue Star Stategies.

Una valanga che, nonostante il tentativo dei democratici americani di minimizzare, ha travolto e sta travolgendo i vertici del partito. Questa volta la cintura di contenimento dei media mainstream – che già tentano di fare di Hunter un martire e parlano di “mancanza di prove” – potrebbe non bastare. Intanto il presidente della Camera Kevin McCarthy ha autorizzato l’avvio del processo di impeachment ufficiale contro Joe Biden.

Continua a leggere

ESTERI

Bilaterale ricostruzione Ucraina | Cosa ha detto il primo ministro Shmyhal

© Rec News -

del

Bilaterale ricostruzione Ucraina | Cosa ha detto il primo ministro Shmyhal | Rec News dir. Zaira Bartucca
Foto © Denys Shevchenko/REC NEWS

Il discorso del primo ministro ucraino Denys Shmyhal, intervenuto al termine della sessione plenaria. Traduzione di Denys Shevchenko

Durante questa visita verranno firmati diversi memorandum e accordi tra l’Ucraina e l’Italia, che rafforzeranno le nostre relazioni e la cooperazione. In particolare, questo Memorandum tra il Ministero degli Affari Esteri ucraino e l’Agenzia per il Commercio Estero per l’attivazione di relazioni commerciali, il Memorandum per la protezione dell’ambiente, che ha sofferto molto in Ucraina a causa dell’aggressione russa. Poi il Memorandum sulla cooperazione nel settore industriale e il Memorandum tra le ferrovie ucraine e la società Hermek, specializzata nella diagnostica dei binari ferroviari. Il memorandum tra le associazioni agricole dei nostri Paesi, che contribuirà all’attuazione di moderni progetti agroalimentari durante la ripresa dell’Ucraina, nonché il memorandum tra la società VIBYLT e Ukrhydroenergo sulla cooperazione nella costruzione di centrali idroelettriche in Ucraina.

Saranno inoltre firmati memorandum tra l’Oblast di Kharkiv e la regione Emilia Romagna e tra l’Oblast di Kyiv e la Toscana. Questi sono anche memorandum importanti che dimostrano la cooperazione a livello delle nostre comunità. L’agenzia di credito all’esportazione dell’Italia è pronta a riprendere il lavoro con l’Ucraina ora. Anche questo è un segnale molto importante per il business italiano e per le aziende ucraine che hanno partner in Italia. Oltre alla linea di cinquecento milioni di euro, l’agenzia è pronta, secondo i nostri dati, a stanziare un altro miliardo di euro per sostenere il commercio e operazioni finanziarie, in particolare nel settore della sanità e delle infrastrutture. E questo è estremamente importante per l’Ucraina oggi.

Siamo grati per questo. L’istituto finanziario italiano di sviluppo SIMEST sosterrà gli investimenti delle imprese italiane, la ricostruzione dell’Ucraina attraverso gli strumenti dei crediti all’esportazione, finanziamenti agevolati e investimenti diretti in progetti di nuove produzioni in Ucraina nell’anno 2025. È un grande convegno, ma lo annuncerà la stessa presidente del Consiglio dei ministri. Tutti questi accordi creano un nuovo livello di partenariato e relazioni alleate tra Ucraina e Italia. Naturalmente, uno dei temi principali della nostra visita da discutere con i nostri partner italiani è la ricostruzione dell’Ucraina, che inizia già quest’anno.

Siamo uniti nella difesa e saremo uniti nella restaurazione. Nel 2023, l’Ucraina ha bisogno di oltre quattordici miliardi di dollari per una rapida ripresa. Questa è la quantità necessaria per soddisfare i bisogni più elementari delle persone, come un tetto sopra la testa, la luce, il caldo in inverno. Le nostre cinque priorità per quest’anno sono l’energia, l’edilizia abitativa, lo sminamento, i trasporti e le infrastrutture sociali critiche, nonché il ripristino dell’attività economica per le piccole e microimprese. Alle persone dovrebbe essere data l’opportunità di guadagnare denaro. Un numero enorme di posti di lavoro economici è andato perso. I paesi del G7 si stanno infatti unendo alla ripresa dell’Ucraina. E gli Stati Uniti hanno già stanziato 2,3 miliardi di dollari.

Naturalmente, ci aspettiamo un aiuto come quello dall’agenzia per un importo di un miliardo, che aiuterà l’Ucraina a ripristinare l’economia, a ripristinare le infrastrutture e ripristinare i bisogni umanitari e sociali di base della nostra gente. Ci aspettiamo inoltre che la conferenza italo-ucraino di oggi contribuisca al coinvolgimento attivo delle imprese italiane in progetti rilevanti. Li abbiamo preparati. Anche oggi siamo pronti a condurre un dialogo molto sostanziale con le imprese italiane su come il capitale aziendale possa essere coinvolto in progetti in Ucraina, e faremo del nostro meglio per facilitare questo. Invitiamo le imprese italiane a venire in Ucraina e realizzare progetti.

Separatamente ho ringraziato il Presidente del Consiglio dei Ministri, nonché il governo italiano per aver costantemente sostenuto tutti i pacchetti di sanzioni dell’UE contro la Russia. Le sanzioni funzionano, dimostrano la loro efficacia. È importante non fermarsi a metà. Sono necessarie ulteriori restrizioni sanzionatorie, in particolare prezzi del petrolio, riduzione delle relazioni commerciali con la Russia, ritiro delle società europee dal mercato russo, sanzioni contro l’industria nucleare della Federazione Russa. E, naturalmente, ne abbiamo discusso anche con la signora Presidente del Consiglio dei ministri. Questo è il controllo delle sanzioni e delle cosiddette sanzioni ripetute e il rispetto delle restrizioni già introdotte. Abbiamo prestato particolare attenzione alle questioni dell’integrazione europea euro-atlantica dell’Ucraina, verso cui l’Italia, che ringraziamo, ha avuto un ruolo cardine.

Continua a leggere

ESTERI

Cooperazione russo-cinese, annunciata la firma di documenti bilaterali

© Rec News -

del

Cooperazione russo-cinese, annunciata la firma di documenti bilaterali | Rec News dir. Zaira Bartucca

Il 20 marzo 2023 il presidente cinese Xi Jinping si recherà in visita di Stato in Russia. Durante i colloqui verranno discusse questioni inerenti lo sviluppo del partenariato globale e della cooperazione strategica tra Russia e Cina. In agenda anche la cooperazione russo-cinese sulla scena internazionale. Da parte del Cremlino l’annuncio della firma di “importanti documenti bilaterali”.

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2023 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca, P.IVA 03645570791 - Testata online con ricavi inferiori ai 100.000 euro esente da registrazione in Tribunale (Decreto Editoria n. 63/2012 convertito con la legge 103/2012). Vietata la riproduzione anche parziale

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione