Seguici

© Rec News -

del

Si può quasi dire che il Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo che si è tenuto ieri rappresenti uno spartiacque per l’economia e per gli assetti geo-politici per come li abbiamo sempre conosciuti, e il motivo si capirà leggendo. Da notare che l’evento è stato anticipato negli scorsi giorni dalle dichiarazioni secche del ministro degli Esteri Sergej Lavrov, che ha fatto sapere che “i contatti con l’Europa non sono più una priorità della Russia”. Un po’ il sunto stringato di quanto ha detto il presidente della Federazione russa intervenendo al summit, che ha visto anche la partecipazione del presidente della Cina – con cui la Russia ha recentemente avviato un partenariato di ferro – del presidente della Repubblica del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev e del presidente della Repubblica Araba d’Egitto Abdel Fattah el-Sisi.

Un Putin, dunque, tutt’altro isolato, che stavolta è un fiume in piena: “Perché sto rilasciando tutti questi dettagli?”, domanda retoricamente alla platea di giornalisti nel corso del lungo intervento. La risposta, implicita, è contenuta in un’analisi che si può riassumere così: non è l’operazione speciale militare o la guerra, comunque la si chiami, la causa del disastro economico che sta travolgendo i Paesi europei e statunitensi. La crisi alimentare ed energetica, l’inflazione e l’aumento esorbitante dei prezzi a detta di Putin hanno radici più lontane. C’è un motivo per tutto a voler dare per buono il filo logico dipanato dal capo di Stato, che ha raccontato la sua versione dei fatti che tra ieri e oggi è stata – come sempre – distorta dai media commerciali. Vediamo cosa ha detto davvero.

Continua a leggere dopo le foto
“Sono loro i colonizzatori”

“I nostri colleghi – ha detto Putin – non si limitano a negare la realtà. Più di questo; stanno cercando di invertire il corso della storia. Sembrano pensare nei termini del secolo scorso. Sono ancora influenzati dalle loro idee sbagliate sui Paesi al di fuori del cosiddetto “miliardo d’oro”: considerano tutto un ristagno, o il loro cortile. Li trattano ancora come colonie, e le persone che vivono lì sono considerate persone di seconda classe, perché loro si considerano eccezionali. Se sono eccezionali, significa che tutti gli altri sono di seconda categoria”.

“In occidente punito chiunque non vuole obbedire e non si adatta al mainstream”

Putin ha inoltre spedito ai mittenti le accuse di essere un dittatore, citando casi concreti di colonizzazione e di usurpazione dei diritti da parte degli americani e degli Stati occidentali. “Hanno l’irrefrenabile impulso a punire, a schiacciare economicamente chiunque non si adatti al mainstream e chi non vuole obbedire ciecamente. Impongono rozzamente e spudoratamente la loro etica, le loro opinioni sulla cultura e le loro idee sulla storia, a volte – ha detto – mettendo in discussione la sovranità e l’integrità degli stati e minacciando la loro stessa esistenza. Basti ricordare quello che è successo in Jugoslavia, Siria, Libia e Iraq”.

“Pazzia” e “russofobia”

“Se qualche Stato ribelle non può essere soppresso, cercano di isolarlo o “annullarlo”, per usare il loro termine moderno. Vale tutto, anche lo sport, le Olimpiadi, i divieti di cultura e capolavori d’arte solo perché i loro creatori provengono dal Paese “sbagliato”. Questa è la natura dell’attuale round di russofobia in Occidente e delle folli sanzioni contro la Russia. Sono pazzi e, direi, sconsiderati. Sono senza precedenti nel numero e nel ritmo con cui l’Occidente li sforna. L’idea era chiara come il giorno: si aspettavano di schiacciare improvvisamente e violentemente l’economia russa, di colpire l’industria, la finanza e gli standard di vita della gente distruggendo le catene commerciali, richiamando forzatamente le aziende occidentali dal mercato russo e congelando le attività russe”.

Un momento del Forum di San Pietroburgo, dove è intervenuto il presidente della Federazion russa Vladimir Putin | Rec News dir. Zaira Bartucca
Un momento del Forum di San Pietroburgo – foto TASS
“La febbre delle sanzioni costerà all’Europa 400 miliardi l’anno”

“I politici europei – ha proseguito Putin – hanno già inflitto un duro colpo alle loro economie da soli. Vediamo aggravarsi i problemi sociali ed economici in Europa, e anche negli Stati Uniti. I prezzi dei prodotti alimentari, dell’elettricità e del carburante sono in aumento, la qualità della vita in Europa è in calo e le aziende perdono il loro vantaggio sul mercato. Secondo gli esperti, le perdite dirette e calcolabili dell’UE dalla febbre delle sanzioni potrebbero superare i 400 miliardi quest’anno. Questo è il prezzo delle decisioni che sono lontane dalla realtà e contraddicono il buon senso”.

L’inflazione

“Queste spese – ha continuato il presidente della Federazione russa – ricadono direttamente sulle spalle dei cittadini e delle imprese dell’UE. Il tasso di inflazione in alcuni Paesi dell’Eurozona ha superato il 20 per cento. Ho menzionato l’inflazione in Russia, ma i Paesi dell’eurozona non stanno conducendo operazioni militari speciali, eppure il tasso di inflazione in alcuni di essi ha raggiunto il 20 per cento. Anche l’inflazione negli Stati Uniti è inaccettabile, la più alta degli ultimi 40 anni”.

“Naturalmente, l’inflazione in Russia è anche a due cifre finora. Tuttavia, abbiamo adeguato le prestazioni sociali e le pensioni all’inflazione e aumentato i salari minimi e di sussistenza, proteggendo così i gruppi più vulnerabili della popolazione. Allo stesso tempo, alti tassi di interesse hanno aiutato le persone a mantenere i loro risparmi nel sistema bancario russo. Gli uomini d’affari sanno, ovviamente, che un alto tasso chiave rallenta chiaramente lo sviluppo economico. Ma è un vantaggio per le persone nella maggior parte dei casi. Hanno reinvestito una notevole quantità di denaro nelle banche a causa di tassi di interesse più elevati”.

La crisi economica europea in prospettiva: “Colpite le fasce a basso reddito, effetti negativi duraturi”

“Questa è la nostra principale differenza rispetto ai paesi dell’UE, dove l’aumento dell’inflazione sta riducendo direttamente i redditi reali delle persone e consumando i loro risparmi, e le manifestazioni attuali della crisi stanno colpendo soprattutto le fasce a basso reddito. Il crescente esborso delle imprese europee e la perdita del mercato russo – ha detto ancora Putin – avranno effetti negativi duraturi. Il risultato ovvio di ciò sarà la perdita di competitività globale e un calo a livello di sistema del ritmo di crescita delle economie europee per gli anni a venire”.

“Nel loro insieme, ciò aggraverà i problemi profondi delle società europee. Sì, abbiamo anche molti problemi, ma ora devo parlare dell’Europa perché ci puntano il dito contro, anche se hanno abbastanza dei loro problemi. Ne ho parlato a Davos. Un risultato diretto delle azioni e degli eventi dei politici europei di quest’anno sarà l’ulteriore crescita della disuguaglianza in questi paesi, che a sua volta dividerà ancora di più le loro società, e il punto in questione non è solo il benessere, ma anche l’orientamento al valore dei vari gruppi in queste società”.

“In Europa non si guarda agli interessi reali delle persone e delle imprese. Partiti identici tra loro vanno e vengono”

“In effetti, queste differenze vengono soppresse e spazzate sotto il tappeto. Francamente, le procedure democratiche e le elezioni in Europa e le forze che arrivano al potere sembrano un fronte, perché partiti politici quasi identici vanno e vengono, mentre in fondo le cose rimangono le stesse. Gli interessi reali delle persone e delle imprese nazionali vengono spinti sempre più verso la periferia”.

“Cambio delle èlite a breve termine”

“Una tale disconnessione dalla realtà e dalle esigenze della società porterà inevitabilmente a un aumento del populismo e dei movimenti estremisti e radicali, a grandi cambiamenti socioeconomici, al degrado e al cambiamento delle élite a breve termine. Nuove entità stanno venendo in superficie, ma hanno poche possibilità di sopravvivenza se non sono molto diverse da quelle esistenti”.

“I tentativi di mantenere le apparenze e il parlare di costi presumibilmente accettabili in nome della pseudo-unità non possono nascondere la cosa principale: l’Unione europea ha perso la sua sovranità politica, e le sue élite burocratiche ballano alla melodia di qualcun altro, facendo tutto ciò che viene detto dall’alto e danneggiando il proprio popolo, le proprie economie e le proprie imprese”.

“Non è il conflitto con l’Ucraina la causa di tutto: processi vecchi intensificati con il covid”

“Ci sono altre questioni di fondamentale importanza qui. Il peggioramento della situazione economica globale non è uno sviluppo recente. Ora esaminerò le cose che ritengo estremamente importanti. Ciò che sta accadendo ora non deriva da ciò che è accaduto negli ultimi mesi, ovviamente no. Inoltre, non è il risultato della speciale operazione militare condotta dalla Russia nel Donbass. Dire così è una distorsione non celata e deliberata dei fatti”.

Ancora: “L’aumento dell’inflazione nei mercati dei prodotti e delle materie prime era diventato un fatto di vita molto prima degli eventi di quest’anno. Il mondo è stato spinto in questa situazione, a poco a poco, da molti anni di politiche macroeconomiche irresponsabili perseguite dai paesi del G7, tra cui l’emissione incontrollata e l’accumulo di debito non garantito. Questi processi si sono intensificati con l’inizio della pandemia di coronavirus nel 2020, quando l’offerta e la domanda di beni e servizi sono drasticamente diminuite su scala globale. Questo pone la domanda: che cosa ha a che fare la nostra operazione militare nel Donbass con questo? Niente di niente”.

“Stampano denaro per compensare il deficit”

“Poiché non potevano o non volevano escogitare altre ricette – è il pensiero di Putin – i governi delle principali economie occidentali hanno semplicemente accelerato le loro macchine per la stampa di denaro. Un modo così semplice per compensare deficit di bilancio senza precedenti. Ho già citato questa cifra: negli ultimi due anni, l’offerta di moneta negli Stati Uniti è cresciuta di oltre il 38 per cento. In precedenza, un aumento simile ha preso decenni, ma ora è cresciuto del 38 per cento o 5.9 trilioni di dollari in due anni. In confronto, solo pochi paesi hanno un prodotto interno lordo più grande. Anche l’offerta di moneta dell’UE è notevolmente aumentata in questo periodo. È cresciuto di circa il 20 per cento, o 2,5 trilioni di euro”.

“La carenza di cibo e carburante e gli aumenti? Errori di sistema e politiche economiche errate da parte degli USA e della burocrazia europea”

“Ultimamente ho sentito sempre più parlare della cosiddetta – mi scusi, non vorrei proprio dirlo qui, anche menzionare il mio nome a questo proposito, ma non posso farne a meno: tutti sentiamo parlare della cosiddetta “inflazione Putin” in Occidente. Quando vedo questo, mi chiedo chi si aspettano che creda a queste sciocchezze: persone che non sanno leggere o scrivere, forse. Chiunque sia abbastanza alfabetizzato da leggere capirebbe cosa sta realmente accadendo. Le nostre azioni per liberare il Donbass non hanno assolutamente nulla a che fare con questo. L’aumento dei prezzi, l’accelerazione dell’inflazione, la carenza di cibo e carburante, la benzina e i problemi nel settore energetico sono il risultato di errori a livello di sistema che l’attuale amministrazione statunitense e la burocrazia europea hanno commesso nelle loro politiche economiche. Ecco dove sono le ragioni, e solo lì”.

“La Russia è il capro espiatorio per coprire le loro azioni”

“Citerò anche la nostra operazione: sì, avrebbe potuto contribuire alla tendenza, ma la causa principale è proprio questa: le loro politiche economiche errate. In effetti, l’operazione che abbiamo lanciato nel Donbass è un’ancora di salvezza che stanno afferrando per poter incolpare i propri errori di calcolo sugli altri, in questo caso, sulla Russia. Ma chiunque abbia almeno completato la scuola primaria capirebbe le vere ragioni della situazione odierna”.

“I loro capitali servono a pagare beni e servizi al di fuori dei Paesi occidentali, dove scorre il denaro appena stampato. Spazzano via le merci dai Paesi terzi”

“Quindi, hanno stampato più soldi, e poi cosa? Dove sono finiti tutti quei soldi? Sono stati ovviamente utilizzati per pagare beni e servizi al di fuori dei Paesi occidentali – questo è dove il denaro appena stampato scorreva. Hanno letteralmente iniziato a ripulire, a spazzare via i mercati globali. Naturalmente, nessuno pensava agli interessi degli altri Stati, compresi quelli più poveri. Sono stati lasciati con scarti, come si suol dire, e anche a prezzi esorbitanti”.

“Mentre alla fine del 2019 le importazioni di beni negli Stati Uniti ammontavano a circa 250 miliardi di dollari al mese, ormai sono cresciute fino a 350 miliardi. È interessante notare che la crescita è stata del 40 per cento, esattamente in proporzione alla massa monetaria non garantita stampata negli ultimi anni. Hanno stampato e distribuito denaro e lo hanno usato per spazzare via le merci dai mercati dei paesi terzi”.

La guerra alimentare degli Stati Uniti

“Questo è ciò che vorrei aggiungere. Per molto tempo, gli Stati Uniti sono stati un grande fornitore di cibo nel mercato mondiale. Erano orgogliosi, e a ragione, dei loro successi e delle tradizioni agricole. A proposito, questo è un esempio anche per molti di noi. Ma oggi, il ruolo dell’America è cambiato drasticamente. Si è trasformato da esportatore netto di prodotti alimentari in importatore netto. In parole povere, sta stampando denaro e tirando i flussi delle materie prime, acquistando prodotti alimentari in tutto il mondo”.

“L’Unione europea sta aumentando le importazioni ancora più rapidamente. Ovviamente, un così forte aumento della domanda che non è coperto dall’offerta di beni ha innescato un’ondata di carenze e inflazione globale. Questo è dove questa inflazione globale ha origine. Negli ultimi due anni, praticamente tutto, materie prime, beni di consumo e in particolare prodotti alimentari, sono diventati più costosi in tutto il mondo”.

“Sì, certo, questi Paesi, compresi gli Stati Uniti continuano a importare merci, ma l’equilibrio tra esportazioni e importazioni è stato invertito. Credo che le importazioni superino le esportazioni di circa 17 miliardi. Questo è l’intero problema. Secondo l’ONU, a febbraio 2022 l’indice dei prezzi alimentari era superiore del 50% rispetto a maggio 2020, mentre l’indice delle materie prime composite è raddoppiato in questo periodo”.

“Sotto la nuvola di inflazione, molti paesi in via di sviluppo si stanno ponendo una buona domanda: perché scambiare beni con dollari ed euro che stanno perdendo valore proprio davanti ai nostri occhi? La conclusione suggerisce se stessa: l’economia delle entità mitiche viene inevitabilmente sostituita dall’economia dei valori e dei beni reali”.

“Secondo il FMI, le riserve valutarie globali sono a $7.1 trilioni e 2.5 trilioni di euro ora. Queste riserve sono svalutate ad un tasso annuo di circa l ‘ 8 per cento. Inoltre, possono essere confiscati o rubati in qualsiasi momento se agli Stati Uniti non piace qualcosa nella politica degli stati coinvolti. Penso che questo sia diventato una minaccia molto reale per molti paesi che mantengono le loro riserve di oro e valuta estera in queste valute”.

“Secondo le stime degli analisti, e questa è un’analisi oggettiva, una conversione delle riserve globali inizierà solo perché non c’è spazio per loro con tali carenze. Saranno convertiti dall’indebolimento delle valute in risorse reali come cibo, materie prime energetiche e altre materie prime. Altri paesi lo faranno, ovviamente. Ovviamente, questo processo alimenterà ulteriormente l’inflazione globale del dollaro”.

“In Europa politica energetica fallimentare”

“Per quanto riguarda l’Europa, la loro politica energetica fallita, puntando ciecamente tutto sulle rinnovabili e sulle forniture spot di gas naturale, che hanno causato aumenti dei prezzi dell’energia dal terzo trimestre dello scorso anno – di nuovo, molto prima dell’operazione nel Donbass – hanno anche esacerbato gli aumenti dei prezzi. Non abbiamo assolutamente nulla a che fare con questo. E ‘ stato a causa delle proprie azioni che i prezzi sono passati attraverso il tetto, e ora sono ancora una volta alla ricerca di qualcuno da incolpare”.

Aumento dei prezzi e fertilizzanti

“Non solo gli errori di calcolo dell’Occidente hanno influito sul costo netto di beni e servizi, ma hanno anche comportato una diminuzione della produzione di fertilizzanti, principalmente fertilizzanti azotati a base di gas naturale. Nel complesso, i prezzi globali dei fertilizzanti sono aumentati di oltre il 70% da metà 2021 a febbraio 2022”.

“Sfortunatamente, non ci sono attualmente condizioni in grado di superare queste tendenze dei prezzi. Al contrario, aggravata dagli ostacoli al funzionamento dei produttori di fertilizzanti russi e bielorussi e dall’interruzione della logistica dell’approvvigionamento, questa situazione si sta avvicinando a una situazione di stallo”.

“Paesi ridotti alla fame sulla coscienza di USA e Ue”

“Non è difficile prevedere i prossimi sviluppi. Una carenza di fertilizzanti significa un raccolto inferiore e un rischio più elevato di un mercato alimentare globale scarsamente fornito. I prezzi saliranno ancora più in alto, il che potrebbe portare alla fame nei Paesi più poveri. E sarà pienamente sulla coscienza dell’amministrazione statunitense e della burocrazia europea”.

“Voglio sottolineare ancora una volta: questo problema non si è presentato oggi o negli ultimi tre o quattro mesi. E certamente, non è colpa della Russia come alcuni demagoghi cercano di dichiarare, spostando la responsabilità per lo stato attuale delle cose nell’economia mondiale al nostro Paese”.

“Situazione in fermento da anni e politiche predatorie che provoca disastri umanitari nel mondo”

“Questa situazione è in fermento da anni, stimolata dalle azioni miopi di coloro che sono abituati a risolvere i loro problemi a spese di qualcun altro e che hanno fatto affidamento e fanno ancora affidamento sul meccanismo delle emissioni finanziarie per superare e attirare i flussi commerciali, aumentando così i deficit e provocando disastri umanitari in alcune regioni del mondo. Aggiungerò che questa è essenzialmente la stessa politica coloniale predatoria del passato, ma ovviamente in una nuova iterazione, un’edizione più sottile e sofisticata. Si potrebbe anche non riconoscerlo in un primo momento”.

“Non è la Russia a bloccare l’esportazione del grano ucraino. Materie prime possibile siano usate come baratto per pagare le forniture di armi”

“Per quanto riguarda le forniture alimentari ucraine ai mercati globali, devo dirlo a causa di numerose speculazioni, non le stiamo ostacolando. Possono farlo. Non abbiamo minato i porti del Mar Nero dell’Ucraina. Possono liberare le miniere possono e riprendere le esportazioni di cibo. Garantiremo la navigazione sicura delle navi civili. Non c’è problema”.

“Ma di cosa stiamo parlando? Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, la questione riguarda 6 milioni di tonnellate di grano, noi stimiamo 5, e di 7 milioni di tonnellate di mais. Questo è tutto, del tutto. Poiché la produzione globale di grano è di 800 milioni di tonnellate, 5 milioni di tonnellate fanno poca differenza per il mercato globale, come potete vedere”.

“Ad ogni modo, il grano ucraino può essere esportato, e non solo attraverso i porti del Mar Nero. Un altro percorso è via Bielorussia, che è, per inciso, il modo più economico. O via Polonia o Romania, a seconda di quale si preferisce. In realtà, ci sono cinque o sei rotte di esportazione. Il problema non è con noi, il problema è con l’adeguatezza delle persone in controllo a Kiev. Possono decidere cosa fare, e almeno in questo caso particolare non dovrebbero prendere ordini dai loro capi stranieri, i loro padroni al di là dell’oceano. Ma c’è anche il rischio che il grano venga utilizzato come pagamento per le consegne di armi. Questo sarebbe deplorevole”.

“Operazione in Ucraina necessaria per porre freno a genocidio del regime di Kiev ed azione dei neonazisti protetti dall’Occidente”

“Questa operazione è stata la decisione di un Paese sovrano, che ha il diritto incondizionato di sostenere la sua sicurezza e che si basa sulla Carta delle Nazioni Unite. Questa decisione mirava a proteggere il nostro popolo e gli abitanti delle repubbliche popolari del Donbass che per otto lunghi anni sono stati sottoposti a genocidio dal regime di Kiev e dai neonazisti che godevano della piena protezione dell’Occidente”.

“A loro non importa nulla del benessere delle persone che vivono lì”

“L’Occidente non solo ha cercato di attuare uno scenario “anti-Russia”, ma si è anche impegnato nello sviluppo militare attivo del territorio ucraino, inondando l’Ucraina di armi e consiglieri militari. E continua a farlo ora. Francamente, nessuno sta prestando attenzione all’economia o al benessere delle persone che vivono lì, a loro non importa affatto, ma non hanno mai risparmiato denaro per creare un punto d’appoggio della NATO a Est diretto contro la Russia per coltivare aggressività, odio e russofobia”.

“La Russia rigetta pseudo-valori intrisi di disumanizzazione e degrado morale”

“Oggi, i nostri soldati e ufficiali, così come la milizia del Donbass, stanno combattendo per proteggere il loro popolo. Stanno lottando per il futuro della Russia come un grande, libero e sicuro Paese multietnico che prende le proprie decisioni, determina il proprio futuro, si basa sulla sua storia, cultura e tradizioni, e respinge tutti i tentativi esterni di imporre pseudo-valori intrisi di disumanizzazione e degrado morale”.

“Sovranità politica ed economica conquiste irrinunciabili”

“Il mio punto è che la sovranità non può essere segmentata o frammentata nel ventunesimo secolo. Le componenti della sovranità sono ugualmente importanti e si rinvigoriscono e si completano a vicenda. Quindi, ciò che conta per noi non è solo la difesa della nostra sovranità politica e dell’identità nazionale, ma anche il rafforzamento di tutto ciò che determina l’indipendenza economica, finanziaria, professionale e tecnologica del nostro Paese”, ha concluso.

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere
1 Commento
Iscriviti
Notificami
guest
1 Comment
Nuovi
Meno recenti Più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Lorenzo

Un discorso bellissimo. Purtroppo USA e UE continuano come prima, peggio di prima, fra il consenso entusiasto della gente, che, intanto, va al mare.

ECONOMIA

A ottobre il Forum Nazionale sul sovraindebitamento

La legge “salva suicidi” non frena la scure del debito, che in Italia colpisce 7 mlioni di persone e 2.5 milioni di famiglie. Bertollo: “Soldi richiesti devono avere sempre come obiettivo la generazione di un reddito per il richiedente”

© Rec News -

del

A ottobre il Forum Nazionale sul sovraindebitamento | Rec News dir. Zaira Bartucca
Comunicato stampa

Il 22 ottobre si svolgerà in Vaticano il primo Forum Nazionale sul Sovrindebitamento organizzato dall’associazione Liberi dal debito in collaborazione con “Legge3”, che il 22 ottobre 2022 tornerà in Vaticano. Nel corso dell’appuntamento verrà presentato anche il report nazionale sul sovraindebitamento, per fornire un quadro su quella che è la situazione economica odierna per milioni di persone nel nostro Paese.

Nel periodo pre-covid, riferiscono i promotori, in Italia si contavano 7 milioni di Italiani sovraindebitati in 2.5 milioni di famiglie. Oggi Istat e Bankitalia parlano del 50% delle famiglie Italiane in difficoltà economica, con un’azienda su tre che rischia di chiudere, facendo perdere il lavoro a migliaia di persone. Un quadro decisamente tetro, che peggiorerà senza interventi.

Continua a leggere dopo le foto

Vogliamo diffondere un concetto corretto di accesso al credito. La richiesta di un prestito quando si è già in situazioni economiche precarie o critiche deve essere fatta con estrema cautela, e solo se questi soldi hanno come obiettivo la generazione di un reddito per il richiedente“, Spiega Gianmario Bertollo. “Solo in questo modo – continua – sarà possibile restituire il denaro e i relativi interessi. Certo, purtroppo il covid, la guerra, i rincari energetici hanno colpito un’economia che ancora faticava a riprendersi dalla crisi mondiale del 2008, e questo sta portando molte persone a chiedere dei prestiti anche solo per poter fare la spesa, pagare le bollette, l’affitto o il mutuo. A loro, però, si affiancano anche migliaia di incauti che chiedono prestiti per fare vacanza o concedersi sfizi. Da anni cerchiamo di far arrivare alle Istituzioni il messaggio che sia necessaria una maggiore cultura finanziaria tra i cittadini, e una più mirata informazione sugli strumenti introdotti Nuovo Codice della Crisi in tema di sovraindebitamento che ha riformato la legge “salva suicidi”. 

La legge 3/2012 e il successivo  Codice della crisi d’Impresa e dell’insolvenza nascono con lo scopo di porre fine al problema dell’eccessivo indebitamento che, dopo la crisi del 2009, ha travolto il nostro paese con conseguenze tragiche. Ecco perché i media hanno ribattezzato la Legge 3/2012 come “salva suicidi”. 

Moltissime persone, nonostante le migliori intenzioni, finiscono per contrarre debiti che poi non riescono ad onorare. – Aggiunge Jimmy Greselin, Presidente di Liberi dal Debito – In molti hanno dovuto sostenere spese mediche per questioni legate all’emergenza sanitaria, o magari per pagare l’università dei figli, o perché hanno tentato di avviare una nuova attività dopo aver perso il lavoro. Finiscono in un tunnel che sembra non aver via di uscita, anche perché, senza più un soldo sul conto, è difficile chiedere aiuto a professionisti competenti, per questo abbiamo deciso di istituire un fondo in loro supporto”.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

ECONOMIA

Paradosso caro bollette. Il governo anziché punire le speculazioni, le promuove

Con la scusa della fantomatica “crisi energetica”, il governo tenta di imporre nuovi divieti e di ottenere nuove privazioni. Le aziende “energifore” festeggiano l’aumento vertiginoso dei ricavi ma, paradossalmente, mandano bollette sempre più salate. Si pensa ad aumentare il debito pubblico regalando miliardi, ma nessuno parla di impianti di produzione di energia ecologici, poco costosi e in grado di generare migliaia di posti di lavoro: quelli che producono biogas

© Rec News -

del

Paradosso caro bollette. Il governo anziché punire le speculazioni, le promuove | Rec News dir. Zaira Bartucca

Metti un conflitto utile, che faccia passare l’idea – sotto l’ombrello dell’Agenda 2030 – che i rincari siano colpa di un presidente estero e che i sacrifici siano “necessari” e anzi inevitabili. Aggiungi miliardi che piovono a iosa sulle aziende in corsa per la transizione energetica e otterrai l’istantanea precisa dell’Italia in questo momento: un Paese dove ai cittadini non si vogliono garantire neppure i beni di prima necessità che servono al sostentamento dell’essere umano e alla sua sopravvivenza (acqua, gas, energia elettrica), e dove si costringono le aziende “energivore” a chiudere bottega perché hanno la colpa di “consumare troppo”.

Una narrazione, c’è da dire, tutta italiana, perché all’estero i governi non stanno utilizzando le guerre come una scusa per educare i cittadini alla povertà, al non avere a conti fatti nulla e a esserne pure soddisfatti. Vogliono che in Italia si impari – zitti e anzi contenti – a fare a meno di tutto. Ieri era in nome del covid, oggi del clima e dell’ambiente, domani chissà. Ma se guardiamo al pratico e mettiamo da parte la narrazione dei tg, scopriamo che il gas tradizionale non manca affatto (sono solo cambiate le rotte commerciali) e, soprattutto, le aziende “energifore” con la scusa della “crisi” stanno facendo affari d’oro. Enel nel primo semestre del 2022 ha aumentato i ricavi di oltre l’80%, Eni ha più che quintuplicato gli utili. Ma allora cosa sono questi nuovi costi in bolletta che vengono addossati a famiglie e a imprese? Mica qualcuno starà di nuovo speculando su crisi artefatte, mentre l’Antitrust dorme sonni tranquilli?

Continua a leggere dopo le foto

Bisogna salvare il Paese dalla “crisi energetica” – quella reale, risolvibile accendendo il cervello e non facendo ulteriore debito pubblico – e anche da chi ci specula sopra. Basta caricare tutto sul groppone delle famiglie e delle imprese. Se si sta rischiando di passare un inverno più freddo del solito, non è colpa di Putin o di Zelensky, della Russia, dell’Ucraina, degli Usa o di Taiwan, ma – a limite – della mancanza di programmazione di questo governo e dell’incompetenza di molti politici.

E visto che a conti fatti non è cambiato quasi nulla a livello di approvvigionamento (perché la situazione non è come viene raccontata) se un’azienda ti fa pagare il triplo o il quadruplo di bolletta di luce e gas senza motivo, devi partecipare a una class action in cui chiedi di essere rimborsato o risarcito, non pagare e stare zitto nella convinzione che le tue tasse aumentate siano il riflesso di situazioni internazionali. Perché non è affatto così. E perché, poi, si dovrebbero regalare miliardi alle aziende per fare in modo che le speculazioni continuino, abbiano motivo di esistere e i cittadini si trovino sempre di fronte a costi insostenibili?

Se esiste un partito che non ha ancora interessi e azioni con le aziende energetiche, faccia il suo dovere e supporti i cittadini. Non servono altri 30 miliardi di debito pubblico, il progetto per aiutare l’Italia nel lungo periodo c’è già. Paesi europei come la Germania, la Francia e la Spagna utilizzano impianti con poco impatto ambientale per produrre gas biologico (biogas). Trasformano l’umido e gli scarti in energia a tariffa verde, che poi viene portata in migliaia di case e di aziende. La Germania ha più di 10mila fabbriche di questo tipo, in Italia aziende come la Tim o Sofidel e perfino o ospedali come il Niguarda e il San Raffaele hanno i loro impianti a biomassa che permettono loro grandi risparmi. Perché non estendere questo modello anziché piangere e cercare scuse per imporre ai cittadini nuove privazioni?

Il biogas si estrae dai rifiuti umidi, dalle erbacce, dagli scarti grassi e dai reflui animali, dai fanghi di depurazione (non solo dal mais, come dice, mentendo, qualcuno). Un solo impianto può alimentare anche 3000 abitazioni, può essere dotato di filtri che non fanno percepire cattivi odori dovuti al trattamento di liquami e può utilizzare i residui finali come concimi. Il costo per singolo impianto è di circa 20-30 milioni di euro. Quanti se ne farebbero con 30 miliardi? Quanto si risolverebbe, invece di creare ulteriore debito pubblico? Lo Stato guadagnerebbe autonomia energetica, creerebbe nuovi posti di lavoro e potrebbe contare su gas ed energia verde, come chiede l’Europa e anche un’Agenda applicata per favorire il depopolamento anziché un miglioramento ambientale e umano. Più impianti costruisci, meno dipendi dagli altri Paesi.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

ECONOMIA

Indici di investimento: che cosa sono e quale funzione svolgono

Nasdaq, Ftse Mib, Dow Jones, sono solo alcuni dei principali indici di mercato di cui si sente parlare, spesso senza che molti sappiano di cosa si tratti. Eppure colmare questa lacuna, soprattutto per chi investe, è importante

© Rec News -

del

Indici di investimento: che cosa sono e quale funzione svolgono | Rec News dir. Zaira Bartucca

Nasdaq, Ftse Mib, Dow Jones, sono solo alcuni dei principali indici di mercato di cui si sente parlare anche al telegiornale, senza che l’ascoltatore sappia, molto spesso, di cosa si tratti. Anche alcuni novelli investitori potrebbero non avere ben chiaro che cosa siano realmente gli indici di mercato. Colmare questa lacuna, soprattutto per chi investe, è importante, in quanto non si può operare sul mercato finanziario senza conoscere alla perfezione i significati dei termini e l’utilizzo specifico che viene fatto dei vari strumenti.

Che cosa sono gli indici di mercato

Gli indici di mercato sono dei panieri di titoli che vengono utilizzati per valutare l’andamento dei prezzi del mercato secondario di riferimento e che possono essere utilizzati come benchmark per Fondi di Investimento ed ETF. Per sapere che cosa sono gli ETF, potete leggere l’interessante articolo presente a questa pagina.

Continua a leggere dopo le foto

La selezione dei titoli che vengono inseriti all’interno dello pseudo portafoglio costituente un particolare indice non avviene in modo casuale, ma secondo regole prestabilite da chi lo crea, solitamente un intermediario finanziario. Regole e criteri afferenti la selezione, ma anche il peso di ogni titolo all’interno del paniere, devono essere resi noti pubblicamente al fine di permettere agli investitori di comprendere al meglio le dinamiche del mercato a cui fa riferimento.

Selezione dei titoli e peso nella composizione dell’indice

Quando un intermediario finanziario o altra figura preposta crea un indice, deve adottare un sistema che permetta di determinare in modo chiaro e univoco:

  • la composizione: il paniere può essere composto da titoli selezionati in base all’asset class, alla capitalizzazione o ad altre caratteristiche del titolo stesso o dell’emittente, come il settore di attività, il luogo in cui opera e via dicendo;
  • il peso di ogni titolo: a seconda dell’indice, i titoli possono avere tutti lo stesso peso oppure pesi proporzionali alla capitalizzazione, alla flottazione o al prezzo di mercato.
Indici di investimento: che cosa sono e quale funzione svolgono | Rec News dir. Zaira Bartucca

Indici di mercato: come funzionano

Gli indici forniscono agli investitori utili informazioni per quanto riguarda l’andamento dei prezzi e le fluttuazioni di un particolare mercato secondario di riferimento.

A seconda dei casi e delle finalità, possono essere utilizzati come semplici strumenti informativi che permettono di prendere visione dell’andamento generale del mercato, oppure come benchmark, ossia strumenti utilizzati per valutare le performance di portafogli, fondi di investimento, ma anche singoli titoli.

Utilizzando gli indici, gli investitori o i gestori dei fondi hanno la possibilità di rendersi subito conto se titoli e panieri performano meglio o peggio rispetto all’andamento generale indicato dall’indice. Questa valutazione permette ai professionisti, quando ritenuto necessario, di apportare delle modifiche al portafoglio al fine di migliorarne il rendimento oppure di crearne uno ad hoc, tarato sull’andamento dell’indice di mercato scelto come benchmark.

Quali fattori influenzano l’andamento di un indice

Gli indici di mercato non sono stabili, in quanto i prezzi dei singoli titoli tendono a subire oscillazioni costanti dovute ai seguenti fattori:

  • andamento finanziario della società emittente;
  • notizie, come fusioni o cambiamenti nella leadership, rilasciate dalla medesima società;
  • nel caso delle azioni relative a materie prime, la fluttuazione dei prezzi delle stesse;
  • notizie economiche e politiche di vario genere;
  • sentiment degli investitori.

Oltre che dalle oscillazioni dei prezzi dei singoli titoli, il valore dell’indice può essere influenzato anche dalle modifiche apportate alla composizione.

Quali sono gli indici di mercato più importanti

Nonostante gli indici di mercato siano numerosi, quelli principali sono relativamente pochi. In particolare, i più noti e utilizzati sono:

  • NASDAQ Composite: questo indice include tutte le società Americane ad oggi quotate nella Borsa Nasdaq
  • NASDAQ 100: a differenza del precedente, include le principali 100 società statunitensi non-finanziarie, il cui peso all’interno dell’indice è calcolato in base alla capitalizzazione di mercato
  • FTSE MIB: si tratta di un indice della Borsa di Milano e include le 40 società principali della Borsa Italiana, il cui peso, anche in questo caso, è calcolato in base alla capitalizzazione di mercato.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Correlati: Mario Adinolfi: "Google Italia non sia complice di Gayburg"

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione