Mentre la Grecia era in crisi, l’Ue foraggiava l’Unione africana con 4111 milioni

Bambini greci morti per denutrizione, pensionati in lacrime davanti alle banche. Nel territorio ellenico era dramma austerità, ma l’EDF sovvenzionava Stati fiorenti come Algeria, Marocco e Tunisia. Il documento che sbugiarda Bruxelles

Nel 2009 – quando la Grecia entrava ufficialmente nel periodo di austerità e Papandreou rivelava l’avvenuta falsificazione dei bilanci per consentire al territorio ellenico di fare ingresso nell’area di crisi della Zona euro – l’Unione europea foraggiava l’Unione africana con 4111 milioni. E’ quanto emerge dalla Memoria 10/604 datata 23 novembre del 2010 sul summit UE/UA di Tripoli dello stesso anno che abbiamo recuperato. Mentre i greci si avviavano verso il territorio desolato della Troika, mentre l’azione repressiva del dissenso si faceva sempre più forte e mentre i pensionati piangevano all’esterno delle banche per l’impossibilità di avere accesso ai propri conti, l’organismo pensava all’ulteriore sviluppo dell’Africa, anche del fiorente Nord con Marocco, Algeria e Tunisia.


Da lì a poco, quasi 500mila bambini greci (su una popolazione minorile di circa due milioni) avrebbero patito le conseguenze dirette della politica di Bruxelles: a tanto ammontano i casi di malnutrizione, malori, carenze croniche causate dalla crisi indotta. Quasi mille sarebbero, dal 2010, tristemente deceduti. Nel frattempo, i burocrati europeisti utilizzavano strumenti come l’European Development Fund (EDF) costituito con le risorse degli Stati membri per rendere l’Unione africana ancora più competitiva, in perfetta sintonia con l’Agenda 2063 sul predominio del continente nero. In Grecia era, su tutti i fronti, dramma.


“Dopo l’adozione della strategia Ue per l’Africa – si legge nel documento – l’Unione europea ha creato un numero elevato di nuovi strumenti di aiuto. Nel 2009 l’Ue (27 Stati membri e la Commissione europea) sono stati impegnati nel più grande programma di aiuti nel mondo, che ha costituito più della metà del Programma ufficiale di assistenza globale”. I milioni inoltrati all’indirizzo del ricco Nord Africa per il solo 2009, riporta la tabella allegata, sono stati 610, cui vanno aggiunti i 3501 milioni stanziati per l’Africa Sub-Sahariana, per un totale di 4111 milioni. Sono gli stessi territori che secondo Von der Leyen ed eurodeputati pentastellati come Fabio Massimo Castaldo, vanno nuovamente foraggiati dalla politica della “nuova” Europa.


Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
error:
WhatsApp chat

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.