Seguici

© Rec News -

del

Quando alla fine di dicembre 2020 il mezzo di comunicazione WhatsApp ha annunciato i suoi nuovi termini di servizio imponendo una nuova politica sulla condivisione dei dati privati con Fabebook (il suo azionista di controllo), decine di milioni di utenti si sono spostati in pochi giorni ai servizi alternativi di Telegram e Signal. La corsa al sistema di messaggistica alternativo è aumentata durante la notte da quando WhatsApp ha imposto una scadenza molto stretta per accettare questi nuovi termini. Mentre Whatsapp non condivide i contenuti con nessuno, il che afferma che è completamente crittografato al punto che anche il fornitore di servizi non può accedere al contenuto, l’app ha annunciato che condividerà tutti i metadati: chi invia un messaggio a chi, quando e da dove. WhatsApp dice apertamente che il suo modello di business utilizza i dati relativi ai propri clienti a scopo di lucro. Questo è in contrasto con la dichiarazione fatta nel 2014 da Facebook quando ha assunto WhatsApp: Facebook non avrebbe raccolto dati da WhatsApp. Tuttavia, come ora sappiamo, WhatsApp offre dati alla sua azienda madre! C’è sempre una linea sottile che separa la realtà dall’intenzione e questo perché “i dati sono il nuovo petrolio”.

I servizi digitali, che vanno dai fornitori di infrastrutture di rete (come gli ISP) ai servizi di hosting (come i fornitori di cloud storage) e le piattaforme online (come i social media e i marketplace) ritengono che il loro futuro dipenda dal data mining. Il data mining è l’attività di ottenere un accesso privilegiato e persino esclusivo a un flusso ricco e illimitato di entrate derivanti dallo sfruttamento dei dati. L’Unione europea con 450 milioni di abitanti ha cercato di imporre regole severe sulla raccolta e il trattamento dei dati personali, compresa la profilazione. Purtroppo, le sue buone intenzioni non hanno portato a un’applicazione efficace delle sue politiche. Gli Stati Uniti d’America (330 milioni di abitanti) sono stati piuttosto rilassati sul data mining e le regole sulla privacy. L’amministrazione americana ha inclinato le sue politiche verso una rottura degli imperi tecnologici che controllano questo business redditizio e potente. Qualunque cosa entrambi i regolatori intendano intraprendere, solo un piccolo e molto esclusivo numero di data miner oggi sfrutta le masse di informazioni per scopi commerciali, politici e strategici. Anche qui notiamo una grande differenza tra realtà e intenzione perché i dati sono il nuovo petrolio.

Il nuovo business del datamining non è molto diverso dal petrolio. Sia i dati che il greggio richiedono un controllo centrale per progettare, elaborare e distribuire i prodotti ai clienti. L’industria petrolifera – e l’attuale formato del datamining – è un’antitesi del modello naturale di informazione, comunicazione e servizio alla comunità che abbiamo appena descritto nella prima parte. Tuttavia, il confronto tra i due aiuta a definire chiaramente ciò che sta accadendo, ciò che è necessario e ciò che deve essere evitato. Ci sono sempre diverse angolazioni per studiare lo stesso settore. Ad esempio: i combustibili fossili contribuiscono in gran parte ai cambiamenti climatici, mentre un accesso sicuro e abbondante al petrolio è diventato il grasso dell’economia, senza il quale tutto si sarebbe fermato o non avrebbe mai potuto decollare.

Il petrolio, come merce strategica che ha alimentato la crescita, ha goduto di un’espansione di un secolo. La sua influenza va oltre l’energia. I derivati del petrolio greggio includono asfalto per strade, plastica e imballaggi, fertilizzanti e persino microplastiche per cosmetici. Potremmo affermare che l’industria petrolifera potrebbe essere considerata come uno dei più efficienti utilizzatori di materie prime: quasi nulla è perduto. I data miner cercano lo stesso approccio centralizzato al loro business: tutte le informazioni possibili vengono raccolte, archiviate ed elaborate pronte per essere vendute.

Dall’avvento dell’industria petrolifera, ha adottato un modello di comando e controllo centralizzato. Questo vale anche per il datamining in cui dominano alcune potenti aziende. Questo pregiudizio verso il potere nelle mani di pochi con disprezzo per l’economia locale, i diritti dei cittadini, in particolare la privacy spinge i responsabili politici a riscrivere le regole del gioco senza molto successo. Peggio ancora, poiché ogni autorità politica crea il proprio insieme di regole, sono facilmente manipolate dai pochi potenti che padroneggiano le dinamiche del mercato. Numerosi attacchi alla centralizzazione del potere sia il datamining che le centrali petrolifere sono stati inutili, quindi entrambi continuano a prosperare ed espandere il loro cloud.

Il loro modello di business emula una logica semplice: “più o meno uguale” come prescritto dal modello economico di globalizzazione, standardizzazione ed economie di scala dove il taglio dei costi è centrale. Shell lo ha dimostrato con una straordinaria sicurezza inaugurando a Pittsburgh, in Pennsylvania (USA) la più grande fabbrica di polimeri della storia che produce un milione di tonnellate di plastica all’anno. I pellet sono distribuiti da più di 3.000 carrelli ferroviari per essere trasformati in casse del telefono, ricambi auto e imballaggi alimentari. Tutti sanno che le microplastiche emanate da questi prodotti in plastica rimarranno nell’aria, nella terra e nei mari molto tempo dopo aver servito il loro scopo. Tuttavia, la prevista crescita delle vendite nei prossimi decenni è così solida che si traduce in più di una dozzina di strutture aggiuntive che saranno costruite da Exxon Mobil, Dow e una manciata di giocatori che dominano il mercato. Ciò che era ed è vero per il petrolio sembra ancora più vero per i dati che sta prosperando sulla massiccia espansione delle reti di comunicazione e dei parchi server. Sarà ancora vero in futuro? Spetta a noi decidere.

Considera una tabella di marcia migliore
Lo scopo di questo articolo non è criticare le società petrolifere o di data mining, e certamente non demonizzare settori che hanno portato molto sviluppo alle società e qualità della vita agli individui. Piuttosto che discutere a favore o contro qualsiasi azienda suggeriamo nelle prossime pagine come possiamo progettare un modello di business diverso per i dati che servono i cittadini del mondo. I responsabili politici devono sapere che ci sono delle scelte da fare, e che se non mantengono le loro promesse, una nuova generazione potrebbe prendere iniziative che trasformano la realtà del mondo. Invece dell’attuale tabella di marcia per i dati, che ha una concentrazione di potere sempre maggiore di quella che abbiamo visto per il petrolio, dobbiamo intraprendere sforzi concertati per creare opportunità che cambieranno non solo l’industria dei dati, ma il sostentamento delle persone che colpisce.

Dobbiamo fare una riflessione sull’importanza del modello di consumo che è stato adottato sia per il petrolio che per i dati. Il modello energetico è stato accuratamente progettato in modo che tutti avrebbero bisogno di una generosa fornitura di combustibili fossili per il resto della propria vita. L’analogia è sorprendente: nessuno può immaginare che qualcosa funzionerebbe senza dati, senza reti di comunicazione e parchi server.

La fusione di Computer e Comunicazioni (C & C)
I dati vengono creati e raccolti presso il nexus of computer data and Communication Technologies (C&C). I proprietari delle prime aziende tecnologiche si sono resi conto che il denaro reale non si guadagna spostando scatole contenenti telefoni e computer con tecnologie in continua evoluzione e costi di investimento sempre crescenti. Il denaro reale viene guadagnato gestendo i dati stessi. Le aziende di data mining hanno progettato un quadro legale che garantisce che tutti i dati provenienti dalla fonte più piccola come un sensore o un telefono cellulare vengano convogliati forzatamente a parchi server che sono emersi come funghi in tutto il mondo rispecchiando molte volte tutti i dati man mano che vengono accumulati e archiviati. Mentre ai governi sarebbe stato chiesto di pagare il conto per le reti in fibra ottica e le comunicazioni satellitari, pochi si sono resi conto che questo investimento doveva servire solo a pochi che sapevano che il data mining avrebbe dominato un mondo digitale.

Steve Jobs e Steve Wozniak entrambi si sono resi conto che un computer desktop in ogni casa collegato a una linea telefonica avrebbe raccolto dati molto più precisi e dettagliati rispetto ai supercomputer nel seminterrato della sede di Wang o DEC, aziende che non esistono più. Quindi, la ricerca era per identificare i modi e i mezzi per creare e catturare i dati, garantire l’accesso esclusivo, la costruzione di autostrade dati, compresi i cavi in fibra ottica che attraversano oceani e continenti. I pionieri hanno progettato un portafoglio di dispositivi dotati di software che consente la cattura senza sforzo e il controllo esclusivo di tutti i metadati che transitano computer, dispositivi portatili e telefoni.

Nello stesso anno in cui Apple è stata creata (1976) Dr. Koji Kobayashi, il CEO e in seguito Presidente di NEC, il gigante informatico giapponese ha coniato il termine C&C (computer e comunicazioni). Riconobbe l’enorme valore nella fusione delle tecnologie informatiche e sapeva fin troppo bene che ciò avrebbe portato a una domanda esplosiva di hardware, integrando in precedenza due pilastri separati di industrie in un potente nuovo conglomerato aziendale. Tuttavia, lui e molti altri hanno visto solo l’hardware e non hanno mai afferrato quella lunga visione strategica che ha sostenuto la strategia di Apple e Microsoft. Una volta che i computer e le comunicazioni sono stati collegati, e una vasta gamma di trasmissione dei dati tramite ethernet, ADSL, linee T-1 e sistemi dial-up sono stati stabiliti i dati in movimento attraverso pipeline di informazioni è stato Steve Jobs che ha preso l’intera logica ad un livello diverso con la creazione ingegnosa di iPhone.

Servizi e commissioni attraverso la miniaturizzazione
La strategia che si è sviluppata ha il colpo di genio e ha un impatto sul nostro mondo connesso per decenni. Ha trasformato il nostro stile di vita. Molti hanno cercato di imitare il modello di business dell’iPhone, e mentre alcuni come Samsung sono riusciti a superare il numero di telefoni venduti, nessuno è riuscito a diventare redditizio, prezioso e potente. La rivoluzione dell’iPhone stava costruendo sulla creazione dei servizi altamente intelligenti e mobili (HIMS), un termine che è stato coniato per la prima volta nel 1980 dal Nomura Research Institute, il braccio di ricerca del più grande broker di investimento del Giappone. Il successo del “mobile” è stato più che la capacità di trasportare telefoni e computer. È stata la miniaturizzazione come una terza svolta tecnologica fondamentale che ha fatto evolvere gli HIMS in un telefono con una capacità di calcolo molto potente. La quantità di dispositivi, tecnologie, software e servizi angusti in un telefono potrebbe evolvere solo velocemente come ha fatto grazie alle dimensioni sempre decrescenti di telecamere, luci, sensori, supportati da chip sempre più performanti, e la standardizzazione della SIM-card.

Il colpo da maestro di Apple non erano solo gli infiniti servizi inclusi nell’iPhone, la vera svolta è che questo telefono è emerso come un elemento indispensabile tanto desiderato quanto la borsa Louis Vuitton per le donne. Questo smartphone è stato costruito sul modello di business che ha negoziato con successo una commissione (e fedeltà) sul volume di dati: gli operatori mobili hanno accettato di pagare ad Apple una percentuale dei loro guadagni generati grazie al volume sempre crescente di dati in transito sull’iPhone. All’inizio la maggior parte degli operatori mobili ha resistito a questa commissione. La prima compagnia di telefonia mobile che ha incrinato era ATT. Come un late-comer ai telefoni cellulari ATT scommettere sul successo di iPhone e ha trovato l’alta commissione stimato in più del dieci per cento un prezzo equo da pagare. Ha pagato sia per ATT che per Apple.

Ampliare il portafoglio di servizi e l’integrazione di dispositivi
La spinta verso la miniaturizzazione con dispositivi funzionali sempre più piccoli integrati in un telefono portatile e una fedeltà a tre vie (Apple, provider di rete e utente) è stata ulteriormente rafforzata attraverso una nuova strategia di Apple per invitare gli sviluppatori creativi a immaginare tutti i possibili tipi di app che funzionerebbero esclusivamente su iPhone grazie a un drammatico aumento di funzionalità. Questo non era solo un servizio come la previsione del tempo in ogni città, era l’integrazione di dozzine di pezzi di equipaggiamento che erano stand-alone in una piattaforma integrata che ora era presto chiamata smartphone. Da una sveglia e un cronometro a una fotocamera ad alte prestazioni, persino un elettrocardiogramma e un programma per prevedere il tempo preciso dell’ovulazione, ai cicli lunari con visione completa di astronomia, astrologia, una luce flash e un GPS. Tutti questi singoli dispositivi sono stati raggruppati in un unico e unico iPhone. Ciò significava che Apple ha bloccato gli utenti per utilizzare più datatime e ha assicurato il transito di una quantità sempre crescente di dettagli sul luogo quotidiano, le esigenze professionali e gli interessi personali al di là del lavoro. Così è emersa una nuova cultura intorno a Apple. Questo approccio bloccato negli utenti di Apple, e bloccato nelle aziende di telefonia mobile che hanno goduto di rapida crescita che hanno assistito ad una crescita esponenziale del volume di dati in transito le loro reti. Anche la voce ha lasciato le onde telefoniche e convertito in soundbites digitali con l’arrivo di Skype. Man mano che la base di clienti cresceva e i flussi di dati si trasformavano in tsunami, le fortune sono state fatte durante la notte. Non sorprende che gli operatori di telefonia mobile offrissero telefoni quasi gratuitamente, a condizione che il cliente si impegnasse a operare esclusivamente con un operatore. Questo modello di business ha portato i clienti a sfruttare le basse tariffe all’interno della rete per acquisire diversi telefoni. Invece di un telefono in casa, entro un decennio, ogni membro avrebbe da un’età molto giovane il loro smartphone collegato a decine di IOT e prendere questo dispositivo ovunque. Immaginate come inconsapevolmente abbiamo offerto a chiunque ci ha fornito la rete, il dispositivo portatile o le applicazioni la possibilità di invadere la nostra privacy.

I ricavi solidi e sempre crescenti legati a una suite di servizi digitali in continua crescita hanno garantito un flusso di dati continuo e sempre più dettagliato: questo non è altro che una bonanza ben pianificata e la materializzazione di una visione. Il miglioramento continuo di iPhone con l’integrazione di nuove tecnologie di connettività passando rapidamente da uno all’altro aggiornato continuamente lo streaming di dati presto tra cui immagini ad alta risoluzione e anche video. Poi un altro colpo da maestro è stata l’invenzione di iMusic, seguita da Apple TV e una miriade di giochi online ora buono per oltre il 30% del business. Spesso dimentichiamo i numeri puri; quando iPhone ha offerto una versione telefonica del gioco Tetris, i fan del gioco lo hanno scaricato oltre 100 milioni di volte nel giro di poche settimane. Prima che qualcuno si rendesse conto, completato dai nuovi sviluppi con Pixar, Apple avrebbe bypassato Disney, Universal, Vivendi fornendo l’accesso a musica, film e intrattenimento di tutti i tipi supportati da circa 2,2 milioni di app. Basti pensare alla massiccia pool di dati che questo rappresenta per Apple ei suoi partner privilegiati. Il C & C dei computer e delle comunicazioni si è evoluto in C & C (esclusivo) contenuto e controllo (totale).

Poi la concorrenza orientata, tutti hanno imparato dal successo di Apple. Google Play ha scavalcato Apple con 2,8 milioni di app ma non è riuscito a copiare il modello di entrate. Google ha concentrato il suo motore di ricerca-la sua presa originale sul mercato con una straordinaria raccolta di dati, e quindi fornendo Google Maps, e Google translate. Questo era potente, e presto i due giganti vivevano uno accanto all’altro. Il ruolo e la presa sul mercato da parte di Huawei e del suo più piccolo ma esperto di design Oppo dalla Cina hanno accuratamente emulato queste strategie, adattandosi ad un contesto cinese. Samsung ha superato il suo concorrente locale LG e si è concentrato prima sul volume unitario e poi ha iniziato a puntare sul mercato superiore. La quantità di dettagli dei dati che possono essere raccolti attraverso queste aziende che operano a livello globale rappresenta trilioni di trasmissioni di dati al giorno.

Dal momento che Apple iOS e Android di Google mettono gli smartphone al centro dell’IoT (l’Internet delle cose) e offrono il Cloud per archiviare dati e servizi in abbonamento dove pochi possono liberamente estrarre tutto, si possono solo immaginare le opportunità senza precedenti associate ai mega data. Se si aggiungono attori del calibro di Facebook, Amazon, Tencent e Alibaba, allora abbiamo elencato i magnifici dieci. Datamining non è solo il petrolio del futuro, è il flusso di cassa garantito per questi (e pochi altri) giganti della tecnologia. Ogni volta che clicchiamo sul pulsante cookie, consegniamo tutto ciò che ci riguarda senza mai considerare le implicazioni del trading di e-mail gratuite, GPS gratuiti, traduzioni gratuite, previsioni meteo gratuite e social media gratuiti con la perdita totale della privacy e la consegna di un modello di entrate da trilioni di dollari.

È solo un inizio
Affinché questa strategia mantenga il suo slancio, è necessario migliorare continuamente la connettività dei dispositivi mobili e assumere sempre più spazio di archiviazione nei punti centrali. Il Cloud è composto da milioni di server che operano come grandi case di dati in cielo. Allo stesso tempo, che molti parlano della meraviglia di avere le informazioni di tutti nel Cloud, questo set-up sta emergendo come il più grande divoratore di energia nella storia moderna e sta crescendo. È in questo contesto il Cloud da un lato e il sistema energyvore che è stato implementato che dobbiamo capire questa massiccia spinta per ottenere la trasformazione del 5G che è in atto: consente al settore del datamining di riempire le proprie riserve nel Cloud a tassi di crescita rapidi e completamente controllati. Il 5G non è solo un livello successivo di datamining, è una versione migliorata delle comunicazioni che evita interferenze, facilitando così il flusso di dati dagli utenti di dati più intensi pronti a pagare un prezzo premium a host molto selettivi.

Mentre all’inizio del telefono cellulare, chiamate cadute e connettività senza soluzione di continuità sono stati problemi che ha causato un sacco di danni ai clienti, ora ci sono le interferenze delle onde radio e i rischi permanenti di hacking. La nuova tecnologia di comunicazione ha fatto uno sforzo importante per rafforzare la connettività punto a punto non gravata. Ciò è necessario quando il numero di connessioni basate su radio ai telefoni su un chilometro quadrato raggiunge presto il traguardo di un milione. Anche se questa è solo una frazione minima della densità della rete fungina che abbiamo descritto, questo sistema di comunicazione aereo entra nella sua prossima sfida tecnica e prestazionale. Più ci sono connessioni per chilometro quadrato, maggiore è il rischio che una connessione disturbi l’altra. Peggio ancora, più connessioni non protette con un protocollo di sicurezza molto debole, più l’hacking avrà luogo. Oltre al datamining dalla top 10, c’è il furto di dati, estorsione e anche datakidnapping pianificato ed eseguito da milioni di piccole bande (e talvolta anche esperti politici). Gli utenti spesso trascurano che le comunicazioni wireless sono stati selezionati per la facilità d’uso, non per la loro connettività sicura.

Questo aumento del livello di complessità delle comunicazioni mobili ha molti effetti collaterali. Prima di tutto, invece di vagare in giro, le nuove antenne 5G possono funzionare solo quando queste sono in linea di vista con il dispositivo che deve essere collegato. Questo nuovo requisito tecnico rafforza il divario digitale tra la megalopoli densamente popolata e le zone rurali scarsamente abitate. Inoltre, questa complessità sempre crescente di un’alta concentrazione di utenti con sempre più trasmissioni di dati su non più di 1.000 frequenze radio diverse spiega perché l’industria non vuole andare troppo veloce con la loro espansione né con una trasmissione di dati troppo veloce.

Questo può sembrare una dichiarazione contraddittoria conoscendo le aspettative del mercato per avere comunicazioni senza soluzione di continuità, più veloci e sempre più accessibili. Tuttavia, c’è una logica difficile. Se la velocità dei dati misurata in bit al secondo (bps) fosse una vera priorità assoluta, l’industria abbraccerebbe tecnologie più performanti come LiFi, Internet su milioni di frequenze luminose. L’implementazione di un gran numero di reti 5G supportate da milioni di antenne appena posizionate può a malapena offrire un Gigabit di volume di dati. Questa è una frazione del Terabits LiFi. Perché i giganti del mondo digitale e del datamining sono riluttanti a passare a sistemi di trasmissione dati più performanti che siano gratuiti e abbondanti?

È il controllo sui dati-Stupido!
Tecnicamente parlando la quantità di throughput dei dati potrebbe aumentare cento volte, anche mille volte spostando la tecnologia di trasmissione dalle attuali onde radio basate su Bluetooth, satelliti, 4 e 5G, alla trasmissione dei dati e geolocalizzazione tramite la luce. Perché l’industria non abbraccia il grande vantaggio che l’infrastruttura leggera è la più grande e la più economica del mondo? Se i minatori di dati dovessero optare per questa connettività più economica, più veloce e attenta alla salute, non ci sarebbe bisogno di intraprendere miliardi di investimenti di capitale per installare antenne che affrontano una crescente resistenza da parte dei cittadini preoccupati per le frequenze elettromagnetiche.

L’unica ragione per cui le industrie di datamining hanno deciso di attenersi alle onde radio è che queste possono essere strettamente controllate dai pochi che hanno scavato il loro mercato nel datamining. Mentre tutti riconoscono che le onde radio non sono affatto sicure e sono facilmente hackerate, l’industria del datamining ha concluso che il loro controllo delle loro fonti di informazione è più importante che fornire una connettività sicura ad alta velocità. La trasmissione basata sulla luce a super velocità è incontrollabile, peggio per i grandi operatori invita troppi piccoli concorrenti a sgranocchiare quote di mercato, anche potenzialmente minare l’egemonia del controllo dei dati!

L’interesse del consumatore (velocità, volume, protezione dagli hacker) o la democratizzazione di Internet (rendere l’accesso disponibile a tutti) non è la principale preoccupazione del settore. Mentre l’industria e i sostenitori politici sostengono che questo è importante, abbiamo concluso che dopo il greenwashing c’è qualcosa di nuovo chiamato “datawashing”! Questo è il motivo per cui questo articolo suggerisce che è urgente che il mondo accademico, i responsabili politici e i gruppi di cittadini sollecitino uno spostamento dell’attenzione da un dibattito ristretto sul 5G a un ampio dibattito sul datamining. A meno che non offriamo una solida alternativa al datamining e la sua infrastruttura C&C (contenuti esclusivi e controllo totale) continueremo ad essere bloccati in un sistema che serve a pochi, e a considerare ognuno di noi come un oggetto di dati come il termine “Internet delle cose” suggerisce chiaramente.

Perché l’industria del datamining si rifiuta di abbracciare una tecnologia migliore e più veloce? Il rischio di perdere il controllo è fondato. Perché? La luce ha un miliardo di frequenze e le onde radio ne hanno solo un migliaio. Ciò implica che quando lo standard di acquisizione e trasmissione dei dati dovesse utilizzare in parallelo un miliardo di frequenze luminose, allora non c’è alcuna possibilità di mantenere il datamining esclusivo. Un governo può vendere alcune licenze per le frequenze radio disponibili ad un prezzo elevato e per arginare i deficit di bilancio, offrendo al contempo un accesso esclusivo che garantisce il controllo del datamining per alcune aziende. Tuttavia, le frequenze di luce non regolamentate e libere sono accessibili a tutti! Non c’è possibilità di chiedere a nessuno di pagare per usarlo. Ricorda, le frequenze della luce non sono regolamentate, mentre le onde radio sono altamente regolate. Ora ti rendi conto perché la spinta ad espandere la rete 5G è così forte: è una corsa ad allargare l’area esclusiva per sfruttare il petrolio e i lubrificanti dell’economia di oggi e di domani: i tuoi dati. Qualsiasi sforzo per mettere un’ammaccatura in questa unità implacabile sarà demolito.

Ora che questo problema di controllo è chiarito, dovremmo prendere per un momento la posizione del fornitore di dati. Ci sono poche iniziative credibili fino ad oggi che mirano a proteggere la privacy, distribuire il potere e condividere i benefici del datamining con un pubblico più ampio. Una di queste eccezioni è Sir Tim Berners-Lee, che è accreditato con l’invenzione del WorldWideWeb. Ha annunciato in 2018 il suo impegno a costruire un Internet più equo e decentralizzato. Infine, ha creato un dataplatform chiamato Solid. L’obiettivo è quello di dare agli utenti di Internet un maggiore controllo su come tutti i loro dati personali si muove e viene utilizzato attraverso Internet.

Un’altra iniziativa si chiama Holochain, fondata da Arthur Brock e Eric Harris-Braun. Hanno obiettivi simili a Sir Tim. Il loro progetto Holo è stato creato per portare i benefici delle app distribuite a chiunque abbia un browser web, ridistribuendo la ricchezza e la salute rese possibili dalla nostra crescente interconnettività. Entrambe le iniziative agiscono a favore di una nuova forma di internet concludendo che l’azione concertata e open source nella loro nuova generazione di cloud è più efficace dal momento che i singoli utenti, cani da guardia dei governi nazionali e anche l’Unione Europea hanno in ultima analisi, molto poco potere di cambiare il controllo totale di pochi. È necessario un approccio imprenditoriale al datamining che integri le iniziative normative altamente necessarie.

Ora, la piattaforma solida e Holochain non riguarda solo la privacy, riguarda la capacità di decidere dove vanno le tue informazioni e cosa permetti che sia fatto con esso. Sebbene questo sia un contributo molto valido all’apertura del mercato della raccolta, dello stoccaggio e dell’estrazione di dati, dobbiamo sottolineare il fatto che i clienti di Solid e Holochain sono grandi società e servizi nazionali. Mentre accogliamo con favore opzioni alternative come queste, ci rendiamo conto che questo ammorbidisce solo i bordi duri del datamining. Abbiamo bisogno di un cambiamento più fondamentale nel modello di business che è alla base dell’attuale spinta verso il datamining. Questo è lo scopo dell’ultima parte di questo articolo.

Continua a leggere
Commenta per primo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

LETTERE

Obbligo vaccinale, depositati quattro interventi e tre pareri

di Roberto Martina*

© Rec News -

del

Obbligo vaccinale, depositati quattro interventi e tre pareri a sostegno dell'illegittimità costituzionale | Rec News dir. Zaira Bartucca

Avvocati Liberi unitamente al prof. Avv. Augusto Sinagra ha depositato alla Corte Costituzionale quattro interventi e tre opiniones in qualità di amici curiae a sostegno dell’accoglimento della illegittimità costituzionale dell’obbligo vaccinale per i sanitari di cui all’art. 4 D.L. 44-2021 sollevata dal Consiglio di Giustizia Amministrativa della regione Sicilia. Nei prossimi giorni pubblicheremo il contenuto degli atti affinché possano essere conosciuti da tutti.

Iniziamo con l’opinione di carattere scientifico che Avvocati Liberi ha depositato in nome e per conto del Dr. Sandro Sanvenero, presidente dell’Albo degli Odontoiatri presso l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di La Spezia, che ha documentato lo svilupparsi nel tempo di una cosiddetta efficacia negativa dei farmaci vaccinali.

L’opinione è stata redatta da un collegio illustre di sanitati di altissimo profilo (prof. Giovanni Frajese; Dr. Sandro Sanvenero; Dr. Alberto Donzelli; Dr. Eugenio Serravalle; Dr.ssa Patrizia Gentilini) che ne hanno autorizzato la pubblicazione per fini scientifici e di condivisione (in basso).

L’efficacia negativa, al crescere della distanza temporale dall’ultima dose vaccinale, è supportata da prove sempre più forti e demolisce la finalità della norma: se il fine della vaccinazione dei sanitari è quello di proteggere i pazienti ed i soggetti fragili con cui entrano a contatto, allora per questi soggetti è più pericoloso essere assistiti da sanitari vaccinati da oltre 6-8 mesi, perché tendono a diventare più suscettibili all’infezione dei sanitari non vaccinati.

Una possibilità è che i farmaci vaccinali impattino negativamente sul sistema immunitario del somministrato che, dopo alcuni mesi dalla vaccinazione, aumenta la probabilità di contrarre l’infezione rispetto ad un soggetto non vaccinato e, conseguentemente, aumenta il rischio di contagio del prossimo.

La possibile efficacia negativa, però, è solo una parte del problema, perché comunque i farmaci vaccinali non sono sicuri: il trattamento obbligatorio non è idoneo a raggiungere lo scopo (i vaccini non sono complessivamente efficaci per tutelare gli altri) ed espone la persona al rischio di eventi avversi potenzialmente gravi e persistenti (i vaccini non sono sicuri).

Non è possibile ragionare in termini quantitativi, accettando l’idea che ci possa essere una fascia percentuale di cittadini sacrificabili, perché la vita umana è sacra, inviolabile, e nessuno può stabilire che una persona debba assumere obbligatoriamente un farmaco che possa condurre a morte o ad una forma invalidante della propria integrità psico-fisica senza cadere in una gravissima violazione del diritto naturale, della libertà personale, dei diritti costituzionali e dell’habeas corpus.

Il rispetto della persona umana è un limite invalicabile anche per la legge: “nessuno può essere semplicemente chiamato a sacrificare la propria salute a quella degli altri, fossero pure tutti gli altri”. (Corte Cost. sentenza n. 118/1996 in tema di vaccinazione antipolio).

Continua a leggere

LETTERE

Russia e Ucraina. L’arte, il denaro e la guerra

di Paolo Battaglia La Terra Borgese*

© Rec News -

del

Composizione VI è un dipinto a olio su tela (195×300 cm) realizzato nel 1913 dal pittore Vasilij Kandinskij. È conservato all'Ermitage di San Pietroburgo | Rec News dir. Zaira Bartucca
"Composizione VI" (1913) olio su tela, Vasilij Kandinskij - Ermitage, San Pietroburgo
Nell’immagine “Composizione VI” (1913). Olio su tela, Vasilij Kandinskij – Ermitage, San Pietroburgo

Affermava Bukowski che il capitalismo ha soppresso il comunismo, e che adesso il capitalismo divora se stesso.

Il denaro

In wikipedese la servitù della gleba (già colonato in epoca romana) era una figura giuridica molto diffusa nel Medioevo, che legava il contadino a un determinato terreno (la gleba, in latino propriamente “zolla [di terra]”). Una figura giuridicamente complessa, che si colloca a metà tra lo schiavo e l’uomo libero.

Istituito il vile denaro l’uomo comincia a rimettere al suo simile il lavoro, e non più la propria esistenza. Alias l’economia e l’esistenza potrebbero ora permettere ad un nucleo familiare di reggere per stare bene. Invece l’economia non è più in logica, né per la vita e tantomeno per la famiglia, è uno sviluppo che va avanti per suo conto, nella dialettica propria degli interessi di pochi eletti.

Infatti l’Uomo (peccato la maiuscola) ha rilevanza sociale solo se fornisce, se gli è concesso di produrre, per cui è la produzione che giustifica la presenza non il fatto di essere uomo: una bestemmia.

Aristotele spiegava che il denaro non può produrre denaro giacché esso mai è un bene, ma solo ed esclusivamente l’immagine di un bene, la sua rappresentazione, e con le immagini non può farsi ricchezza. Ed è nel Vangelo che Luca tramanda di prestare il denaro senza attenderne la restituzione. Invero i banchieri fanno sì che il denaro sia principio dell’economia, quel denaro che, col tempo, sempre meno meno ha avuto a che fare con la ricchezza prodotta materialmente, dall’agricoltura, e l’industria, e l’artigianato, e il commercio; ma sempre di più con la ricchezza prodotta in maniera finanziaria: denaro generante denaro, usura legalizzata: basta pensare al “paghi a rate senza interessi”, nemmeno Vanna Marchi!

E la politica, a servizio della finanza

Platone chiariva che a decidere doveva essere chiamata la politica. Al contrario, ora gli spazi decisionali sono prerogativa dell’economia, e la finanza, del denaro marchettaro. Una politica insolvente che delega a presiedere il Paese i tecnici finanziari: ora Ciampi, ora Monti, ora Draghi”.

Diritti umani e contrattazioni

Agisce solo il mercato e la globalizzazione: l’Occidente porta all’estero il mercato e vorrebbe esportare la democrazia e pure i diritti umani come li intende. Nondimeno se tutto ciò cozza con il mercato, allora lo stesso Occidente dimentica e scorda la democrazia e pure i diritti umani.

Di fatto

Il Manifesto delle Nazioni Unite, quello per lo Sviluppo, stima che Europa e America del Nord – alias un miliardo circa di persone – necessitano dell’80% delle risorse del Pianeta per mantenere il corrente livello di vita. Significa che i rimanenti più o meno sei miliardi di persone debbono o dovrebbero accontentarsi del restante e misero 20%. Se Europa e America del Nord dessero da sgranocchiare qualche etto in più di riso ai cinesi o indiani, gli occidentali non potrebbero più reggere questi livelli di supremazia. Questa è crescita per il bene dell’Umanità? questa è la verità.

Tra produzione e consumi

Un circolo depravato e corrotto, perché se non si consumiamo è inutile produrre e senza produzione viene meno il lavoro. La legge, bibbia, è produrre, sempre, e consumare il più possibile, oltre ogni fabbisogno necessario. Tutto deve durare poco: cibo, moda, automobili, televisori, elettrodomestici, telefonini e così via, e si creano bisogni sempre nuovi “con quella pubblicità che crea infelici perché la gente felice non consuma”, (Frederic Beigbeder, pubblicitario).

La risposta “ecumenica” della guerra

Prende avvio la nuova storia, differente da quella che vedeva gli USA guardiani della Terra. Russia e Cina non sono più rurali, e la prima ha visto gli Usa che non hanno perorato la Georgia, lo stesso per l’Ucraina e pure per la Siria e la Libia e l’Afghanistan. A Putin il momento giusto non è sfuggito, ed è entrato in Ucraina per impadronirsene. Ma l’Ucraina è un scusa, l’effettiva guerra è tra Russia e Usa. La pace non è plausibile, ovvio è che Putin non rinunci a vincere una guerra che ineluttabilmente vincerà.

E allora vorrà incontrare Zelensky, potrebbe volere fare un’operazione del tipo Yalta, posizionare insieme Russia, America, Cina, e possibilmente pure l’India, per dividersi le zone d’influenza, come è stato fatto per la c.d. Guerra Fredda. E Pechino sostiene Mosca, ovvio, per entrare nel controllo delle zone d’influenza.

Continua a leggere

LETTERE

Vi spiego cos’è il prunismo attraverso le opere di un’artista italiana

di Paolo Battaglia La Terra Borgese*

© Rec News -

del

Vi spiego cos'è il prunismo attraverso le opere di un'artista italiana | Rec News dir. Zaira Bartucca

I pittori prunisti formano la più recente diramazione delle correnti astrattiste e surrealiste europee sviluppatasi soprattutto negli USA, e nelle opere della pittrice Francesca Falli la sintesi italiana è maestra.

MetodologismoDigital Art, e-Cutpaste e traditional painting

Oltre un secolo fa Picasso e Braque introdussero la tecnica del collage nell’arte: ritagli di giornale prendevano posto integrante nei loro lavori, così che il materiale proveniente dal contesto non artistico dei mass media divenne materiale artistico. Un anno dopo Marcel Duchamp crea i suoi ready-made, e l’oggetto già esistente entra nella potenza dell’arte. L’immagine viene dunque staccata dalla riproduzione della realtà e la vita reale entra invece nell’immagine. Il genere del collage coinvolgerà gli artisti d’avanguardia: futuristi, dadaisti e costruttivisti, e movimenti neo-avanguardisti come Fluxus e la Pop art, e persino la poesia visiva. Particolarmente col postmodernismo la tecnica del collage acquisisce uno slancio creativo. Tutto: gli stili, i frantumi, addirittura intere opere di altri artisti, così come i prodotti e i motivi della cultura popolare, i parlati quotidiani, i messaggi concettuali e quelli concernenti il credo religioso e teoretico sono riorganizzati per costruire una moderna opera d’arte attraverso la quale si rileva e rivela l’anima relativa tra significato e contesto, per analizzare e confutare problematiche sociali, politiche e artistiche più abbondanti. Francesca Falli, flexer, genio italiano della pittura, ne fa la Sua Digital Art, il Suo cutpaste contemporaneo.

Falli, Kant e I Polli

Il tocco concettuale, dunque, come strumento principale: Kant ha insegnato che la realtà in sé non può essere posseduta, ogni qual volta noi la fissiamo in uno schema, la perdiamo e la falsifichiamo. La ragione ci inganna. I Polli di Francesca Falli allora aprono la battaglia per un’espressione che non sia della realtà, ma di una surrealtà più vera, sono la critica del dogmatismo, una protesta alla compatta struttura dei modelli e dei valori acquisiti, ed esprimono, in tutta la loro cifra, quel sottosuolo umano che è escluso o negato dalla tradizione.

Linguae artis

Disponendo di una scrittura speciale, glottoteta, immutabile nei suoi principi e fissa nel suo vocabolario cromatico, la pittrice si preoccupa soprattutto di mantenere vive, tra di loro, la conoscenza e la pratica; Lei raffina, elabora, partendo da questa stessa scrittura, tutto il sistema dell’arte definita, sviluppa infine le sue possibilità sfruttando sino ai limiti dell’assurdo i principi che ne definiscono i valori. Sono così composte le significazioni della Falli, per un nuovo arricchimento dei contenuti artistici contemporanei universali, senza avanzare nessuna primazia, attraverso un linguaggio autonomo staccato dai supporti tradizionali, cioè crea segni nuovi spesso ispiratamente mossi dalla letteratura classica.

Stilistica, sentimento, passione, genialità

Ora lei moltiplica le varianti, snuda, resuscita forme antiche cadute dall’uso. Sono cutpaste tratti da valori narrativi digitali, tradotti su selezionati materiali di supporto come gli specchi, i PMMA, le tele pittoriche o plastificate, le piastrelle di ceramica, le lamine in alluminio o ferro, le tavole. Ecco come fa: celebra matrimoni tra ecoline, acrilici, aerografie da spray e glitter in pieno stile surrealista, altermoderno, nella luce ineffabile dei riverberi, con alcune espressività naif, tra motivi storici e sociali. E lo spettatore è dentro l’opera.

L’allocuzione, la comunicazione artistica

L’irreale diventa così surreale interpretandolo come il rivelarsi dell’inconscio che è in noi, nudo, con le chiavi dell’altermodernismo per descrivere con evidenza spietata ed evidenza clinica. Breton: «Tutto induce a credere che esista un punto dello spirito da cui la vita o la morte, il reale e l’immaginario, il passato e il futuro, il comunicabile e l’incomunicabile, l’alto e il basso cessano di essere concepiti come contraddizioni». Tutto è in analisi.

Initium

Basi ben piantate nella tradizione, quelle di famiglia, coltivate nel laboratorio di arte e cornici del nonno materno, un atelier frequentato da collezionisti in cerca di opere e di artisti affermati che lo praticavano. Lì emerge l’incredibile curiosità, il desiderio di vedere. E, curiosando tra “I maestri del colore”, la collana edita dalla casa editrice Fratelli Fabbri – dono del nonno – inizia le prime ricerche. Trova nella figurazione primitiva ed esotica delle opere illustrate e criticate un tentativo di ritorno alle origini e di liberazione dell’inconscio. Produce pensiero. E già immagina un proprio psicologismo.

Studi

Fare arte dopo averla studiata: è l’insegnamento del nonno. Nella sua città Falli s’iscrive perciò all’allora ancora esistente in Italia Istituto Statale d’Arte (all’Aquila), da dove si congeda con il titolo di Maestro d’Arte, ricca di nozioni, sia di progettazione d’interni sia di decorazione, di lavorazione del legno e della ceramica, di scultura, cinema e teatro, e scenografia, organizzazione degli studios, audio e video. Per Francesca tutto ciò non è ancora bastevole. La sua mente studia e progetta generi declinati per fare arte nuova: sa che per questo le occorrono altre sinapsi artistiche, e prosegue perciò la sua formazione, sino a laurearsi, negli anni ottanta, in Grafica Pubblicitaria e Editoriale allo IED di Roma. Ancora una volta, Falli, non è pienamente soddisfatta del suo equilibrio formativo, del suo know-how, intenzionata com’è a spingere i limiti della figurazione classica. Decide perciò di laurearsi in pittura, per processare e apprendere meglio le competenze di base in disegno, soprattutto quello pittorico, e in fotografia, sound design, graphic design, video, storia dell’arte e arte contemporanea, e negli anni novanta – durante i quali frequenta lo studio di Fabio Mauri ed è allieva di Fulvio Caldarelli – si laurea all’Accademia di Belle Arti dell’Aquila.

Parentesi ottanta, la grafica come lavoro

Quelli ottanta sono anni che Falli spende nell’Art Déco, per meglio soddisfare le precise committenze che le pervengono da strutture ricettive ed anche dalle numerose residenze private, tutt’altro che modali, senza contare – nelle sue qualità di writer e post-graffitista – le richieste istituzionali di arte urbana. Per i suoi costituendi decorativi prenderà spunto dall’Egitto faraonico, dall’arte precolombiana, dalla meticolosità artistica cinese, dal Cubismo e dal Futurismo. Sono anni nei quali Francesca Falli, da libera professionista, progetta anche in ambito visivo nell’area del graphic, nell’interesse di enti pubblici e realtà aziendali.

Fare l’artista

Pensieri e linee, colori e volumi: nelle Sue opere c’è regia, inequivocabile e potente. Falli forma apparati di colore e luce in intima magia, sprigionando estetica ereticale, immune dal pregiudizio della gravità, come in taluni film o fumetti. Il linguaggio è molto espressivo dal punto di vista progettuale ed esecutivo, ri-presentificando la condizione ideale dell’origine, elemento fondamentale della sua ricerca. Nei percorsi tra natura e cultura c’è volontà di guidare un viaggio. È perciò lecito ritenere ogni opera una sperimentazione, una ricerca, e una ricerca dell’altro, verso tutte le direzioni di metaforizzazione che possono amplificare rivisitazioni sintetizzate, che generano e necessitano di situazioni contrastive, di ostacoli, di aspetti tanto interiori quanto esteriori, come nelle esperienze che s’ispirano ai grandi nomi della storia dell’arte: “Van Coc”, “Chi è Pollok”, “Poll-Gauguin”, “Pollo della Francesca”, “Cha-Gall”, dove la matrice diretta del colore e del disegno è sempre la sensazione.

Exhibitions

L’Aquila, Pescara, Cagliari, Roma, Venezia, Formentera, Bergamo, Napoli, Miami, Vasteras, Treviso, Salerno, Sassari, Caserta, Fiera di Genova – Sezione grandi Gallerie, Fiera di Bologna – Sezione grandi Gallerie, Ischia, Amalfi, Matera, Cava dei Tirreni, Malta, Stoccolma, Palestina, San Pietroburgo, Figueres, Arles, Malta, Motta di Livenza, New York, Parigi, Palermo, Spoleto, Amburgo, Praga, Bologna, Longarone Fiere, Casagiove, Lanzarote, San Diego (California), Chengdu, Capua, Nigde (Turchia), Istanbul, Ercolano, Londra, Lanciano, Shanghai, Torino, Weiz, Barcellona, Veroli, Venezia: Palazzo Albrizzi Capello – in concomitanza con la rassegna del Padiglione Guatemala presente alla 16° Biennale di Venezia e in concomitanza della Biennale di Architettura Venezia, Padiglione Europa Venezia -, Elda (Spagna), Milano, Mumbai, Vasto, Lisbona, Rio de Janeiro, Berlino, Nottingham (Regno Unito), Glasgow, Lithuania, Mosca, Art Expo New York 2021, Helsinki, Brooklyn, Favara, Padova, Alzano Lombardo. 

Continua a leggere

Ora di tendenza

error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione