Seguici

© Rec News -

del

Quando alla fine di dicembre 2020 il mezzo di comunicazione WhatsApp ha annunciato i suoi nuovi termini di servizio imponendo una nuova politica sulla condivisione dei dati privati con Fabebook (il suo azionista di controllo), decine di milioni di utenti si sono spostati in pochi giorni ai servizi alternativi di Telegram e Signal. La corsa al sistema di messaggistica alternativo è aumentata durante la notte da quando WhatsApp ha imposto una scadenza molto stretta per accettare questi nuovi termini. Mentre Whatsapp non condivide i contenuti con nessuno, il che afferma che è completamente crittografato al punto che anche il fornitore di servizi non può accedere al contenuto, l’app ha annunciato che condividerà tutti i metadati: chi invia un messaggio a chi, quando e da dove. WhatsApp dice apertamente che il suo modello di business utilizza i dati relativi ai propri clienti a scopo di lucro. Questo è in contrasto con la dichiarazione fatta nel 2014 da Facebook quando ha assunto WhatsApp: Facebook non avrebbe raccolto dati da WhatsApp. Tuttavia, come ora sappiamo, WhatsApp offre dati alla sua azienda madre! C’è sempre una linea sottile che separa la realtà dall’intenzione e questo perché “i dati sono il nuovo petrolio”.

I servizi digitali, che vanno dai fornitori di infrastrutture di rete (come gli ISP) ai servizi di hosting (come i fornitori di cloud storage) e le piattaforme online (come i social media e i marketplace) ritengono che il loro futuro dipenda dal data mining. Il data mining è l’attività di ottenere un accesso privilegiato e persino esclusivo a un flusso ricco e illimitato di entrate derivanti dallo sfruttamento dei dati. L’Unione europea con 450 milioni di abitanti ha cercato di imporre regole severe sulla raccolta e il trattamento dei dati personali, compresa la profilazione. Purtroppo, le sue buone intenzioni non hanno portato a un’applicazione efficace delle sue politiche. Gli Stati Uniti d’America (330 milioni di abitanti) sono stati piuttosto rilassati sul data mining e le regole sulla privacy. L’amministrazione americana ha inclinato le sue politiche verso una rottura degli imperi tecnologici che controllano questo business redditizio e potente. Qualunque cosa entrambi i regolatori intendano intraprendere, solo un piccolo e molto esclusivo numero di data miner oggi sfrutta le masse di informazioni per scopi commerciali, politici e strategici. Anche qui notiamo una grande differenza tra realtà e intenzione perché i dati sono il nuovo petrolio.

Il nuovo business del datamining non è molto diverso dal petrolio. Sia i dati che il greggio richiedono un controllo centrale per progettare, elaborare e distribuire i prodotti ai clienti. L’industria petrolifera – e l’attuale formato del datamining – è un’antitesi del modello naturale di informazione, comunicazione e servizio alla comunità che abbiamo appena descritto nella prima parte. Tuttavia, il confronto tra i due aiuta a definire chiaramente ciò che sta accadendo, ciò che è necessario e ciò che deve essere evitato. Ci sono sempre diverse angolazioni per studiare lo stesso settore. Ad esempio: i combustibili fossili contribuiscono in gran parte ai cambiamenti climatici, mentre un accesso sicuro e abbondante al petrolio è diventato il grasso dell’economia, senza il quale tutto si sarebbe fermato o non avrebbe mai potuto decollare.

Il petrolio, come merce strategica che ha alimentato la crescita, ha goduto di un’espansione di un secolo. La sua influenza va oltre l’energia. I derivati del petrolio greggio includono asfalto per strade, plastica e imballaggi, fertilizzanti e persino microplastiche per cosmetici. Potremmo affermare che l’industria petrolifera potrebbe essere considerata come uno dei più efficienti utilizzatori di materie prime: quasi nulla è perduto. I data miner cercano lo stesso approccio centralizzato al loro business: tutte le informazioni possibili vengono raccolte, archiviate ed elaborate pronte per essere vendute.

Dall’avvento dell’industria petrolifera, ha adottato un modello di comando e controllo centralizzato. Questo vale anche per il datamining in cui dominano alcune potenti aziende. Questo pregiudizio verso il potere nelle mani di pochi con disprezzo per l’economia locale, i diritti dei cittadini, in particolare la privacy spinge i responsabili politici a riscrivere le regole del gioco senza molto successo. Peggio ancora, poiché ogni autorità politica crea il proprio insieme di regole, sono facilmente manipolate dai pochi potenti che padroneggiano le dinamiche del mercato. Numerosi attacchi alla centralizzazione del potere sia il datamining che le centrali petrolifere sono stati inutili, quindi entrambi continuano a prosperare ed espandere il loro cloud.

Il loro modello di business emula una logica semplice: “più o meno uguale” come prescritto dal modello economico di globalizzazione, standardizzazione ed economie di scala dove il taglio dei costi è centrale. Shell lo ha dimostrato con una straordinaria sicurezza inaugurando a Pittsburgh, in Pennsylvania (USA) la più grande fabbrica di polimeri della storia che produce un milione di tonnellate di plastica all’anno. I pellet sono distribuiti da più di 3.000 carrelli ferroviari per essere trasformati in casse del telefono, ricambi auto e imballaggi alimentari. Tutti sanno che le microplastiche emanate da questi prodotti in plastica rimarranno nell’aria, nella terra e nei mari molto tempo dopo aver servito il loro scopo. Tuttavia, la prevista crescita delle vendite nei prossimi decenni è così solida che si traduce in più di una dozzina di strutture aggiuntive che saranno costruite da Exxon Mobil, Dow e una manciata di giocatori che dominano il mercato. Ciò che era ed è vero per il petrolio sembra ancora più vero per i dati che sta prosperando sulla massiccia espansione delle reti di comunicazione e dei parchi server. Sarà ancora vero in futuro? Spetta a noi decidere.

Considera una tabella di marcia migliore
Lo scopo di questo articolo non è criticare le società petrolifere o di data mining, e certamente non demonizzare settori che hanno portato molto sviluppo alle società e qualità della vita agli individui. Piuttosto che discutere a favore o contro qualsiasi azienda suggeriamo nelle prossime pagine come possiamo progettare un modello di business diverso per i dati che servono i cittadini del mondo. I responsabili politici devono sapere che ci sono delle scelte da fare, e che se non mantengono le loro promesse, una nuova generazione potrebbe prendere iniziative che trasformano la realtà del mondo. Invece dell’attuale tabella di marcia per i dati, che ha una concentrazione di potere sempre maggiore di quella che abbiamo visto per il petrolio, dobbiamo intraprendere sforzi concertati per creare opportunità che cambieranno non solo l’industria dei dati, ma il sostentamento delle persone che colpisce.

Dobbiamo fare una riflessione sull’importanza del modello di consumo che è stato adottato sia per il petrolio che per i dati. Il modello energetico è stato accuratamente progettato in modo che tutti avrebbero bisogno di una generosa fornitura di combustibili fossili per il resto della propria vita. L’analogia è sorprendente: nessuno può immaginare che qualcosa funzionerebbe senza dati, senza reti di comunicazione e parchi server.

La fusione di Computer e Comunicazioni (C & C)
I dati vengono creati e raccolti presso il nexus of computer data and Communication Technologies (C&C). I proprietari delle prime aziende tecnologiche si sono resi conto che il denaro reale non si guadagna spostando scatole contenenti telefoni e computer con tecnologie in continua evoluzione e costi di investimento sempre crescenti. Il denaro reale viene guadagnato gestendo i dati stessi. Le aziende di data mining hanno progettato un quadro legale che garantisce che tutti i dati provenienti dalla fonte più piccola come un sensore o un telefono cellulare vengano convogliati forzatamente a parchi server che sono emersi come funghi in tutto il mondo rispecchiando molte volte tutti i dati man mano che vengono accumulati e archiviati. Mentre ai governi sarebbe stato chiesto di pagare il conto per le reti in fibra ottica e le comunicazioni satellitari, pochi si sono resi conto che questo investimento doveva servire solo a pochi che sapevano che il data mining avrebbe dominato un mondo digitale.

Steve Jobs e Steve Wozniak entrambi si sono resi conto che un computer desktop in ogni casa collegato a una linea telefonica avrebbe raccolto dati molto più precisi e dettagliati rispetto ai supercomputer nel seminterrato della sede di Wang o DEC, aziende che non esistono più. Quindi, la ricerca era per identificare i modi e i mezzi per creare e catturare i dati, garantire l’accesso esclusivo, la costruzione di autostrade dati, compresi i cavi in fibra ottica che attraversano oceani e continenti. I pionieri hanno progettato un portafoglio di dispositivi dotati di software che consente la cattura senza sforzo e il controllo esclusivo di tutti i metadati che transitano computer, dispositivi portatili e telefoni.

Nello stesso anno in cui Apple è stata creata (1976) Dr. Koji Kobayashi, il CEO e in seguito Presidente di NEC, il gigante informatico giapponese ha coniato il termine C&C (computer e comunicazioni). Riconobbe l’enorme valore nella fusione delle tecnologie informatiche e sapeva fin troppo bene che ciò avrebbe portato a una domanda esplosiva di hardware, integrando in precedenza due pilastri separati di industrie in un potente nuovo conglomerato aziendale. Tuttavia, lui e molti altri hanno visto solo l’hardware e non hanno mai afferrato quella lunga visione strategica che ha sostenuto la strategia di Apple e Microsoft. Una volta che i computer e le comunicazioni sono stati collegati, e una vasta gamma di trasmissione dei dati tramite ethernet, ADSL, linee T-1 e sistemi dial-up sono stati stabiliti i dati in movimento attraverso pipeline di informazioni è stato Steve Jobs che ha preso l’intera logica ad un livello diverso con la creazione ingegnosa di iPhone.

Servizi e commissioni attraverso la miniaturizzazione
La strategia che si è sviluppata ha il colpo di genio e ha un impatto sul nostro mondo connesso per decenni. Ha trasformato il nostro stile di vita. Molti hanno cercato di imitare il modello di business dell’iPhone, e mentre alcuni come Samsung sono riusciti a superare il numero di telefoni venduti, nessuno è riuscito a diventare redditizio, prezioso e potente. La rivoluzione dell’iPhone stava costruendo sulla creazione dei servizi altamente intelligenti e mobili (HIMS), un termine che è stato coniato per la prima volta nel 1980 dal Nomura Research Institute, il braccio di ricerca del più grande broker di investimento del Giappone. Il successo del “mobile” è stato più che la capacità di trasportare telefoni e computer. È stata la miniaturizzazione come una terza svolta tecnologica fondamentale che ha fatto evolvere gli HIMS in un telefono con una capacità di calcolo molto potente. La quantità di dispositivi, tecnologie, software e servizi angusti in un telefono potrebbe evolvere solo velocemente come ha fatto grazie alle dimensioni sempre decrescenti di telecamere, luci, sensori, supportati da chip sempre più performanti, e la standardizzazione della SIM-card.

Il colpo da maestro di Apple non erano solo gli infiniti servizi inclusi nell’iPhone, la vera svolta è che questo telefono è emerso come un elemento indispensabile tanto desiderato quanto la borsa Louis Vuitton per le donne. Questo smartphone è stato costruito sul modello di business che ha negoziato con successo una commissione (e fedeltà) sul volume di dati: gli operatori mobili hanno accettato di pagare ad Apple una percentuale dei loro guadagni generati grazie al volume sempre crescente di dati in transito sull’iPhone. All’inizio la maggior parte degli operatori mobili ha resistito a questa commissione. La prima compagnia di telefonia mobile che ha incrinato era ATT. Come un late-comer ai telefoni cellulari ATT scommettere sul successo di iPhone e ha trovato l’alta commissione stimato in più del dieci per cento un prezzo equo da pagare. Ha pagato sia per ATT che per Apple.

Ampliare il portafoglio di servizi e l’integrazione di dispositivi
La spinta verso la miniaturizzazione con dispositivi funzionali sempre più piccoli integrati in un telefono portatile e una fedeltà a tre vie (Apple, provider di rete e utente) è stata ulteriormente rafforzata attraverso una nuova strategia di Apple per invitare gli sviluppatori creativi a immaginare tutti i possibili tipi di app che funzionerebbero esclusivamente su iPhone grazie a un drammatico aumento di funzionalità. Questo non era solo un servizio come la previsione del tempo in ogni città, era l’integrazione di dozzine di pezzi di equipaggiamento che erano stand-alone in una piattaforma integrata che ora era presto chiamata smartphone. Da una sveglia e un cronometro a una fotocamera ad alte prestazioni, persino un elettrocardiogramma e un programma per prevedere il tempo preciso dell’ovulazione, ai cicli lunari con visione completa di astronomia, astrologia, una luce flash e un GPS. Tutti questi singoli dispositivi sono stati raggruppati in un unico e unico iPhone. Ciò significava che Apple ha bloccato gli utenti per utilizzare più datatime e ha assicurato il transito di una quantità sempre crescente di dettagli sul luogo quotidiano, le esigenze professionali e gli interessi personali al di là del lavoro. Così è emersa una nuova cultura intorno a Apple. Questo approccio bloccato negli utenti di Apple, e bloccato nelle aziende di telefonia mobile che hanno goduto di rapida crescita che hanno assistito ad una crescita esponenziale del volume di dati in transito le loro reti. Anche la voce ha lasciato le onde telefoniche e convertito in soundbites digitali con l’arrivo di Skype. Man mano che la base di clienti cresceva e i flussi di dati si trasformavano in tsunami, le fortune sono state fatte durante la notte. Non sorprende che gli operatori di telefonia mobile offrissero telefoni quasi gratuitamente, a condizione che il cliente si impegnasse a operare esclusivamente con un operatore. Questo modello di business ha portato i clienti a sfruttare le basse tariffe all’interno della rete per acquisire diversi telefoni. Invece di un telefono in casa, entro un decennio, ogni membro avrebbe da un’età molto giovane il loro smartphone collegato a decine di IOT e prendere questo dispositivo ovunque. Immaginate come inconsapevolmente abbiamo offerto a chiunque ci ha fornito la rete, il dispositivo portatile o le applicazioni la possibilità di invadere la nostra privacy.

I ricavi solidi e sempre crescenti legati a una suite di servizi digitali in continua crescita hanno garantito un flusso di dati continuo e sempre più dettagliato: questo non è altro che una bonanza ben pianificata e la materializzazione di una visione. Il miglioramento continuo di iPhone con l’integrazione di nuove tecnologie di connettività passando rapidamente da uno all’altro aggiornato continuamente lo streaming di dati presto tra cui immagini ad alta risoluzione e anche video. Poi un altro colpo da maestro è stata l’invenzione di iMusic, seguita da Apple TV e una miriade di giochi online ora buono per oltre il 30% del business. Spesso dimentichiamo i numeri puri; quando iPhone ha offerto una versione telefonica del gioco Tetris, i fan del gioco lo hanno scaricato oltre 100 milioni di volte nel giro di poche settimane. Prima che qualcuno si rendesse conto, completato dai nuovi sviluppi con Pixar, Apple avrebbe bypassato Disney, Universal, Vivendi fornendo l’accesso a musica, film e intrattenimento di tutti i tipi supportati da circa 2,2 milioni di app. Basti pensare alla massiccia pool di dati che questo rappresenta per Apple ei suoi partner privilegiati. Il C & C dei computer e delle comunicazioni si è evoluto in C & C (esclusivo) contenuto e controllo (totale).

Poi la concorrenza orientata, tutti hanno imparato dal successo di Apple. Google Play ha scavalcato Apple con 2,8 milioni di app ma non è riuscito a copiare il modello di entrate. Google ha concentrato il suo motore di ricerca-la sua presa originale sul mercato con una straordinaria raccolta di dati, e quindi fornendo Google Maps, e Google translate. Questo era potente, e presto i due giganti vivevano uno accanto all’altro. Il ruolo e la presa sul mercato da parte di Huawei e del suo più piccolo ma esperto di design Oppo dalla Cina hanno accuratamente emulato queste strategie, adattandosi ad un contesto cinese. Samsung ha superato il suo concorrente locale LG e si è concentrato prima sul volume unitario e poi ha iniziato a puntare sul mercato superiore. La quantità di dettagli dei dati che possono essere raccolti attraverso queste aziende che operano a livello globale rappresenta trilioni di trasmissioni di dati al giorno.

Dal momento che Apple iOS e Android di Google mettono gli smartphone al centro dell’IoT (l’Internet delle cose) e offrono il Cloud per archiviare dati e servizi in abbonamento dove pochi possono liberamente estrarre tutto, si possono solo immaginare le opportunità senza precedenti associate ai mega data. Se si aggiungono attori del calibro di Facebook, Amazon, Tencent e Alibaba, allora abbiamo elencato i magnifici dieci. Datamining non è solo il petrolio del futuro, è il flusso di cassa garantito per questi (e pochi altri) giganti della tecnologia. Ogni volta che clicchiamo sul pulsante cookie, consegniamo tutto ciò che ci riguarda senza mai considerare le implicazioni del trading di e-mail gratuite, GPS gratuiti, traduzioni gratuite, previsioni meteo gratuite e social media gratuiti con la perdita totale della privacy e la consegna di un modello di entrate da trilioni di dollari.

È solo un inizio
Affinché questa strategia mantenga il suo slancio, è necessario migliorare continuamente la connettività dei dispositivi mobili e assumere sempre più spazio di archiviazione nei punti centrali. Il Cloud è composto da milioni di server che operano come grandi case di dati in cielo. Allo stesso tempo, che molti parlano della meraviglia di avere le informazioni di tutti nel Cloud, questo set-up sta emergendo come il più grande divoratore di energia nella storia moderna e sta crescendo. È in questo contesto il Cloud da un lato e il sistema energyvore che è stato implementato che dobbiamo capire questa massiccia spinta per ottenere la trasformazione del 5G che è in atto: consente al settore del datamining di riempire le proprie riserve nel Cloud a tassi di crescita rapidi e completamente controllati. Il 5G non è solo un livello successivo di datamining, è una versione migliorata delle comunicazioni che evita interferenze, facilitando così il flusso di dati dagli utenti di dati più intensi pronti a pagare un prezzo premium a host molto selettivi.

Mentre all’inizio del telefono cellulare, chiamate cadute e connettività senza soluzione di continuità sono stati problemi che ha causato un sacco di danni ai clienti, ora ci sono le interferenze delle onde radio e i rischi permanenti di hacking. La nuova tecnologia di comunicazione ha fatto uno sforzo importante per rafforzare la connettività punto a punto non gravata. Ciò è necessario quando il numero di connessioni basate su radio ai telefoni su un chilometro quadrato raggiunge presto il traguardo di un milione. Anche se questa è solo una frazione minima della densità della rete fungina che abbiamo descritto, questo sistema di comunicazione aereo entra nella sua prossima sfida tecnica e prestazionale. Più ci sono connessioni per chilometro quadrato, maggiore è il rischio che una connessione disturbi l’altra. Peggio ancora, più connessioni non protette con un protocollo di sicurezza molto debole, più l’hacking avrà luogo. Oltre al datamining dalla top 10, c’è il furto di dati, estorsione e anche datakidnapping pianificato ed eseguito da milioni di piccole bande (e talvolta anche esperti politici). Gli utenti spesso trascurano che le comunicazioni wireless sono stati selezionati per la facilità d’uso, non per la loro connettività sicura.

Questo aumento del livello di complessità delle comunicazioni mobili ha molti effetti collaterali. Prima di tutto, invece di vagare in giro, le nuove antenne 5G possono funzionare solo quando queste sono in linea di vista con il dispositivo che deve essere collegato. Questo nuovo requisito tecnico rafforza il divario digitale tra la megalopoli densamente popolata e le zone rurali scarsamente abitate. Inoltre, questa complessità sempre crescente di un’alta concentrazione di utenti con sempre più trasmissioni di dati su non più di 1.000 frequenze radio diverse spiega perché l’industria non vuole andare troppo veloce con la loro espansione né con una trasmissione di dati troppo veloce.

Questo può sembrare una dichiarazione contraddittoria conoscendo le aspettative del mercato per avere comunicazioni senza soluzione di continuità, più veloci e sempre più accessibili. Tuttavia, c’è una logica difficile. Se la velocità dei dati misurata in bit al secondo (bps) fosse una vera priorità assoluta, l’industria abbraccerebbe tecnologie più performanti come LiFi, Internet su milioni di frequenze luminose. L’implementazione di un gran numero di reti 5G supportate da milioni di antenne appena posizionate può a malapena offrire un Gigabit di volume di dati. Questa è una frazione del Terabits LiFi. Perché i giganti del mondo digitale e del datamining sono riluttanti a passare a sistemi di trasmissione dati più performanti che siano gratuiti e abbondanti?

È il controllo sui dati-Stupido!
Tecnicamente parlando la quantità di throughput dei dati potrebbe aumentare cento volte, anche mille volte spostando la tecnologia di trasmissione dalle attuali onde radio basate su Bluetooth, satelliti, 4 e 5G, alla trasmissione dei dati e geolocalizzazione tramite la luce. Perché l’industria non abbraccia il grande vantaggio che l’infrastruttura leggera è la più grande e la più economica del mondo? Se i minatori di dati dovessero optare per questa connettività più economica, più veloce e attenta alla salute, non ci sarebbe bisogno di intraprendere miliardi di investimenti di capitale per installare antenne che affrontano una crescente resistenza da parte dei cittadini preoccupati per le frequenze elettromagnetiche.

L’unica ragione per cui le industrie di datamining hanno deciso di attenersi alle onde radio è che queste possono essere strettamente controllate dai pochi che hanno scavato il loro mercato nel datamining. Mentre tutti riconoscono che le onde radio non sono affatto sicure e sono facilmente hackerate, l’industria del datamining ha concluso che il loro controllo delle loro fonti di informazione è più importante che fornire una connettività sicura ad alta velocità. La trasmissione basata sulla luce a super velocità è incontrollabile, peggio per i grandi operatori invita troppi piccoli concorrenti a sgranocchiare quote di mercato, anche potenzialmente minare l’egemonia del controllo dei dati!

L’interesse del consumatore (velocità, volume, protezione dagli hacker) o la democratizzazione di Internet (rendere l’accesso disponibile a tutti) non è la principale preoccupazione del settore. Mentre l’industria e i sostenitori politici sostengono che questo è importante, abbiamo concluso che dopo il greenwashing c’è qualcosa di nuovo chiamato “datawashing”! Questo è il motivo per cui questo articolo suggerisce che è urgente che il mondo accademico, i responsabili politici e i gruppi di cittadini sollecitino uno spostamento dell’attenzione da un dibattito ristretto sul 5G a un ampio dibattito sul datamining. A meno che non offriamo una solida alternativa al datamining e la sua infrastruttura C&C (contenuti esclusivi e controllo totale) continueremo ad essere bloccati in un sistema che serve a pochi, e a considerare ognuno di noi come un oggetto di dati come il termine “Internet delle cose” suggerisce chiaramente.

Perché l’industria del datamining si rifiuta di abbracciare una tecnologia migliore e più veloce? Il rischio di perdere il controllo è fondato. Perché? La luce ha un miliardo di frequenze e le onde radio ne hanno solo un migliaio. Ciò implica che quando lo standard di acquisizione e trasmissione dei dati dovesse utilizzare in parallelo un miliardo di frequenze luminose, allora non c’è alcuna possibilità di mantenere il datamining esclusivo. Un governo può vendere alcune licenze per le frequenze radio disponibili ad un prezzo elevato e per arginare i deficit di bilancio, offrendo al contempo un accesso esclusivo che garantisce il controllo del datamining per alcune aziende. Tuttavia, le frequenze di luce non regolamentate e libere sono accessibili a tutti! Non c’è possibilità di chiedere a nessuno di pagare per usarlo. Ricorda, le frequenze della luce non sono regolamentate, mentre le onde radio sono altamente regolate. Ora ti rendi conto perché la spinta ad espandere la rete 5G è così forte: è una corsa ad allargare l’area esclusiva per sfruttare il petrolio e i lubrificanti dell’economia di oggi e di domani: i tuoi dati. Qualsiasi sforzo per mettere un’ammaccatura in questa unità implacabile sarà demolito.

Ora che questo problema di controllo è chiarito, dovremmo prendere per un momento la posizione del fornitore di dati. Ci sono poche iniziative credibili fino ad oggi che mirano a proteggere la privacy, distribuire il potere e condividere i benefici del datamining con un pubblico più ampio. Una di queste eccezioni è Sir Tim Berners-Lee, che è accreditato con l’invenzione del WorldWideWeb. Ha annunciato in 2018 il suo impegno a costruire un Internet più equo e decentralizzato. Infine, ha creato un dataplatform chiamato Solid. L’obiettivo è quello di dare agli utenti di Internet un maggiore controllo su come tutti i loro dati personali si muove e viene utilizzato attraverso Internet.

Un’altra iniziativa si chiama Holochain, fondata da Arthur Brock e Eric Harris-Braun. Hanno obiettivi simili a Sir Tim. Il loro progetto Holo è stato creato per portare i benefici delle app distribuite a chiunque abbia un browser web, ridistribuendo la ricchezza e la salute rese possibili dalla nostra crescente interconnettività. Entrambe le iniziative agiscono a favore di una nuova forma di internet concludendo che l’azione concertata e open source nella loro nuova generazione di cloud è più efficace dal momento che i singoli utenti, cani da guardia dei governi nazionali e anche l’Unione Europea hanno in ultima analisi, molto poco potere di cambiare il controllo totale di pochi. È necessario un approccio imprenditoriale al datamining che integri le iniziative normative altamente necessarie.

Ora, la piattaforma solida e Holochain non riguarda solo la privacy, riguarda la capacità di decidere dove vanno le tue informazioni e cosa permetti che sia fatto con esso. Sebbene questo sia un contributo molto valido all’apertura del mercato della raccolta, dello stoccaggio e dell’estrazione di dati, dobbiamo sottolineare il fatto che i clienti di Solid e Holochain sono grandi società e servizi nazionali. Mentre accogliamo con favore opzioni alternative come queste, ci rendiamo conto che questo ammorbidisce solo i bordi duri del datamining. Abbiamo bisogno di un cambiamento più fondamentale nel modello di business che è alla base dell’attuale spinta verso il datamining. Questo è lo scopo dell’ultima parte di questo articolo.

Gunter Pauli è il fondatore della Blue Economy e della Strategia "Zeri". Economista belga, ha all'attivo decine di pubblicazioni sul rilancio dei territori e sull'economia sostenibile. Ultimo in ordine di tempo: "Piano A: La Trasformazione dell'Economia Argentina". All'Italia ha appena regalato "100 domande in 100 pagine". Su Rec News pubblica degli Editoriali in cui mette in campo idee e suggerimenti pratici per uscire dalla crisi, per aver cura di sé stessi e dell'ambiente.

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

LETTERE

Realizzare il sogno di Basaglia

© Rec News -

del

di

Realizzare il sogno di Basaglia | Rec News dir. Zaira Bartucca

A meno di una settimana dalla scomparsa del giovane di Lampedusa, che ha preferito gettarsi in mare dal traghetto piuttosto che subire un TSO, si è conclusa a Milano la mostra multimediale “Controllo sociale e psichiatria: violazioni dei diritti umani”. L’evento, organizzato dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU), ha attirato oltre mille visitatori in cinque giorni, molti dei quali hanno voluto esprimere parole di ringraziamento e di complimenti sul libro degli ospiti, e si è concluso con un convegno intitolato “180 – una riforma incompiuta”. 

Dopo i saluti del presidente del CCDU, avv. Enrico del Core, che ha voluto ricordare l’importanza vitale del diritto alla difesa nell’ordinamento costituzionale, il vicepresidente Alberto Brugnettini ha aperto i lavori ricordando le forti critiche e i dubbi espressi a suo tempo da Franco Basaglia nei confronti di una legge che, pur fregiandosi del suo nome, riproponeva le logiche manicomiali cambiandone solo il nome. 

I primi a parlare sono stati Fabio, che ha riferito i gravi maltrattamenti cui è stato soggetto suo fratello durante la sua lunga esperienza nei servizi psichiatrici ospedalieri, le angherie e i soprusi di cui è stato testimone oculare, e le condizioni ignobili in cui vivono i degenti – costantemente sotto il ricatto della contenzione se non fanno i bravi. 

Fabio ha concluso chiedendo che la medicina faccia un passo indietro e ammetta di non saper curare il disagio mentale. Maria Cristina Soldi, ha raccontato l’incredibile e dolorosa vicenda di suo fratello Andrea, ucciso a Torino nel 2015 durante un TSO. La vicenda legale si è chiusa recentemente con la condanna definitiva dei responsabili, ma resta l’amarezza per quanto è accaduto e per i particolari – assieme tragici e grotteschi. 

Andrea Soldi se ne stava tranquillamente seduto sulla panchina di un parco torinese quando lo hanno avvicinato due psichiatri chiedendogli di seguire uno di loro per un trattamento sanitario. Andrea avrebbe volentieri seguito il secondo psichiatra, di cui si fidava, ma fu obbligato con la forza a seguire l’altro. Sdraiato a pancia in giù e con le mani legate dietro alla schiena, Andrea morì soffocato durante il trasporto in ambulanza. I familiari si sentirono dire dai medici che il loro congiunto era morto d’infarto, per poi scoprire l’amara verità dalla stampa. 

La dottoressa Eleonora Alecci, psicologa e psicoterapeuta con un passato in un reparto psichiatrico in cui si praticava la contenzione, ha confermato che i fatti riferiti da Fabio sono la routine quotidiana, e ha ribadito il suo impegno verso il superamento di queste pratiche, impegnandosi in un programma di addestramento del personale medico e infermieristico, come anche spiegato nel corso di un suo recente intervento al congresso della Società Italiana di Psichiatria.  

La dottoressa Maria Rosaria D’Oronzo, collaboratrice per molti anni di Giorgio Antonucci – il medico e psicoterapeuta che liberò i “matti” del manicomio di Imola dimostrando al mondo intero che è possibile alleviare la sofferenza mentale senza usare forza o coercizione – ha ricordato il lavoro di Antonucci, e il suo profilo di umanitario, ben documentati nell’archivio online di cui la dottoressa D’Oronzo è curatrice. 

L’avvocato Michele Capano, dell’Associazione Radicale Diritti alla Follia e del Direttivo Radicale, ha denunciato l’incredibile contraddizione della legge italiana, che da una parte ha ratificato le risoluzioni ONU per la cessazione delle pratiche coercitive in psichiatria, e dall’altra mantiene in vigore una legge che le consente. L’Associazione Diritti alla Follia e il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani intendono lavorare assieme, e coinvolgere altre associazioni e individui, per una riforma della 180 in senso garantista, che superi questa contraddizione e realizzi il sogno basagliano. 

Continua a leggere

LETTERE

Caro premier, si ricordi di tutti i totalitarismi

© Rec News -

del

Caro futuro premier, si ricordi delle foibe e di tutti i totalitarismi | Rec News dir. Zaira Bartucca

Egregio Signor Presidente, da italiani, sia per scelta sia per nascita, non possiamo che essere contenti per l’esercizio di democrazia registrato con le elezioni dello scorso 25 settembre. Finalmente saremo guidati da un governo espressione del voto popolare e non da uno maturato da accordi di Palazzo, come accaduto negli ultimi anni.               

Abbiamo ascoltato con grande interesse, in questi giorni, le dichiarazioni degli esponenti della maggioranza appena eletta e che lei, signor presidente, avrà l’onore e l’onere di guidare. Da tali esponenti, in queste ore, è stato espresso ripetutamente un concetto che ci sentiamo di condividere totalmente: uno Stato è tanto più credibile ed è tanto più considerato, quanto più onora e rispetta i Trattati internazionali che esso stesso ha sottoscritto.

Noi crediamo che sia arrivato, alfine, il momento di rispettare quei Trattati che non sono stati ottemperati fino ad oggi, provocando, in tal modo, un grave danno al mondo dell’Esodo Giuliano-Dalmata. Ci riferiamo al Trattato di Pace di Parigi del 1947 il quale, al punto 9 dell’allegato XIV, stabilisce che: “I beni degli italiani residenti nei Territori ceduti […] non potranno essere trattenuti o liquidati […], ma dovranno essere restituiti ai rispettivi proprietari”.

Come sappiamo a tale Trattato, ampiamente disatteso, seguirono diversi accordi bilaterali tra Italia e Jugoslavia – accordi del 23/05/1949, 23/12/1950, 18/12/1954 – tutti poi tramutati in Leggi attuative, che in sintesi sancivano il pagamento dei debiti di guerra dell’Italia nei confronti delle Jugoslavia utilizzando i beni degli Esuli a fronte dell’impegno dello Stato italiano di un successivo risarcimento per l’esproprio perpetrato.

Ebbene, gli Esuli istriani, fiumani e dalmati ed i loro discendenti, sono ancora in attesa di un “equo indennizzo”, avendo percepito solo una minima parte di quanto promesso. Si tratta di un indennizzo che, secondo i nostri calcoli, si aggira intorno ai 4,5 miliardi di euro. Una cifra che sembra enorme, ma che se confrontata con l’attuale debito pubblico (ad oggi pari a circa 2770 miliardi) rappresenta l’1,6 per mille.

Quanto fin qui non è solo una questione di vile danaro, si tratta, piuttosto, di un’espressione di civiltà attesa da lunghi decenni da un intero popolo. Gli Esuli e i loro discendenti si sono rifatti una vita in Patria, eppure resta l’insopportabile retrogusto amaro nella consapevolezza di essere stati ignobilmente usati per questioni geopolitiche giocate sulla propria pelle.

La vita della nostra Gente è stata tutta in salita per troppo tempo, anche dal punto di vista culturale. Sempre a dover giustificare la propria identità, sentendosi dire che la sofferenza patita era il giusto scotto per colpe di altri. Il giustificazionismo è un concetto terribile che porta allo stupro della ragione, definendo accettabile l’eliminazione di un qualcosa o qualcuno – magari per mezzo di una foiba -, su cui far ricadere i misfatti di qualcun altro.

Per questi motivi auspichiamo anche l’emendamento della Legge 167/2017 che punisce la propaganda, l’istigazione e l’incitamento al razzismo e chiediamo l’inserimento di una menzione specifica al negazionismo e giustificazionismo per i crimini commessi in Istria, Fiume e Dalmazia in merito alla persecuzione anti-italiana avvenuta a guerra finita. Così come auspichiamo che possa essere emendata la Legge 178/1951 che disciplina il conferimento delle onorificenze al Merito della Repubblica, senza la quale non è possibile la revoca del cavalierato assegnato al Maresciallo Tito, causa di dolore e sofferenza non solo per la nostra Gente, ma per centinaia di migliaia di persone che si opponevano alla dittatura comunista jugoslava.

A tale proposito vogliamo ricordare il pronunciamento del 19 settembre 2019 in cui il Parlamento Europeo – presieduto da David Sassoli – approvò a larghissima maggioranza (89%) la risoluzione: “Importanza della memoria europea per il futuro dell’Europa”, che condanna tutti i totalitarismi del XX secolo, equiparando in tal modo il comunismo al nazismo. L’attuale maggioranza, così come maturata il 25 Settembre, ha dimostrato nel tempo grande sensibilità ai temi qui riportati. Confidiamo nella sua futura opera.

*Esule di seconda generazione nato al Villaggio Giuliano-Dalmata di Roma nel 1959. Past-President FederEsuli – Federazione delle Associazioni degli Esuli istriani, fiumani e dalmati  – Vicepresidente Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia – Consigliere Associazioni Dalmati Italiani nel Mondo – Fondatore MondoEsuli – Movimento per la memoria e la promozione di Istria, Quarnaro e Dalmazia»

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

LETTERE

Perché boccio la Meloni

di Paolo Battaglia La Terra Borgese*

© Rec News -

del

Perché boccio la Meloni | Rec News dir. Zaira Bartucca

Non vorrei andare troppo lontano con un “da che esiste il mondo”, purtuttavia si può affermare con scienza storica che la disoccupazione è residente in Italia da sempre. Che ora la Meloni pretenda di avere la ricetta risolutiva al problema – dopo che nemmeno i grandi economisti del passato e il fior fiore di statisti alla guida della nostra Nazione e dei suoi governi, lungo il corso democratico dell’Italia unita, l’abbiano mai potuta redigere, odora di presunzione. A meno che gli ingredienti non siano chiari, e chiari non sembrano affatto.

La Meloni immagina “per chi è in condizione di lavorare non di essere trattato come qualcuno che non è in condizione di lavorare ma di avere un posto di lavoro”. Sagace! Ora: ma se anche l’immaginazione supera la conoscenza come giustamente afferma Albert Einstein, qui manca la conoscenza degli ingredienti, che la Meloni pretende di avere spiegato senza nulla avere chiarito, dato che non si capisce dove sono i posti di lavoro di cui tanto straparla.

Affermare come fa lei “che nella serietà delle proposte di Fratelli D’Italia gli italiani troveranno un futuro decisamente più dignitoso di quello garantito dalla sinistra” è una locuzione che definire assolutamente priva di contenuti è come chiamare docce le cascate del Niagara, perché dopo l’assoluto, dopo l’immaginazione, dopo la conoscenza esiste solo la fantasia pura.

Che “Il lavoro si può generare e trovare con politiche intelligenti”, come spiega brillantemente (?) Meloni, ricorda quel famosissimo “Ho detto tutto” di peppiniana memoria nei film del grande Totò. Forse è convinta che quelle povere ragazze e quei poveri ragazzi che nottetempo ti portano la pizza a casa siano meno intelligenti? o siano figli di un dio minore? o appartengano a famiglie inferiori? visto che dignitosamente, questi giovani, ma anche brizzolati, svolgono un lavoro schiavizzante anziché munirsi di Reddito di Cittadinanza?

Secondo l’interessata “bisogna abbattere il cuneo fiscale per favorire il lavoro”. Bene. E allora corre l’obbligo di chiederle: visto che sei cosi brava e certa delle tue idee fantasiose, perché nel tuo programma prima non realizzi i posti di lavoro? Sulle ulteriori, preoccupanti, scoraggianti rassicurazioni, Meloni ha detto testualmente: “Il salario minimo non credo che risolva molto. La gente ha salari inadeguati perché la tassazione sul lavoro è al 46,65 per cento”, e ha pure detto che “bisogna abbattere il cuneo fiscale per favorire il lavoro”.

E allora: se il salario minimo non risolverebbe molto, non si capisce perché, tra quelli che percepiscono il Reddito di Cittadinanza ci siano tantissimi lavoratori con guadagni da fame (Meloni si informi all’INPS), cioè lavoratori che percepiscono il Reddito di Cittadinanza; la risposta è semplice: è proprio perché il Reddito sostiene la povertà e non la disoccupazione, come vorrebbe propinarci Meloni. Tanto è vero che nessun disoccupato benestante può percepire il Reddito di Cittadinanza.

Dunque, se la gente ha salari inadeguati, è perché secondo lei la tassazione sul lavoro è al 46,65%. Cioè Giorgia Meloni è convinta, o così vuol farci credere perché torna utile alla sua campagna elettorale, che se un datore di lavoro pagasse meno tasse di sua iniziativa aumenterebbe lo stipendio ai propri dipendenti. Cos’è? una nuova favola per sprovveduti? o una promessa alle multinazionali che divorano già le piccole aziende e il lavoro degli artigiani?

Invito colei che parla del Reddito di Cittadinanza come di un metadone per tossici, ad andarsene al cinema a vedere Spaccaossa, perché dimentica, o fa finta di non sapere, che in Italia tanti poveri si sono fatti letteralmente rompere le ossa per simulare incidenti stradali e ottenere soldi dalle Assicurazioni. Per fame.

Perciò anziché basare la sua campagna elettorale sull’abolizione del Reddito di Cittadinanza (un’inezia, se rapportata ai mille veri sprechi miliardari italiani), Meloni cerchi e trovi altre argomentazioni più convincenti. Per esempio, cerchi tra agevolazioni, sussidi, finanziamenti, indennità, elargizioni a fondo perduto, e mille altre ancora, sono tantissime e abbracciano tutti i settori produttivi e, soprattutto, improduttivi.

In Italia, attraverso il debito pubblico, cioè indebitando gli italiani compresi quelli delle generazioni future, si finanziano giornali inutili, associazioni fantasiose, cooperative di comodo, industriali volponi, cliniche private, e via dicendo. Pertanto stranisce parecchio tanto fervore contro il Reddito di Cittadinanza, specie se si riflette sui milioni, milioni di stipendi per mantenere dipendenti pubblici figli del clientelismo, inattivi e improduttivi negli innumerevoli uffici pubblici del Paese.

Per non dire dei lavoratori in nero perché pensionati, perché percettori dell’indennità di disoccupazione, perché cassintegrati, e via dicendo, che sottraggono lavoro ai disoccupati. Ma forse ai loro furbetti datori di lavoro la formula senza rischi vertenza fa comodo. Ah dimenticavo: Meloni cerchi anche nei vari paradisi fiscali.

*Opinionista, critico d’arte

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione