Periodico di Inchieste

Punta di fioretto e lancio di sassi. Il duello Trump-Biden infuoca la campagna elettorale


Immagine Olivier Douliery/AFP

Novanta minuti infuocati hanno caratterizzato il primo confronto televisivo tra i due candidati alle presidenziali. Dai brogli elettorali alle “tasse non pagate”, dall’Ucraina Gate alla gestione Covid, ecco su cosa si è concentrato il dibattito


Novanta minuti infuocati hanno caratterizzato il primo confronto televisivo tra i due candidati alle presidenziali che si è tenuto a Cleveland, in Ohio. Il presidente repubblicano Donald Trump e il democratico Joe Biden non se le sono mandate a dire, alternando attacchi in punta di fioretto a lanci di sassi. Tanti ne ha scagliati Biden: “Trump è un clown”, “non sa niente”, “non sa quello che dice”. Provocazioni cui è seguito il contro-attacco (basato fondamentalmente sull’Ucraina Gate che ha travolto il figlio di Joe Biden e sui brogli elettorali che starebbero riguardando le schede elettorali dei militari e quelle “trovate gettate”) e un secondo attacco, prevedibilmente incentrato sullo “scoop” ad orologeria del New York Times sul presunto mancato pagamento di alcune tasse da parte di Trump.


La nomina di Amy Coney Barrett

Sulla nomina del giudice della Corte Suprema, Trump ha rivendicato il “diritto di scegliere in forza delle elezioni vinte. Abbiamo – ha detto il presidente in carica – il Senato e la Casa Bianca. Abbiamo semplicemente una nominata con un cv incredibile, i liberali la sostengono. Anche Ginzburg (il precedente giudice della Corte Suprema, nda) aveva sostenuto che questo incarico va ricoperto per quattro anni”. Joe Biden ha invece contestato il fatto che la nomina sia avvenuta prima delle elezioni, “in piena campagna elettorale”.


Covid-19

Sui temi sanitari, il candidato democratico Joe Biden si è soffermato sulla “necessità di espandere l’Obama Care”. Di contro, Trump ha accusato i dem di voler portare avanti una “riforma socialista”, per giunta “troppo cara”. Sul Covid, il presidente in carica ha accusato Biden di voler chiudere il paese senza motivo, con il fine ultimo di “danneggiare l’economia e le imprese. Sappiamo cosa succede agli anziani e sappiamo cosa non succede ai bambini. Non c’è motivo di adottare dei nuovi lockdown”. Trump ha inoltre ricordato le colpe della Cina e denunciato l’atteggiamento ambiguo del virologo Antony Fauci: “Diceva che abbiamo salvato migliaia di vite. Ha urlato che le mascherine non fanno bene, poi però ha ritrattato”.


Occupazione

Trump ha affrontato il tema occupazionale sulla falsariga delle ripercussioni disastrose che il lockdown totale auspicato dai democratici avrebbe potuto avere. “Abbiamo gestito l’occupazione – ha detto il presidente in carica – nonostante la piaga giunta dalla Cina. Ora abbiamo un livello di business mai visto prima e abbiamo un numero di lavoratori senza precedenti. Lui (Biden) vorrebbe chiudere tutto, ma ci sono persone che a causa del lockdown sono caduti nella droga e nell’alcool, altri hanno divorziato. Vogliono distruggere questo paese. Le persone invece vogliono che le scuole siano aperte, la gente vuole che tutto sia aperto e tornare a vivere, non trovarsi di fronte a città fantasma”. Biden, di contro, ha accusato Trump di “concentrarsi solo sul mercato”.


Le presunte tasse non pagate da Trump

Biden ha, prevedibilmente, puntato tutto sull’attacco (spesso anche sull’offesa) ad argomenti zero: Trump è dunque diventato un “clown”, un “bugiardo” e “quello senza un programma”. Non poteva mancare lo scoop ad orologeria del NYT, secondo cui Trump avrebbe pagato solo 750 dollari di tasse negli ultimi anni. Accusa totalmente rigettata dall’interessato: “Ho pagato milioni di tasse – ha detto Trump – anzi nel board c’è un report di 190 pagine che documenta tutto. Ho pagato milioni di dollari di tasse federali. Prima di essere presidente ero un imprenditore e ho semplicemente usufruito di una serie di sgravi previsti dalla stessa amministrazione Obama”.


I figli di Joe Biden

Inevitabilmente, il discorso è virato sui due figli di Joe Biden, uno dei quali è accusato di aver intascato 3 milioni e mezzo di euro e di essere foraggiato da diversi Paesi esteri, Cina e Ucraina compresi. Affermazioni che sostanzialmente non sono state smentite da Biden, ma che anzi hanno messo in difficoltà il candidato democratico, costretto infine ad ammettere il passato da tossicodipendente dell’altro figlio e la fine della sua esperienza nell’esercito per quelli che Trump ha definito “frequenti episodi di cattiva condotta”.


beenhere

Caro amico prima che caro lettore, Rec News ti ricorda che nella Costituzione sono regolati i Diritti inviolabili del cittadino. Essi riguardano il proprio domicilio, cioè il posto (inviolabile) dove si abita: è il padrone o la padrona di casa che decide chi vi può accedere e cosa si può fare al suo interno. Ogni cittadino può circolare liberamente all’interno del territorio nazionale (Art.16), circolare, riunirsi e manifestare in pubblico (Art. 17), professare la propria religione (Art.19) senza limitazioni (Art. 20). Diritto inviolabile è l’espressione del proprio pensiero in forma scritta o parlata (Art.21). Secondo l’Articolo 32 della Costituzione, nessuno può essere obbligato a un trattamento sanitario (tamponi, vaccini, test, utilizzo della mascherina ecc.) se non è previsto dalla legge – non dai Dpcm e dalle ordinanze – per gravi, documentati e passeggeri motivi. Allo stesso modo, ognuno può astenersi da un trattamento in forza delle sue convinzioni religiose o sociali. L’obiezione di coscienza è un diritto. Uno governo Democratico consente il confronto tra le varie forze politiche e include anche le forze d’opposizione. Un premier che agisce secondo principi democratici non fa le leggi da solo o con i tecnici, ma le sottopone al Parlamento.


Iscriviti alla nostra Newsletter!


4.5 2 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
error:

Consigliati

Let’s face it, no look is really complete without the right finishes. Not to the best of standards, anyway (just tellin’ it like it is, babe). Upgrading your shoe game. Platforms, stilettos, wedges, mules, boots—stretch those legs next time you head out, then rock sliders, sneakers, and flats when it’s time to chill.