Seguici

© Rec News -

del

“Sebbene abbiamo una varietà di opinioni riguardo al modo migliore per interpretare gli statuti e la Costituzione, siamo tutti d’accordo su questo: la nazione non potrebbe chiedere un candidato più qualificato del professore che abbiamo imparato a conoscere”. E’ un ritratto davvero edificante quello che un gruppo di studenti ha fatto sulla loro ex professoressa, che negli ultimi giorni è assurta agli onori della cronaca. E’ Amy Coney Barrett, nominata nuovo giudice della Corte Suprema americana in sostituzione dell’estinta Ruth Ginzburg.

“Ci ha insegnato l’importanza di sfidare le idee piuttosto che attaccare le persone”

“Ci ha insegnato – hanno raccontato le studentesse che l’hanno conosciuta presso la Notre Dame Law School – a pensare in modo più critico e ad impegnarci. (…) Ci ha mostrato silenziosamente attraverso il suo esempio l’importanza di sfidare le idee piuttosto che attaccare le persone, così come la necessità di mettere da parte le convinzioni personali quando si valuta la risposta a una domanda legale. Inoltre, ha ricordato ai suoi studenti che i casi canonici della Corte Suprema non devono essere ridotti a esercizi puramente accademici, perché influenzano, a volte radicalmente, i mezzi di sussistenza degli stessi esseri umani davanti alla corte”.  

Amy Coney Barrett raccontata dai suoi ex studenti. Il WSJ: "Farà rivivere i principi costituzionali" | Rec New dir. Zaira Bartucca
Robert Franklin (AP)

“Forse la cosa più importante – hanno proseguito le ragazze – è che Barrett ci ha insegnato a diventare donne integre e virtuose. Tratta ogni persona con il massimo rispetto, gentilezza e calore. Il suo genuino interesse per i suoi studenti, ha rafforzato in noi la convinzione che c’è di più nella vita oltre alla ricerca di riconoscimenti professionali. Abbiamo tutti imparato da Barrett a chiederci prima come siamo chiamati a essere utili, piuttosto che semplicemente salire la scala della carriera. Abbiamo imparato che dovremmo perseguire l’eccellenza come individui in tutto ciò che facciamo, piuttosto che preoccuparci delle aspettative degli altri”.

“Questa lezione fondamentale ci è stata trasmessa nel discorso di laurea che ha tenuto a molti di noi quando la nostra classe l’ha selezionata come professore dell’anno nel 2016. Il confronto è il ladro della gioia, ha detto citando Teddy Roosevelt, è una combinazione unica e irripetibile di punti di forza e di debolezza, gioie e dolori. Amy Coney Barrett è una donna dall’intelletto profondo e dal profondo cuore. Siamo donne, amiche e avvocati migliori per averla conosciuta e imparato. Ha arricchito la vita di tutti coloro che l’hanno conosciuta alla Notre Dame Law School, e possiamo solo sperare che anche l’intero paese riceverà il beneficio del suo esempio e del suo servizio”.

Il Wall Street Journal: “Momento cardine per la magistratura”

Altrettanto portatrici di speranza sono state le parole del WSJ. “La nomina del presidente Trump di Amy Coney Barrett alla Corte Suprema – scrive la Redazione del noto quotidiano economico – è un momento clou della sua presidenza e forse un momento cardine per la magistratura. La storia e l’intelletto del giudice Barrett suggeriscono che può unirsi agli altri incaricati del signor Trump nel far rivivere i principi costituzionali fondamentali nella legge e nella vita americana”.

Continua a leggere
Commenta per primo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

ATTUALITA'

I trucchi più in voga contro il caro-bollette

L’83,7% degli italiani sta facendo rinunce e modificando le abitudini domestiche nel tentativo di contenere i costi. Cosa si sono inventati secondo una recente indagine

© Rec News -

del

I trucchi più in voga contro il caro-bollette | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’83,7% degli italiani sta facendo rinunce e modificando le abitudini domestiche nel tentativo di contenere i costi. È quanto emerge da un’indagine Nielsen. Più della metà di chi ha partecipato alle rilevazione (55,4%) si sta orientando verso un maggior utilizzo di lampade a LED. Molti italiani, invece, sono stati costretti a rinunciare a diversi confort e a ridimensionare le proprie necessità, per esempio tenendo il riscaldamento di casa a temperature più basse (48,5%) nonostante l’inverno si annunci più freddo del solito.

Passando invece alle buone pratiche, il 38,5% degli italiani non lascia in stand-by gli elettrodomestici, mentre il 13% opta per prese di corrente intelligenti temporizzate. Infine, una percentuale ancora esigua di chi ha risposto all’indagine si affida all’energia alternativa: il 12,2% ha installato o installerà pannelli fotovoltaici da balcone. Il 16,3% di chi ha partecipato alla rilevazione, ha invece affermato di fare di tutto per non dover cambiare le proprie abitudini domestiche a causa degli aumenti imposti.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Natale, così la crisi modifica le abitudini degli italiani

Meno regali e più attenzione alle spese vive, nel tentativo di far fronte ai rincari e agli aumenti in bolletta

© Rec News -

del

La crisi impedirà un buon Natale a decine di migliaia di famiglie | Rec News dir. Zaira Bartucca

In un contesto di incertezza e volatilità, diversi indicatori prevedono una frenata nei consumi degli Italiani. Per le festività 2022, in particolare, si faranno più prudenti. I cosiddetti “consumatori” – alle ancora prese con l’aumento dei costi dell’energia e dell’inflazione che ha bruciato i risparmi accumulati negli precedenti – questo Natale saranno costretti a modificare le proprie abitudini di spesa. Secondo un recente report prodotto da KPMG, un italiano su quattro acquisterà regali per meno persone rispetto al 2021 (principalmente la cerchia stretta dei familiari, in particolare i più piccoli). Sempre secondo KPMG, l’acquisto del dono natalizio è sempre più dilatato nel tempo, nel tentativo di approfittare di alcune offerte: il 72% dei cittadini ha iniziato a fare acquisti in previsione di Natale già tra ottobre e novembre, mentre solo il 9% acquisterà i regali comodamente a dicembre.

Continua a leggere

ATTUALITA'

Bollette salate, l’Antitrust avvia le istruttorie contro le compagnie energetiche

Alcune delle compagnie non avrebbero informato adeguatamente la clientela delle modifiche di prezzo delle forniture di energia elettrica e di gas naturale. L’Antitrust provvederà ora a verificare se siano state attuate condotte non rispettose dei diritti dei consumatori.

© Rec News -

del

Bollette salate, l'Antitrust avvia le istruttorie contro le compagnie energetiche | Rec News dir. Zaira Bartucca

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) ha avviato quattro procedimenti istruttori e quattro procedimenti cautelari nei confronti di Iren, Iberdrola, E.ON e Dolomiti, fornitori di energia elettrica e gas naturale sul mercato libero. Toccate anche altre società, cui sono state inviate richieste di informazioni. Si tratta di Acea Energia, AGSM ENERGIA, Alleanza Luce & Gas, Alperia, AMGAS, ARGOS, Audax Energia, Axpo Italia, A2A Energia, Bluenergy Group, Duferco Energia, Edison Energia, Enegan, Enel Energia, Engie Italia, Eni Plenitude, Enne Energia, Estra Energie, Hera Comm, Illumia, Optima Italia, Repower Italia, Sinergas, Sorgenia, Wekiwi.

Alcune delle compagnie non avrebbero informato adeguatamente la clientela delle modifiche di prezzo delle forniture di energia elettrica e di gas naturale. L’Antitrust provvederà ora a verificare se siano state attuate condotte non rispettose dei diritti dei consumatori.

Rec News dir. Zaira Bartucca – recnews.it

Continua a leggere

Ora di tendenza

© 2018-2022 Rec News - Lontani dal Mainstream. Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione (ROC) n. 31911. Copyright WEB121116. Direttore Zaira Bartucca P.IVA 03645570791 - Vietata la riproduzione anche parziale

Accedi ai contenuti extra di Rec News!

X
error: Vietata ogni tipo di copia e di riproduzione